Malatesta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Malatesta (disambigua).
Malatesta
Malatesta-1.jpg
Stato Signoria di Rimini
Titoli Cross pattee.png Signori di Rimini, di Pesaro, di Cesena, di Sansepolcro
Fondatore Malatesta da Verucchio
Ultimo sovrano Pandolfo IV Malatesta
Data di fondazione 1295
Data di deposizione 1500 e 1528
Etnia italiana
Rami cadetti Sogliano Pesaro
Stemma della famiglia Malatesta
Coat of arms of the House of Malatesta.svg
Blasonatura
D'argento, a tre bande scaccate di nero e d'oro, a tre file, circondato di bordura indentata d'argento e di rosso.[1]

I Malatesta (più correttamente, dal latino "de Malatestiis", Malatesti), signori di Verucchio, furono una famiglia italiana che dominò la Romagna, in particolar modo Rimini e il suo territorio dal 1295 al 1500 (e successivi brevi periodi), e, nel momento di massima influenza, estese i propri domini lungo la costa marchigiana fino ad Ascoli Piceno, a Sansepolcro e Citerna oltre l'Appennino, alle città di Bergamo e Brescia.

Storia

Le origini della dinastia vennero fatte risalire dai loro cortigiani sino ai tempi di Roma antica e agli Scipioni. Altre fonti precedenti, guardate dagli storici con altrettanto scetticismo, attribuiscono ad Azzo di Lotaringia o Lorena ed a Matilde (figlia di Ottone II e sorella di Ottone III) il figlio Malatesta I detto "il Tedesco", considerato il capostipite della stirpe.

L'appellativo Malatesta risalirebbe al X secolo e sarebbe da riferire ad un esponente della progenie, Rodolfo, che avrebbe dimostrato coraggio e tenacia nel difendersi dagli attacchi esterni.[2]

Stando ai soli documenti, il nome Malatesta appare in sporadici atti notarili del XI secolo riferiti a fondi presso Gabicce, Gatteo, Poggio Berni. Il primo Malatesta attestato come cittadino riminese di rango era figlio di un Giovanni morto nel 1150; possedeva terre fra Marecchia e Rubicone e sposò Berta Traversari della potente famiglia ravennate. Ebbe due figli: Giovanni e Malatesta detto "della Penna". Giovanni fu il capostipite del ramo dei Malatesta conti di Sogliano. Verso la fine del XII secolo i fratelli controllavano il castello di Verucchio, finché nel 1197 la famiglia si sottomise al Comune di Rimini.

Nel 1216 Malatesta "della Penna" oltre a Verucchio possedeva Pennabilli, Roncofreddo e Ciola. Militava fra i ghibellini e nel 1223 fu podestà a Pistoia. Nel 1230 assieme ai magnati di Ravenna, Forlì e Bertinoro, giurò fedeltà a Federico II. Morì nel 1248.

Suo figlio Malatesta da Verucchio (1212-1312) nel 1248, dopo la sconfitta di Federico II nella battaglia di Parma, passò repentinamente alla parte guelfa. Dopo alterne vicende, nel 1295 riuscì a ottenere il pieno controllo di Rimini scacciandone i ghibellini Parcitade e meritandosi l'appellativo dantesco di "Mastin Vecchio".

Il suo figlio maggiore Giovanni Malatesta (detto Gianciotto) resta famoso per la tragedia che lo vide coinvolto (forse a Gradara) nel 1285 quando sua moglie Francesca da Polenta, scoperta in adulterio con Paolo, suo fratello minore, fu uccisa assieme al cognato-amante. Taciuto dalle fonti coeve, questo sfortunato amore fu cantato da Dante nel V canto dell'Inferno.

Nel XIV e XV secolo i Malatesta conquistarono numerose città della Romagna e delle Marche, comprese Pesaro, Fano, Cesena, Cervia, Senigallia e Fossombrone. A sud, il loro dominio si estese ad Ascoli, dove nel 1349 Galeotto fece costruire Forte Malatesta, e saltuariamente alla stessa Ancona. Verso sud-ovest la signoria comprendeva Sansepolcro (1371-1430) e Citerna. Nei primi anni del '400 Pandolfo III "il Grande" fu signore per qualche tempo di Brescia e Bergamo.

Molti Malatesta furono condottieri al servizio di alcuni Stati italiani. Il più famoso fu Sigismondo Pandolfo Malatesta, con cui la famiglia toccò l'apogeo della fama, ma che finì per perdere quasi tutto il suo stato ad opera del Papa e del Duca di Urbino Federico da Montefeltro.

Roberto, figlio naturale di Sigismondo, usurpò il potere alla terza consorte di questi, Isotta, e al loro figlio Sallustio, da lui designati. Dopo l'occupazione di Cesare Borgia, nel 1522-1523 l'erede Pandolfo IV, detto Pandolfaccio, fu di nuovo signore di Rimini, insieme al rampollo Sigismondo I, ancora nel 1527-1528, quando il territorio fu definitivamente incorporato nei domini della Chiesa.[3]

Signori di Rimini (1295-1500)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Signoria di Rimini.

Condottieri illustri della famiglia Malatesta[modifica | modifica wikitesto]

Gli Stati italiani nel 1499: è indicata la signoria di Rimini
Pennabilli, la culla dei Malatesta.
La rocca di Verucchio fu uno dei primi possedimenti dei Malatesta.

XIII secolo[modifica | modifica wikitesto]

XIV secolo[modifica | modifica wikitesto]

XV secolo[modifica | modifica wikitesto]

XVI secolo[modifica | modifica wikitesto]

XVII secolo[modifica | modifica wikitesto]

Prelati dei Malatesta[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi minori dei Malatesta[modifica | modifica wikitesto]

Almerico - Francesco Maria - Galeotto - Galeotto Belfiore - Guido Arciprete - Lamberto I - Leonida II - Pandolfo VI - Sallustio - Sempronio I - Vittorio - Giorgio Malatesta - Errico Malatesta[4], Lamberto Malatesta.

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Malatesta I Malatesta (1183-1248)
= Adelasia
│
└── Malatesta da Verrucchio (1212-1312)
    =(1) Concordia di Enrighetto
    │
    ├── Malatestino (m. 1317)
    │   = Giacoma de' Rossi
    │   │
    │   ├── Ferrantino (1258-1353)
    │   │   = Belluccia
    │   │   │
    │   │   └── Malatestino Novello Malatesta (?-1335)
    │   │
    │   └── Giovanni III (?-1375)
    │        = ?
    │        │
    │        └── Carlo III (?-1486)
    │            + ?
    │            │
    │            └── Ramberto Novello  (1475–1532)
    │                + ?
    │                │
    │                ├── Galeotto
    │                │
    │                └── Carlo V (?-1544)
    │
    ├── Rengarda = Francesco Manfredi (1260-1343) signore di Faenza
    │
    ├── Gianciotto (m. 1304)
    │   = Francesca da Polenta
    │   │
    │   └── Concordia
    │
    │   = Ginevra Zambrasi
    │   │
    │   ├── Tino
    │   │
    │   ├── Rengardina
    │   │
    │   ├── Guido Arciprete
    │   │
    │   ├── Ramberto(m. 1330)
    │   │
    │   └── Margherita
    │
    │
    ├── Paolo (1246-1285)
    │   = Orabile Beatrice
    │   │
    │   ├── Uberto (1270-1324)
    │   │    = ?
    │   │    │
    │   │    └── Ramberto I (1302–1367)
    │   │         = ?
    │   │         │
    │   │         └── Niccolò I (?-1374)
    │   │              = ?
    │   │              │
    │   │              └── Pandolfo V
    │   │
    │   └── Margherita
    │
    └── Ramberto
    =(2) Margherita Paltenieri di Monselice
    │
    ├── Maddalena
    │
    ├── Simona
    │
    └── Pandolfo I (?-1326)
        = Taddea
        │
        ├── Malatesta III
        │   = Costanza Ondedei
        │   │
        │   ├── Pandolfo II (1325-1373)
        │   │   = Paola Orsini
        │   │   │
        │   │   └── Malatesta IV Malatesta (1370-1429)
        │   │       = Elisabetta da Varano
        │   │       │
        │   │       ├── Galeazzo (1385-1452)
        │   │       │   = Battista da Montefeltro
        │   │       │
        │   │       ├── Carlo II (1390-1438)
        │   │       │   = Vittoria Colonna
        │   │       │
        │   │       ├── Taddea (?-1427)
        │   │       │
        │   │       ├── Pandolfo (1390-1441)
        │   │       │
        │   │       ├── Galeotto II (1398-1414)
        │   │       │
        │   │       ├── Paola (?-1447)
        │   │       │   = Gianfrancesco Gonzaga
        │   │       │
        │   │       └── Cleofe (?-1433)
        │   │           = Teodoro II Paleologo (Despota della Morea)
        │   │
        │   ├── Malatesta Ungaro (1327-1375)
        │   │   = ?
        │   │   │
        │   │   └── Costanza (?-1378)
        │   │
        │   │   = Costanza d'Este
        │   │
        │   ├── Caterina
        │   │
        │   ├── Masia
        │   │
        │   ├── Ginevra (1350-?)
        │   │
        │   └── Melchina
        │
        └── Galeotto I (1299-1385)
            = Elisa de la Villette
            = Gentile da Varano
            │
            ├── Carlo I Malatesta (1368-1429)
            │
            ├── Pandolfo III (1370-1427)
            │   + Antonia da Barignano
            │   │
            │   ├── Galeotto Roberto (1411–1432)
            │   │   = Margherita d'Este
            │   │
            │   ├── Sigismondo (1417–1468)
            │   │   = Ginevra d'Este
            │   │   = Polissena Sforza
            │   │   │
            │   │   ├── Galeotto (1442)
            │   │   │
            │   │   └── Giovanna (1444-1511)
            │   │       = Giulio Cesare da Varano
            │   │
            │   │   = Isotta degli Atti
            │   │   │
            │   │   ├── Roberto (1447)
            │   │   │
            │   │   ├── Sallustio
            │   │   │
            │   │   ├── Vittorio
            │   │   │
            │   │   └── Roberto (1440-1482)
            │   │       = Elisabetta da Montefeltro
            │   │       │
            │   │       └── Pandolfo IV (1475-1534)
            │   │
            │   └── Domenico (1418-1465)
            │       = Violante da Montefeltro
            │
            ├── Margherita (1370-1399)
            │   = Francesco I Gonzaga
            │
            ├── Andrea (1373-1416)
            │
            └── Galeotto Belfiore (1377-1400)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rimondini, p. 20.
  2. ^ Turchini, p. 15.
  3. ^ Franceschini, p. 441.
  4. ^ figlio di un nobile dei conti Malatesta di Santa Maria Capua Vetere, ramo meridionale della famiglia; famoso filosofo anarchico

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gino Franceschini, I Malatesta, Milano, Dall'Oglio, 1973.
  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Malatesta di Rimini, Torino, 1835, ISBN non esistente.
  • Giovanni Rimondini, L'araldica malatestiana, Verucchio, Pazzini, 1994.
  • Angelo Turchini, I Malatesta Signori di Rimini e Cesena, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2013.
  • Piero Zama, I Malatesti, Faenza, Lega, 1956.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]