Montelupone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Montelupone
comune
Montelupone – Stemma Montelupone – Bandiera
Montelupone – Veduta
Il Palazzo dei Priori
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Macerata-Stemma.png Macerata
Amministrazione
SindacoRolando Pecora (lista civica di centrosinistra) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate43°20′39.41″N 13°34′03.43″E / 43.344281°N 13.567619°E43.344281; 13.567619 (Montelupone)Coordinate: 43°20′39.41″N 13°34′03.43″E / 43.344281°N 13.567619°E43.344281; 13.567619 (Montelupone)
Altitudine272 m s.l.m.
Superficie32,67 km²
Abitanti3 577[1] (31-12-2014)
Densità109,49 ab./km²
FrazioniSan Firmano
Comuni confinantiMacerata, Montecosaro, Morrovalle, Potenza Picena, Recanati
Altre informazioni
Cod. postale62010
Prefisso0733
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT043030
Cod. catastaleF552
TargaMC
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona D, 1 958 GG[2]
Nome abitantimonteluponesi
Patronosan Firmano
Giorno festivo11 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Montelupone
Montelupone
Montelupone – Mappa
Posizione del comune di Montelupone nella provincia di Macerata
Sito istituzionale

Montelupone (Mondelupó in dialetto maceratese) è un comune italiano di 3.577 abitanti[1] della provincia di Macerata nelle Marche.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il centro storico del comune di Montelupone ha un'altitudine di 272 metri s.l.m. e si estende per 34 km². Il territorio è composto dalle tipiche dolci colline marchigiane, si trova a 12 km dal mare Adriatico, a 13 km da Macerata, a 20 km da Loreto, a 9 km da Recanati e a 48 km da Ancona (capoluogo di regione). Confina con i paesi di Macerata, Recanati, Potenza Picena, Montecosaro e Morrovalle. Nella zona pianeggiante dove si trova la frazione San Firmano scorre il fiume Potenza.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa e Abbazia di San Firmano (986 d.C.): costruzione romanica con lunetta del portale a rilievo. Nella cripta è custodita una terracotta di Ambrogio della Robbia (1526); in sagrestia Crocifisso ligneo.
  • Porta medioevale del Cassero
  • Porta medioevale del Trebbio
  • Porta medioevale Santo Stefano
  • Porta medioevale Ulpiana
  • Chiesa e dal Convento di San Francesco (XIII - XVIII)
  • Palazzo Calcaterra (XIV-XVIII secolo)
  • Palazzo Tomassini (XIV-XVIII secolo)
  • Palazzo Tomassini - Barbarossa (XIV-XVIII secolo)
  • Palazzo Chigi-Celsi-De Santis (XIV-XVIII secolo)
  • Torre a puntone (XV secolo)
  • Palazzo Giachini (XV - XVIII secolo)
  • Chiesa di Santa Chiara (XV - XVIII)
  • Chiesa della Pietà (XV): antica chiesa Parrocchiale dedicata a San Giovanni Battista in platea.
  • Palazzo Comunale
  • Palazzo del Podestà e la Torre civica
  • Palazzo Narcisi - Magner (XVIII secolo)
  • Teatro Nicola degli Angeli.
Porta Ulpiana
La Piazza vista da via Bevilacqua

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Qualità della vita[modifica | modifica wikitesto]

  • Comune Riciclone 2011: un importante riconoscimento di Legambiente che premia Montelupone come primo comune del centro Italia, con popolazione inferiore a 10.000 abitanti, per la raccolta differenziata dei rifiuti[4]
  • I borghi più belli d'Italia: circuito di piccoli centri abitati caratterizzati da uno "spiccato interesse storico e artistico"[5]
  • Bandiera arancione: riconoscimento del Touring Club Italiano ai piccoli comuni dell'entroterra italiano (massimo 15.000 abitanti) che si distinguono per un'offerta di eccellenza e un'accoglienza di qualità.[6]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

  • Archivio storico
  • Biblioteca comunale
  • Biblioteca parrocchia Santi Pietro e Paolo
  • Centro multimediale Leonardo da Vinci

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Pinacoteca civica: vi si conservano opere realizzate da artisti quali il fiammingo Ernest Van Schayck, Pier Paolo Jacometti, dipinti di scuola del Lotto. Vi sono poi opere lignee marchigiane, arredi sacri, reperti archeologici di epoca romana e picena. Inoltre opere di artisti monteluponesi contemporanei.
  • Museo demo-antropologico d'arte e mestieri antichi: vi sono esposti attrezzi e strumenti di lavoro riferibili agli antichi mestieri artigianali del territorio della fascia medio-collinare marchigiana.
  • Museo nazionale della campagna dell'Agro Romano per la liberazione di Roma 1867. È stato realizzato nel 1905 in comune di Mentana (Roma), luogo della conclusione della campagna dell'Agro Romano il 3 novembre 1867. Conserva testimonianze del volontario garibaldino Pietro Giovagnetti, 20 anni, caduto a Mentana il 3 novembre 1867. Una lapide lo ricorda all'interno del Palazzo comunale di Montelupone. Accanto al Museo nazionale di Mentana c'è l'Ara-ossario con i 300 volontari caduti nella Campagna risorgimentale del 1867.[7]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Festa del Patrono San Firmano[modifica | modifica wikitesto]

Si celebra l'11 marzo di ogni anno, giorno della morte del Santo. Le manifestazioni religiose si protraggono per diversi giorni e culminano con una solenne processione con le reliquie di San Firmano per le vie della frazione. Nel 1986 è stato celebrato il Millenario dell'arrivo di San Firmano in questa Abbazia con iniziative di grande rilievo, tra le quali un convegno sulle abbazie benedettine della provincia di Macerata e la realizzazione di una guida sul complesso abbaziale.

Sagra del carciofo di Montelupone[modifica | modifica wikitesto]

Si svolge dal 1961 durante il primo fine settimana di Maggio. L'associazione Pro Loco prepara il carciofo esclusivamente monteluponese per la degustazione, accompagnata da musica e folklore. Questa manifestazione storica richiama ogni anno nel Borgo migliaia di persone attirate da questo prodotto tipico eccellente, del quale negli anni si è lavorato ad una caratterizzazione agronomica, produttiva e nutrizionale che ne mettesse in luce il suo sapore delicato e inconfondibile e permettesse di creare delle colture certificate.

Voto alla Madonna[modifica | modifica wikitesto]

La festa del voto alla Madonna si tiene nel mese di Maggio, nella domenica più vicina al giorno 20. Una celebrazione che ha le sue radici nel 1893, quando il territorio di Montelupone fu investito da una grave siccità. I monteluponesi, rivolsero le loro preghiere alla Vergine Addolorata, alla quale era stato dedicato un altare laterale della Chiesa Collegiata. Alla fine la pioggia arrivò, e ciò fu visto come un segno di benevolenza della Madonna: per questo si "fece voto" di ricordare in perpetuo – solennemente – tale grazia, con celebrazioni liturgiche e processione solenne.

Festival della pizza[modifica | modifica wikitesto]

La manifestazione si svolge nel mese di Luglio nello storico parco Franchi situato nell'antico cassero del centro medioevale. I migliori pizzaioli locali preparano pizze cotte su forni a legna.

Apimarche[modifica | modifica wikitesto]

Mostra mercato di apicoltura. Appuntamento regionale per la valorizzazione del miele marchigiano e di tutti i prodotti dell'alveare, con convegni, laboratori, mostre, spettacoli e musica. Si svolge l'ultimo fine settimana di Agosto.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività economiche più tradizionali, diffuse e attive vi sono quelle artigianali, come la rinomata produzione di articoli per arredamento, in vimini o in midollino.[8]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Versione aulica dello stemma civico

Il Comune di Montelupone è amministrato dal 2014 da una lista civica di centrosinistra, guidata dal dott. Rolando Pecora (che era già stato sindaco 20 anni prima).

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 13 giugno 1999 Rolando Pecora Lista civica Sindaco
13 giugno 1999 12 giugno 2004 Nazareno Agostini Lista civica Sindaco
12 giugno 2004 7 giugno 2009 Nazareno Agostini Lista civica Sindaco
7 giugno 2009 26 maggio 2014 Giuseppe Ripani Lista civica Sindaco
26 maggio 2014 in carica Rolando Pecora Lista civica Sindaco

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Frazioni: San Firmano
  • Contrade: Aneto/Becerica, Canneggiano, Case Bruciate, Castelletta, Cervare, Colle Forche, Fonte Pianella, Fonterosa, Isola, Montenovo, San Martino, San Matteo, Sant'Agostino Sbarre, Sbarre, Molino

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Montelupone è gemellato sportivamente con il comune di Huy in riferimento a due analoghi percorsi in salita di ciclismo detti "muri" : "Muro di Huy" e "Muro di Montelupone". Il termine "Muro di Montelupone" è stato coniato in occasione dell'arrivo in paese della 3ª tappa, Gubbio > Montelupone, della famosa corsa Tirreno-Adriatico il 14 marzo 2008. L'arrivo fu ripetuto anche l'anno successivo il 13 marzo 2009 nella 4ª tappa Foligno > Montelupone.[9][10] Esiste inoltre un patto di amicizia tra il comune di Montelupone e la cittadina ceca di Pölnicka nell'ambito dell'iniziativa europea "I comuni d'Europa" dopo che la Repubblica Ceca è entrata a far parte dell'UE.[11]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Diverse sono le associazioni sportive monteluponesi, tra cui:

  • Unione Sportiva Monteluponese
  • Società Pallavolo Vittorio Bachelet
  • Motoclub Palazzesi
  • Gruppo Podistico AVIS
  • Federcaccia
  • Ass.ne Motociclistica Montelupone
  • Unione Nazionale Veterani dello Sport
  • Gruppo Arti Marziali Kokusan Ryu
  • Gruppo Ciclistico Emmeci

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio locale è la U.S.D. Monteluponese (guidata dal Presidente Gianluca Baiocco) che milita nel campionato regionale di Prima Categoria. Il Montelupone C5 invece disputa il campionato di Serie C2 di calcio a 5 girone B.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN244745073
Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche