San Giorgio di Pesaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Giorgio di Pesaro
ex comune
San Giorgio di Pesaro – Stemma San Giorgio di Pesaro – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Pesaro e Urbino-Stemma.png Pesaro e Urbino
ComuneTerre Roveresche
Territorio
Coordinate43°42′58.81″N 12°58′27.41″E / 43.716336°N 12.974281°E43.716336; 12.974281 (San Giorgio di Pesaro)Coordinate: 43°42′58.81″N 12°58′27.41″E / 43.716336°N 12.974281°E43.716336; 12.974281 (San Giorgio di Pesaro)
Altitudine201 m s.l.m.
Superficie19,4 km²
Abitanti1 360[1] (31-12-2016)
Densità70,1 ab./km²
SottodivisioniMontecucco, Poggio, Sacramento, Spicello
Frazioni confinantiMondavio, Monte Porzio, Orciano di Pesaro, Piagge, San Costanzo
Altre informazioni
Cod. postale61030
Prefisso0721
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT041052
Cod. catastaleH886
TargaPU
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantisangiorgesi
Patronosan Giorgio
Giorno festivo23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Giorgio di Pesaro
San Giorgio di Pesaro
San Giorgio di Pesaro – Mappa
Posizione dell'ex-comune di San Giorgio di Pesaro nella provincia di Pesaro e Urbino
Sito istituzionale

San Giorgio di Pesaro (San Giorg in dialetto gallo-piceno) è stato un comune italiano di 1 360 abitanti[1] della provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche. Dal 1º gennaio 2017, insieme a Barchi, Piagge e Orciano di Pesaro, forma il comune sparso di Terre Roveresche, del quale è un municipio.[2]

Geografia fisica ed economica[modifica | modifica wikitesto]

San Giorgio di Pesaro sorge a 201 m s.l.m., sul crinale di colline tra le basse valli del Metauro e del Cesano; si estende per poco meno di 21 km² ed ha una popolazione di circa 1.417 abitanti. Il suo paesaggio è caratterizzato da colline coltivate, soprattutto a cereali, che degradano dolcemente, ad una distanza media di soli 18 km dal mare. San Giorgio di Pesaro è un comune collocato al centro di un territorio ricco di mete turistiche di prestigio e città d'arte distando 7 km da Mondavio, 19 da Fano, 25 da Senigallia, 31 da Pesaro, 42 da Urbino, 50 da Gradara, 68 da Rimini e 96 da San Leo-Montefeltro.

Sullo sfondo del paese, ad ovest, lo scenario dei monti appenninici e la Gola del Furlo. Accanto al nucleo storico di San Giorgio, con le mura castellane risalenti almeno all'VIII sec., e le chiese di San Giorgio e dello Spirito Santo c'è l'altro antico nucleo abitato di Poggio, l'antica Castrum Podii, "El Poj" in lingua locale, che sorge su di una fortificazione naturale di arenaria, probabilmente il primo insediamento preistorico del comune. Nel territorio comunale resta traccia delle antiche foreste di querce roverelle caratterizzanti il territorio collinare provinciale, sacrificate alla modernità, attraverso l'area verde de "La busca", oggi parco urbano.

Il territorio di San Giorgio era un tempo costellato di chiese ed ancora oggi, oltre alle succitate, abbiamo le piccole pregevoli chiese di Sant'Apollinare a Poggio e del Santissimo Crocifisso vicino al centro storico, la chiesa del Convento di San Pasquale Baylon, poco distante da Poggio, e la moderna chiesa del santuario di San Giuseppe in località Spicello (Spicèll), luogo di crescente devozione.

Altre località del Comune sono Montecucco (Montcùcc), il Sacramento (El Sagramènt), il Passo di San Pasquale (San Pasquàal) e l'abitato detto "El Mulìn", per la presenza, fino a tempi molto recenti, del Molino Buoncompagni.

San Giorgio è una terra ricca di arte e cultura, serena ed ospitale. Ospita inoltre il MuSA, Museo di Storia Ambientale dedicato all'apicoltura, bachicoltura ed alle tradizioni del territorio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le terre di San Giorgio sono da tempo immemorabile sottoposte ad attività agricole, testimoniate da tracce di insediamenti preistorici, successivamente abitate da popolazioni di area nord-marchigiana quali i Pelasgi, Siculi, Liburni, Umbri e i Galli Senoni, da cui il nome di Ager Gallicus con cui i Romani denomineranno il territorio compreso tra Rimini e l'odierna Senigallia.

Il declino dell'Impero Romano porterà anche su queste terre popoli quali Goti, Bizantini, Longobardi, Franchi e Bulgari; il nome stesso del Castello di San Giorgio, ripreso dall'omonima chiesa, e il Sant'Apollinare della chiesa del Castello di Poggio, rivelano nella dedicazione a santi orientali evidenti tracce del dominio bizantino in epoca alto medievale.

Il primo documento scritto risale al 777 ed è una bolla papale che nomina il Castello (centro abitato racchiuso da mura) di Poggio. Un altro documento è dell'anno 875 che cita sia il castello del Poggio che quello di San Giorgio. I due piccoli castelli, abitati da poche famiglie povere addette tutte ai lavori della campagna, pur autonomi, passeranno attraverso le alterne vicende della storia subendo spesso le conseguenze di fatti e decisioni prese altrove. Questi castelli infatti, mentre in alcuni periodi erano amministrati direttamente dal Governatore Pontificio, poiché appartenenti ai territori dello Stato della Chiesa, in altri dipendevano dalla vicina città di Fano, come privilegio concesso a qualche signore locale.

Nel Trecento subiscono le conseguenze delle lotte tra Guelfi e Ghibellini; nel Quattrocento sono coinvolti nelle sanguinose lotte tra i Malatesta (signori di Fano) e i Montefeltro (duchi di Urbino) e all'inizio del Cinquecento tra i Della Rovere e i De' Medici. In quest'ultima occasione (1516-1517) vennero date alle fiamme gli archivi di tutti i luoghi dello Stato di Urbino. Né migliore sorte fu riservata ai documenti in altre due occasioni: alla fine del Settecento, sotto il dominio della Repubblica imposta dalle truppe napoleoniche, e nel 1955, quando, per scempiaggine, l'archivio storico del Comune venne mandato al macero.

Con la fine del ducato di Urbino (1631), anche i due castelli tornarono sotto il diretto governo pontificio. Nel 1797, sotto l'amministrazione napoleonica, il castello del Poggio perderà la propria autonomia; verrà infatti unificato in un solo Comune con il Castello di San Giorgio, riducendosi sempre più ad un modestissimo centro quasi spopolato e semisolato: l'antica strada maestra che correva ad ovest dei due castelli, collegandoli, è ora pressoché scomparsa sostituita dalla strada provinciale orcianese costruita nei primi anni dell'Unità d'Italia, lungo la quale il borgo di San Giorgio ha avuto la sua espansione.

L'attuale territorio comunale si estende per 20,88 km² su una superficie collinare costellata di borghi, castelli e case rurali, da un'altitudine minima di 51 m ad una massima di 263 m, sulla sinistra del Metauro a circa 20 km da Fano. Il territorio sangiorgese è ricco di storia, una storia dominata dai principali nuclei abitati: il Castello di Poggio, situato su di un'altura tufacea, il Castello di San Giorgio, ancora oggi circondato dalla cinta muraria più o meno rimaneggiata, e Spicello, una piccola frazione costituita da ondulate e spoglie colline che degradano verso il mare, confinante con diversi Comuni.

Le maggiori testimonianze artistiche e storiche si conservano nelle numerose chiese presenti sia all'interno dei centri abitati che nei dintorni. Di queste la maggior parte ha subito consistenti rifacimenti tra il Settecento e l'Ottocento per cui la struttura architettonica originaria è andata irrimediabilmente persa, ma alcuni arredi quali tele, statue e crocifissi lignei, si sono conservati. A volte è riscontrabile la presenza di una particolare iconografia legata alla devozione popolare. L'apparato edilizio del piccolo paese di San Giorgio si è sviluppato storicamente ai piedi e intorno al castello di cui rimane la cinta muraria. Lo sviluppo moderno è avvenuto in direzione e lungo la strada statale orcianese entrata a far parte della storia del centro in tempi recenti. La popolazione è in diminuzione dalla fine della seconda guerra mondiale a causa di massicci esodi verso la costa per le motivazioni economiche che hanno coinvolto tutti i paesi dell'entroterra.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Il centro storico sangiorgese è indubbiamente il Castello. Entro la cinta muraria si trovano, ancora oggi, la chiesa parrocchiale, la cui forma attuale, a tre navate, di sobrio impianto neoclassico, risale al 1842. Al suo interno tra le opere più notevoli il Crocifisso ligneo del Trecento e interessanti tele di pittori di area marchigiana dal Cinquecento al Settecento, tra cui anche una Annunciazione forse di Francesco Mancini.

Poco lontano, sulla via principale, nella chiesa dello Spirito Santo, a navata unica con leggere decorazioni in stile neoclassico, si conservano tele di ignoti pittori di area marchigiana del Cinquecento e del Seicento.

La campagna del territorio comunale, di natura collinare, è fortemente antropizzata, ricca di isolati cascinali non sempre abitati. L'attività agricola, notevolmente meccanizzata, è organizzata in piccole proprietà terriere a conduzione familiare, con produzioni più estensive che intensive quali grano, piante da semi e da foraggio. Spesso gli appezzamenti sono separati, come nella tradizione marchigiana, da filari di vite sorretti attualmente da pali in cemento ma un tempo da piante da frutto e da gelsi; completano il paesaggio vigneti e zone incolte formate da canneti o piccole aree boschive in gran parte costituite da querce, pioppi e robinie.

Proprio un bosco di querce, delle quali rimangono pochi esemplari, circondata il convento della Misericordia di Poggio, del quale oggi non rimane che la chiesa di San Pasquale Baylon, nel cui interno fortemente rimaneggiato si conservano, oltre che opere lignee e in pietra, anche dipinti databili dal Trecento al Settecento.

A poca distanza si erge su una modesta rupe il piccolo agglomerato di case del Castello di Poggio con al centro la chiesa di Sant'Apollinare e Sant'Antonio Abate, ricostruita nel 1830 a navata unica in stile neoclassico, racchiudente interessanti tele di pittori del Settecento di area marchigiana.

In prossimità dell'abitato di San Giorgio, quasi al termine di un dolce declivio, si trova la chiesa del Crocifisso, ricostruita intorno al 1829 in seguito all'apparizione miracolosa di un affresco del Crocifisso del Cinquecento appartenente alla precedente chiesa di Santa Maria in Castagneto; al suo interno si conservano ancora parte delle murature originarie, nonché affreschi del Quattrocento.

Sulla dorsale di una lunga collina, ai confini del Comune verso nord, si erge la frazione di Spicello, sviluppatasi a partire dall'inizio del 1900 attorno alla scuola elementare; risale invece al 1950 l'inizio della costruzione della chiesa di San Giuseppe, ripresa poi negli anni ottanta per realizzare un centro di ospitalità per ritiri spirituali.

Referendum consultivo per l'istituzione di un nuovo comune[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 settembre 2016 l'Assemblea legislativa della regione Marche ha deliberato l'indizione di un referendum consultivo[3] in merito alla proposta di legge n. 82/2016,[4] concernente l'istituzione di un nuovo comune mediante fusione dei comuni di Barchi, Orciano di Pesaro, Piagge e San Giorgio di Pesaro, stabilendo il seguente quesito referendario: "Vuoi tu che sia istituito un nuovo Comune mediante la fusione dei Comuni di Barchi, Orciano di Pesaro, Piagge e San Giorgio di Pesaro?". Il referendum è stato fissato nelle quattro municipalità interessate, tramite decreto del governatore della regione Marche Luca Ceriscioli,[5] per il giorno 13 novembre 2016, dalle ore 7 alle 23.

Risultati[6]
Barchi Orciano di Pesaro Piagge San Giorgio di Pesaro Totale
Elettori 907 1817 869 1265 4858
Votanti 418 759 453 673 2303
Affluenza 46,09% 41,77% 52,13% 53, 20% 47,41%
Si  346
83,37%
625
82,67%
283
63,60%
482
72,92%
1736
76,24%
No No 69
16,51%
131
17,26%
162
35,76%
179
26,60%
541
23,49%
Schede bianche 1 2 4 7 14
Schede nulle 2 1 4 5 12

La proposta di legge n. 82/2016[4] è stata approvata con deliberazione legislativa il 6 dicembre 2016,[7] quindi convertita in legge regionale n. 28/2016 e pubblicata nel BUR della Regione Marche n. 134 del 7 dicembre 2016.[8] Suddetta legge regionale prevede l'istituzione di un unico comune denominato Terre Roveresche a decorrere dal 1º gennaio 2017, mediante fusione dei comuni di Barchi, Orciano di Pesaro, Piagge e San Giorgio di Pesaro.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
19 giugno 1987 24 maggio 1990 Roberto Landini PCI Sindaco
25 maggio 1990 23 aprile 1995 Roberto Landini PCI / PDS Sindaco
24 aprile 1995 13 giugno 1999 Roberto Landini PDS Sindaco
14 giugno 1999 12 giugno 2004 Roberto Landini Democrazia e solidarietà Sindaco
13 giugno 2004 7 giugno 2009 Federico Faccenda Lista civica Sindaco
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Roberto Landini Costituzione-Democrazia-Solidarieta'-Innovazione-Territorio (Centro-sinistra) Sindaco
26 maggio 2014 31 dicembre 2016 Antonio Sebastianelli Torre Sindaco

Fonte: Ministero dell'Interno[10].

Successivamente alla fusione in Terre Roveresche ogni ex comune divenuto municipio di Terre Roveresche è rappresentato da un prosindaco e due consultori votati dai cittadini del singolo municipio con scheda separata durante le elezioni comunali e nominati dal consiglio comunale. Dal 27 giugno 2017 è prosindaco del municipio di San Giorgio di Pesaro Giuliana Aniballi.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Francia Hombourg-Haut, dal 2006[11]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio a 11[modifica | modifica wikitesto]

Nel paese ci sono due squadre, una gioca i campionati UISP ed è l'Acli San Giorgio, l'altra milita in Terza Categoria ed è denominata Sangiorgese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]