San Gregorio Magno (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Gregorio Magno
comune
San Gregorio Magno – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Gerardo Malpede (La Bilancia) dal 29/03/2010
Territorio
Coordinate 40°39′00″N 15°24′00″E / 40.65°N 15.4°E40.65; 15.4 (San Gregorio Magno)Coordinate: 40°39′00″N 15°24′00″E / 40.65°N 15.4°E40.65; 15.4 (San Gregorio Magno)
Altitudine 508 m s.l.m.
Superficie 49 km²
Abitanti 4 457[1] (31-12-2010)
Densità 90,96 ab./km²
Frazioni Filette, Forluso, Lavanghe, Teglia
Comuni confinanti Buccino, Colliano, Muro Lucano (PZ), Ricigliano, Romagnano al Monte
Altre informazioni
Cod. postale 84020
Prefisso 0828
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065120
Cod. catastale H943
Targa SA
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti gregoriani, sangruis (dialetto gregoriano)
Patrono San Gregorio Magno
Giorno festivo 3 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Gregorio Magno
Posizione del comune di San Gregorio Magno all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di San Gregorio Magno all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

San Gregorio Magno è un comune italiano di 4.504 abitanti, ubicato in Campania, nella provincia di Salerno.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Il territorio comunale, di 49 km², comprende una vasta area collinare situata nell'alta valle del Tanagro in prossimità del confine con la Basilicata.

Clima[modifica | modifica sorgente]

La stazione meteorologica più vicina è quella di Contursi Terme. In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +6,9 °C; quella del mese più caldo, luglio, è di +24,5 °C[2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'abitato di San Gregorio Magno si adagiava, fino a qualche tempo fa, sulle sponde di un lago pleistocenico completamente prosciugato sul volgere del XIX secolo. Già fiorente pagus in epoca romana, dopo lo spopolamento dovuto alle invasioni barbariche, fu una grancia benedettina, intorno alla cui chiesa, dedicata all'omonimo santo, venne a formarsi un casale, che divenne autonomo nel corso del XIV secolo, quando fu infeudato alla famiglia Lagni. Il feudo passò successivamente ai Caracciolo, e infine ai Falletti.

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Buccino, appartenente al Distretto di Campagna del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Buccino, appartenente al Circondario di Campagna.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia d'oro al merito civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito civile
«In occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del proprio tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, economico e produttivo. Mirabile esempio di valore civico ed altissimo senso di abnegazione.»
— Terremoto dell'Irpinia 23 novembre 1980

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Municipio
  • Chiesa madre
  • Chiesa Madonna delle Grazie
  • Chiesa Madonna di Loreto e S. Vito Martire
  • Chiesa della SS. Annunziata
  • Chiesa della Madonna dell'Angelo
  • Croce monumentale del XVII secolo in piazza Croce
  • Grotte cantine di via Bacco
  • Ruderi dell'abitato di San Zaccaria
  • Monumento ai caduti

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Religione[modifica | modifica sorgente]

La maggioranza della popolazione è di religione cristiana di rito cattolico[4]; il comune appartiene alla forania di Buccino dell'Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, comprendente la parrocchia omonima.

L'altra confessione cristiana presente è quella Protestante con due comunità:

  • Chiesa Battista UCEBI[5];
  • Chiesa Evangelica dei Fratelli[6].

Parrocchia[modifica | modifica sorgente]

Il parroco di San Gregorio Magno è Don Roberto Piemonte, nominato il 28 agosto 2011

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Musica[modifica | modifica sorgente]

Nel paese vi sono dei costruttori e suonatori di ciaramelle e zampogne. Roberto De Simone registrò alcune di queste suonate inserendole nella sua raccolta La tradizione in Campania (disco n.7, lato A, nn. 1-3).

Persone legate a San Gregorio Magno[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Baccanalia: percorso eno-gastronomico che si tiene l'ultima settimana di agosto in via Bacco, una strada costeggiata da cantine scavate nella roccia.
  • Festa di San Vito Martire, che i pastori celebrano insieme al proprio gregge con l'antichissimo rito della circumambulatio il 15 giugno di ogni anno.
  • Sagra della porchetta: si svolge l'ultimo fine settimana di luglio in località teglia.
  • Festa Patronale di San Gregorio Magno, che si svolge la prima domenica del mese di settembre.

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Lo statuto comunale di San Gregorio Magno non menziona nessuna frazione. In base al 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni[8], le località abitate sono:

  • Filette: 54 abitanti 430 m s.l.m.;
  • Forluso: 76 abitanti 490 m s.l.m.;
  • Lavanghe: 80 abitanti 525 m s.l.m.;
  • Teglia: 126 abitanti 450 m s.l.m., situata lungo la SP 268.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

  • Strada Provinciale 10 Italia.svg Strada Provinciale 10/b Innesto SP37-Buccino-San Gregorio Magno-Stazione di Balvano;
  • Strada Provinciale 34 Italia.svg Strada Provinciale 34 Ponte dei corvi-Innesto Ricigliano;
  • Strada Provinciale 268 Italia.svg Strada Provinciale 268/b Lago di Palomonte(loc. Pianelle)-S.Gregorio Magno;
  • Strada Provinciale 393 Italia.svg Strada Provinciale 393 Innesto SP10-San Gregorio Magno.

Mobilità urbana[modifica | modifica sorgente]

La mobilità è affidata, per i trasporti extraurbani, alla società Sita Sud.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Il comune fa parte della Comunità montana Tanagro - Alto e Medio Sele.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

La gestione del ciclo dell'acqua è affidato all'Ambito Territoriale Ottimale Sele.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Impianti sportivi[modifica | modifica sorgente]

  • Centro Sportivo

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella climatica
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Arcidiocesi di Salerno - Campagna - Acerno
  5. ^ Chiesa Battista di San Gregorio Magno
  6. ^ Evangelici.net - Indirizzi utili
  7. ^ Antonino Vincenzino Rivelli, Un episodio del brigantaggio 1809, ossia il Sacardote Giuseppe Paterena, Salerno, 1897; A. Sorrentino, Di una cronaca inedita del Salernitano, Archivio Storico della provincia di Salerno, VI, 1927, pp. 60 e seguenti.
  8. ^ 14º Censimento

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • M. Sessa (a cura di) Economia, società, politica in un comune meridionale. San Gregorio Magno tra XVIII e XX secolo, Salerno, Pietro Laveglia editore, 1991;
  • G. Salimbene, Le pietre che parlano. Ricognizione epigrafica nel paese di San Gregorio Magno (Salerno), Salerno, Ed. Dottrinari, 1992;dello stesso autore Qua munà. Ricerche sul culto di San Vito nelle valli del Sele e del Tanagro, Salerno, Laveglia Editore, 1997;
  • I. De Rosa, San Gregorio Magno (SA) dalle origini ai nostri giorni, Bivio Palomonte, Ed. Parisi, 2004;
  • A. Mazzocca, Indagine diacronica e sincronica per la compilazione di una grammatica del dialetto di San Gregorio Magno, Buccino, Ed. Vigepa, 2005;
  • G. Salimbene - E. Catone (a cura di), Le famiglie di San Gregorio Magno nell'anno 1740, Salerno, Carlone Editore, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]