Serra Sant'Abbondio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serra Sant'Abbondio
comune
Serra Sant'Abbondio – Stemma Serra Sant'Abbondio – Bandiera
Serra Sant'Abbondio – Veduta
Veduta del Monastero di Fonte Avellana.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Pesaro e Urbino-Stemma.png Pesaro e Urbino
Amministrazione
SindacoLudovico Caverni (lista civica Uniti per Serra) dal 26-5-2014 (2º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate43°29′26.95″N 12°46′14.23″E / 43.490819°N 12.770619°E43.490819; 12.770619 (Serra Sant'Abbondio)
Altitudine523 m s.l.m.
Superficie32,8 km²
Abitanti910[1] (30-6-2022)
Densità27,74 ab./km²
FrazioniColombara, Leccia, Montevecchio, Petrara, Piccione, Poggetto, Villa
Comuni confinantiFrontone, Pergola, Sassoferrato (AN), Scheggia e Pascelupo (PG)
Altre informazioni
Cod. postale61040
Prefisso0721
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT041061
Cod. catastaleI654
TargaPU
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona E, 2 356 GG[3]
Nome abitantiserrani
Patronosant'Abbondio
Giorno festivo16 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Serra Sant'Abbondio
Serra Sant'Abbondio
Serra Sant'Abbondio – Mappa
Posizione del comune di Serra Sant'Abbondio nella provincia di Pesaro e Urbino
Sito istituzionale

Serra Sant'Abbondio (La Sèrra in dialetto pergolese[4]) è un comune italiano di 910 abitanti[1] della provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Serra Sant'Abbondio ha una storia prettamente medievale. Fondato dal libero Comune di Gubbio nel XIII secolo ebbe una rilevante importanza strategica, quale luogo di difesa e di controllo della via più impervia e recondita, ma più breve, tra l'Umbria e il litorale adriatico. Il comune già da allora comprendeva molti borghi e contrade.

Il territorio è stato abitato fin dall'età del ferro e, prima ancora dell'insediamento voluto dalla municipalità eugubina, esisteva una "Serra", cioè un "luogo chiuso", con chiesa dedicata a Sant'Abbondio, che prima dipendeva dal Monastero Classense, poi da quello di Fonte Avellana e infine dall'Abbazia di Nonantola.

Nel 1384 Serra Sant'Abbondio entrò a far parte del Ducato di Urbino e perciò nel 1481 il duca Federico da Montefeltro dette incarico al senese Francesco di Giorgio Martini di erigere una rocca a difesa della valle, di cui lo stesso architetto ha lasciato una particolareggiata descrizione in un suo manoscritto. Pertanto tra il 1476 e il 1486 il centro abitato fu ampliato e dotato di rocca fortificata e come si ricorda in vari documenti, questo fatto fu accolto dalla popolazione con grandi feste.

Nulla resta ad oggi di questa fortezza distrutta per ordine del duca Guidobaldo al fine di sottrarla alla conquista di Cesare Borgia.

Ancora più importante fu l'evento occorso nel 1508, quando il duca di Urbino Francesco Maria I Della Rovere, donò alla comunità Serrana lo statuto di "Castello" successivamente alla ricostruzione del centro abitato avvenuta nel 1502 da parte di Cesare Borgia il Valentino. Una delibera comunale conservata nell'archivio del comune di Serra Sant'Abbondio ricorda che ogni anno nel comune veniva celebrata la festa dello "statuto" in onore del duca di Montefeltro.

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

La conformazione urbanistica del paese conserva il tipico assetto dell'antico borgo medievale con due porte d'accesso, restanti dalle primitive quattro: la Porta Santa con torre e la Porta di Macione del XIII secolo; due vie parallele al corso centrale fanno da cornice alle costruzioni in pietra da disegno semplice e lineare.

Poco lontano dal capoluogo, sulla sponda sinistra del fiume Cesano, è conservata nella sua struttura la cripta paleocristiana di San Biagio, del IV o V secolo, costruita con reperti d'epoca romana provenienti da un tempio pagano.

A circa 6 Km dal capoluogo, nel territorio comunale tra boschi di lecci, querce e avellane sorge l'Eremo camaldolese di Santa Croce di Fonte Avellana, sovrastato dal massiccio del Monte Catria (m 1702).

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 1º gennaio 2021 la popolazione straniera residente era di 64[6] persone e rappresentava il 6,8% della popolazione residente. Le comunità straniere più numerose (con percentuale sul totale della popolazione straniera) erano:[7]

  1. Albania, 15 (23,44%)
  2. Romania, 10 (15,63%)

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Palio della Rocca[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Palio della Rocca.

Il Palio della Rocca è una rievocazione storica nata nel 1987 nel comune di Serra Sant'Abbondio. La manifestazione ricopre molteplici significati culturali, turistici, religiosi e sociali. Il punto centrale è la disfida che ha luogo la seconda domenica di settembre fra i 3 antichi borghi e i 3 antichi castelli che componevano il territorio medievale di Serra Sant'Abbondio, ed è disputato tramite la corsa delle oche.

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Comunanza Agraria[modifica | modifica wikitesto]

A Serra Sant'Abbondio esiste ancora oggi una Comunanza Agraria, erede della medioevale Università degli Uomini Originari. La stessa rappresenta un'antica forma associativa di proprietà collettiva di boschi, prati e pascoli gestiti in uso civico. La testimonianza più antica della sua esistenza a Serra Sant’Abbondio risale alla fine del XIII secolo ma forme di gestione collettiva delle montagne sono attestate anche dall’epoca preistorica. Del 1841 è il Regolamento che disciplina l’organizzazione ed il funzionamento della Comunanza Agraria al fine di garantire un corretto utilizzo del bene comune rappresentato dai terreni e dai boschi del Monte Catria.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
28 giugno 1985 8 giugno 1990 Pietro Piersimoni Democrazia Cristiana Sindaco [8]
9 giugno 1990 15 febbraio 1992[9] Pietro Piersimoni Democrazia Cristiana Sindaco [8]
15 febbraio 1992 23 aprile 1995 Augusto Santi Democrazia Cristiana Sindaco [8]
24 aprile 1995 13 giugno 1999 Augusto Santi Partito Popolare Italiano Sindaco [8]
14 giugno 1999 12 giugno 2004 Paolo Vecchione Centro-sinistra Sindaco [8]
13 giugno 2004 7 giugno 2009 Paolo Vecchione Lista civica Sindaco [8]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Nadia Mollaroli Uniti per Serra Sindaco [8]
26 maggio 2014 26 maggio 2019 Ludovico Caverni Uniti per Serra Sindaco [8]
27 maggio 2019 in carica Ludovico Caverni Uniti per Serra Sindaco [8]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio a 11[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune è presente una squadra dilettantistica di calcio a 11 l'"A.S.D. Serra Sant'Abbondio" nata nel 2014 sulle ceneri della società pre esistente fondata nel 1982 e fallita intorno all'anno 2011, partendo dalla terza categoria la squadra si trova attualmente a disputare il campionato di 3 categoria.

Pallavolo maschile[modifica | modifica wikitesto]

È presente anche una squadra di pallavolo maschile il "Serra Baraonda" che attualmente si trova ad affrontare la prima divisione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bilancio demografico anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 620, ISBN 88-11-30500-4.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Dato Istat al 1º gennaio 2021
  7. ^ Dati Istat su tuttitalia.it
  8. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/
  9. ^ Dimissionario

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN133744520 · SBN UMCL000242 · WorldCat Identities (ENlccn-n84169651