Grandine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chicchi di grandine

La grandine è un tipo di precipitazione atmosferica formata da tanti pezzi di ghiaccio (chiamati comunemente "chicchi di grandine"), generalmente sferici o sferoidali, che cadono dalle nubi cumuliformi più imponenti, i cumulonembi.

Lo studio dei granelli di grandine viene condotto con un particolare strumento di misura, detto grelimetro.

Il chicco di grandine più pesante è stato registrato nel distretto di Gopalganj (Bangladesh) il 14 aprile 1986, con un peso di 1,02 chilogrammi.[1]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Vista al microscopio elettronico di chicchi di grandine fratturati
Le nubi cariche di grandine, di solito, assumono una colorazione verdastra.

La grandine si forma se le correnti ascensionali in un cumulonembo sono abbastanza forti; in questo caso accade che un primo nucleo di ghiaccio viene trasportato in su e in giù nella nube, dove si fonde con altri piccoli aggregati di ghiaccio e gocce d'acqua per poi ricongelarsi nuovamente e diventare sempre più grande. Quando le correnti non riescono più a sollevare e trattenere i pezzi di ghiaccio perché divenuti troppo pesanti questi cadono a terra; gli aggregati di particelle ghiacciate che non riescono a fondersi prima di essere arrivati al suolo causano spesso notevoli danni sia nelle campagne (coltivazioni, frutteti, ecc.) che nei centri urbani (alle abitazioni così come ai mezzi di trasporto). È più probabile che cada d'estate, nonostante sia formata da ghiaccio, essendo una conseguenza dell'afa.

I chicchi di grandine che cadono ad alte temperature sono trasparenti perché privi di bolle d'aria; quelli che cadono a temperature più basse sono bianchi perché viceversa ne contengono molte.

Durante e dopo una grandinata la temperatura si abbassa rapidamente (anche di dieci gradi in mezz'ora) perché il ghiaccio solido per trasformarsi in acqua liquida sottrae calore all'ambiente, con la possibilità a volte di generare trombe d'aria.

Danni[modifica | modifica sorgente]

Le tempeste di grandine possono provocare ingenti danni, fino a provocare il decesso di esseri viventi e il danneggiamento dell'agricoltura. Nel nord dell'India, nel 1888, chicchi di dimensioni superiori a 5 cm uccisero 246 persone e 1600 tra pecore e capre. Nel 1932, una tempesta nella provincia dello Hunan (nel sud-est della Cina) ha causato la morte di almeno 10 persone, così come una grandinata su Bogotà in Colombia avvenuta nel 2007.

Secondo lo Storm Prediction Center, agenzia meteorologica statunitense, fra il 1975 e il 1994 la grandine negli Stati Uniti ha ucciso 8 persone.

Più di recente in Italia, nel nord ovest della Lombardia con epicentro nel comune di Casorezzo si verificò il 18 agosto 1986 una grandinata di dimensioni eccezionali per quella zona. La grandine aveva dimensioni di circa 10 cm ed un peso medio stimato di 400 g. Le precipitazioni distrussero completamente i campi di mais della zona, compromettendo le colture per i due anni successivi. Circa il 95% degli edifici subì danni di varia entità[2]. Furono presentate interpellanze parlamentari[3] e la regione Lombardia erogò dei finanziamenti per far fronte allo stato di calamità naturale che si era venuto a creare.[4]

Il 3 maggio 2013, a causa della formazione di una grossa tromba d'aria nella pianura tra Modena e Bologna, una grandinata di dimensioni eccezionali (chicchi di diametro superiori ai 12 cm), ha devastato numerose località e provocato sei feriti. I danni provocati dalla grandine dipendono principalmente dalla sua densità, ossia dal rapporto tra massa e volume del chicco.

Prevenzione dei danni[modifica | modifica sorgente]

Chicchi di grandine di notevoli dimensioni

Esistono vari sistemi, usati prevalentemente in agricoltura, per ovviare ai danni da grandine, riducendone al minimo l'incidenza sulle colture. Per aree limitate (a causa dei costi di installazione) vengono usate reti antigrandine, in particolare per proteggere allevamenti e coltivazioni pregiate quali tendoni e spalliere per la viticoltura da esportazione e per la produzione di vini pregiati. Per aree vaste si usa invece un principio fisico, applicato spandendo tra le nubi dello ioduro d'argento. I chicchi di grandine si formano a partire da nuclei solidi molto piccoli; se si aumenta il numero di questi nuclei, si riduce in proporzione la dimensione media dei chicchi. Per ottenere tale effetto si usano tecniche diverse, come sparare dei razzi che esplodendo in quota liberano queste polveri, oppure spandendo le stesse con aerei appositamente attrezzati (tecnica cloud seeding). Un ulteriore sistema, la cui efficacia è ancora di opinione controversa, è l'uso del cannone antigrandine.

Altro metodo, indiretto, per limitare i danni economici da grandine è l'assicurazione (preventiva) dei raccolti: ad inizio stagione si assicura il prodotto per il valore che si ritiene di poter produrre sugli appezzamenti e, in caso di evento grandinigeno, vengono mandati periti che stimano il danno riportato dall'assicurato.

Nella religione[modifica | modifica sorgente]

La grandine è una delle dieci piaghe d'Egitto (Esodo 9,13-35).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Climate Extremes Archive.
  2. ^ http://www.casorezzo.com/Parrocchia/docu/grandinata86.pdf
  3. ^ Sindacato Ispettivo: Dettagli della ricerca
  4. ^ Banca dati del Consiglio Regionale della Lombardia

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

meteorologia Portale Meteorologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di meteorologia