Ortaggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alcuni ortaggi (peperoni, zucchine, melanzane, pomodori e aglio.

Per ortaggio si intende il prodotto dell'orto. Se utilizzati per l'alimentazione, gli ortaggi possono apportare buone quantità di vitamine, sali minerali, oli essenziali ed enzimi importanti per l'organismo.

A seconda della parte della pianta usata nell'alimentazione, gli ortaggi si dividono in:

Dopo la raccolta gli ortaggi subiscono un calo di vitamine, anche se la conservazione è refrigerata, dovuto all'interruzione della loro attività metabolica: questo calo è proporzionato al tempo trascorso tra la raccolta e il consumo.

Dal punto di vista gastronomico gli ortaggi sono considerati verdure.

Cottura[modifica | modifica wikitesto]

Gli ortaggi possono essere cucinati con diversi sistemi di cottura:

  • bollitura
  • al vapore
  • frittura
  • alla griglia
  • con gratinatura
  • in forno
  • sottovuoto a bassa temperatura
  • cotti gli uni dentro gli altri.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Questi sono i sistemi di conservazione conosciuti:

  • in scatola - successivamente sottoposti a pastorizzazione e sterilizzazione;
  • refrigerazione - in celle a temperature tra i 4 °C e gli 8 °C con giusta umidità oppure congelazione/surgelazione esclusivamente per determinati ortaggi;
  • sottaceto - ortaggi conservati in aceto ed aromi diversi;
  • quarta gamma - così definito il sistema che prevede il lavaggio ed il confezionamento dei prodotti in buste, pronte per essere consumati entro 5/6 giorni;
  • concentrazione - utilizzato per i pomodori;
  • essiccazione - utilizzato soprattutto per i legumi e pomodori.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Legge 21 dicembre 1996, n. 698, in materia di "norme di attuazione della direttiva 92/33/CEE relativa alla commercializzazione delle piantine di ortaggi e dei relativi materiali di moltiplicazione"