Gradara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gradara
comune
Gradara – Stemma Gradara – Bandiera
Gradara – Veduta
Veduta del borgo murato dominato dal castello.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Pesaro e Urbino-Stemma.png Pesaro e Urbino
Amministrazione
SindacoFilippo Gasperi (lista civica) dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate43°56′19.92″N 12°46′16.51″E / 43.938866°N 12.771253°E43.938866; 12.771253 (Gradara)Coordinate: 43°56′19.92″N 12°46′16.51″E / 43.938866°N 12.771253°E43.938866; 12.771253 (Gradara)
Altitudine142 m s.l.m.
Superficie17,53 km²
Abitanti4 908[1] (31-10-2020)
Densità279,98 ab./km²
FrazioniFanano, Fanano Massignano, Granarola, Pievevecchia, Santo Stefano
Comuni confinantiGabicce Mare, Cattolica (RN), Pesaro, San Giovanni in Marignano (RN), Tavullia
Altre informazioni
Cod. postale61012
Prefisso0541
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT041020
Cod. catastaleE122
TargaPU
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona E, 2 186 GG[3]
Nome abitantigradaresi
Patronosan Terenzio[non chiaro]
Giorno festivoterza domenica di settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gradara
Gradara
Gradara – Mappa
Posizione del comune di Gradara nella provincia di Pesaro e Urbino
Sito istituzionale

Gradara è un comune italiano di 4 908 abitanti[1] della provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Gradara con nello sfondo Cattolica ed il Mare Adriatico.

È situato nell'entroterra della costa adriatica marchigiana-romagnola, poco distante dal mare e in area collinare, estrema propaggine dell'Appennino. È conosciuto soprattutto per la sua storica Rocca malatestiana, che assieme al suo borgo fortificato ed alla sua cinta muraria costituisce un caratteristico esempio di architettura medievale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Castello di Gradara.

La storia antica di Gradara è strettamente legata alle vicissitudini del suo castello, soggetto nei secoli al dominio delle famiglie Malatesta, Sforza, Della Rovere e dei Mosca.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Gradara-Stemma.png
Gradara-Gonfalone.png

«Di rosso alle tre fasce diminuite, scorciate, unite, a guisa di tre gradini, poste in ombelico, la fascia superiore con lunghezza dimezzata rispetto a quella inferiore, la fascia intermedia di lunghezza mediana, il tutto di oro con tre spighe di grano dello stesso, poste a ventaglio, nodrite nella fascia superiore»

(Descrizione araldica dello stemma[4][5])

«Drappo di giallo con la bordatura di rosso, riccamente ornato di ricami di argento e caricato dallo stemma comunale con la iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d’argento»

(Descrizione araldica del gonfalone[5])

«Drappo di giallo alla bordura di rosso, caricato in centro dello stemma comunale…»

(Descrizione araldica della bandiera[5])

Lo stemma e il gonfalone sono stati concessi con l'apposito Decreto del Presidente della Repubblica datato al 19 giugno 1998.[4][5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Rocca demaniale
  • Gradara War Cemetery
  • Torre dell'orologio
  • Camminamenti di ronda
  • Teatro dell'Aria
  • Museo storico e Grotte medievali
  • Casa del mercante
  • Palazzo Rubini Vesin
  • Teatro comunale
  • Casa del gufo
  • Chiesa SS.Sacramento
  • Chiesa S. Giovanni Battista
  • La Rocchetta
  • Il giardino degli ulivi
  • Il bosco di Paolo e Francesca

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività economiche più tradizionali, diffuse e importanti vi sono quelle artigianali, come la lavorazione e l'arte della ceramica e della maiolica.[7]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il comune, a vocazione turistica, fa parte dell'associazione i borghi più belli d'Italia[8] ed è stato insignito, dal 2004[9], della Bandiera arancione del Touring Club Italiano[10].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
19 giugno 1985 27 maggio 1990 Maria Piermaria Partito Comunista Italiano Sindaco [11]
28 maggio 1990 23 aprile 1995 Sandro Sorbini Partito Comunista Italiano
Partito Democratico della Sinistra
Sindaco [11]
24 aprile 1995 13 giugno 1999 Sandro Sorbini Partito Democratico della Sinistra
Democratici di Sinistra
Sindaco [11]
14 giugno 1999 13 giugno 2004 Sandro Sorbini Centro-sinistra Sindaco [11]
14 giugno 2004 22 febbraio 2006[12] Gianfranco Micucci Lista civica Sindaco [13][11]
23 febbraio 2006 28 maggio 2006 Franca Foronchi Lista civica Vicesindaco - Sindaco f.f. [11]
29 maggio 2006 15 maggio 2011 Franca Foronchi Lista civica Sindaco [11]
16 maggio 2011 5 giugno 2016 Franca Foronchi Insieme per Gradara Sindaco [11]
6 giugno 2016 in carica Filippo Gasperi Per Gradara Sindaco [14][11]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio a 11[modifica | modifica wikitesto]

A Gradara è presente il Fanano che milita in seconda categoria e la Gabicce-Gradara, che gioca in Promozione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 ottobre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ a b Comune di Gradara, Statuto comunale (PDF), su comune.gradara.pu.it, Art. 4 Stemma e gonfalone. URL consultato il 1º febbraio 2021.
  5. ^ a b c d Gradara, su araldicacivica.it. URL consultato il 26 gennaio 2021.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 2, Roma, A.C.I., 1985, p. 12.
  8. ^ Gradara - I Borghi più belli d'Italia, borghipiubelliditalia.it. URL consultato il 21 gennaio 2019.
  9. ^ Bandiera Arancione per Gradara, cattolica.info, 21 ottobre 2013. URL consultato il 21 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2019).
  10. ^ Gradara - Bandiere Arancioni TCI, bandierearancioni.it. URL consultato il 21 gennaio 2019.
  11. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/
  12. ^ deceduto
  13. ^ Temeva di essere malato: sindaco si spara alla testa, ricerca.gelocal.it, 23 febbraio 2006. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  14. ^ Comune di Gradara - Marche - Elezioni Comunali - Risultati, repubblica.it, 6 giugno 2016. URL consultato il 18 gennaio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN168845505 · WorldCat Identities (ENlccn-no2005083365
Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Marche