Sant'Ippolito (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Ippolito
comune
Sant'Ippolito – Stemma Sant'Ippolito – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Pesaro e Urbino-Stemma.png Pesaro e Urbino
Amministrazione
SindacoMarco Marchetti (lista civica "Sant'Ippolito riparte") dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate43°41′05.2″N 12°52′15.49″E / 43.684778°N 12.870969°E43.684778; 12.870969 (Sant'Ippolito)
Altitudine246 m s.l.m.
Superficie19,88 km²
Abitanti1 477[1] (31-10-2020)
Densità74,3 ab./km²
FrazioniPian di Rose, Reforzate, Sorbolongo
Comuni confinantiColli al Metauro, Fossombrone, Fratte Rosa, Montefelcino, Terre Roveresche
Altre informazioni
Cod. postale61040
Prefisso0721
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT041058
Cod. catastaleI344
TargaPU
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona E, 2 271 GG[3]
Nome abitantisantippolitesi
Patronosant'Ippolito di Roma
Giorno festivo13 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Ippolito
Sant'Ippolito
Sant'Ippolito – Mappa
Posizione del comune di Sant'Ippolito nella provincia di Pesaro e Urbino
Sito istituzionale

Sant'Ippolito (Sant'Ipòlt in dialetto gallo-piceno[4]) è un comune italiano di 1 477 abitanti[1] della provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ha origine risale nei sec. VI-VII a opera degli abitanti di Fossombrone. Fu possedimento nel sec. XV di Francesco Sforza, della Chiesa, di Sigismondo Malatesta e dei Montefeltro. Nel 1459 entrò a far parte del Ducato di Urbino seguendone poi le sorti.[5]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune di sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 19 marzo 2003.[6]

«Stemma: di azzurro, al Sant'Ippolito con il viso, le braccia, le mani, le gambe, di carnagione, vestito da cavaliere romano, con tunica d'argento, mantello di azzurro foderato d'oro, con elmo di acciaio al naturale, ornato da tre piume di struzzo, di rosso, con calighe di nero, sostenente con la mano destra una chiesa munita di campanile e una casa, al naturale, il campanile coperto da cupolino, di rosso, chiesa e casa coperte dello stesso, esse chiesa e casa simboleggianti il paese di Sant'Ippolito, il Santo cavalcante il cavallo d'argento, imbrigliato d'oro e gualdrappato di rosso, il Santo tenente la briglia con la mano sinistra, il cavallo passante sulla strada lastricata, di grigio al naturale, fondata in punta e uscente dai fianchi. Ornamenti esteriori da Comune.»

Il gonfalone municipale è costituito da un drappo di bianco.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Conserva le mura medievali, il castello. e una notevole è la torre dell'Orologio, in ferro, con cella e cupolino a cipolla (sec. XVIII). Nei sec. XIV-XVIII, per la presenza di cave di pietra, vi fiorì l'attività di abili marmisti, scalpellini e scultori, dei cui manufatti cui restano testimonianze nella parrocchiale e nella frazione di Reforzate

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 1º gennaio 2021 la popolazione straniera residente era di 125[8] persone e rappresentava il 8,5% della popolazione residente. Invece le comunità straniere più numerose (con percentuale sul totale della popolazione straniera) erano[9]:

  1. Marocco, 34 (27,20%)
  2. Senegal, 20 (16%)
  3. Romania, 13 (10,40%)
  4. Albania, 11 (8,80%)

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività economiche più tradizionali, diffuse e attive vi sono quelle artigianali, come la rinomata lavorazione del bambù, finalizzata alla produzione di articoli per arredamento esportati in tutto il mondo[10].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 febbraio 1987 8 giugno 1990 Fabio Londei Democrazia Cristiana Sindaco [11]
9 giugno 1990 23 aprile 1995 Giuliano Costantini Indipendente
Partito Comunista Italiano
Sindaco [11]
24 aprile 1995 13 giugno 1999 Claudio Marini Centro-sinistra Sindaco [11]
14 giugno 1999 12 giugno 2004 Claudio Marini Democrazia e solidarietà Sindaco [11]
13 giugno 2004 7 giugno 2009 Dimitri Tinti Democrazia Solidarietà Sindaco [11]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Dimitri Tinti Democrazia Solidarietà Sindaco [11]
26 maggio 2014 26 maggio 2019 Stefano Tomasetti Insieme per cambiare Sindaco [11]
27 maggio 2019 in carica Marco Marchetti Sant'Ippolito riparte Sindaco [11]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio del Piandirose milita in Seconda Categoria marchigiana.

È il paese di Giuseppe Ottaviani, commendatore della Repubblica per alti meriti sportivi, primo e unico atleta centenario al mondo a fare il salto triplo della categoria master (M100).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 ottobre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Renzo Ambrogio, Nomi d'Italia: origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Istituto geografico De Agostini, 2004.
  5. ^ Sant'Ippòlito, in Sapere.it, De Agostini. URL consultato il 20 agosto 2021.
  6. ^ Sant'Ippolito (Pesaro e Urbino) D.P.R. 19.03.2003 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Dato Istat al 1º gennaio 2021
  9. ^ Dato Istat al 1º gennaio 2021 sul sito tuttitalia.it
  10. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 2, Roma, A.C.I., 1985, p. 10.
  11. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN255666189