Campofilone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campofilone
comune
Campofilone – Stemma Campofilone – Bandiera
Campofilone – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Fermo-Stemma.png Fermo
Amministrazione
SindacoGabriele Cannella (lista civica) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate43°04′45.01″N 13°48′52.31″E / 43.079169°N 13.814531°E43.079169; 13.814531 (Campofilone)Coordinate: 43°04′45.01″N 13°48′52.31″E / 43.079169°N 13.814531°E43.079169; 13.814531 (Campofilone)
Altitudine202 m s.l.m.
Superficie12,21 km²
Abitanti1 924[1] (30-11-2019)
Densità157,58 ab./km²
Comuni confinantiAltidona, Lapedona, Massignano (AP), Montefiore dell'Aso (AP), Pedaso
Altre informazioni
Cod. postale63828
Prefisso0734
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT109004
Cod. catastaleB534
TargaFM
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Cl. climaticazona D, 1 876 GG[2]
Nome abitanticampofilonesi
Patronosan Bartolomeo
Giorno festivo24 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Campofilone
Campofilone
Campofilone – Mappa
Posizione del comune di Campofilone nella provincia di Fermo
Sito istituzionale

Campofilone (Canfillù, Camfillù o Campfillù in dialetto sambenedettese; più modernamente Campufiló[3]) è un comune italiano di 1 924 abitanti[1] della provincia di Fermo, nelle Marche. È celebre per la preparazione di un tipo di fettuccine.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Centro dipendente dal vescovo di Fermo nel Medioevo era conosciuto come Campus fullonum (campo dei tintori?), nome d'incerta etimologia.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

La piazza principale del paese è piazza Umberto I oltre a piazza Roma. In quest'ultima si trova la chiesa abbaziale di San Bartolomeo dove si svolgono le funzioni religiose principali, le altre chiese sono quella di San Patrizio situata poco fuori le mura paesane, la chiesa di Maria Assunta sita nella frazione di Ponte Nina e quella di Santa Maria d'Intignano che è stata restaurata recentemente e si trova in un colle alle porte di Campofilone. Nello spazio retrostante la chiesa di San Bartolomeo si estende "L'Orto Abbaziale", un giardino racchiuso tra mura medievali dove si può ammirare il panorama circostante delle colline marchigiane. Presso la chiesa di San Bartolomeo è allestito il Museo archeologico-liturgico, con una parte riservata ai reperti archeologici d'epoca picena e romana rinvenuti nel territorio comunale e un'altra con paramenti liturgici, ex voto e oggetti per il culto.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il primo fine settimana di agosto si svolge la famosa "Sagra nazionale dei maccheroncini" dove si può assaggiare negli stand che si snodano all'interno del paese, questo piatto tipico;
  • dal 14 al 16 agosto, nella frazione marittima di Ponte Nina di Campofilone, si svolge la locale "Festa del mare" durante la quale si possono assaggiare maccheroncini ai frutti di mare, pesce fritto, chele di granchio, olive fritte e patatine fritte;
  • il 17 e 18 agosto "L'Orto Party" è la festa della birra che anima il paese e si svolge all'interno dell'Orto Abbaziale;
  • il penultimo fine settimana di agosto, "il Festival del peperoncino", a cura della Pro loco.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al centro storico, Campofilone si snoda anche in alcune frazioni all'interno del paese, quali:

  • Santa Maria: la prima che si incrocia arrivando dal vicino comune di Montefiore dell'Aso;
  • Valdaso: comprendono i territori a ridosso del fiume Aso. Questa frazione è caratterizzata da grandi attività agricole;
  • Ponte Nina: la zona balneare del paese, unico sbocco sul mare.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia di Campofilone è principalmente legata alla produzione dei maccheroncini (pasta originaria di questo paese), difatti vi sono vari pastifici di piccola e media grandezza. La località è nota anche per un tipo di fettuccine.

Nella Valdaso invece vi è maggiore vocazione all'agricoltura specie nella produzione di pesche, uva da vino, prugne, susine, insalata e oliva; inoltre, sono praticate attività florovivaistiche e vitivinicole in questa zona.

Nella parte periferica a Ovest del paese sorge la zona industriale "Lu Foru", sede di alcune piccole attività.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
20 giugno 1985 20 maggio 1990 Egildo Verdecchia Partito Comunista Italiano Sindaco [5]
20 maggio 1990 24 aprile 1995 Egildo Verdecchia Partito Comunista Italiano
Partito Democratico della Sinistra
Sindaco [5]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Egildo Verdecchia Centro-sinistra Sindaco [5]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Egildo Verdecchia Lista civica Sindaco [5]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Ercole D'Ercoli Lista civica Sindaco [5]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Ercole D'Ercoli Lista civica Sindaco [5]
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Ercole D'Ercoli Lista civica Uniti per Campofilone Sindaco [5]
27 maggio 2019 in carica Gabriele Cannella Lista civica Continuiamo insieme Sindaco [5]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La polisportiva Campofilone (colori sociali gialloblù) milita nel campionato di Terza Categoria marchigiano. Nella stagione 2006-2007 ha disputato il campionato di prima categoria, dove ha militato per una sola stagione. La squadra è inoltre sostenuta dagli Ultras Scintilla/Gioventù Bruciate, gruppo formatosi recentemente e che sostiene i ragazzi dalla Curva Sud dello stadio. A Campofilone c'è anche una squadra di calcio amatoriale che disputa i campionati UISP.

Lo stadio comunale è sito in via XXIV maggio.

Calcio a 5[modifica | modifica wikitesto]

Il paese ha una squadra di calcio a 5 che è tornata a iscriversi in Serie D dopo la stagione 2011-2012.

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

La squadra locale è "La Tela Basket Campofilone", con colori gialloblù, che milita nel campionato di Promozione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2019.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 126.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Marche