Colli del Tronto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Colli del Tronto
comune
Colli del Tronto – Stemma Colli del Tronto – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Ascoli Piceno-Stemma.png Ascoli Piceno
Amministrazione
SindacoAndrea Cardilli (lista civica Liberamente Colli) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate42°52′40.98″N 13°44′53.52″E / 42.87805°N 13.7482°E42.87805; 13.7482 (Colli del Tronto)Coordinate: 42°52′40.98″N 13°44′53.52″E / 42.87805°N 13.7482°E42.87805; 13.7482 (Colli del Tronto)
Altitudine168 m s.l.m.
Superficie5,94 km²
Abitanti3 673[1] (30-11-2019)
Densità618,35 ab./km²
FrazioniCasaregnano, Case Sparse, Contrada la Rocca, Vallicella, Villa San Giuseppe, Villa Speca, Vivare
Comuni confinantiAncarano (TE), Ascoli Piceno, Castorano, Spinetoli
Altre informazioni
Cod. postale63079
Prefisso0736
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT044014
Cod. catastaleC877
TargaAP
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitanticollesi
Patronosanta Felicita
Giorno festivo7 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Colli del Tronto
Colli del Tronto
Colli del Tronto – Mappa
Posizione del comune di Colli del Tronto nella provincia di Ascoli Piceno
Sito istituzionale

Colli del Tronto (Li Collë[2] in dialetto ascolano) è un comune italiano di 3 673 abitanti della provincia di Ascoli Piceno nelle Marche. Sorge su un territorio di antichi insediamenti, come attestano le scoperte di manufatti litici, la necropoli picena, le tombe romane.

Affascinante è la costruzione della chiesa di Santa Felicita, che custodisce la tela del pittore Ferdinando Cicconi (1831-1896), cittadino di Colli. Fu realizzata nel 1796 su disegno dell'architetto ticinese Pietro Maggi. La chiesa documenta i criteri costruttivi delle fondazioni francescane nell'Ascolano del primo Cinquecento e quelli con cui fu rinnovato nel Settecento l'ex convento dei cappuccini. Organo a canne sulla cantoria della porta d'ingresso, costruito nel 1888 da Adriano Verati ad una tastiera di 56 note e pedaliera di 25 pedali. È presente inoltre, nelle due piccole cantorie del presbiterio, un organo moderno a trasmissione elettrica digitale costruito dal maestro Alessandro Girotto.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Colli del Tronto.

La località è servita dalla fermata ferroviaria "Colli del Tronto" posta lungo la ferrovia Ascoli Piceno-San Benedetto del Tronto, servita dalle relazioni regionali Trenitalia svolte nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Marche.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Il trasporto pubblico suburbano a Colli del Trono è gestito con autocorse svolte dalla società START.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività economiche più tradizionali, diffuse e attive vi sono quelle artigianali, come l'arte del merletto rinomata in tutta Italia.[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Massimiliano Giacobetti lista civica Sindaco
8 giugno 2009 24 maggio 2014 Tommaso Cavezzi lista civica Colli in Comune Sindaco
25 maggio 2014 in carica Andrea Cardilli lista civica Liberamente Colli Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La società di calcio del paese milita in Eccellenza Marchigiana ed ha il nome di Atletico Azzurra Colli, società nata nel 2010 dalla fusione dell'Azzurra Colli e dell'Atletico Colli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2019.
  2. ^ Li puoste - WikiLiva Archiviato il 17 giugno 2010 in Internet Archive.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 2, Roma, A.C.I., 1985, p. 12.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN147946208 · LCCN (ENn2003048113 · WorldCat Identities (ENlccn-n2003048113
Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Marche