Santa Lucia del Mela

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Lucia del Mela
comune
Santa Lucia del Mela – Stemma Santa Lucia del Mela – Bandiera
Santa Lucia del Mela – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Messina-Stemma.png Messina
Amministrazione
Sindaco Antonino Campo (Liberi e Protagonisti) dal 17/06/2008
Territorio
Coordinate 38°09′00″N 15°17′00″E / 38.15°N 15.283333°E38.15; 15.283333 (Santa Lucia del Mela)Coordinate: 38°09′00″N 15°17′00″E / 38.15°N 15.283333°E38.15; 15.283333 (Santa Lucia del Mela)
Altitudine 215 m s.l.m.
Superficie 85,68[1] km²
Abitanti 4 755[2] (31-12-2011)
Densità 55,5 ab./km²
Frazioni Femminamorta, San Giovanni (Pancaldo)
Comuni confinanti Barcellona Pozzo di Gotto, Casalvecchio Siculo, Castroreale, Fiumedinisi, Furci Siculo, Gualtieri Sicaminò, Mandanici, Merì, Pace del Mela, Pagliara, San Filippo del Mela, San Pier Niceto
Altre informazioni
Cod. postale 98046
Prefisso 090
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 083086
Cod. catastale I220
Targa ME
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti Luciesi
Patrono Santa Lucia e san Biagio
Giorno festivo 13 dicembre e 3 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Santa Lucia del Mela
Posizione del comune di Santa Lucia del Mela all'interno della provincia di Messina
Posizione del comune di Santa Lucia del Mela all'interno della provincia di Messina
Sito istituzionale

Santa Lucia del Mela è un comune italiano di 4.755 abitanti della provincia di Messina in Sicilia, situato nella Valle del Mela. Il territorio comunale è uno dei più estesi della provincia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Lago artificiale Postoleone

Il territorio del comune di Santa Lucia del Mela, tra i più estesi della provincia (circa 83 km²), presenta una ricca varietà di paesaggi. Dalle più alte vette dei Peloritani, si offre la visione dei versanti tirrenico ed ionico. Luoghi selvaggi ed ancora incontaminati presentano una ricca varietà di flora, querce millenarie, boschi autoctoni. Risalendo il Mela e le sue limpide acque perenni, si arriva alla felce gigante preistorica, che vi vegeta da almeno 60 milioni di anni. La fauna è assai varia: troviamo ghiri, merli, corvi, falchi, istrici, gatti selvatici, ricci, martore, lepri. In località: Postoleone (1020 m) dove da anni è in atto un'opera di forestazione, trovasi un accogliente rifugio per i forestali ed un suggestivo laghetto, meta di escursionisti e campeggiatori che, previa autorizzazione, numerosi accorrono anche dal versante ionico. Interessanti percorsi montani a piedi o a cavallo si possono fare ad esempio alle sorgenti del Mela o alla Rocca Timogna (1127 m).

Il centro abitato si trova a soli 5 km dallo svincolo autostradale di Milazzo. Dista soltanto 35 km da Messina ed appena 12 km da Milazzo e Barcellona P.G.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tomba romana del II secolo a.C.

Le origini di S. Lucia del Mela, l'antica Mankarru, si perdono nella notte dei tempi. Reperti greci (Padre Parisi ubica sulla sponda sinistra del Floripotamo il tempio di Diana Facellina) e due tombe romane del II secolo a.C.[3] attestano la presenza in questi luoghi di insediamenti greco-romani. Nella galleria delle carte geografiche in Vaticano, Padre Ignazio Danti, nella parte classica dipinta a rilievo, con l'italiano del tempo (1581) chiama questa città “Santa Locia”. La storica vetta del Mankarru o Mankarruna, grazie alla posizione strategica, è stata un importante presidio militare per tutte le dominazioni che si sono succedute. Sui resti di una cinta muraria ellenica i Bizantini edificarono un fortilizio ricostruito dagli Arabi tra l'837 e l'851. Sul declivio del colle i Musulmani costruirono anche una moschea fortezza trasformata nell'alto Medioevo nella Chiesa di S. Nicola. Nella zona esisteva, come ricorda il nome di una via, un Lavacro dei Saraceni, lavatoio pubblico riservato alle donne musulmane ed una tomba con l'iscrizione araba andata perduta. Con l'avvento dei Normanni, il conte Ruggero, per adempiere al voto, dopo la vittoria sugli arabi, fece costruire una chiesa ai piedi del castello dedicandola alla Santa martire Lucia di cui era devoto (1094).

Da quella data l'arcaico nome Mankarru scompare per far posto a quello cristiano di Santa Lucia. Nel 1206, con l'istituzione della “Prelatura Nullius” da parte di Federico II di Svevia che aveva scelto il nostro sito come luogo di svago e di riposo, il tempio ruggeriano diviene Cattedrale. D'allora ben 67 Prelati si sono succeduti sulla cattedra luciese rendendo memorabile la città che si è via via arricchita di magnifiche chiese e di numerose opere d'arte. Fatto ancor più singolare, il Prelato di Santa Lucia era insignito dell'onore di svolgere le mansioni di cappellano Maggiore del regno e come tale aveva il diritto di sedere in Parlamento all'11 posto. Con Federico II di Aragona la città venne fortificata con una munita cinta muraria ed il castello ristrutturato. Con un proclama si invita la popolazione della Piana soggetta a ricorrenti scorrerie piratesche a stabilirsi a S. Lucia, che venne anche ripopolata con una colonia lombarda. Fu anche sede di un'importante Giudecca, una numerosa comunità ebraica individuata nell'attuale zona della Candelora fino al 1492, anno della loro espulsione dal Regno di Sicilia. Fiorente è stata l'industria della seta e l'attività mineraria dovuta allo sfruttamento di galena argentifera. La città, in quanto demaniale, poteva vantare molte famiglie nobili. Magnifiche chiese, palazzi, fontane avanzi di architettura medievale e rinascimentale fanno di Santa Lucia del Mela una città, meta d'obbligo per gli amanti del turismo culturale.

Il primitivo nome di Santa Lucia del Mela[modifica | modifica wikitesto]

Capitello corinzio Chiesa dell'Annunziata, probabilmente proveniente dal Tempio di Diana Facellina

La città si cominciò a chiamare "del Mela" solo a partire dalla seconda metà dell'Ottocento. Fu infatti nella seduta consiliare del 29 novembre 1862, che gli amministratori luciesi deliberarono che la città anziché denominarsi col tradizionale "de Plano Milatii" (della piana di Milazzo), assumesse il titolo distintivo del Mela, dal fiume che le scorre accanto, sul fianco sinistro. Il nome originario di questo fiume era Melas, e secondo il Fazello, anche Milazzo (Mylas) prese il nome da esso. La vecchia denominazione de Plano Milatii, rimontava probabilmente all'XI secolo, quando il gran conte Ruggero, dopo un trentennio di guerra sanguinosa, riuscì a liberare la Sicilia dal dominio musulmano. Ma prima di tale epoca normanna, al tempo degli Arabi e nel periodo bizantino, qual era il nome originario della città? Dobbiamo al dotto monsignor Alfonso Airoldi, se oggi noi conosciamo la sua antica denominazione. Egli fu per quattordici anni, e cioè dal 1803 al 1817, prelato ordinario della Prelatura locale e trattando dell'invasione musulmana del IX secolo nelle contrade luciesi, fa sapere che il nome Mangarruna (di cui Mankarru non è che la forma sincopata) era un tempo attribuito non al colle, come al presente, ma al sottostante centro abitato. Rileggendo infatti le annotazioni dell'Airoldi al codice diplomatico arabo-siculo, troviamo questa sua esplicita e chiara affermazione: “Mankarru, questo villaggio, era in quel luogo dove oggi è S. Lucia. Il vicino monte ritiene tuttora il nome di Mankarru. Sotto gli Svevi fu destinato per sua villa dall'imperatore Federico II". Non possiamo per conseguenza minimamente dubitare che proprio questo, cioè Mankarru, fosse il primitivo nome di questa storica cittadina.

L'invasione musulmana a Santa Lucia e la costruzione del Castello[modifica | modifica wikitesto]

L'epoca dell'irruzione araba nelle contrade luciesi e quindi della conseguente erezione del famoso castello, la si può arguire direttamente dai cronisti arabi, quali principalmente Al Bayan, Al Atir, An Nunvary e altri storici del tempo, assai ben conosciuti da monsignor Airoldi, prelato di S. Lucia. Al Bayan riferisce che Al Aglab Ibrahim, il quale presiedeva da Palermo al governo dell'isola, nel 222 dell'Egira (836-837 dell'era cristiana) compì due spedizioni, in una delle quali (quella capitanata da Al Fadl Yaqub) espugnò le piccole isole (le Eolie) e la fortezza di M.D. Nar (Tindari). Ibn Al Atir riporta tale vittorioso avvenimento dell'espugnazione e della susseguita distruzione di Tindari al periodo estivo del 222, quando anche la resa di Mankarru (l'odierna S. Lucia) dovette avere luogo. Basandosi su tali indicazioni e su altre personali indagini da lui compiute, può con tutta sicurezza affermare: “presa Tindari nel mese di luglio, l'esercito, rinforzato da 6.400 uomini e da altri mille mandati da Sciacca, in tutto 15.000 uomini, si pose in marcia per l'entroterra assoggettando città e castelli”. E poi, sempre in piena sintonia con i predetti cronisti arabi, continua a dire: “In settembre l'esercito si partì da Tindari, alla volta di Mankarru, T. Sah Otisarah (Randazzo), Taormina, Novara, ripassando nel tornare, per Mankarru”. Se l'accennata irruzione a Mankarru ebbe luogo nell'anno dell'Egira 222, cioè nell'837 dell'era cristiana, è del tutto logico pensare che la costruzione del castello sia avvenuta dopo tale data.

Della bicentenaria permanenza musulmana ci resta a S. Lucia (oltre l'imponente mole del castello) una misteriosa testimonianza, indicata dalla targa stradale “via o vico Lavacro dei Saraceni”, che si legge nella parte più tipicamente medievale dell'abitato. In tale Lavacro dei Saraceni, il Di Giovanni – alludendo a un massiccio edificio antico esistente tuttora in un vicino giardinetto, sotto la curva stradale, poco al di sotto del sito di detta targa – più che un bagno riconosce una tomba: “… e a me è parso – egli scrive – l'avanzo di una tomba musulmana, quadrata con cupola sopra, al muro della quale era un lapide marmorea con iscrizione, che, o fu distrutta per ignoranza ovvero rubata, restando visibile il posto dov'era murata internamente”. Monsignor Salvatore Cambria – che fu a S. Lucia ispettore onorario ai monumenti – precisa ancor più: “ Nel 1931 notai che la costruzione, a pianta quadrata, a muri dello spessore di oltre un metro in conci tufacei squadrati, come si rileva là dove l'intonaco – per adibire l'ambiente a costerna – è cascato. Il lato rivolto a est ha una finestra a tutto sesto, attraverso la quale si può osservare l'interno; termina con una cornice sagomata al di sopra della quale si nota il luogo dov'era incastonata la lapide”. “È una costruzione di forma quadrata – ripete lo storico luciese Carmelo Maggio – nella valle, a piè del quartiere già occupato dagli Arabi nel IX secolo. Due arcate di travertino, l'una rivolta a nord e l'altra a oriente, servivano di luce e di accesso al tempio[…]” . Come si vede, si tratta di un edificio assai antico e di non poca importanza archeologica – dato che esso – solo in tempo posteriore trasformato a cisterna – è abbastanza staccato dal groviglio delle viuzze, ove è posta la predetta targa stradale, dovrebbe trattarsi – come sostiene padre Giovanni Parisi – non di una ma di due distinte memorie saracene: quella di una tomba sepolcrale o cimiteriale, e quella del Lavacro vero e proprio dentro l'abitato, indicato ancora dalla targa. Il quale Lavacro non dovette essere propriamente una piscina o vasca per bagno, come potrebbe supporsi, ma piuttosto un comune lavatoio, riservato – secondi i rigidi regolamenti in vigore durante la dominazione – alle donne saracene. Il Casale di S. Lucia – data la sua non poca importanza del castello e l'amenità e feracità delle sue campagne – avrà dovuto ospitare una cospicua colonia di gente musulmana, e quindi avrà dovuto avere anche in Mankarru, un proprio ghetto o “rabato”, come veniva allora chiamato il quartiere delle loro abitazioni, un proprio luogo di culto o moschea (sul sito dove sorge la chiesa di San Nicola), un proprio cimitero (nel sopracitato giardinetto, negli anni sessanta degli scavi hanno riportato alla luce delle ossa umane) e, naturalmente, un lavatoio riservato alle proprie donne.


Il Castello
Beato Antonio Franco
Beato Franco santa lucia.jpg

Nato a Napoli il 26 Settembre 1585 da Orlando Franco e Anna Pisana da nobile famiglia di origine spagnola, manifestò fin da piccolo una particolare bontà d’animo e una fede viva e sincera, che coltivò quotidianamente con la preghiera. Fu anche dotato di spiccate qualità intellettuali che affinò nello studio delle scienze umanistiche, teologiche e giuridiche, fino a conseguire, a soli diciassette anni, il dottorato in Diritto Civile e Canonico. A ventuno anni si sentì chiamato al sacerdozio e venne inviato dal padre a proseguire gli studi ecclesiastici prima a Roma e poi a Madrid. All’età di venticinque anni fu ordinato presbitero. Il 14 gennaio del 1611 fu nominato Cappellano Reale dal Re Filippo III di Spagna. Presso la corte reale di Madrid rifulsero le sue virtù umane e sacerdotali, tanto che lo stesso sovrano, che nutriva nei suoi confronti una stima profonda, il 12 novembre 1616 lo designò Cappellano Maggiore del Regno di Sicilia e Prelato Ordinario della “Prelatura Nullius” di Santa Lucia del Mela. Il 18 maggio 1617 Mons. Antonio Franco fu accolto festosamente dai fedeli luciesi, quale trentaseiesimo Prelato della storica circoscrizione ecclesiastica, istituita nel 1206 dall’Imperatore Federico II di Svevia e unita nel 1986 all’Arcidiocesi di Messina e alla Diocesi di Lipari. Nei suoi nove anni al governo della Prelatura, incantò mirabilmente il modello di Pastore delineato dal Concilio di Trento, tanto che il suo zelo apostolico fu paragonato a quello di San Carlo Borromeo. Fu totalmente dedito alla cura delle anime, alla carità verso i poveri e gli ammalati, alla lotta contro l’usura e alla ricostruzione della Cattedrale, per la quale impegnò il suo personale patrimonio. Tutto ciò, unitamente al suo intenso spirito di preghiera e di penitenza, che si esprimeva anche nelle mortificazioni corporali, gli valse una lunga fama si santità già a partire dalla sua prematura morte, che lo colse non ancora quarantunenne il 2 settembre 1626. Il 30 dicembre 1975 fu avviata la Causa di Beatificazione e Canonizzazione di questo Pastore esemplare, culminata con il Decreto di riconoscimento delle sue virtù eroiche del 14 gennaio 2011, con il Decreto di riconoscimento di un miracolo attribuito alla sua intercessione del 20 dicembre 2012 e, finalmente, con la sua solenne Beatificazione, giorno 2 settembre 2013.

L'antica Prelatura Nullius di Santa Lucia del Mela[modifica | modifica wikitesto]

La più antica notizia riguardante la locale chiesa si riscontra in due diplomi del conte Ruggero dell'anno 1094: “Ecclesiam Sanctae Luciae sitam in campania Milatii”. Ma vi è di più. In un documento datato sempre 1094, Roberto, primo vescovo di Messina, nomina per prima, tra le chiese riedificate dal conte Ruggero, quella di S. Lucia. Anche il re Ruggero, in un suo diploma del 1124, nomina subito dopo la chiesa di Patti per prima quella di S. Lucia. Nel 1132, il re Ruggero II, nel palazzo reale di Palermo, fondava una grandiosa e monumentale Cappella che affidava a un cappellano maggiore, il quale venne insignito di una propria sede nel 1206, essendo Stato preposto alla chiesa di S. Lucia de Plano Milatii[4]. Proprio in quell'anno, essendo morto Stefano, vescovo di Patti e Lipari, l'imperatore Federico II (o chi per lui, essendo ancora in minore età) staccò il territorio di S. Lucia dalla diocesi di Patti e lo cedette al suo cappellano maggiore Gregorio Mostaccio (di chiare origini luciesi), che risulta in tal modo il primo prelato della più antica Prelatura “Nullius” (cioè, di nessuna diocesi, e quindi soggetta direttamente alla Santa Sede), come risulta anche dall'Annuario pontificio. Questa Prelatura, territorialmente piccola, è da considerarsi grande per il patrimonio storico, artistico, culturale che rappresenta e luogo privilegiato di fede. Basti ricordare il Beato Antonio Franco che ha tracciato una scia luminosa per esempio di virtù e santità. Non a caso papa Giovanni XXIII nella bolla di nomina di mons. Francesco Tortora (64º prelato), che resse la Prelatura dal 1962 al 1972, dichiarava: “La Prelatura di S. Lucia del Mela è stata resa nota e illustre dalla sua storia, dalla bellezza delle sue chiese e dalla sentita pietà dei suoi abitanti, ravvivata dallo zelo dei suoi presuli”. In seguito al riordino delle Circoscrizioni ecclesiastiche, con decreto della S. Sede, nell'ottobre del 1986, la Prelatura di S. Lucia del Mela e la Diocesi di Lipari venivano unite all'Arcidiocesi di Messina che assumeva la nuova denominazione di Arcidiocesi di Messina – Lipari – Santa Lucia del Mela. La Cattedrale luciese e quella di Lipari diventano Concattedrali, ed i rispettivi Santi Patroni Lucia e Bartolomeo patroni dell'Arcidiocesi.


Le Chiese

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Concattedrale di Santa Maria Assunta (Santa Lucia del Mela).
  • Basilica Cattedrale: il tempio ruggeriano del 1094 ad una sola navata e col prospetto rivolto verso il Palazzo Prelatizio, venne ricostruito tra il 1592 ed il 1642 a tre navate divise da 12 poderose colonne di granito, con cupola ultimata un secolo dopo. Il prospetto che da sulla Piazza Beato Antonio Franco è impreziosito da un portale marmoreo di Gabriele di Battista (1485). Solenne e vasta, di stile rinascimentale, custodisce numerose e preziose opere d'arte. Ricordiamo: la statua marmorea della patrona “S. Lucia” (sec. XV) attribuita al Laurana; il grande dipinto (mq 24) dell'”Assunzione” che occupa l'intera parete di fondo dell'Abside, di Fra Felice da Palermo (1771); la tela di “S. Biagio” di Pietro Novelli (1645); la tavola del “S. Marco” di Deodato Guinaccia (1581); la statua in alabastro roseo dell'”ecce Homo” attribuita ad Ignazio Marabitti (1771); la tela del" Martirio di San Sebastiano" di G. Salerno (sec. XVII); il “fonte battesimale” di Gabriele di Battista (1485); la tela dell'”Immacolata” di Filippo Jannelli (1676); le sculture della Cappella del Sacramento di Valerio Villareale (1773-1854) impreziosita dal gruppo dell'”Ultima Cena”; “Crocifisso Ligneo” d'Ignoto (sec. XVI). Pregevole il coro in noce intagliato attribuito a Giovanni Gallina da Nicosia (1650) e gli splendidi armadi della sacrestia che custodiscono artistici e preziosi paramenti ricamati in oro, argento e pittoresco. Del tesoro della Cattedrale (ostensori, reliquiari ex voto d'oro e d'argento) ricordiamo il reliquiario in argento dorato della “S. Spina” di orafo messinese del 1300, “mano argentea” con reliquia di S. Lucia di Francesco Bruno, uno dei più rinomati argentieri messinesi del 1600. La Cattedrale, al suo interno, custodisce una preziosa urna contenente la salma incorrotta, del Beato Antonio Franco Prelato ordinario della Prelatura Nullius di S. Lucia, morto in odore di santità il 2 settembre 1626.
  • Chiesa dell'Annunziata: l'Annunziata, monumentale chiesa (sec. XV), a tre navate divise da 10 colonne di conglomerato e arenaria, delle quali due con capitelli di stile corinzio, diverse dalle altre con capitelli di stile dorico, si presumono provenienti dal Tempio di Diana Facellina. Il prospetto presenta un portale del 1587 raffigurante l'Annunciazione. Sul lato sinistro si innalza il maestoso campanile coronato da merli guelfi e ghibellini agli angoli. L'interno presenta un soffitto ligneo con mensole originarie del 1400 e pregevoli opere d'arte. Sul primo altare di destra si può ammirare in tutto il suo splendore la tavola della “Madonna delle Grazie” di Ignoto veneto (sec. XV) il dipinto più antico e pregevole della città; la grande tela dell'Annunciazione” di Antonio Biondo (1599); la tavola della “Circoncisione di N.S.G.C.” attribuita a Deodato Guinaccia o alla scuola di Polidoro da Caravaggio (sec. XVI); la tavola della “Madonna delle Mercede” di Antonio Giuffrè (sec. XVI); la tela di “Sant'Antonio da Padova” di Ignoto (sec.XVII); un fonte battesimale (1572); un tabernacolo di scuola gaginesca (sec. XVI). Notevoli le settecentesche decorazioni in stucco. Di gran pregio gli armadi della sacrestia (1751), ed un ostensorio d'argento (sec. XVI). Interessante è il museo parrocchiale nell'adiacente Palazzo Vasari.
  • Chiesa del Sacro Cuore: la chiesa ed il convento di S. Maria del Gesù (S. Cuore) risalgono alla prima metà del Cinquecento. La chiesa, ad un'unica navata, è stata ricostruita nel 1881. L'adiacente chiostro con 24 colonne in pietra arenaria è del 1521. Sul portone principale del prospetto, un'aquila reale di marmo riccamente istoriata. L'interno presenta: “l'estasi di S. Francesco” tela di A. Biondo (1600) tra le più belle opere del 1600 siciliano; la tela dei “S.s. Cosma e Damiano” del Rodriguez (1620); la tela della “Madonna del Carmelo” del Filocamo (1718); bel “Crocifisso ligneo” attribuito a Frate Umile (1630); “Fonte battesimale” di Andrea Calamech (1567); mausoleo del Barone Pancaldo (sec. XVI.). In una sala dell'attiguo Convento delle interessanti statue lignee (sec. XVII e XVIII).
  • Chiesa San Nicola: chiesa del tardo Medioevo con bel campanile. L'interno è ad un'unica navata con soffitto ligneo. Presenta alcune tele di pregevole fattura, una statua lignea settecentesca di “Santa Lucia” e al centro di un ricco altare, statua in marmo di “S. Nicola” attribuita ad Andrea Calamech (1570) e nell'abside alcuni affreschi di Filippo Jannelli, raffiguranti episodi della vita del Titolare. Interessanti sono gli armadi della sacrestia.
  • Chiesa del Rosario: eretta nel secolo XVI a ridosso della Cattedrale per celebrare la vittoria della flotta Cristiana su quella turca a Lepanto. Divenne la chiesa dei nobili luciesi come attestato le iscrizioni sulle lapidi sepolcrali. Presenta degli interessanti affreschi ed un pregevole dipinto della “Madonna Del Rosario” di Deodato Guinaccia (1574).
  • Chiesa dei Cappuccini: la Chiesa ed il convento dei cappuccini vennero edificati nel 1610 in posizione amena in prossimità delle mura della città. Nella chiesa troviamo le luminose tele dell'”Assunzione”, di “Sant'Anna”, dell'”Adorazione dei Magi” e della “deposizione” di Fra Felice da Palermo (sec. XVIII); statua lignea di “S. Felice da Cantalice” attribuita ad un frate cappuccino dello stesso convento (sec. XVII); tabernacolo ligneo (1685). Sotto la chiesa troviamo la Cripta con i corpi mummificati dei notabili del tempo. In un lungo corridoio del convento sono esposti alcune tele che raffigurano guarigioni per intercessione dei santi (ex voto).
  • Chiesa di Sant'Antonio Abate: risale al sec. XVI ed era la cappella privata del sindaco. Troviamo una bella statua del santo eremita ed una commovente scultura lignea del Gesù Morto.
  • Chiesa San Francesco: la chiesa ed il convento omonimo (trasformato in ospedale nel 1902 e successivamente nella casa di riposo per anziani “Luigi Calderonio”) sorsero ad opera dei frati Cappuccini nei primi anni del 600. I 2/3 della Chiesa sono stati abbattuti per far posto ad una piazzetta. In essa troviamo pregevoli dipinti, le statue lignee dell'Immacolata e di Sant'Antonio da Padova ed un gran Crocifisso (opera del secolo XVII). Dal belvedere di San Francesco, Giuseppe Garibaldi (come ricorda una lapide apposta sul muro della chiesa) il giorno precedente lo scontro decisivo di Corriolo contemplò i luoghi delle operazioni militari.
  • Chiesa San Caterina: è molto antica, presumibilmente edificata sui resti di un altro tempio. Crollata nel 1780 e ricostruita nel 1926. Resti di affreschi forse di epoca bizantina sono ormai scomparsi. Presunta una pregevole ancona cinquecentesca in pietra arenaria dove al centro spiccava una stupenda statua marmorea di S. Caterina d'Alessandria di Giovan Battista Mazzolo (1536) che attualmente si trova nel Museo di Messina.
  • Chiesa Santa Maria: Il piccolo tempio sorge sulla sponda destra del Floripotamo ed è molto antico e di non poca importanza se già agli inizi del Trecento, al pari delle più importanti chiese urbane (Cattedrale e S. Nicola), ha dovuto versare anch'essa ai collettori pontifici la sua quota di Decime. Una preziosa tavola della “Natività” della Vergine attribuita alla scuola di Polidoro da Caravaggio (1587), posta al centro dell'edicola, dal 1970 si trova in Episcopio.
  • Chiesa Misericordia: tempietto dell'Ottocento dedicato all'Assunta in contata Misericordia. In posizione amena favorisce la meditazione e la preghiera.
  • Chiesa San Giovanni: nell'antico feudo normanno di Pancaldo. Oggi Borgo di S. Giovanni frazione di S. Lucia del Mela, incastonata nel palazzo baronale si trova l'antica chiesetta dedicata agli Apostoli Pietro e Paolo ed al Battista raffigurati sulla pregevole tela dell'altare maggiore. Una lapide ricorda che la chiesa venne rifatta nel 1900 dalla baronessa Vincenza Galluppi.


Chiese chiuse al culto:

  • S.Sebastiano, del 1400 (salone parrocchiale)
  • S.Maria dell'Arco, del 1466
  • Candelora O Purificazione, del XVI secolo (oratorio parrocchiale)
  • SS.Trinità, del 1500
  • Gesù e Maria, del 1500

Chiese andate perdute:

  • Santa Mariella, del 1300 (andata perduta)
  • San Michele Arcangelo, del XV secolo (ruderi)
  • San Antonio da Padova, del 1400 (andata perduta)
  • San Dionigi, del 1500 (andata perduta)
  • San Cristoforo, del 1600 (ruderi)
  • Delle Anime del Purgatorio, del 1600 (ruderi)
  • San Carlo, del 1600 (andata perduta)

Conventi:

  • Ex Convento eremo S.Maria Bambina, del 1300
  • Santa Maria del Gesù dei frati Minori Osservanti, del 1521 (oggi Sacro Cuore dei frati del T.O.R.)
  • Monastero suore Benedettine, del 1583 (sussistono alcuni resti)
  • Ex Convento Cappuccini, del 1610
  • Ex Convento dei frati Francescani, del 1622 (oggi casa di riposo "Can. Luigi Calderonio")
  • Ex Convento, 1500 Contrada Grazia (sussistono alcuni resti)

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Palazzi[modifica | modifica wikitesto]

Palazzi storici

Nel centro storico sono presenti numerosi palazzi appartenuti alle famiglie nobili luciesi dei Milazzo, Cocuzza, Carrozza, Raineri, Basile, Galluppi, Pancaldo.

  • Palazzo Vescovile: costruito nel 1608 da Mons. Rao Grimaldi (35 Prelato), il quale acquistata la grande “casa” semidiruta sita in Piazza Maggiore (Piazza Duomo), a fianco della “Casa della Città” (Municipio), per onze 300 affida l'esecuzione dei lavori al maestro Vincenzo Ferriato da Novara di Sicilia (suo è anche il progetto della Cattedrale). Quando l'edificio fu terminato Mons. Rao, con atto dell'otto novembre 1613 ne fece donazione al Re come abitazione dei Prelati successori. Il Palazzo riuscì bello ed elegante, costruito con vive pietre scolpite e con annesso un grazioso giardinetto. Nel prospetto, bel portale bugnato che termina con due pilastri sopra i quali sono scolpite le armi gentilizie di Mons. Rao. Subì danni ingenti in seguito al terremoto del 5-7 febbraio 1783. Negli anni venti Mons. Ballo (58 Prelato) lo rese assai decoroso con pavimenti in marmo policromo e damaschi alle pareti. Abbellì la Cappella con un artistico altare del 1757 su cui troneggia una statuetta marmorea delle “Madonna di Trapani”. Le numerose opere d'arte che si trovano nei vari saloni fanno parte del Museo Diocesano della Prelatura alla cui realizzazione ha profuso tante energie Mons. Raffaele Insana.
  • Palazzo Comunale: al centro del prospetto, stemma marmoreo del Comune rappresentato da un'aquila recante un'effigie di S. Lucia. Il palazzo conserva al suo interno l'archivio storico, uno dei più completi e interessanti della Provincia. Si custodiscono, rilegati in pergamena, importanti collezioni di documenti e manoscritti delle più remote antichità, la maggior parte riguardante le varie attività amministrative: Corte Civile, Corte Giuratoria e “Insinue” del notaio Parisi che vi sunteggiò interno al 1750 gli atti più importanti degli antichi notari in una “Giuliana” di 11 volumi e le “scritture” di Don Marco Cocuzza.
  • Palazzo Basile-Vasari: risale al 1770 circa. Il prospetto che non ha subito alcuna manomissione nel tempo, oltre al portale in pietra presenta lo stemma nobiliare della famiglia Basile.
  • Palazzo ex Carcere Borbonico: risale al XVII secolo e ospita la sede distaccata di Milazzo della L.U.T.E e la guardia medica.
  • Palazzo Socio-Culturale: ospita alcuni uffici comunali, la polizia municipale, l'aula consiliare, la biblioteca comunale e la sede della Protezione Civile.

Il Castello-Santuario[modifica | modifica wikitesto]

Torre cilindrica ed ingresso

Il Castello arabo (837-851), svevo (1228), aragonese (1322) è stato protagonista della storia millenaria della città. Ospitò Federico II di Svevia che poteva dedicarsi alla caccia, suo svago preferito, sui monti vicini ricchi di selvaggina. Lontano dalle ingerenze dei vescovi delle vicine diocesi, nella “sua” Prelatura, poté preparare quella che fu definita la “crociata maledetta”. Nel Castello riecheggiavano i versi delle scuola poetica siciliana e una tradizione popolare vuole che nella prigione, sotto il vano della torre cilindrica (scoperta nel 1967 durante l'esecuzione di lavori), abbia finito i suoi giorni suicida “Pier delle Vigne”, Protonotaro dell'Imperatore, ma caduto in disgrazia; egli proprio a Santa Lucia doveva godere una stima particolare dal popolo, come attesta una via del centro storico a lui dedicata.

Ristrutturato ed ampliato da Federico II di Aragona sovente fu teatro di eventi cruenti e sanguinosi. Nel 1600, decaduto alle funzioni di difesa, abbandonato ed in rovina viene ceduto dal proprietario don Francesco Morra principe di Buccheri, a Mons. Simone Impellizzeri, 39° Prelato (1673), che provvede subito alla ristrutturazione. La torre quadrangolare, pericolante, viene abbattuta per far posto alla costruzione di un Santuario dove, al centro di una maestosa cornice barocca, viene collocata nel 1674 la stupenda statua marmorea della Madonna della Neve di Antonello Gagini (1529), proveniente dalla chiesetta rurale di contrada S. Giuseppe, opera commissionata dai magnifici Pietro d'Amico e Leonardo d’Alberto (Gioacchino di Marzo) col titolo di "Nostra Donna della Neve" o "Madonna delle Celle" o "Madonna degli Uccelli". Nel 1695, nei locali ristrutturati, viene trasferito dal Palazzo Prelatizio il Seminario che diviene in breve tempo un rinomato centro di studi ove Maestri insigni e personalità eccelse ne hanno percorso la storia. Basti ricordare il luciese Abate Antonio Scoppa, letterato, ambasciatore a Parigi del Regno delle due Sicilie ed accademico di Francia ed il filosofo Pasquale Galluppi[5], natio di Tropea, che da giovinetto ebbe a studiare in questo seminario, diventando professore di Teologia Dogmatica. Ai piedi dello scalone d'ingresso, statua marmorea di S. Michele Arcangelo attribuita ad Andrea Calamech (1572). All'interno della torre cilindrica, è collocata una preziosa biblioteca con incunaboli, cinquecentine e testi molto antichi. Dal belvedere del Castello si gode di un panorama molto suggestivo. L'occhio spazia da Capo Calavà a Capo Vaticano in Calabria, con sullo sfondo le sette perle dell'Arcipelago Eoliano.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Particolarmente sentite sono le ricorrenze legate alla Madonna della Neve (5 agosto), considerata la più antica del paese, e alla patrona Santa Lucia (13 dicembre).

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

  • All'interno della torre cilindrica del Castello è collocata una preziosa biblioteca con incunaboli, cinquecentine e testi molto antichi.
  • Archivio Storico Comunale, fra i più importanti e completi della provincia di Messina.
  • Biblioteca Comunale - Palazzo Socio-Culturale, viale P. Nenni 2

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo Diocesano della Prelatura, sito nei vari saloni del Palazzo Vescovile. Al suo interno vi sono conservati paramenti ed oggetti sacri, preziose oreficerie ed argenterie dal XVI al XVIII secolo, tesoro della Cattedrale. Pinacoteca con quadri dal 1500 al 1800. Documentazione etnografica sulla cultura contadina.
  • Museo Parrocchiale chiesa S. Maria Annunziata, situato nel Palazzo Vasari.
Panorama Santa Lucia del Mela, centro storico.jpg

Persone legate a Santa Lucia del Mela[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia del paese si basa sull'agricoltura, sulla pastorizia (un tempo floridissima) e sull'artigianato. Santa Lucia del Mela è luogo di produzione del famoso vino “Mamertino” già conosciuto ai tempi dei romani. Il “Mamertino” può fregiarsi di essere un prodotto biologico ed è stato incluso tra i vini ad indicazione Geografica Tipica SICILIA.

Di grande rilevanza anche la produzione di miele. I prodotti caseari ancora oggi si possono trovare in tutta la loro genuinità. L'artigianato può vantare un'antica lavorazione del legno ed una consolidata tradizione nella lavorazione del ferro e del marmo. Anche l'industria dolciaria può avvalersi della bravura e dell'esperienza di “maestri pasticceri”. È molto apprezzato il delizioso torrone luciese. Rinomati ristoranti dove si possono gustare i tipici piatti della gastronomia locale sono molto frequentati dagli amanti della buona cucina.

Ancora non è del tutto scomparsa a S. Lucia l'arte della lavorazione dell'erica sicché non è difficile trovare utensili vari finemente intagliati. Bravi orafi e cesellatori con il loro ingegno e con la loro arte perpetuano un'attività che da sempre è stata fiorente a Messina e Provincia.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia dei sindaci

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
18 giugno 1990 1º dicembre 1993 Giuseppe Trifirò DC Sindaco
2 dicembre 1993 25 giugno 1994 Stefano Cambria Commissario
26 giugno 1994 23 maggio 1998 Pasquale Calderone Lista Civica Sindaco
24 maggio 1998 26 maggio 2003 Santo Pandolfo Lista Civica Sindaco
27 maggio 2003 16 giugno 2008 Santo Pandolfo Lista Civica Sindaco
17 giugno 2008 9 giugno 2013 Antonino Campo Lista Civica Sindaco
10 giugno 2013 in carica Antonino Campo Lista Civica Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Santa Lucia del Mela fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.3 (Alto Fantina e Alto Mela)[7].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

In paese sono presenti alcuni sport; Calcio, Calcio a 5, Pallavolo.

  • Pro Mende calcio, fondata nel 1930, attualmente milita nel campionato di prima categoria. Presidente della Società Fortunato Ragusa. Struttura sportiva in uso stadio comunale intitolato "Gaetano Scirea".
  • Santa Lucia del Mela Calcio a 5
  • Pol. Santa Lucia del Mela Volley Femminile. La Società e stata fondata nel 1979 e da allora svolge ininterrottamente attività nel settore della pallavolo.

Palazzetto dello Sport, Stadio Comunale, Palestra Comunale.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • "Urbs deliciae nostrae" l’appellativo attribuito dall’Imperatore Federico II alla cittadina di Santa Lucia come luogo ameno di villeggiatura e di caccia. Il sovrano, avvalendosi di un privilegio accordato da Papa Urbano II al suo predecessore Conte Ruggero, stacca il territorio luciese dalla diocesi di Patti e lo assegna al suo Cappellano Maggiore del Regno Gregorio Mostaccio, al quale spettava il diritto di sedere nel Parlamento Siciliano all'undicesimo posto, anno 1206.
  • Beato Cherubino Mostaccio, dei frati minori osservanti, nacque a S. Lucia nel 1545 e morì nel convento di S. Nicolò ad Agrigento il 30 agosto 1587; fu conosciuto per le sue virtù e per i miracoli fatti da vivo ed anche dopo la morte. Il decreto di beatificazione fu rilasciato il 27 giugno 1624 dal Pontefice Urbano VIII.
  • Beato Innocenzo Milazzo, dei frati minori osservanti, nacque a S. Lucia intorno ai primi dieci anni del XVI secolo e morì il 26 novembre del 1595 nel convento di Santa Maria di Gesù a Piazza Armerina e fu sepolto nella stessa chiesa. Fu un eccellente predicatore, ebbe il dono delle profezie e durante la propria vita guarì molti infermi. Presso il suo sepolcro e per la sua intercessione, anche dopo la morte, avvennero prodigi e miracoli.
  • Beato Antonio Franco, nacque a Napoli il 26 settembre 1585 da famiglia nobile. Fu nominato Cappellano Maggiore di Sicilia e Prelato ordinario della Prelatura Nullius di S. Lucia, dove morì il 2 settembre 1626. I luciesi da secoli, grazie alla sua intercessione ottengono grazie. Sua Santità Benedetto XVI, in data 14 gennaio 2011, ha approvato il decreto di riconoscimento delle sue virtù eroiche. Il 2 settembre 2013 nella Basilica Cattedrale di Messina si è svolto il solenne rito di Beatificazione.
  • Nel 1788 il Vescovo-Prelato Mons. Carlo Santacolomba istituì a S. Lucia del Mela la prima scuola normale-elementare in Sicilia.
  • Nel mese di Agosto ha luogo la rievocazione del Corteo Storico Medievale, organizzato dall'associazione Antiche Torri.
  • Durante il periodo natalizio presso il parco urbano comunale, ha luogo la rievocazione del Presepe Vivente a cura dell'associazione culturale "Antiche Torri".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati Istat 2011. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2011.
  3. ^ una tomba è stata recuperata, ricostruita ed esposta a cura del Sig. Matteo Lipari
  4. ^ R. Pirri, Sicilia sacra, volume II, pagina 1334
  5. ^ Viene considerato un luciese d'adozione e molto opportunamente la locale scuola Media gli è intitolata
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008. URL consultato il 21 maggio 2014.
  8. ^ Documento presente negli Archivi Vaticani

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carmelo Maggio, Sunto storico-critico su la vetusta città di Santa Lucia de Plano Milatii, ora detta del Mela, 1964.
  • Giovanni Parisi, Alla ricerca di Diana Facellina, S. Lucia e il -Melan- nel mito e nella storia, 1973.
  • Giovanni Parisi, Tutto sul Castello di Santa Lucia del Mela, 1987.
  • Giovanni Parisi, Nella valle del Mela mito e potenza dell'antica Grecia, 1987.
  • Giovanni Parisi, Santa Lucia del Mela: Le feste religiose, storia e folklore, 1989.
  • Libero Rappazzo, Agorà, I monumenti della città di S. Lucia del Mela, 2000.
  • Libero Rappazzo, Santa Lucia del Mela: città d'Arte, 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia