Castelnuovo di Conza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castelnuovo di Conza
comune
Castelnuovo di Conza – Stemma Castelnuovo di Conza – Bandiera
Castelnuovo di Conza – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Francesco Custode (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 40°49′00″N 15°19′00″E / 40.816667°N 15.316667°E40.816667; 15.316667 (Castelnuovo di Conza)Coordinate: 40°49′00″N 15°19′00″E / 40.816667°N 15.316667°E40.816667; 15.316667 (Castelnuovo di Conza)
Altitudine 650 m s.l.m.
Superficie 14 km²
Abitanti 626 (31-05-2013)
Densità 44,71 ab./km²
Comuni confinanti Caposele (AV), Teora (AV), Conza della Campania (AV), Laviano, Pescopagano (PZ), Santomenna
Altre informazioni
Cod. postale 84020
Prefisso 0828
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065033
Cod. catastale C235
Targa SA
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti castelnuovesi
Patrono san Nicola
Giorno festivo 6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castelnuovo di Conza
Posizione del comune di Castelnuovo di Conza all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di Castelnuovo di Conza all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Castelnuovo di Conza è un comune italiano di 626 abitanti, della Provincia di Salerno in Campania nell'Alta Valle del Sele.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il paese sorge alle propaggini nord-occidentali della Lucania, a 650 metri nell'alta Valle del fiume Sele. Il comune, esteso su una superficie di 13,98 km², comprende il valico appenninico di Sella di Conza, sin dall'antichità importante nodo viario che attraverso le valli del Sele, dell'Ofanto e del Calore permetteva il passaggio dal versante adriatico al Tirreno nella direzione est-ovest, congiungendo la Campania e l'Irpinia con la Lucania sulla direttrice nord-sud.

La zona è caratterizzata da una forte sismicità, come dimostrano i numerosi episodi che si sono succeduti nel corso della sua storia, spesso di portata distruttiva.

La conformazione naturale del territorio e la sua posizione offrono una spiccata esposizione alle correnti ventose. Negli ultimi anni, il comune è diventato importante sito eolico, con l'installazione di diversi aerogeneratori di taglia media e grande.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La stazione meteorologica più vicina è la Stazione meteorologica di Andretta.

In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +3,2 °C; quella del mese più caldo, agosto, è di +21,9 °C[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Castelnuovo di Conza era già abitato tra il V e il III secolo a.C., come dimostrano i ritrovamenti archeologici di alcuni siti sannitici sottoposti a saggi di scavo da parte del Prof. Werner Johannowsky della Soprintendenza di Salerno e non ancora portati completamente alla luce.

Fu proprietà di Don Francesco Gesualdo, che poi vendette a Stefano Di Conza, e poi a Fabio Bavosa della Terra di Pescopagano, suo vassallo. La presenza di un castello è una probabile ricostruzione di una precedente struttura longobarda posta a guardia della valle e del confine con i territori bizantini.

Nella Cronista Conzana (1689-1691) si parla ancora della sua "forte torre".

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Laviano, appartenente al Distretto di Campagna del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Laviano, appartenente al Circondario di Campagna.

Storia recente[modifica | modifica wikitesto]

Dopo i terremoti storici del 1466 e del 1694, il centro è stato oggetto di una distruzione quasi totale dovuta al sisma del 23 novembre 1980.

Oggi Castelnuovo di Conza presenta un'urbanistica molto variegata. Il centro storico è stato riedificato quasi nella sua interezza, ripristinando molti degli antichi vicoli digradanti in cui si snodava la vita di un tempo. I quartieri ricostruiti dopo il sisma del 1980 presentano un tessuto edilizio formato da abitazioni disposte in serie parallele, allineato secondo la direzione di penetrazione all'interno. A nord-est sopravvive un caratteristico quartiere di edifici prefabbricati in legno, impiantati per offrire accoglienza provvisoria agli sfollati, in attesa che il processo di ricostruzione giungesse a termine, ma mai più dismessi.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Stemma

Lo stemma è composto da uno scudo di colore azzurro con al centro una torre sormontata da una corona con ai lati due leoni. Il tutto è circondato da un ramo di ulivo e da un ramo di quercia[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al Merito Civile
«In occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del proprio tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, economico e produttivo. Mirabile esempio di valore civico ed altissimo senso di abnegazione»
— terremoto dell'Irpinia del 23 novembre 1980

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

  • Località Cupone (IV-V secolo a.C.), sito non custodito ad accesso gratuito[3];
  • Località Torretta (IV-V secolo a.C.), sito non custodito ad accesso gratuito[3];
  • Località S. Ilarione (IV-V secolo a.C.), sito non custodito ad accesso gratuito[3];

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Immigrazione straniera[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2007 a Castelnuovo di Conza risultano residenti 22 cittadini stranieri. Le nazionalità sono:[5]

Paese di nascita Popolazione (2007)
Romania Romania 15
Marocco Marocco 4
Bulgaria Bulgaria 1
Germania Germania 1
Portogallo Portogallo 1

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione[6] è di religione cristiana di rito cattolico; il comune appartiene alla forania di Colliano dell'Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, con una parrocchia:

  • S. Maria della Petrara

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

L'unico centro abitato del territorio comunale è Castelnuovo. Le località abitate al di fuori del centro sono: Cupone, Perillo, Petralonga, Piana Voglino, Quercia, Sant'Ilarione, Scorzo, Serrone.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

  • Strada Regionale 91 Italia.svg Strada Regionale 91 della Valle del Sele (dal km 71+620 al km 85+750);
  • Strada Provinciale 33 Italia.jpg Strada Provinciale 33 Laviano-Santomenna-Bivio San Felice.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

La mobilità è affidata, per quanto riguarda i trasporti extraurbani, alla società Sita Sud che collega il paese con Salerno e Pescopagano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Tanagro - Alto e Medio Sele.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Centro sportivo La Rinascita[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ erg7118.casaccia.enea.it/profili/tabelle/507%20%5BAndretta%5D%20capoluogo.Txt Tabella dei venti
  2. ^ Nuovo-1
  3. ^ a b c Gal Colline Salernitane - I Comuni - Castelnuovo di Conza
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Dati Istat
  6. ^ Arcidiocesi di Salerno - Campagna - Acerno
  7. ^ Teseogiovani - Rete Informagiovani della Provincia di Salerno

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]