Frontone (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frontone
comune
Frontone – Stemma Frontone – Bandiera
Frontone – Veduta
Castello di Frontone
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Pesaro e Urbino-Stemma.png Pesaro e Urbino
Amministrazione
SindacoFrancesco Passetti (lista civica) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate43°30′51.98″N 12°44′18.42″E / 43.514439°N 12.73845°E43.514439; 12.73845 (Frontone)Coordinate: 43°30′51.98″N 12°44′18.42″E / 43.514439°N 12.73845°E43.514439; 12.73845 (Frontone)
Altitudine412 m s.l.m.
Superficie36,08 km²
Abitanti1 281[1] (31-12-2016)
Densità35,5 ab./km²
FrazioniCastello, Colombara, Foce, Caprile, San Savino, Buonconsiglio.
Comuni confinantiCagli, Cantiano, Pergola, Scheggia e Pascelupo (PG), Serra Sant'Abbondio
Altre informazioni
Cod. postale61040
Prefisso0721
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT041018
Cod. catastaleD808
TargaPU
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantifrontonesi
Patronosan Teodoro
Giorno festivo9 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Frontone
Frontone
Frontone – Mappa
Posizione del comune di Frontone nella provincia di Pesaro e Urbino
Sito istituzionale

Frontone è un comune italiano di 1.281 abitanti[2] della provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche.

Nel territorio comunale è ubicata la stazione meteorologica di Frontone, ufficialmente riconosciuta dall'organizzazione meteorologica mondiale per l'analisi e lo studio del clima che caratterizza la zona collinare.

Il comune di Frontone si trova nella Provincia di Pesaro e Urbino a confine con quelle di Ancona e Perugia, ai piedi del Massiccio del Catria, la cui vetta principale, appunto il Monte Catria (1701m slm), garantisce tutto l’anno un clima salubre e mite, con fresche vallate e verdi colline, ideali per passeggiate ed escursioni lungo gli agevoli sentieri o tour culturali, grazie ad elementi di spicco quali: l’Eremo di Fonte Avellana, importante abbazia voluta dal beato Lodolfo nell’anno 1000 e nota per aver ospitato personaggi quali San Pier Damiani e Dante che ricorda Fonte Avellana nel XXI canto del Paradiso.

Il Castello di Frontone, fortificazione di confine a sorveglianza del territorio che i romani attraversavano per raggiungere l’Adriatico e ultima rocca del Ducato dei Montefeltro tra ‘400 e ‘500, s’inserisce in uno scenario magnifico dall’alto del quale si scorge dal M. Nerone a S. Marino e all’Adriatico.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Di particolare interessa è la Rocca che ha visto l'intervento del celebre architetto senese Francesco di Giorgio Martini.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2 luglio 1985 15 giugno 1990 Giona Viti Indipendente Sindaco
16 giugno 1990 11 novembre 1994[4] Ivo Moleri DC Sindaco
16 novembre 1994 23 aprile 1995 Vitale Vitalucci PPI Sindaco
24 aprile 1995 13 giugno 1999 Vitale Vitalucci PPI Sindaco
14 giugno 1999 13 giugno 2004 Giampietro Volpi Lista civica (Centro-sinistra) Sindaco
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Giampietro Volpi DS Sindaco
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Francesco Passetti Nuovamente insieme Sindaco
26 maggio 2014 in carica Francesco Passetti Nuovamente insieme Sindaco

Fonte: Ministero dell'Interno[5].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra del paese è la Frontonese che gioca al campo comunale di calcio di Frontone, i colori sono il giallo e il rosso e disputa la Seconda Categoria. La Frontonese Calcio ha anche una squadra di calcio a 5 che disputa il campionato di Serie D girone A, disputa le partite casalinghe presso il campo comunale di calcio a 5 di Frontone in Via del Mare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2016.
  2. ^ Dato Istat al 31/12/2016.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Dimissionario
  5. ^ http://amministratori.interno.it/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Mazzacchera, Cagli. Comune e castelli in Catria e Nerone un itinerario da scoprire, Pesaro 1990
  • Alberto Mazzacchera, Il forestiere in Cagli. Palazzi, chiese e pitture d'una antica città e terre tra Catria e Nerone, Urbania 1997.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN122973369
Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche