Portale:Marche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


Portale Marche
Introduzione

Le Marche sono una regione dell'Italia centrale di 1.560.785 abitanti con capoluogo Ancona. Confinano con l'Emilia-Romagna (provincia di Rimini), la Repubblica di San Marino, la Toscana (provincia di Arezzo), l'Umbria (provincia di Perugia), l'Abruzzo (provincia di Teramo), il Lazio (provincia di Rieti) e il Mar Adriatico.

Le Marche si collocano sul versante del medio Adriatico e occupano circa 9.365,86 km² di territorio italiano che si estende tra il fiume Conca a nord e il Tronto a sud; a ovest la regione è limitata dall'Appennino. Essa presenta una forma caratteristica di pentagono irregolare e si sviluppa perlopiù longitudinalmente da nord-ovest a sud-est. Le Marche sono una delle regioni più collinari d'Italia: le colline comprendono il 69% del territorio (6.462,90 km²). Il 31% (2.902,96 km²) è invece montuoso. Le pianure, non rilevabili percentualmente, sono limitate ad una stretta fascia costiera e alla parte delle valli più vicine alla foce dei fiumi.


Leggi la voce...
Vetrina marchigiana
Wikimedaglia oro.png
Ritratto del Cardinal Bedini conservato nell'Episcopio di Viterbo

Gaetano Bedini (Senigallia, 15 maggio 1806 - Viterbo, 6 settembre 1864) fu un cardinale della Chiesa cattolica, importante diplomatico per la Santa Sede e ricoprì cariche di primo piano nel governo dello Stato della Chiesa.

Gaetano Bedini nacque a Senigallia, figlio di Alessandro Pellegrino e Marianna Spadoni. Ultimo di sette figli fu dal padre destinato alla carriera ecclesiastica, entrò giovanissimo nel seminario di Senigallia e fu ordinato sacerdote il 20 dicembre 1828 dal Cardinal Fabrizio Sceberras Testaferrata. Svolse i suoi primi anni da sacerdote come canonico del capitolo della cattedrale di Senigallia dal 1829 al 1838.

Altre voci in vetrina Leggi tutta la voce...
Lo sapevi che...
I Bronzi dorati da Cartoceto di Pergola

Il gruppo denominato Bronzi dorati da Cartoceto di Pergola è l'unico gruppo statuario equestre in bronzo dorato della civiltà romana che si è conservato fino ai nostri giorni.

Alcuni centinaia di frammenti di bronzo dorato, del peso di diverse centinaia di chilogrammi, vennero scoperti casualmente tra giugno e luglio del 1946 in località Santa Lucia di Calamello, nella parrocchia di Cartoceto, all'interno del comune di Pergola (PU). Il rinvenimento fu segnalato dal canonico Giovanni Vernarecci, all'epoca ispettore onorario di Fossombrone. Grazie alla sua testimonianza dattiloscritta siamo a conoscenza della circostanza fortunosa del ritrovamento e delle sua effettuazione in stato di emergenza. Il recupero dei reperti è stato effettuato dal Vernarecci e da Nereo Alfieri, ispettore della Soprintendenza alle Antichità delle Marche.

Il restauro è stato compiuto in varie fasi dal 1949 al 1988 ed ha permesso la ricomposizione di 318 frammenti nei quattro personaggi, due maschili a cavallo e due femminili stanti.
Suggerisci una curiosità Leggi tutta la voce...
Marchigiano del giorno
Giacomo Leopardi

Giacomo Leopardi (nome completo Giacomo Taldegardo Francesco di Sales Saverio Pietro Leopardi, Recanati, 29 giugno 1798 - Napoli, 14 giugno 1837) è stato uno tra i principali scrittori e poeti italiani.

Giacomo nacque a Recanati il 29 giugno 1798, dal conte Monaldo e dalla marchesa Adelaide Antici Mattei, che gli riservarono un'educazione rigida e fredda.

Il padre era uomo debole, retrogrado, legato ad idee antiquate e a pregiudizi mentre la madre era dispotica, bigotta, fredda, preoccupata di ricostituire il patrimonio familiare, minato dalle sfortunate speculazioni del conte. In casa vigeva la rigorosa disciplina della religione e del risparmio. L'infanzia, trascorsa con i fratelli minori Carlo e Paolina, lasciò nel poeta un ricordo di poesia infantile (Ricordanze).

Leopardi iniziò gli studi con due precettori come da tradizione familiare; inoltre poteva usufruire della ricchissima biblioteca paterna (20.000 volumi). Inizialmente guidato da Don Sebastiano Sanchini, ben presto, s’immerse in letture varie ed inusuali. Il corpus delle opere così dette "puerili" (corpus pubblicato da Maria Corti in G.L. Entro dipinta Gabbia, scritti inediti, rari e editi 1808-1810) dimostrano la capacità di scrivere in un latino non sempre corretto ed elegante fin dall'età di nove-dieci anni, la padronanza dei metodi di versificazione italiana in voga nel settecento (metri barbari del Fantoni) ed una passione per le burle in versi, dirette al precettore ed ai fratelli. Tradusse in infanzia le Odi di Orazio, forse sotto consiglio del Vogel, erudito alsaziano il quale probabilmente gli fornì lo spunto per la composizione dello Zibaldone; in seguito tradusse, per la prima di tre volte, la Batracomiomachia Pseudo-Omerica, il I libro dell'Odissea, il II dell'Eneide.

Altri marchigiani Leggi tutta la voce...q
Cartoline dalle Marche
Cerca e trova
Province
Stemma della provincia di Ancona

La Provincia di Ancona confina a nord-ovest con la Provincia di Pesaro e Urbino, a nord-est e a est con il Mar Adriatico, a sud con la Provincia di Macerata e a ovest con l'Umbria (Provincia di Perugia). - I comuni


Stemma della provincia di Ascoli Piceno

La Provincia di Ascoli Piceno confina a N e NW con la Provincia di Macerata, a E con il Mar Adriatico, a S con l'Abruzzo (Provincia di Teramo) e con il Lazio (Provincia di Rieti), e a SW con l'Umbria (Provincia di Perugia). - I comuni


Stemma della Provincia di Fermo

La Provincia di Fermo è la quinta provincia della regione Marche, istituita con legge 11 giugno 2004, n. 147 (legge), pubblicata nella Gazzetta ufficiale n. 138 del 15 giugno 2004. È divenuta operativa con le prime elezioni del 2009. - I comuni


Stemma della provincia di Macerata

La Provincia di Macerata confina a N con la Provincia di Ancona, a E con il Mar Adriatico, a S con la Provincia di Fermo, a SW con la Provincia di Ascoli Piceno e a W con l'Umbria (Provincia di Perugia). - I comuni


Stemma della provincia di Pesaro e Urbino

La Provincia di Pesaro e Urbino è una delle province storiche italiane. Prima della nascita dello Stato Italiano, ha avuto diverse denominazioni, partendo dal Ducato dei Montefeltro. - I comuni

Novità
Altri progetti
Portali collegati