Corte d'appello di Ancona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il distretto della Corte d'appello di Ancona è formato dai circondari dei Tribunali ordinari di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro ed Urbino.

Costituisce l'unica Corte d'appello nel territorio della regione Marche.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La Corte d'appello di Ancona fu istituita nel periodo napoleonico, con decreto 21 aprile 1808.[1]

Con la Restaurazione ed il ritorno dello Stato Pontificio, nel 1816 furono previsti i Tribunali di prima istanza di Ancona, Macerata, Fermo, Camerino, Pesaro, Urbino e Ascoli, per i quali era competente in secondo grado il Tribunale di appellazione di Macerata.[2]

Nel 1860, con l'annessione delle Marche al Regno di Sardegna, fu istituita la Corte d'appello di Ancona, con le sezioni distaccate di Macerata e Perugia[3]

Competenza territoriale civile e penale degli uffici del distretto[modifica | modifica wikitesto]

Le circoscrizioni territoriali sono aggiornate al testo della legge 27 febbraio 2015, n. 11.[4]

Tribunale di Ancona[modifica | modifica wikitesto]

Giudice di pace di Ancona[modifica | modifica wikitesto]

Agugliano, Ancona, Camerano, Camerata Picena, Castelfidardo, Chiaravalle, Falconara Marittima, Filottrano, Loreto, Montemarciano, Numana, Offagna, Osimo, Polverigi, Sirolo

Giudice di pace di Fabriano[modifica | modifica wikitesto]

Arcevia, Cerreto d'Esi, Fabriano, Genga, Sassoferrato, Serra San Quirico

Giudice di pace di Jesi[modifica | modifica wikitesto]

Belvedere Ostrense, Castelbellino, Castelplanio, Cupramontana, Jesi, Maiolati Spontini, Mergo, Monsano, Monte Roberto, Monte San Vito, Montecarotto, Morro d'Alba, Poggio San Marcello, Rosora, San Marcello, San Paolo di Jesi, Santa Maria Nuova, Serra de' Conti, Staffolo

Giudice di pace di Senigallia[modifica | modifica wikitesto]

Barbara, Castel Colonna, Castelleone di Suasa, Corinaldo, Monterado, Ostra, Ostra Vetere, Ripe, Senigallia; nuovo comune: Trecastelli

Tribunale di Ascoli Piceno[modifica | modifica wikitesto]

Giudice di pace di Ascoli Piceno[modifica | modifica wikitesto]

Acquasanta Terme, Acquaviva Picena, Amandola, Appignano del Tronto, Arquata del Tronto, Ascoli Piceno, Carassai, Castel di Lama, Castignano, Castorano, Colli del Tronto, Comunanza, Folignano, Force, Maltignano, Monsampolo del Tronto, Montalto delle Marche, Montedinove, Montefortino, Montegallo, Montemonaco, Monteprandone, Offida, Palmiano, Roccafluvione, Rotella, San Benedetto del Tronto, Spinetoli, Valle Castellana, Venarotta

Tribunale di Fermo[modifica | modifica wikitesto]

Giudice di pace di Fermo[modifica | modifica wikitesto]

Altidona, Belmonte Piceno, Campofilone, Cossignano, Cupra Marittima, Falerone, Fermo, Francavilla d'Ete, Grottammare, Grottazzolina, Lapedona, Magliano di Tenna, Massa Fermana, Massignano, Monsampietro Morico, Montappone, Monte Giberto, Monte Rinaldo, Monte San Pietrangeli, Monte Urano, Monte Vidon Combatte, Monte Vidon Corrado, Montefalcone Appennino, Montefiore dell'Aso, Montegiorgio, Montegranaro, Monteleone di Fermo, Montelparo, Monterubbiano, Montottone, Moresco, Ortezzano, Pedaso, Petritoli, Ponzano di Fermo, Porto San Giorgio, Porto Sant'Elpidio, Rapagnano, Ripatransone, Santa Vittoria in Matenano, Sant'Elpidio a Mare, Servigliano, Smerillo, Torre San Patrizio

Tribunale di Macerata[modifica | modifica wikitesto]

Giudice di pace di Camerino[modifica | modifica wikitesto]

Acquacanina, Bolognola, Camerino, Castelraimondo, Castelsantangelo sul Nera, Esanatoglia, Fiastra, Fiordimonte, Fiuminata, Gagliole, Matelica, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina, Pievebovigliana, Pioraco, San Severino Marche, Sefro, Serrapetrona, Serravalle di Chienti, Ussita, Visso

Giudice di pace di Macerata[modifica | modifica wikitesto]

Apiro, Appignano, Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Cingoli, Civitanova Marche, Colmurano, Corridonia, Gualdo, Loro Piceno, Macerata, Mogliano, Monte San Giusto, Monte San Martino, Montecassiano, Montecosaro, Montefano, Montelupone, Morrovalle, Penna San Giovanni, Petriolo, Poggio San Vicino, Pollenza, Porto Recanati, Potenza Picena, Recanati, Ripe San Ginesio, San Ginesio, Sant'Angelo in Pontano, Sarnano, Tolentino, Treia, Urbisaglia

Tribunale di Pesaro[modifica | modifica wikitesto]

Giudice di pace di Fano[modifica | modifica wikitesto]

Cartoceto, Fano, Mondolfo, Montemaggiore al Metauro, Piagge, Saltara, San Costanzo, San Giorgio di Pesaro, Serrungarina

Giudice di pace di Pesaro[modifica | modifica wikitesto]

Barchi, Fratte Rosa, Gabicce Mare, Gradara, Mombaroccio, Mondavio, Monte Porzio, Monteciccardo, Montelabbate, Orciano di Pesaro, Pergola, Pesaro, San Lorenzo in Campo, Sant'Angelo in Lizzola, Serra Sant'Abbondio, Tavullia

Tribunale di Urbino[modifica | modifica wikitesto]

Giudice di pace di Macerata Feltria[modifica | modifica wikitesto]

Belforte all'Isauro, Carpegna, Frontino, Lunano, Macerata Feltria, Mercatino Conca, Monte Cerignone, Monte Grimano Terme, Montecopiolo, Piandimeleto, Pietrarubbia, Sassocorvaro, Sassofeltrio

Giudice di pace di Urbino[modifica | modifica wikitesto]

Acqualagna, Apecchio, Auditore, Borgo Pace, Cagli, Cantiano, Colbordolo, Fermignano, Fossombrone, Frontone, Isola del Piano, Mercatello sul Metauro, Montecalvo in Foglia, Montefelcino, Peglio, Petriano, Piobbico, Sant'Angelo in Vado, Sant'Ippolito, Tavoleto, Urbania, Urbino

Altri organi giurisdizionali competenti per i comuni del distretto[modifica | modifica wikitesto]

Sezioni specializzate[modifica | modifica wikitesto]

Giustizia minorile[modifica | modifica wikitesto]

Sorveglianza[modifica | modifica wikitesto]

Giustizia tributaria[modifica | modifica wikitesto]

Giustizia militare[modifica | modifica wikitesto]

Giustizia contabile[modifica | modifica wikitesto]

  • Corte dei Conti Sezione Giurisdizionale per la regione Marche, sezione regionale di controllo per le Marche, Procura regionale presso la sezione giurisdizionale per le Marche (Ancona)

Giustizia amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Usi civici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda Ministero Beni Culturali
  2. ^ Motu proprio di Papa Pio VII 6 luglio 1816 sulla Organizzazione dell'Amministrazione Pubblica
  3. ^ Regio Decreto 31 dicembre 1860, n. 4525 in Gazzetta Ufficiale del 12 gennaio 1861
  4. ^ Legge 27 febbraio 2015, n. 11 Conversione in legge con modificazioni, del decreto-legge 31 dicembre 2014, n. 192, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative, pubblicata sulla "Gazzetta Ufficiale" n. 49 del 28/2/15
  5. ^ Sito del TAR Marche

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]