Rometta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Rometta
comune
Rometta – Stemma Rometta – Bandiera
panorama di Rometta all'alba
panorama di Rometta all'alba
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Messina-Stemma.png Messina
Amministrazione
Sindaco Nicola Merlino (ViviRometta) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 38°10′21″N 15°24′50″E / 38.1725°N 15.413889°E38.1725; 15.413889 (Rometta)Coordinate: 38°10′21″N 15°24′50″E / 38.1725°N 15.413889°E38.1725; 15.413889 (Rometta)
Altitudine 590 m s.l.m.
Superficie 32,12[1] km²
Abitanti 6 532[2] (30-11-2012)
Densità 203,36 ab./km²
Frazioni Gimello, Rapano, Rometta Marea, San Cono, Santa Domenica, Sant'Andrea, Sotto Castello
Comuni confinanti Messina, Monforte San Giorgio, Roccavaldina, Saponara, Spadafora
Altre informazioni
Cod. postale 98043
Prefisso 090
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 083076
Cod. catastale H519
Targa ME
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti romettesi
Patrono san Leone Vescovo
Giorno festivo 20 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rometta
Posizione del comune di Rometta nella provincia di Messina
Posizione del comune di Rometta nella provincia di Messina
Sito istituzionale

Rometta (Rametta in siciliano[3]) è un comune italiano di 6.532 abitanti della provincia di Messina in Sicilia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Viene fondata in età bizantina, il suo nome in greco vuol dire le difese, le fortezze (ta erymata). Dopo lunghissima resistenza viene occupata dagli Arabi e il suo nome viene pronunciato rimtah, da cui il medievale Rametta e successivamente nel XVI secolo Rometta.

Nel territorio romettese sono state trovate testimonianze di vita che risalgono alla prima età del neolitico, nella sua prima fase appartenente alla cultura di Stentinello (4000 anni prima di Cristo), all'età del ferro, per giungere alla necropoli del V-III secolo a.C. Intorno al V secolo d.C. a Rometta si formò la comunità greco-latina che, in fuga dai centri della costa, venne qui a cercare rifugio dalle devastanti invasioni vandale. Ben presto Rometta assunse un preciso ruolo strategico: dall'alto delle sue mura e delle sue torri controllava un buon tratto dell'antica strada che da Messina conduceva a Palermo. Chi possedeva il controllo militare di questa potente città-roccaforte, possedeva la chiave per prendere Messina. Rometta era l'ultima fortezza che poteva rallentare la marcia di un esercito invasore verso la città dello stretto.

Tra il 725 e il 780, a Rometta trovò asilo il vescovo di Catania, san Leone da Ravenna, detto il Taumaturgo. Dopo l'opposizione dell'altro prelato all'istituzione delle disposizioni iconoclastiche da parte degli imperatori bizantini, Costantino V (741-775) ordinò l'arresto del vescovo oppositore. Dopo essersi rifugiato in alcuni centri dei Nebrodi, Leone trovò riparo a Rometta. Qui si ritirò sulle boscose colline peloritane dove visse per alcuni anni in una grotta, da eremita. Fece ritorno a Catania dove morì nel 789.

Salendo verso il centro storico, si scorge il Monte Dinnamare

Durante la conquista araba della Sicilia, a Rometta si concentrò l'ultima difesa bizantina contro l'invasione araba. In particolare, dal 963 al 965, Rometta sostenne un durissimo assedio e i suoi abitanti si contraddistinsero per un atto estremo di eroismo. Tra il 24 e il 25 ottobre 964, fra la spiaggia e la roccaforte assediata, avvenne una sanguinosa battaglia. L'armata bizantina, forte di 30.000 uomini, inviata nell'isola da Costantinopoli per spezzare l'assedio arabo su Rometta e riconquistare all'impero la Sicilia, impegnò l'esercito assediante con impeto e con cariche di cavalleria. Ma gli Arabi, sebbene inferiori di numero, riuscirono a fermare l'avanzata degli avversari e, incitati dal proprio condottiero, Ibn ʿAmmār, costrinsero i bizantini alla fuga. Al termine della battaglia, oltre diecimila soldati di Bisanzio giacevano morti sul campo mentre il resto fu tratto prigioniero. Si narra che sul campo fu trovata una spada appartenuta al profeta dell'Islam, Maometto che era stata catturata dai bizantini in una precedente battaglia.

L'assedio a Rometta continuò sino al maggio successivo, quando, ormai, i difensori, senza alcuna speranza di ulteriori aiuti da Costantinopoli, stremati dalla fame e dai continui assalti portati dagli assedianti, inviarono fuori dalle mura le donne, i bambini e gli anziani superstiti che furono accolti nel campo nemico. All'alba del 5 maggio 965, gli Arabi, dopo aver offerto ripetutamente la resa ai guerrieri romettesi e ricevutone da questi il rifiuto, sferrarono l'attacco decisivo alle mura di Rometta con tutte le loro forze. I pochi difensori li accolsero con le armi in pugno: caddero tutti, ad uno ad uno, combattendo. Rometta fu saccheggiata e data alle fiamme.

Rometta sarà riconquistata dai bizantini nel 1038, grazie alla spedizione imperiale di Giorgio Maniace che riconquistò parte della Sicilia, ma il dominio fu breve, tanto che la Sicilia, Rometta compresa, caddero di nuovo nelle mani degli arabi nel 1043. Sempre nell'XI secolo Rometta con tutta la Sicilia fu conquistata dai Normanni.

Il 20 luglio 2002 alle 15 pomeridiane, l'Espresso 1932 della Laguna partito da Palermo e diretto a Venezia, deragliò, a causa del cedimento di una rotaia mal saldata in precedenza, proprio all'altezza della stazione di Rometta Marea. Nel tragico schianto morirono un macchinista e sette passeggeri.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa bizantina intitolata a Santa Maria dei Cerei
Chiesa di San Giuseppe
Chiesa di Santa Maria Assunta

Dal punto di vista artistico e culturale la città si ricorda innanzitutto per la Chiesa bizantina intitolata comunemente al Santissimo Salvatore, ma la dedica esatta dell'edificio è per S.Maria dei Cerei, la sua costruzione è databile tra il V ed il VI secolo. La Chiesa si presenta con una pianta a croce greca inserita in un quadrilatero.

Un successivo monumento sacro cittadino degno di nota è la Chiesa Madre intitolata a Maria Santissima Assunta. La sua facciata, recentemente restaurata, presenta dei portali tardo-rinascimentali ed una nicchia contenente una statua rappresentante la Madonna. L'interno dell'edificio raccoglie, tra l'altro, una cinquecentesca acquasantiera ed una cinquecentesca tavola raffigurante la Madonna col Bambino tra San Pietro e San Paolo. Sempre a Rometta Marea è presente un'altra Chiesa intitolata a San Antonio, che è stata inaugurata il giorno 12 giugno 1932, giorno della nascita di Sebastiano Romano, insigne cittadino romettese. Tra le Chiese minori cittadine occorre citare quella seicentesca intitolata alla Madonna della Scala e la Chiesa dei Cappuccini inclusa nell'omonimo convento e contenente, tra l'altro, una tavola raffigurante la Trasfigurazione.

Al centro del paese, nel punto più elevato, sono presenti ancora oggi i resti del cosiddetto Palatium Federiciano, esempio di palazzo fortificato che, sebbene costruito per rispondere a precise esigenze militari, offriva spazi e comodità di una sontuosa dimora civile.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Persone legate a Rometta[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Località Portaro
Rometta Marea

Il centro della frazione si estende lungo la Strada statale 113 Settentrionale Sicula e si è sviluppato, come gli altri centri costieri adiacenti, soprattutto negli anni del boom economico, grazie alla combinazione di vari fattori come il territorio pianeggiante, la vicinanza del mare, la presenza della ferrovia e dell'Autostrada A20.

San Cono
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi San Cono (Rometta).
Gimello

Situata a 3 chilometri a sud del centro storico, in una vallata (415 m.slm) non distante dalle pendici del monte Dinnammare (dei Peloritani), conta circa 200 abitanti; le origini pare risalgano al periodo medioevale. Fanno parte di Gimello i piccoli villaggi Monaci e Acquanova.

Conduri

Situata a 2,8 km a sud del centro storico, a metà tra le frazioni Gimello e Santa Domenica (350 m.slm); le origini risalgono al basso medioevo. Non sono presenti abitanti, ma soprattutto nel periodo estivo, è popolata da villeggianti; gode di uno dei più bei panorami della zona tirrenica settentrionale (Golfo di Milazzo, Isole Eolie).

Sant'Andrea
Santa Domenica
Sotto Castello
Rapano
Safi

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Rometta fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.5 (Montagna litoranea di Messina)[5].

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati Istat 2011. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 dicembre 2011.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 553.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008. URL consultato il 21 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]