Petriano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Petriano
comune
Petriano – Stemma Petriano – Bandiera
Petriano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Pesaro e Urbino-Stemma.png Pesaro e Urbino
Amministrazione
SindacoDavide Fabbrizioli (lista civica) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate43°46′50.12″N 12°44′00.78″E / 43.780589°N 12.73355°E43.780589; 12.73355 (Petriano)Coordinate: 43°46′50.12″N 12°44′00.78″E / 43.780589°N 12.73355°E43.780589; 12.73355 (Petriano)
Altitudine327 m s.l.m.
Superficie11,27 km²
Abitanti2 841[1] (31-12-2014)
Densità252,09 ab./km²
FrazioniGallo, S. Maria in Calafria
Comuni confinantiMontefelcino, Urbino, Vallefoglia
Altre informazioni
Cod. postale61020
Prefisso0722
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT041045
Cod. catastaleG514
TargaPU
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantipetrianesi
PatronoSan Martino di Tours
Giorno festivo11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Petriano
Petriano
Petriano – Mappa
Posizione del comune di Petriano nella provincia di Pesaro e Urbino
Sito istituzionale

Petriano (Petriän in dialetto gallo-piceno) è un comune italiano di 2.841 abitanti[2] della provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Petriano deve il suo nome (Prae tres amnes: sopra tre fiumi) ai tre corsi d'acqua che scorrono sul suo territorio: l'Apsa che scende da Urbino, il Tagliatesta che arriva dalle Cesane passando per Palazzo del Piano ed il Razzo che segna i limiti settentrionali del territorio comunale.

Il primo documento che riporta il nome di Petriano è una pergamena del B. Mainardo Vescovo datata 21 gennaio 1069 che conferma la proprietà di varie terre e chiese tra cui S. Martino di Petriano al Capitolo del Duomo di Urbino. In seguito il Castello di Petriano passò ai consoli di Urbino seguendo poi i destini della città feltresca. Già nel 1422 venne fondato da Bonaiuto Ranuzzi un ospedale per l'assistenza e la cura della popolazione e dei viaggiatori. Fra i petrianesi si distinse il capitano Carletto detto d'Urbino che nel 1505 respinse gli eserciti del Borgia e si spinse fino a Rimini conquistando la città. La comunità era retta dai Massari eletti periodicamente tra le vecchie famiglie del posto.

Nel 1861 Petriano divenne comune dell'Italia Unita.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Persone legate a Petriano[modifica | modifica wikitesto]

Panorama di Gallo

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività economiche più tradizionali, diffuse e importanti vi sono quelle artigianali, come la lavorazione del ferro battuto, finalizzata alla realizzazione di una vasta gamma di prodotti, che spazia dalle inferriate alle statue.[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
22 febbraio 1988 30 maggio 1990 Domenico Passeri Lista civica Sindaco
31 maggio 1990 23 aprile 1995 Domenico Passeri Partito Comunista Italiano
Partito Democratico della Sinistra
Sindaco
24 aprile 1995 13 giugno 1999 Domenico Passeri Partito Democratico della Sinistra
Democratici di Sinistra
Sindaco
14 giugno 1999 13 giugno 2004 Giovanni Angelini Centro-destra Sindaco
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Giovanni Angelini Centro-destra Sindaco
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Giammarco Cecconi Obiettivo cittadino (Centro-destra) Sindaco
26 maggio 2014 in carica Davide Fabbrizioli Obiettivo cittadino Sindaco

Fonte: Ministero dell'Interno [5].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio è unita a quella del vicino comune di Vallefoglia e gioca nel campionato regionale di Eccellenza. La squadra ha il nome di Atletico Gallo Colbordolo calcio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  2. ^ Dato Istat all'1/1/2010.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 2, Roma, A.C.I., 1985, p. 12.
  5. ^ http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN238149478