Pietrarubbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietrarubbia
comune
Pietrarubbia – Stemma Pietrarubbia – Bandiera
Pietrarubbia – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Pesaro e Urbino-Stemma.png Pesaro e Urbino
Amministrazione
SindacoMaria Assunta Paolini (lista civica) dal 26-5-2014 (2º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate43°48′15.62″N 12°22′37.56″E / 43.804339°N 12.3771°E43.804339; 12.3771 (Pietrarubbia)
Altitudine572 m s.l.m.
Superficie13,29 km²
Abitanti602[2] (31-12-2020)
Densità45,3 ab./km²
FrazioniLa Badia, Ca' Baldissera, Ca' Bartolino, Ca' Boso, Ca' Carbone, Ca' Ivano, Ca' Maluccio, Ca' Mancino, Ca' Volanino, Lago del Conte, Mercato Vecchio (sede comunale), Pontecappuccini, Villa del Piano[1]
Comuni confinantiCarpegna, Frontino, Macerata Feltria, Montecopiolo (RN), Piandimeleto
Altre informazioni
Cod. postale61023
Prefisso0722
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT041048
Cod. catastaleG627
TargaPU
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[3]
Cl. climaticazona E, 2 535 GG[4]
Nome abitantipietrarubbiesi
Patronosan Silvestro
Giorno festivo31 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pietrarubbia
Pietrarubbia
Pietrarubbia – Mappa
Posizione del comune di Pietrarubbia nella provincia di Pesaro e Urbino
Sito istituzionale

Pietrarubbia (pronuncia Pietrarùbbia, /pjɛtraˈrubbja/[5]; Pietrarubia in dialetto gallo-piceno) è un comune italiano di 602 abitanti[2] della provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche. Pietrarubbia è un comune sparso; la sede comunale è situata in località Mercato Vecchio.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del comune è interessato dal Parco naturale regionale del Sasso Simone e Simoncello.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Antico borgo fortificato e concastello. Fu concesso da Ottone I in feudo ai Carpegna. Passò poi ai Malatesta e ai Montefeltro. Venne quindi annesso, con l'intero Ducato di Urbino, allo Stato Pontificio.[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello e torre (sec. XIV) (ruderi);
  • Chiesa di San Silvestro (sec. XI)
  • Arnaldo Pomodoro ha realizzato, nel 1990, il Centro TAM (trattamento artistico dei metalli).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º agosto 1988 27 maggio 1990 Italo Ermenio Onofri Partito Socialista Italiano Sindaco [8]
28 maggio 1990 23 aprile 1995 Maria Assunta Paci Democrazia Cristiana Sindaco [8]
24 aprile 1995 13 giugno 1999 Maria Assunta Paci Leonardi Partito Popolare Italiano Sindaco [8]
14 giugno 1999 12 giugno 2004 Marco Rossi Lista civica Sindaco [8]
13 giugno 2004 7 giugno 2009 Luciano Vergari Lista civica Sindaco [8]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Roberto Chiarabini Pietrarubbia verso il futuro Sindaco [8]
26 maggio 2014 26 maggio 2019 Maria Assunta Paolini Il bene in comune Sindaco [8]
27 maggio 2019 in carica Maria Assunta Paolini Insieme Sindaco [8]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Nel paese era presenta la squadra dell'Atletico Pietrarubbia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Pietrarubbia - Statuto (PDF), su dait.interno.gov.it. URL consultato il 4 agosto 2021.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020 (dato provvisorio).
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "Pietrarubbia", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7.
  6. ^ Pietrarùbbia | Sapere.it, su www.sapere.it. URL consultato l'8 agosto 2021.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN245419822 · WorldCat Identities (ENviaf-245419822