Sant'Angelo in Vado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Angelo in Vado
comune
Sant'Angelo in Vado – Stemma Sant'Angelo in Vado – Bandiera
Panorama
Panorama
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Pesaro e Urbino-Stemma.png Pesaro e Urbino
Amministrazione
Sindaco Giannalberto Luzi (lista civica) dal 1-6-2015
Territorio
Coordinate 43°39′52.99″N 12°24′46.8″E / 43.664719°N 12.413°E43.664719; 12.413 (Sant'Angelo in Vado)Coordinate: 43°39′52.99″N 12°24′46.8″E / 43.664719°N 12.413°E43.664719; 12.413 (Sant'Angelo in Vado)
Altitudine 359 m s.l.m.
Superficie 67,34 km²
Abitanti 4 155[1] (31-12-2014)
Densità 61,7 ab./km²
Comuni confinanti Apecchio, Belforte all'Isauro, Carpegna, Città di Castello (PG), Mercatello sul Metauro, Peglio, Piandimeleto, Urbania, Urbino
Altre informazioni
Cod. postale 61048
Prefisso 0722
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 041057
Cod. catastale I287
Targa PU
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti vadesi
Patrono san Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Angelo in Vado
Sant'Angelo in Vado
Posizione del comune di Sant'Angelo in Vado nella provincia di Pesaro e Urbino
Posizione del comune di Sant'Angelo in Vado nella provincia di Pesaro e Urbino
Sito istituzionale
(FR)

« passames premieremant une petite bele vile, S. Angelo, apartenant audit Duc, le long de Metaurus, aïant des avenues fort beles. »

(IT)

« transitammo dapprima, lungo il Metauro, per una bella città, S.Angelo, appartenente allo stesso duca e dotata di buonissime strade »

(Michel de Montaigne, Journal de Voyage en Italie / Giornale di Viaggio in Italia, 1581)

Sant'Angelo in Vado (Sant'Angël in dialetto gallo-italico marchigiano; anticamente Tifernum Mataurense) è un comune italiano di 4 155 abitanti[1] della provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche. Fu sede vescovile, ora unita nell'arcidiocesi di Urbino-Urbania-Sant'Angelo in Vado.

La città[modifica | modifica wikitesto]

Sant'Angelo in Vado racconta la storia dell'antica Tifernum Mataurense come una terra di amori, di arte e di cultura. Situata lungo l'Alta Val Metauro fu prima città romana poi capitale della Massa Trabaria diventando proprietà di quell'illustre condottiero che il mondo intero conosce col nome di Federico da Montefeltro signore della Massa Trabaria e poi Duca di Urbino. Fa un errore il viaggiatore che in vacanza nella provincia di Pesaro ed Urbino tralascia questo scrigno di tesori, la Sant'Angelo terra natale dei fratelli Zuccari, del Mancini e di altri illustri uomini di arte e cultura è una città tutta da scoprire e da gustare... Sant'Angelo in Vado è una delle cittadine più ricche di storia, arte e cultura della Provincia di Pesaro e Urbino, nel territorio dell'Alta Valle del Metauro. Il suo nucleo abitativo più antico è ancora facilmente leggibile in un centro storico ben conservato e nei borghi medioevali al di là delle mura e dei "fossi" d'acqua del tranquillo e generoso Metauro. Sant'Angelo in Vado è una città che lavora. Negli ultimi decenni si è assistito ad una forte industrializzazione del territorio, specialmente nel settore del tessile e dell'abbigliamento, che vendono in Italia ma che esportano soprattutto verso il Nord Europa. Sant'Angelo in Vado è anche natura incontaminata, tartufo, boschi secolari e campi arati con bellissimi colori e geometrie che testimoniano la presenza e il lavoro dei vadesi che operano da centinaia d'anni in questo territorio.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Sant'Angelo in Vado sorge sulle rovine della antica Tiphernum Mataurense denominazione che deriva da tipher o tifia, pianta acquatica che si sviluppa nelle zone paludose. Lo studio della pianta della Tiphernum, ricostruita in base alle informazioni ottenute con le operazioni di scavo e con le recenti interpretazioni aerofotografie, porta alla constatazione che la città aveva forma quadrata, con i classici cardo e decumano che si incrociavano nella via principale. L'esistenza dell'antico municipio romano è attestata dai molti reperti archeologici ritrovati e oggi conservati nell'Antiquarium della città. Si ritiene che questa, dopo l'avvento del cristianesimo, fosse sede vescovile. La lunga guerra tra Bizantini ed Ostrogoti (VI secolo) interessò anche il territorio della Tiphernum Mataurense che subì la totale distruzione. I Longobardi ricostruirono il nuovo abitato sulle rovine della città romana quasi completamente ricoperte dai terreni alluvionali, e lo dedicarono all'arcangelo Michele, di qui il nome di Sant'Angelo. La seconda parte del nome "in Vado" fu aggiunta successivamente e sarebbe da attribuire al fatto che per raggiungere i due tronconi della città adagiata sulle rive del fiume, si dovesse "guadare" il Metauro. Secondo un'altra interpretazione invece la parola è collegata al "guado" una pianta che cresce piuttosto abbondante lungo le rive del fiume e dalla quale, attraverso un opportuno procedimento, si estraeva un inchiostro scuro utilizzato per stampe e la tintura dei tessuti. Sullo scorcio del Medio Evo Sant'Angelo in Vado fu capitale della "Massa Trabaria", Provincia forestale dello Stato della Chiesa. Qui si radunava il Parlamento della Provincia di Massa Trabaria che comprendeva il territorio incluso tra Cagli - Urbino e l'Appennino. Nel 1636 Papa Urbano VIII elevò Sant'Angelo al rango di "Città" e la promosse a Diocesi. Nel luglio del 1849 di qui passò Giuseppe Garibaldi in fuga dopo la caduta della Repubblica Romana. Nel 1860-61 viene a far parte del Regno d'Italia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Persone legate a Sant'Angelo in Vado[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
12 giugno 2004 8 giugno 2009 Settimio Bravi Sindaco
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Settimio Bravi Insieme per Sant'Angelo Sindaco
27 maggio 2014 31 maggio 2015 Antonio Angeloni Commissario Prefettizio
1º giugno 2015 in carica Giannalberto Luzi Coltiviamo il futuro Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra del paese è la Vadese che è militante in Promozione. La formazione locale di calcio a 5 è invece denominata Real Vado C5 che disputa il campionato di Serie D marchigiana e gioca le proprie partite al Palasport di Via Molinello di Sant'Angelo in Vado.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN156131496