Torregrotta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Torregrotta
comune
Torregrotta – Stemma Torregrotta – Bandiera
Torregrotta – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Messina-Stemma.png Messina
Sindaco Antonino Caselli (lista civica) dal 29/05/2011
Data di istituzione 21 ottobre 1923[1]
Territorio
Coordinate 38°12′00″N 15°21′00″E / 38.2°N 15.35°E38.2; 15.35 (Torregrotta)Coordinate: 38°12′00″N 15°21′00″E / 38.2°N 15.35°E38.2; 15.35 (Torregrotta)
Altitudine 44 m s.l.m.
Superficie 4,22 km²
Abitanti 7 449[2] (31-12-2012)
Densità 1 765,17 ab./km²
Comuni confinanti Monforte San Giorgio, Roccavaldina, Valdina
Altre informazioni
Cod. postale 98040
Prefisso 090
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 083098
Cod. catastale L271
Targa ME
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona B, 702 GG[3]
Nome abitanti torresi
Patrono San Paolino Vescovo
Giorno festivo 22 giugno
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Torregrotta
Posizione del comune di Torregrotta nella provincia di Messina
Posizione del comune di Torregrotta nella provincia di Messina
Sito istituzionale

Torregrotta (IPA: [tɔrre'grɔtta], Turri in siciliano) è un comune italiano di 7 449 abitanti[2] della provincia di Messina in Sicilia.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Il territorio di Torregrotta è situato lungo la costa settentrionale della Sicilia, nella valle del Niceto, e si prolunga a sud verso le propaggini collinari dei Monti Peloritani[4][5]. Con la sua estensione di 4,22 km²[6][5], è il secondo più piccolo territorio tra i comuni della valle, preceduto solo da Valdina (2,75 km²), ed uno dei più piccoli della Provincia di Messina[7]. Ha per limiti naturali i torrenti Caracciolo (Est), Sottocatena (Sud), Bagheria (Sud-Ovest), Lavina[8] (Ovest) e il Mar Tirreno (Nord)[5]; confina inoltre con i seguenti comuni: Valdina ad oriente, Roccavaldina a meridione, Monforte San Giorgio a meridione e ad occidente[5][4]. L’andamento dei margini amministrativi ricorda la figura di un quadrilatero dalla sagoma pressappoco rettangolare, le cui dimensioni sono di 3700 m in senso Latitudinale e di 1.150 m in quello Longitudinale[6].

La gran parte del suolo torrese, circa il 70%, è morfologicamente pianeggiante[6], con pendenze che non superano il 5%[9]. La pianura, oltre a comprendere la fascia costiera, si spinge verso l’interno sino al torrente Bagheria[5] e costituisce la porzione più orientale della valle solcata dal fiume Niceto[10]. La zona collinare, delimitata ad oriente dalla valle e ad occidente dal rio Caracciolo, è invece formata dal crinale che degrada verso la marina[5] e, nel settore centro-settentrionale, è modificata da diverse cave di argilla che per lungo tempo sono state utilizzare in maniera considerevole dall’industria dei laterizi[5]. Il litorale si estende per circa 1200 m[6] e si presenta con spiagge basse e sabbiose[11], dall’aspetto e dall’estensione variabili nel corso del tempo[12].

La città si sviluppa nella piana, prevalentemente in senso latitudinale e senza soluzione di continuità, dalla costa fino al confine meridionale, e trasversalmente nelle adiacenze della strada statale 113[6]. L'altitudine del centro abitato, compresa tra 3 e 50 m s.l.m.[6], è ufficialmente indicata in 44 m s.l.m. poiché a tale quota sorge la casa comunale[13]. L'escursione altimetrica dell'intero territorio torrese varia invece dal livello del mare al punto collinare più alto, a sud-est dell'abitato, a quota 193 m s.l.m.[14].

Idrografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Niceto.

La valle nella quale sorge Torregrotta fa parte del bacino idrografico del torrente Niceto[10][15] che è annoverato tra i principali corsi d’acqua dei monti Peloritani per valore storico e naturalistico[16]. Il Niceto tuttavia non attraversa il territorio comunale scorrendo poco oltre il confine amministrativo occidentale, a breve distanza dall’abitato[10]. Ad oriente, al di là dell’appendice collinare, il suolo è solcato dal rio Caracciolo che per tutto il suo corso, lungo soltanto 4,9 km[17], separa Torregrotta dal comune di Valdina sfociando nel mar Tirreno[10], e nel cui bacino rientra in parte il territorio torrese[18]. Oltre al Caracciolo, diversi sono i corsi d’acqua minori che interessano il territorio comunale tra i quali il Bagheria, principale affluente del Niceto[19] e limite territoriale con il comune di Monforte San Giorgio per circa 600 m[10]. Affluenti del Bagheria sono il torrente Sottocatena[19], che segna parte del confine con il comune di Roccavaldina[10], e il rio Granatara[19] che scorre nei pressi del quartiere Grotta[10]. Triburario del mar tirreno è invece il Lavina, piccolo ruscello che scorre nelle adiacenze della costa al confine con il comune di Monforte San Giorgio[8]. Tutti i succitati corpi idrici minori sono asciutti per gran parte dell’anno costituendo soltanto dei fossati di compluvio[20]. Fa eccezione il torrente Bagheria che grazie ad un reticolo idrografico complesso presenta un regime idrologico di tipo torrentizio, tipico delle fiumare, con piene nella stagione invernale e periodi di magra o di secca nella stagione estiva[10].

Le maggiori risorse idriche torresi si concentrano nelle falde acquifere del sottosuolo dal quale vengono estratte tramite pozzi e trivelle per rifornire l’acquedotto comunale e per l’irrigazione dei campi agricoli[21][20]. L’acquifero, che è alimentato in maniera diretta dalle piogge e dalle acque infiltrate in discesa dai monti[22], si caratteristica per la mutevole altezza del livello medio delle acque che varia in ragione delle proprietà locali del terreno, potendosi trovare poco al di sotto della superficie oppure raggiungere profondità di alcune decine di metri[21]. Inoltre il sistema di falde risulta isolato inferiormente da uno strato di materiale impermeabile composto da argille grigio-azzurro[21]. In estate, durante il periodo di magra dei torrenti, le acque di falda sorgono spontaneamente dal suolo formando diverse sorgenti naturali nei pressi della costa[16]; infatti, come dimostrato da alcuni studi[23], le precipitazioni che arricchiscono i bacini imbriferi, infiltrandosi nei terreni durante la stagione delle piogge (settembre – febbraio), impiegano circa sei mesi per raggiungere la piana costiera[16]. Il fenomeno fu noto fin dal periodo romano, raccontato da Plinio il Vecchio[24]:

(LA)
« In Sicilia quidem circa Messanam et Mylas hieme in totum inarescunt fontes, aestate exundant amnemque faciunt. »
(IT)
« In Sicilia tra Messina e Milazzo d’inverno le fonti inaridiscono completamente, d’estate traboccano e creano corrente. »
(Plinio il Vecchio, Naturalis historia, XXXI, 28)

Alla fine del XIX secolo, durante i lavori di bonifica della zona costiera, gran parte delle sorgenti vennero canalizzate con dei fossati chiamati saie presso i quali, fino al secolo scorso, si svolgeva il folcloristico rito del lavaggio della lana che sarebbe poi servita per allestire materassi e cuscini casalinghi[16].

Geologia[modifica | modifica sorgente]

L'intero centro abitato sorge su uno strato di depositi alluvionali olocenici (alluvioni recenti) costituiti da sedimenti clastici in particolare da sabbie, spesso limose, al cui interno si ritrovano ghiaie e ciottoli provenienti da rocce metamorfiche[11]. La loro formazione è frutto dell'azione di incisione degli attuali corsi d'acqua i quali nel tempo hanno trasportato e depositato a valle i frammenti di rocce erose in montagna dagli agenti esogeni[11]. Le alluvioni recenti si estendono ricoprendo tutta la parte pianeggiante, con uno spessore variabile che può superare anche i 30 metri[11]. Lo strato più superficiale, spesso circa 1 m, è costituito da suolo agrario ricco di humus, materiale organico e sostanze nutritive[25]. La parte orientale del territorio torrese è dominata da compatte stratificazioni di argille dal colore grigio-azzurro, talora profonde oltre 100 metri, nelle quali sono interposte lamine siltose[26]. Le argille torresi, che costituiscono la formazione più diffusa in superficie dopo le alluvioni recenti, sono adatte alla produzione di laterizi grazie alle buone caratteristiche del materiale[26]. Nelle zone collinari della contrada Maddalena, in affiancamento laterale alle argille, affiorano calcareniti e sabbie organogene dal colore grigio-giallastro che presentano stratificazione incrociata e consistenza variabile[26]. Al loro interno contengono inoltre associazioni a nannoflore e foraminiferi planctonici[26]. Le argille e le formazioni organogene formano il substrato sul quale poggiano le alluvioni recenti[11] e sulla cima delle colline sono mozzate da terrazzamenti marini composti da silt, ghiaie ed altri aggregati di origine cristallina[11]. Nella porzione meridionale del territorio comunale emergono in superficie diverse formazioni geologiche: a ridosso delle sponde del torrente Caracciolo si ritrova una fascia di trubi composta da calcari marnosi e marne calcaree la cui caratteristica peculiare è l’elevato numero di fessurazioni generalmente riempite di pelite[26]. A poca distanza del quartiere Grotta affiorano invece formazioni di calcare evaporitico di colore biancastro[27] che poggiano su stratificazioni di sedimenti in cui si alternano rocce arenarie di medie dimensioni, talvolta dissolvendosi in sabbie, e strati argillosi[28]. La formazione geologica più profonda, sovrastata da tutte le precedenti, è rappresentata dalle metamorfici dell’unità dell’Aspromonte dominati da paragneiss interposti a metafemiti[28]. I letti dei torrenti e le spiagge sono costituite dalle alluvioni attuali ovvero materiali trasportati e depositati dalle acque dei corsi d’acqua o dal moto ondoso del mare[29]. Nel primo caso si tratta di sedimenti formati da ghiaia e sabbia con ciottoli e frammenti di rocce di diverse dimensioni; nel secondo caso di depositi sabbiosi[29]. Le formazioni geologiche temporalmente più recenti sono i detriti di falda che possono essere rintracciati in una limitata porzione di versante collinare e sono formati da materiali sabbiosi e limosi[30]. In sintesi la stratigrafia del sottosuolo torrese comprende la seguente successione di strutture geologiche[30]:

Dal punto di vista tettonico, l’area sulla quale sorge Torregrotta ha attraversato una prima fase di spostamenti orogenici delle formazioni più basse e, a partire dal miocene, un processo di sollevamento dei terreni[31] testimoniato dai terrazzamenti marini presenti sulle alture[11]. Ciò ha comportato l’attivazione di fenomeni erosivi e la creazione di faglie distensive[31] delle quali, tuttavia, non esistono testimonianze storiche di movimenti[32]. I principali terremoti che hanno coinvolto la città sono sempre stati originati dalle sorgenti sismogenetiche dell'Arco Calabro-Peloritano[33]. Secondo la classificazione sismica del territorio nazionale italiano, Torregrotta è così classificata[34]:

  • Zona 2 (sismicità media), Ordinanza PCM n. 3274 del 20/03/2003

Clima[modifica | modifica sorgente]

Torregrotta gode di un tipico clima temperato caldo[35] che ad estati calde alterna inverni non eccessivamente freddi, con stagioni intermedie miti e confortevoli[36]. In base alle rilevazioni pluriennali della locale stazione meteorologica[37], la temperatura media annua si attesta intorno ai 17.9 °C; il mese più freddo risulta essere febbraio, con una temperatura media di 10.7 °C, il mese più caldo agosto, con una temperatura media di 25.6 °C. In estate le temperature possono raggiungere i 40 °C ma in casi rari e in inverno non scendono quasi mai al di sotto dei 0 °C[38]. Moderate sono le escursioni termiche stagionali che oscillano fra i 6 °C e gli 8 °C[38]. A Torregrotta le precipitazioni piovose annuali si attestano sui 934.5 mm medi di pioggia[37] che raramente si trasformano in fenomeni grandigeni o in nevicate[39], l’ultima delle quali si è verificata nel gennaio 1999[40]. La stagione delle piogge è quella compresa tra autunno e prima parte della primavera[39]; tuttavia le precipitazioni risultano irregolari sia in quantità annuale sia in distribuzione giornaliera, spesso caratterizzate da elevati accumuli in ristretti intervalli di tempo[36]. Soltanto il 25 - 30% della pioggia totale annua cade nel periodo tardo-primaverile e in estate che risulta la stagione più siccitosa[39][41]. Durante l’anno solare Torregrotta è spesso caratterizzata da giornate ventose. Il maestrale è il vento più ricorrente e nelle fasi più intense è accompagnato da violente mareggiate. Periodici sono anche il libeccio e lo scirocco[42].

Torregrotta
(2003-2011)[37]
Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 15,9 15,2 17,3 20,8 24,6 28,5 31,1 31,3 28,0 25,1 20,6 17,2 16,1 20,9 30,3 24,6 23,0
T. mediaC) 11,5 10,7 12,3 15,6 19,1 22,7 25,3 25,6 22,9 19,9 15,8 12,9 11,7 15,7 24,5 19,5 17,9
T. min. mediaC) 7,2 6,2 7,4 10,4 13,5 17,0 19,5 20,0 17,8 14,8 10,9 8,6 7,3 10,4 18,8 14,5 12,8
T. max. assolutaC) 21,9
(2011)
26,1
(2010)
30,5
(2005)
32,2
(2003)
39,3
(2006)
43,5
(2007)
42,7
(2007)
41,5
(2007)
36,6
(2008)
33,8
(2003)
29,9
(2004)
28,2
(2010)
28,2 39,3 43,5 36,6 43,5
T. min. assolutaC) 0,4
(2005)
0,7
(2005)
1,7
(2005)
4,6
(2006)
7,9
(2004)
10,7
(2006)
15,9
(2004)
15,4
(2006)
13,1
(2004)
8,2
(2011)
3,2
(2005)
0,1
(2005)
0,1 1,7 10,7 3,2 0,1
Precipitazioni (mm) 114,5 105,1 83,5 68,0 21,3 33,5 7,6 17,5 98,1 93,9 158,0 133,5 353,1 172,8 58,6 350,0 934,5
Umidità relativa media (%) 74,6 69,6 70,8 69,0 65,9 65,9 62,4 63,9 70,1 74,6 74,5 73,9 72,7 68,6 64,1 73,1 69,6

La stazione meteorologica di Torregrotta è attiva dal 1º gennaio 2002[43] e fa parte della rete SIAS[43] della Regione Siciliana e della rete nazionale SINAnet[44] gestita dall’ISPRA. Secondo la classificazione climatica dei comuni italiani, Torregrotta è così classificata[45]:

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Torregrotta.

L’assenza di rinvenimenti archeologici non ha permesso di chiarire se in territorio torrese vi fosse un insediamento umano permanente durante l’età antica[46]. L’ipotesi più accreditata dagli storici è che la zona fosse inizialmente frequentata dai Sicani[47] e che la fertilità del suolo, unita all’abbondanza d’acqua garantita dal Niceto, favorirono l’insediamento umano nel periodo ellenico con la formazione di villaggi contadini[48][46]. Successivamente, in epoca romana, la presenza di almeno un piccolo centro abitato è ritenuto altamente probabile poiché furono creati dei latifondi amministrati da un tribuno oppure, secondo una tesi più recente, da alcuni ricchi romani[49]. Caduto l’Impero Romano, l’area torrese fu occupata dagli Ostrogoti e successivamente dai Bizantini assumendo la denominazione di Casale del Conte[50]. Il Casale fu un piccolo centro agricolo[51] raso al suolo dai Saraceni intorno all’anno 870[52]. Gli arabi preferirono insediarsi nell’odierna contrada Radali[53] e durante la loro dominazione, che durò fino alla conquista normanna del 1061[54], il territorio torrese venne chiamato Rachal Elmelum[53]. Nel marzo del 1168 il Re normanno Guglielmo II e sua madre, Margherita di Navarra, diedero in dono l’antico Casale bizantino al monastero di Santa Maria della Scala di Messina[55][56] creando l’entità territoriale che sarebbe passata alla storia come feudo di Santa Maria della Scala[57]. Quest’ultimo comprendeva la quasi totalità del territorio torrese e in parte quello di Valdina[58]. La concessione fu riconfermata dai successori Enrico VI e Costanza I, e poi per ben due volte, nel 1209 e nel 1221, dall’imperatore svevo Federico II[59]. Durante il regno di quest’ultimo, il feudo su usurpato dal giudice messinese Afranione de Porta e in seguito da altri cittadini messinesi, ritornando in possesso del monastero nel 1289[60].

Simboli[modifica | modifica sorgente]

Stemma del Comune

Lo stemma e il gonfalone cittadino, approvati con deliberazione del Consiglio Comunale n. 84 dell’11 novembre 1977, sono stati ufficialmente concessi con Decreto del presidente della Repubblica in data 15 marzo 1978[61]. La blasonatura, così come riportata nel D.P.R. di concessione, è la seguente[61]:

« Inquartato in croce di Sant'Andrea: il primo di azzurro ad un albero d'ulivo sradicato d'oro; il secondo d'oro ad un grappolo d'uva nera fogliato al naturale; il terzo d'oro ad una spiga di grano di verde posta in palo; il quarto di rosso ad una pecora d'argento. Ornamenti esteriori da Comune »
(Descrizione araldica dello stemma)
« Drappo troncato di rosso e d'azzurro, riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento: Comune di Torregrotta. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L’asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta e nastri tricolori dai colori nazionali frangiati d’argento. »
(Descrizione araldica del gonfalone)

Lo stemma di Torregrotta è l’emblema figurativo delle origini contadine della città, simboleggiando nelle quattro figure predominanti – uva, spiga, ulivo e pecora – i prodotti legati all’attività agricola e all’allevamento che per lungo tempo hanno costituito la principale fonte di prosperità per i Torresi[61]. La sintesi figurata delle vicende storiche del territorio torrese è invece delineata nello stemma storico della città proposto da un gruppo di studiosi nel 1993 con la seguente blasonatura[62]:

« Partito: il primo d’oro ad un mezzo busto di Madonna della Scala con la dicitura: “Mater Domini”, sostenuto da una fascia d’argento, con la scritta in nero: “Concedimus et donamus Casale quod dicitur Comitis”; campagna d’azzurro mareggiata d’argento; il secondo d’azzurro alla bordura d’oro, ad una torre rotonda d’argento aperta sopra una campagna di verde. »
(Descrizione araldica dello stemma storico)

La simbologia utilizzata esprime nell’icona Mariana il feudo di Santa Maria della Scala e nella torre, che costituisce richiamo all’edificio da cui ha avuto origine il toponimo, il casato dei Valdina[62]. L’accostamento delle due figure rappresenta anche l'unicità dell’odierna città[62].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

La chiesa di San Paolino Vescovo

Architetture Religiose[modifica | modifica sorgente]

  • Chiesa di San Paolino Vescovo. Inaugurata il 29 giugno 1943[63] in via Mezzasalma, custodisce al suo interno una tela del 1671 raffigurante la Deposizione di Cristo dalla Croce[64] che originariamente adornava l’altare dell’antica chiesa di San Paolino, già chiesa di Maria SS. della Pietà[65]. Da quest’ultimo edificio, ormai demolito, proviene anche una campana del 1886 ancora funzionante[66]. Nel 2010 la chiesa è stata ristrutturata e nella facciata è stata collocata una vetrata che raffigura San Paolino[67].
  • Chiesa di Santa Maria della Scala. Aperta ai fedeli il 10 aprile 1976, sorge sull’omonima piazza ed è stata dedicata il 10 ottobre dello stesso anno[68]. La chiesa è erede del plurisecolare culto torrese per la Vergine della Scala, il cui antico tempio religioso si suppone dovesse trovarsi nel centro storico[69].
  • Chiesa del Santissimo Crocifisso. Fu consacrata e aperta al culto il 22 gennaio 1925 in occasione dell’inaugurazione dell’istituto Figlie del Divino Zelo di cui fa parte[70]. Negli anni settanta ha subito una importante opera di ristrutturazione con l’aggiunta di un ulteriore corpo e la sostituzione del tetto in legno con un solaio in cemento armato[71][72]. Conserva all’interno quattro statue lignee tra le quali quella della Madonna del Tindari del 1925[71].
  • Chiesa di San Cristoforo. L’epoca di edificazione è incerta, probabilmente di origini bizantine[65]. Dagli atti notarili risulta attiva almeno dall’inizio del XIX secolo[73]. Ne rimangono oggi solo le mura perimetrali lungo la via San Vito[73].

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

  • Torre del Castrum. Databile tra il XVI e il XVII secolo[74], fu una delle opere difensive del Castrum fatto edificare dall’imperatore Carlo V per proteggere i contadini che abitavano il Casale del Feudo di Santa Maria della Scala[75]. Nel corso del tempo ha subito diverse modificazioni e stravolgimenti ed oggi si presenta inglobata in abitazioni di epoche successive lungo la Via Trieste[8].
  • Arco merlato. Fu uno dei portali di accesso al Castrum cinquecentesco fatto edificare dall’imperatore Carlo V[65]. La sua costruzione è tuttavia successiva poiché sulla chiave di volta interna sono ancora visibili i numeri 6 5 0 ed è quindi databile al 1650[76]. Il portale è costituito da un arco a tutto sesto sormontato da una merlatura ghibellina. Si trova ai margini della via Mezzasalma.

Altro[modifica | modifica sorgente]

L'arco merlato secentesco di via Mezzasalma
  • Monumento ai caduti. Inaugurato il 7 settembre 1919[77] in memoria dei soldati Torresi caduti nella Prima guerra mondiale, è tra i più antichi d'Italia[78] e il primo sorto in Sicilia[77]. Realizzato interamente in marmo bianco, è composto da una parte inferiore a base quadrata sulla quale sono collocate quattro epigrafi commemorative e da una parte superiore a forma di obelisco.
  • Statua di San Pio da Pietrelcina. Realizzata interamente in bronzo dall’artista Prof. Giovanni De Pasquale, è stata inaugurata il 12 agosto 2001[79] nell'attuale Piazza Unità d’Italia.
  • Stemma mobiliare della famiglia Valdina. Posizionato ai margini della via Mezzasalma, secondo le ipotesi degli storici si trovava in origine sulla facciata di un edificio cinquecentesco oggi scomparso[80]. Lo scudo gentilizio che contiene lo stemma è scolpito su una lastra di marmo bianco ed ha la tipica forma di uno scudo siciliano inquartato[81]. Tre delle quattro parti che lo compongono sono analoghe a quelle dello stemma scolpito sulla tomba di Andrea Valdina nella chiesa madre di Roccavaldina[80]. Alla sinistra dello scudo sono incisi i numeri 1 e 5 ed è quindi databile alla seconda metà del XVI secolo[80].
  • Icone raffiguranti la Madonna della Scala. Scolpite su lastre di pietra arenaria delle dimensioni di 33 cm di larghezza e 45 cm di altezza, ebbero la funzione di marcare i confini dell’antico feudo di Santa Maria della Scala[82]. Delle sette icone presunte, ne rimangono oggi soltanto quattro: due in territorio torrese, in via dei Mille e in contrada Largari, due in territorio di Valdina[82].
  • Grotta rupestre. Si trova nei pressi della via San Vito[83].

Architetture scomparse[modifica | modifica sorgente]

  • Chiesa di Maria Santissima della Pietà. Fu edificata nella seconda metà del Seicento per volere del sacerdote Don Nicolò Bitto sul luogo ove oggi sorge il palazzo ex asilo infantile[65]. La facciata esterna era dominata da un orologio munito di meccanismo di ricarica accessibile dalla cantoria[84]. All’interno si trovavano un organo a canne e, sopra l’altare maggiore, un dipinto raffigurante la Deposizione, oggi custodito nella chiesa di San Paolino[84][65]. Scendendo nelle viscere dell’edificio si accedeva ad una cripta in cui erano sepolti dei cadaveri in abito talare e, secondo le testimonianze raccolte dagli storici, dovevano esistere anche diversi cunicoli sotterranei[84]. Fino al 1852 la chiesa di Maria SS. della Pietà fu soltanto un tempio rurale ma nello stesso anno l’Arcivescovo di Messina, su richiesta dei torresi, la elevò a sacramentale intitolandola a San Paolino Vescovo[65][85]. L’edificio venne chiuso e poi demolito poiché fatiscente, e sostituito dalla nuova chiesa di San Paolino[86].
  • Chiesa di Santa Maria Maddalena. Sorgeva nella omonima contrada torrese lungo l’antica via Maddalena e oggi ne rimane soltanto una piccola porzione di muro perimetrale[87]. L’edificio di culto e il complesso agricolo che la circondava furono attivi già sul finire del XVI secolo poiché a partire dal 1584 sono documentati scambi commerciali di bestiame e tessuti in occasione della festività di Maria Maddalena[88]. La chiesa, la cui funzionalità è accertata fino ad almeno il 1834[89], fu abbattuta intorno alla metà del XX secolo durante i lavori di costruzione della strada provinciale n.59[75][69], mentre è ignota la causa della scomparsa delle strutture agricole[89].
  • Chiesa trecentesca. Lungo via Trieste, incorporati in un edificio settecentesco ormai in rovina, vi sono tracce di una chiesa del XIV secolo di cui è ignoto il titolare[65]. Secondo le ipotesi degli storici potrebbe trattarsi dell’antico tempio religioso dedicato a Santa Maria della Scala[69].
  • Magazzinazzu. Chiamato anche Riposto della Torre[90], fu un edificio appartenuto all’antico Feudo di Santa Maria della Scala che sorgeva sulla via XXI ottobre nei pressi del monumento ai caduti e che fu abbattuto fra l’ottobre 1954 e il marzo 1955[91]. Sotto il rosone della facciata principale erano posizionate una grande icona marmorea raffigurante la Madonna della Scala e una lapide recante un'iscrizione latina che, secondo le ipotesi degli storici, doveva essere la concessione del re di Sicilia Guglielmo II del 1168[91].
  • Torre. Sorgeva lungo via Libertà[92].

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[93]

L’analisi dei dati censuari forniti dall’Istat evidenzia una incessante crescita della popolazione torrese[94] con significative variazioni percentuali relative[95], in particolar modo negli anni compresi tra i censimenti del 1971 e del 1991[96]. Nel periodo 1981-2001 l’incremento percentuale globale fu del 40,42%[95], valore largamente superiore rispetto ai dati di altri comuni della provincia con caratteristiche affini a Torregrotta (Barcellona Pozzo di Gotto, Brolo, Capo d’Orlando, Milazzo)[95], e in controtendenza rispetto al trend provinciale che vide un decremento pari al -1,03%[95]. Il cospicuo sviluppo demografico torrese si inserisce nel più ampio fenomeno dei flussi migratori dai comuni montani verso i centri costieri[97], risultando però preminente per una serie di fattori[98]:

  • La nascita e lo sviluppo del polo industriale del Mela.
  • La baricentrica collocazione geografica del comune nell’area costiera tra Villafranca Tirrena e Milazzo.
  • Un buon sistema di reti di trasporto che favorisce l’accessibilità verso i centri di maggiore dimensione.

Nonostante i dati del censimento 2001 abbiano fatto supporre che l’emigrazione verso la costa si sarebbe progressivamente ridotta[95], la tendenza alla crescita della popolazione torrese è proseguita anche grazie a nuovi movimenti migratori provenienti dall’estero[99] e per l’alto tasso di natalità che fa registrare valori positivi dei saldi naturali annuali[100]. L’emigrazione verso Torregrotta non ha prodotto sostanziali mutamenti nella distribuzione per età dei residenti poiché ha coinvolto nuclei familiari interi[94]. È invece aumentato il grado complessivo di alfabetizzazione, soprattutto nell’arco temporale 1971 - 2001, grazie all’incremento dei cittadini che hanno conseguito la laurea o il diploma[94]. Il tasso di disoccupazione, sia complessivo che giovanile, era nel 2001 apprezzabilmente più basso della media provinciale[94]. Al 31 dicembre 2010 Torregrotta è il 12º comune più popoloso della provincia di Messina[101], il secondo comune con il più alto tasso di natalità nella provincia[102] e il secondo comune più densamente popolato nella provincia[102], a conferma del ruolo di centro attrattore nei confronti della popolazione[103].

Etnie[modifica | modifica sorgente]

La popolazione straniera è molto limitata ma in costante aumento. Al 31 dicembre 2010, gli immigrati regolarmente residenti a Torregrotta sono 265, pari al 3,6%[99] dell'intera popolazione e con un incremento di 41 unità rispetto al 2009[104]. In particolare, i cittadini provenienti da paesi extra UE sono in numero di 108, mentre le prime 10 Nazionalità dopo gli Italiani risultano essere[104]:

Evoluzione storica della popolazione straniera residente
Anno Numero Note
2001 57 [105]
2006 97 [106]
2010 265 [104]

Fonte Istat 2010

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Biblioteche[modifica | modifica sorgente]

La biblioteca comunale possiede un patrimonio librario di 1846[107] volumi prevalentemente a carattere letterario e geografico. Nel maggio 2010 è stata trasferita nella nuova sede presso il Polo Servizi[108] dove periodicamente vengono ospitate anche mostre e corsi serali[109].

Scuole[modifica | modifica sorgente]

Torregrotta è sede di diverse scuole statali: tre scuole dell'infanzia, tre scuole primarie e una scuola secondaria di primo grado, tutte facenti parti del locale istituto comprensivo[110]. In città sono presenti anche due strutture private: una scuola dell'infanzia paritaria facente parte dell'Istituto "Figlie del Divino Zelo" e una scuola secondaria di secondo grado (Liceo socio-psicopedagogico)[111].

Persone legate a Torregrotta[modifica | modifica sorgente]

Piazza Giovanni Tripoli

A queste tre personalità sono dedicate due vie e una piazza della città.

Infrastrutture e Trasporti[modifica | modifica sorgente]

L'Autostrada A20 nei pressi di Torregrotta

Strade e autostrade[modifica | modifica sorgente]

Torregrotta è attraversata da tutte le grandi direttrici della dorsale tirrenica siciliana. L'Autostrada A20 Messina-Palermo attraversa il territorio comunale correndo in rilevato e superando mediante cavalcavia diverse vie cittadine. Anche la Strada statale 113 Settentrionale Sicula passa attraverso il centro urbano torrese e costituisce la principale via di collegamento con i centri costieri limitrofi e con i più vicini svincoli autostradali[4]. Un'altra strada a grande scorrimento[119] è l’asse viario ASI (Milazzo - Torregrotta) che dipartendosi nei pressi dello svincolo autostradale di Milazzo attraversa la zona industriale del Mela e termina a Torregrotta[120]. Diverse arterie provinciali che interessano il comune permettono il collegamento con i paesi collinari circostanti: la strada provinciale n.59 unisce Torregrotta a Roccavaldina mentre la strada provinciale n.60 permette di raggiungere dopo alcuni chilometri Monforte San Giorgio.

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione di Torregrotta e Stazione di Roccavaldina-Scala-Torregrotta.
La stazione ferroviaria di Torregrotta di sera

Torregrotta è dotata di una stazione ferroviaria sita sulla linea Palermo-Messina[121]. L’impianto è stato aperto al traffico passeggeri nel 2009[122] sul nuovo tracciato a doppio binario che ha soppiantato, nello stesso anno, la vecchia linea ferrata a binario unico[123]. Fino all'8 agosto 2009[123], infatti, il servizio fu garantito dalla storica stazione ferroviaria, oggi riutilizzata a fini sociali[124], e che per lungo periodo fu dotata di uno «scalo merci di notevole importanza»[125]. La nuova stazione, che sorge a ridosso dell’Autostrada A20, svolge solo servizio viaggiatori ed è di fermata per buona parte dei treni regionali in circolazione sulla linea[126], garantendo collegamenti con il capoluogo provinciale e con le principali località della costa tirrenica siciliana. È inoltre a servizio di diversi paesi del circondario torrese[127] ai quali è collegata anche tramite due linee di autobus[128]. Durante il periodo estivo, parte del volume di traffico viene sostituito da turisti e villeggianti[129] che trascorrono le proprie vacanze a Torregrotta e nei centri vicini.

Mobilità urbana[modifica | modifica sorgente]

A causa dell'esiguità del centro urbano, a Torregrotta non sono presenti trasporti pubblici urbani. La cittadina è però servita da diverse autolinee private di autobus che la collegano con i centri limitrofi e con le principali località della provincia di Messina[128]. Fino al 1928[130] fu attiva la linea traviaria extraurbana Messina-Barcellona Pozzo di Gotto che prevedeva una fermata passeggeri anche a Torregrotta, al km 43[131], in prossimità dell'odierno incrocio fra Via Nazionale e Via XXI Ottobre[132].

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Hanno guidato l’amministrazione comunale di Torregrotta dal 1926 ad oggi[133]:

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1926 1930 Pietro Mezzasalma Podestà
1930 1933 Aurelio Coppolino Comm. pref.
1933 1935  ? Podestà
settembre 1935 ottobre 1935 G. Urso Comm. pref.
ottobre 1935 1936 G. Caliri Comm. pref.
1936 settembre 1943 Antonino Magno Podestà
ottobre 1943 novembre 1943 Gaetano Mezzasalma Sindaco
novembre 1943 dicembre 1943 Giuseppe Saladino Sindaco
7 dicembre 1943 1956 Giuseppe Saladino Sindaco
maggio 1956 ottobre 1964 Giovanni Tripoli Sindaco
novembre 1964 marzo 1966 Anna Scalia Tripoli Sindaco
marzo 1966 agosto 1967 Domenico Magliarditi Sindaco
agosto 1967 dicembre 1967 Andrea Nastasi Sindaco
gennaio 1968 settembre 1968 Traina Comm. pref.
ottobre 1968 novembre 1968 Pietro Antonazzo Comm. pref.
novembre 1968 novembre 1973 Domenico Magliarditi Democrazia Cristiana Sindaco
novembre 1973 giugno 1979 Domenico Magliarditi Democrazia Cristiana Sindaco
giugno 1979 giugno 1984 Domenico Magliarditi Democrazia Cristiana Sindaco
giugno 1984 maggio 1989 Domenico Magliarditi Democrazia Cristiana Sindaco
28 maggio 1989 maggio 1990 Domenico Magliarditi Democrazia Cristiana Sindaco
giugno 1990 agosto1990 Concetto Trifilò Sindaco
agosto 1990 aprile1991 Ennio Cosenza Sindaco
aprile 1991 15 dicembre 1992 Domenico Magliarditi Democrazia Cristiana Sindaco
16 dicembre 1992 22 dicembre 1993 Rosario Pisciotta Comm. pref.
23 dicembre 1993 29 novembre 1997 Angelo Coco Lista civica Sindaco
30 novembre 1997 25 maggio 2000 Antonino Caselli Lista civica Sindaco [134]
28 giugno 2000 25 novembre 2000 Grazia Bellia Comm. pref.
26 novembre 2000 29 dicembre 2003 Angelo Coco Lista civica Sindaco [135]
15 gennaio 2004 12 giugno 2004 Michele Cipolla Comm. pref.
13 giugno 2004 9 agosto 2005 Concetto Trifilò Lista civica Sindaco [136]
16 agosto 2005 10 giugno 2006 Carlo Casarrubea Comm. pref.
11 giugno 2006 28 maggio 2011 Antonino Caselli Lista civica Sindaco
29 maggio 2011 "in carica" Antonino Caselli Lista civica Sindaco [137]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Torregrotta è stato il primo Comune della provincia di Messina ad aver istituito il registro delle unioni civili[138] con deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 14 settembre 2012[139]. I cittadini aventi diritto di voto al 31 dicembre 2012 sono in numero di 6 730, di cui 3 231 uomini e 3 499 donne[140], ripartiti in 8 sezioni elettorali. Il comune di Torregrotta è ente socio dei seguenti consorzi (C) e società partecipate (S)[141]:

Tipo Partecipata Oneri finanziari
annuali (€)
Percentuale di
partecipazione
C Acavn 21.000 20,0%
C Asi - Consorzio per L'Area di Sviluppo Industriale - Provincia di Messina 4.000 1,0%
S Ato Me 2 SpA 0 2,7%
C Consorzio Acquedotto Niceto 63.000 25,0%
C Consorzio di Ripopolamento Ittico Villafranca-Pace del Mela 1.637 10,0%
C Ge.Se.A. Gestione Servizi Associati 0 25,0%
C Tirreno Ecosviluppo 2000 A.R.L. 1.540 6,7%
TOTALE 91.177 -

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

Sebbene sia lo sport più praticato e più seguito dai Torresi[142], non ha mai regalato grandi risultati, attestandosi a livelli dilettantistici medio-bassi. Tale penuria di risultati è stata legata non soltanto a capacità tecniche e agonistiche ma soprattutto a questioni di carattere economico[142].

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Uniforme di gara in casa dell’A.S.D. Torregrotta.

La maggiore società calcistica cittadina, fondata nel 1973, è l’A.S.D. Torregrotta che il 9 luglio 1996[143], dopo più di 25 anni di divisione calcistica, si è fusa con l'U.S.D. Juve Scala, altra realtà storica della città[144]. La principale attività del Torregrotta calcio viene svolta nel settore giovanile la cui scuola calcio è tra le poche riconosciute dalla FIGC in provincia di Messina[145]. La prima squadra milita attualmente nel campionato di Promozione e nella sua storia ha maturato come miglior risultato il 14º posto nel campionato di Eccellenza nella stagione 2002-03[146] ed è riuscita ad aggiudicarsi una coppa di categoria, il Trofeo “Tonino Caltagirone” di Prima Categoria, nella stagione 1997-98[147].

Il calcio a Torregrotta è inoltre promosso secondo i principi della morale cattolica dalle locali parrocchie, attraverso la partecipazione di proprie squadre amatoriali nei campionati C.S.I.[148].

Nel calcio femminile, per il breve periodo di tre stagioni consecutive è stata attiva la società S.S.F. Torregrotta che ha disputando due tornei di Serie C ed uno di Serie B nella stagione 2005-06[149] ottenuto dopo la storica vittoria del campionato di Serie C nella stagione 2004-05 battendo in finale play-off la Nissa per 5 a 0[150].

Atletica Leggera[modifica | modifica sorgente]

L’atletica leggera è il secondo sport più praticato in città, con 88 tesserati[151][152], grazie alla presenza di due associazioni sportive dilettantistiche[153]:

  • il G.S. Indomita, con oltre 50 anni di attività, è la società sportiva più antica di Torregrotta e nel corso della sua storia ha ricevuto diversi riconoscimenti, il più prestigioso dei quali è la Stella di bronzo al Merito Sportivo consegnata dal CONI nel 1988[154]. Dal 1953, anno di fondazione, ha spaziato la propria attività anche in altre discipline quali il tennistavolo, la pallamano, la pallavolo, il calcio e il ciclismo, e organizzato diversi eventi sportivi tra i quali i Meeting di corsa su strada[155].
  • l’A.S.D. Club Atletica Torrese, società fondata nel 1986, svolge la propria attività soprattutto nel settore femminile ed è in rapporti di stretta collaborazione con il G.S. Indomita[156].

Automobilismo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Slalom Torregrotta-Roccavaldina.

Le strade torresi sono scenario di due manifestazioni automobilistiche:

  • lo Slalom Torregrotta - Roccavaldina; evento di rilevanza nazionale, inserito nel calendario del Campionato Italiano Slalom, vede sfidarsi i migliori piloti italiani della disciplina slalom[157].
  • il Rally del Tirreno; gara di rilevanza locale, valevole per il Challenge di zona, si svolge in notturna lungo le strade di diversi comuni tirrenici della provincia di Messina. L’evento prevede tre prove speciali di cui una lungo la strada provinciale n.59 che unisce Torregrotta al paese di Roccavaldina[158]. Sempre a Torregrotta vengono effettuati i controlli a timbro, durante i quali diversi intrattenimenti per il pubblico consentono di vedere da vicino i piloti e le vetture[159].

Altri sport[modifica | modifica sorgente]

A Torregrotta sono presenti anche società sportive dilettantistiche[160] di sport considerati "minori" quali: Ciclismo, Tennis, Tennistavolo, Calcio a 5 e Danza sportiva. La città è stata diverse volte attraversata dal Giro d'Italia[161]: nel 1930, 1965, 1972, 1976, 1982, 1993, 1999 e nel 2008.

Impianti Sportivi[modifica | modifica sorgente]

Torregrotta è dotata dei seguenti principali impianti sportivi:

Lo Stadio Comunale Torrese di sera
  • Stadio Comunale; è l’impianto sportivo per il calcio e si trova lungo il viale Europa e la via Mezzasalma. L’unica tribuna centrale in cemento armato ha una capienza complessiva di 1500 spettatori[162] mentre il terreno di gioco, realizzato in erba sintetica, ha le dimensioni di 105 m di lunghezza per 62 m di larghezza[162]. Il Comunale è inoltre attrezzato di parcheggio auto e di illuminazione artificiale per la disputa di match in notturna[162]. Lo stadio è utilizzato per le gare casalinghe non solo dalla locale società di calcio ma anche da quelle società dei paesi del circondario che non dispongono di un rettangolo di gioco idoneo[163][164]. L’impianto fu realizzato negli anni ottanta del secolo scorso, subendo varie modifiche e ristrutturazioni nel corso del tempo. Nel 1998 furono migliorati i locali degli spogliatoi e la recinzione di campo mentre nel 2003 è stato realizzato il manto erboso sintetico[165] (in precedenza era in terra battuta). Nel 2007 ha ospitato la gara tra le nazionali under 18 di Spagna ed Egitto valevole per il 1º Torneo del Mediterraneo (25 - 29 settembre 2007)[166]. La partita terminò 0 a 0 (4 - 2 dcr)[167]. Prima della costruzione del Comunale, il calcio era praticato nel vecchio campo, oggi non più esistente, realizzato nel greto del torrente Bagheria, nei pressi del ponte di Cardà.
  • Cupola geodetica. (opera incompiuta)
  • Campo regolamentare per il tennis.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Coco, 1993, op. cit., p.13
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2012.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ a b c Maimone, 1993, op. cit., p.12
  5. ^ a b c d e f g Pinizzotto, 2005, op. cit., p.5
  6. ^ a b c d e f Maimone, 1993, op. cit., p.13
  7. ^ Elenco comuni in provincia di Messina per superficie, tuttitalia.it. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  8. ^ a b c Coco, 1993, op. cit., p.17
  9. ^ Maimone, 1993, op. cit., p.15
  10. ^ a b c d e f g h Pinizzotto, 2005, op. cit., p.15
  11. ^ a b c d e f g Pinizzotto, 2005, op. cit., p.8
  12. ^ Pinizzotto, 2005, op. cit., p.13
  13. ^ Torregrotta: Clima e Dati Geografici, comuni-italiani.it. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  14. ^ Maimone, 1993, op. cit., p.14
  15. ^ Bacino idrografico della fiumara di Niceto, 2004, op. cit., p. 12
  16. ^ a b c d Crisafulli, op. cit.
  17. ^ Enrico Foti, Torrente Caracciolo . Relazione idrologica e idraulica, catania, Università degli Studi di Catania, maggio 2012.
  18. ^ AA. VV., Area Territoriale tra i bacini T.te Saponara e F.ra Niceto, Regione Siciliana, 2006, p. 5. URL consultato il 21 agosto 2013.
  19. ^ a b c Bacino idrografico della fiumara di Niceto, 2004, op. cit., p. 19
  20. ^ a b Maimone, 1993, op. cit., p.17
  21. ^ a b c Pinizzotto, 2005, op. cit., p.24
  22. ^ Bacino idrografico della fiumara di Niceto, 2004, op. cit., p. 36
  23. ^ Domenico Ryolo, Notizie sul territorio di Milazzo. Falda acquifera e storia geologica, Rotary Club Milazzo, [1980].
  24. ^ (LA) Plinio il Vecchio, Naturalis historia, XXXI, 28. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  25. ^ Pinizzotto, 2005, op. cit., p.29
  26. ^ a b c d e Pinizzotto, 2005, op. cit., p.9
  27. ^ Pinizzotto, 2005, op. cit., pp.9-10
  28. ^ a b Pinizzotto, 2005, op. cit., p.10
  29. ^ a b Pinizzotto, 2005, op. cit., pp.7-8
  30. ^ a b Pinizzotto, 2005, op. cit., p.7
  31. ^ a b Pinizzotto, 2005, op. cit., pp.6-7
  32. ^ Pinizzotto, 2005, op. cit., pp.31-32
  33. ^ Storia sismica di Torregrotta, INGV. URL consultato il 27 agosto 2013.
  34. ^ Mappa della classificazione sismica dei comuni italiani, INGV. URL consultato il 27 agosto 2013.
  35. ^ Pinizzotto, 2005, op. cit., p.20
  36. ^ a b Pinizzotto, 2005, op. cit., p.16
  37. ^ a b c Dati stazione meteorologica di Torregrotta, SINA (Sistema Informativo Nazionale Ambientale). URL consultato il 9 luglio 2013.
  38. ^ a b Maimone, 1993, op. cit., p.21
  39. ^ a b c Maimone, 1993, op. cit., p.19
  40. ^ Che tempo faceva a Torregrotta, ilmeteo.it. URL consultato il 30 novembre 2011.
  41. ^ Pinizzotto, 2005, op. cit., p.19
  42. ^ Maimone, 1993, op. cit., p.22-23
  43. ^ a b Lista stazioni meteorologiche rete SIAS, Servizio Informativo Agrometeorologico Siciliano. URL consultato il 30 novembre 2011.
  44. ^ Stazioni SCIA SINAnet, SCIA SINAnet. URL consultato il 30 novembre 2011.
  45. ^ Pagina con le classificazioni climatiche dei comuni Siciliani, confedilizia.it. URL consultato il 30 novembre 2011.
  46. ^ a b Coco, 1993, op. cit., p.15
  47. ^ Pandolfo, 2002, op. cit., p.2
  48. ^ Micale, 2011, op. cit., p.31
  49. ^ Coco, 1993, op. cit., pp.16-17
  50. ^ Storia di Valdina, Sito ufficiale Comune di Valdina. URL consultato il 17 luglio 2013.
  51. ^ Gazzara, 2006, op. cit., p.56
  52. ^ Storia di Roccavaldina, Sito ufficiale Comune di Roccavaldina. URL consultato il 17 luglio 2013.
  53. ^ a b Coco, 1993, op. cit., p.9
  54. ^ Coco, 1993, op. cit., p.10
  55. ^ Coco, 1993, op. cit., p.63
  56. ^ Gazzara, 2006, op. cit., p.61
  57. ^ Coco, 1993, op. cit., p.14
  58. ^ Pandolfo, 1999, op. cit., pp.6-7
  59. ^ Coco, 1993, op. cit., pp.66-68
  60. ^ Coco, 1993, op. cit., p.69
  61. ^ a b c Coco, 1993, op. cit., p.125
  62. ^ a b c Coco, 1993, op. cit., p.127
  63. ^  Stampato ricordo inaugurazione chiesa parrocchiale S. Paolino. L'immagine è stata tratta da: facebook.com
  64. ^ La chiesa di San Paolino Vescovo sul sito istituzionale del Comune. URL consultato il 17 giugno 2013.
  65. ^ a b c d e f g Pandolfo, 1999, op. cit., p.8
  66. ^ Coco, 1993, op. cit., p.101
  67. ^ Mariella Di Giovanni, Realizzata una vetrata in onore di S. Paolino in Gazzetta del Sud, 18 luglio 2010.
  68. ^ Angelo Coco, Morto Padre Santo Trimarchi in Torregrotta Notizie, Comune di Torregrotta, - dicembre 2001, p. 2.
  69. ^ a b c Roberto Scibilia, Torre Sacra in Torregrotta Notizie, Comune di Torregrotta, - settembre 2001, pp. 10-11.
  70. ^ Coco, 1993, op. cit., p.118
  71. ^ a b Coco, 1993, op. cit., p.120
  72. ^ La chiesa del SS. Crocifisso sul sito istituzionale del Comune. URL consultato il 17 giugno 2013.
  73. ^ a b Coco, 1993, op. cit., p.113
  74. ^ Coco, 1993, op. cit., p.30
  75. ^ a b Pandolfo, 1999, op. cit., p.7
  76. ^ Pippo Pandolfo, Pietro Di Stefano, Granada ottobre 1526… Torregrotta ottobre 1923 in Torregrotta Notizie, - dicembre 2001, p. 11.
  77. ^ a b Coco, 1993, op. cit., p.123
  78. ^ Mariella Di Giovanni, L’omaggio ai caduti coinvolgerà l’Istituto Comprensivo in Gazzetta del Sud, 04 novembre 2013.
  79. ^ Inaugurata la statua del Beato Padre Pio in Torregrotta Notizie, - settembre 2001, p. 1.
  80. ^ a b c Coco, 1993, op. cit., p.29
  81. ^ Coco, 1993, op. cit., p.27
  82. ^ a b Coco, 1993, op. cit., p.32
  83. ^ Coco, 1993, op. cit., p.18
  84. ^ a b c Coco, 1993, op. cit., p.99
  85. ^ Coco, 1993, op. cit., pp.93-94
  86. ^ Pandolfo, 1999, op. cit., p.9
  87. ^ Coco, 1993, op. cit., p.85
  88. ^ Coco, 1993, op. cit., p.37
  89. ^ a b Coco, 1993, op. cit., p.89
  90. ^ Roberto Scibilia, Torre agricola in Torregrotta Notizie, - settembre 2002, p. 10.
  91. ^ a b Coco, 1993, op. cit., p.25
  92. ^ Coco, 1993, op. cit., p.17-18
  93. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  94. ^ a b c d Ministeri, 2009, op. cit., p.6
  95. ^ a b c d e Ministeri, 2009, op. cit., p.8
  96. ^ Maimone, 1993, op. cit., p.26
  97. ^ Ministeri, 2009, op. cit., p.5
  98. ^ Ministeri, 2009, op. cit., p.7
  99. ^ a b Cittadini stranieri a Torregrotta, comuni-italiani.it. URL consultato il 4 novembre 2012.
  100. ^ Bilanci demografici Torregrotta, comuni-italiani.it. URL consultato il 4 novembre 2012.
  101. ^ Elenco comuni in provincia di Messina per popolazione, tuttitalia.it. URL consultato il 4 novembre 2012.
  102. ^ a b Torregrotta: posizione nelle classifiche, comuni-italiani.it. URL consultato il 4 novembre 2012.
  103. ^ Emanuela Pascuzzi, La distanza sociale. Politica e società a Messina, Milano, Franco Angeli s.r.l., 2010, p. 72. URL consultato il 4 novembre 2012.
  104. ^ a b c Cittadini stranieri a Torregrotta. Dati Istat all'31/12/2010. URL consultato il 30 novembre 2011.
  105. ^ Cittadini stranieri a Torregrotta. Dati Istat all'31/12/2001. URL consultato il 5 maggio 2011.
  106. ^ Cittadini stranieri a Torregrotta. Dati Istat all'31/12/2006. URL consultato il 5 maggio 2011.
  107. ^ Dati biblioteca comunale al 1996. URL consultato il 15 febbraio 2012.
  108. ^ m.d.g, Aperto al pubblico il "Polo dei servizi" con una serie di mostre in Gazzetta del Sud, 19 maggio 2010.
  109. ^ Biblioteca comunale sul sito ufficiale. URL consultato il 27 agosto 2012.
  110. ^ Ubicazione e dati dell'Istituto Comprensivo Torregrotta. URL consultato il 27 agosto 2012.
  111. ^ Lista Scuole a Torregrotta. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  112. ^ Loredana Portaro, Uscite e vedete cosa riuscite a trovare… in Torregrotta Notizie, - settembre 2001, p. 3.
  113. ^ a b Luigi Bacialli, Breve biografia di Pasquale Sfameni. URL consultato il 9 luglio 2013.
  114. ^ a b Coco, 1993, op. cit., p.55
  115. ^ Serie dei Rettori dell’Università di Bologna. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  116. ^ a b Mariella Di Giovanni, La figura del prof. Pasquale Sfameni. Luminare di origine torrese al servizio della scienza in Torregrotta Notizie, - giugno 1997, p. 7-9.
  117. ^ Premio internazionale Prof.Pasquale Sfameni. URL consultato il 9 luglio 2013.
  118. ^ Istituto di clinica ostetricia e ginecologia di Bologna. URL consultato il 9 luglio 2013.
  119. ^ Katia La Rosa, Giammoro - Riqualificazione dell’asse, presentato un progetto in Gazzetta del Sud, 7 agosto 2012.
  120. ^ Strade in esercizio nell’agglomerato industriale di Milazzo, Sito ufficiale A.S.I.. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  121. ^ Fascicolo linea: Messina C.le – Palermo C.le. URL consultato il 1º marzo 2013.
  122. ^ Linea Messina - Palermo, operative da lunedì le nuove stazioni di Spadafora e Torregrotta in fsnews.it, 19 novembre 2009. URL consultato il 1º marzo 2013.
  123. ^ a b Chiude la linea storica Palemo-Messina tra Rometta e Pace del Mela in ilpendolaremagazine.it, 04 agosto 2009. URL consultato il 1º marzo 2013.
  124. ^ Maria Polito, Inaugurato il centro sociale A.V.U.L.S.S. - Una seconda vita per l’ex stazione ferroviaria di Roccavaldina Scala Torregrotta in Torregrotta Notizie, - dicembre 2002, p. 5.
  125. ^ Coco, 1993, op. cit., p.57
  126. ^ Quadro orario Stazione di Torregrotta. URL consultato il 1º marzo 2013.
  127. ^ Mariella Di Giovanni, Consiglio compatto: interventi immediati per abbattere le barriere architettoniche in Gazzetta del Sud, 03 febbraio 2013, p. 36.
  128. ^ a b Regione Siciliana: destinazioni autolinee. URL consultato il 1º marzo 2013.
  129. ^ Riccardo D'Andrea, La Metroferrovia "estiva" tra alti e bassi in Gazzetta del Sud, 19 agosto 2011. URL consultato il 22 agosto 2011.
  130. ^ Linee extraurbane a vapore. URL consultato il 14 gennaio 2011.
  131. ^ AA.VV., Messina com'era. Guida del 1902. Messina e dintorni, Messina, ediz. Libreria Bonanzinga, [1973].
  132. ^ Coco, 1993, op. cit., p.55
  133. ^ Lista composizioni amministrative dal 1926 al 2013, Comune di Torregrotta. URL consultato il 20 ottobre 2013.
  134. ^ Decade dalla carica in seguito a mozione di sfiducia.
  135. ^ Decade dalla carica in seguito a mozione di sfiducia.
  136. ^ Lascia la carica in seguito a dimissioni.
  137. ^ Due mandati consecutivi. Rieletto il 29 maggio 2011.
  138. ^ Eleonora Corace, Il Comune di Torregrotta approva il registro delle Unioni Civili. È il primo in tutta la provincia in tempo stretto.it, 16 settembre 2012. URL consultato il 9 marzo 2014.
  139. ^ Deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 14 settembre 2012, Comune di Torregrotta. URL consultato il 9 marzo 2014.
  140. ^ Pagina con le rilevazioni del corpo elettorale dei vari comuni italiani. URL consultato il 20 giugno 2011.
  141. ^ Dati 2009 del Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione. URL consultato il 20 giugno 2011.
  142. ^ a b Sono circa 215 i tesserati annui. Vedi: A.S.D. Torregrotta, il futuro appeso ad un filo in www.asdtorregrotta.it, 11 giugno 2012. URL consultato il 29 settembre 2012.
  143. ^ Antonello Sittineri, A.S.D. Torregrotta 1989-2011, una storia da raccontare in Fairplay, 8 aprile 2011, p. 9. URL consultato il 22 agosto 2011.
  144. ^ Carmelo Polito, L'A.S. Torregrotta fiore all'occhiello del Calcio Torrese in Torregrotta Notizie, - dicembre 1996, p. 10.
  145. ^ Roberto Santoro, Sette le scuole calcio Figc riconosciute della provincia in messinasportiva.it, 29 dicembre 2010. URL consultato il 14 gennaio 2011.
  146. ^ Il Torregrotta scende di categoria in Il Grido di Torregrotta, - maggio 2003, p. 8.
  147. ^ Momenti di gloria alla premiazione per il trofeo "Caltagirone" in A.S. Torregrotta News Sport, - settembre 1999, p. 6.
  148. ^ Mariella Di Giovanni, Nel derby delle due parrocchie vince lo sport in Gazzetta del Sud, 25 gennaio 2010. URL consultato il 20 dicembre 2010.
  149. ^ Storia S.S.F. Torregrotta. URL consultato il 29 settembre 2012.
  150. ^ Torregrotta, il sogno serie B è divenuto splendida realtà in L'ideale, - luglio 2005, p. 14.
  151. ^ Elenco tesserati Gruppo Sportivo Indomita Torregrotta. URL consultato il 29 settembre 2012.
  152. ^ Elenco tesserati Club Atletica Torrese. URL consultato il 29 settembre 2012.
  153. ^ Società sportive affiliate alla FIDAL. URL consultato il 27 agosto 2012.
  154. ^ Elenco riconoscimenti Gruppo Sportivo Indomita Torregrotta. URL consultato il 27 agosto 2012.
  155. ^ Storia del Gruppo Sportivo Indomita Torregrotta. URL consultato il 27 agosto 2012.
  156. ^ Francesco Pagano, G.S. Indomita Torregrotta: passione infinita per lo sport in Messinadicorsa.it, 20 novembre 2011. URL consultato il 27 agosto 2012.
  157. ^ Pino Prestia, Apre la Ronde di Gioiosa, torna il Taormina-Messina in Gazzetta del Sud, 31 dicembre 2010. URL consultato il 14 gennaio 2011.
  158. ^ Prove speciali Rally del Tirreno. URL consultato il 27 agosto 2012.
  159. ^ Fari accesi sul 6° rally del Tirreno in informazione.it, 22 luglio 2009. URL consultato il 30 dicembre 2009.
  160. ^ Elenco delle società sportive presenti in Provincia di Messina e affiliate al CONI. URL consultato il 27 agosto 2012.
  161. ^ Pier Bergonzi, Elio Trifari (a cura di), Un secolo di passioni - Giro d'Italia 1909-2009, Il libro ufficiale del centenario, Milano, Rizzoli, 2009.
  162. ^ a b c Dati Stadio Comunale. URL consultato il 20 dicembre 2010.
  163. ^ Salvatore Accordino, Avvio pieno di insidie per le squadre messinesi in Gazzetta del Sud, 31 agosto 2010. URL consultato il 20 dicembre 2010.
  164. ^ Campi neutri per molti club in Gazzetta del Sud, 18 agosto 2007. URL consultato il 20 dicembre 2010.
  165. ^ Mariella Di Giovanni, Nuovo terreno di gioco al “Comunale” in Gazzetta del Sud, 15 settembre 2002. URL consultato il 20 dicembre 2010.
  166. ^ Comunicazione L.N.D. - Campi di gioco Torneo del Mediterraneo. URL consultato il 20 dicembre 2010.
  167. ^ Risultati seconda giornata del Torneo del Mediterraneo. URL consultato il 20 dicembre 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia