Casane astigiane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Q.Matsys - Il banchiere e sua moglie (1514) - Museo del Louvre
« Se Asti avesse saputo durar concorde, forse il Po, avrebbe dovuto al Tanaro invidiare la capitale del Piemonte. »
(Carlo Vassallo)

Le casane astigiane erano banchi che svolgevano ad Asti, in epoca medioevale, attività di cambia-valuta e di prestito su pegno.

Anna Maria Patrone, nel suo studio sulle Casane astigiane in Savoia, azzarda la possibilità che il termine possa derivare dal turco Hazna, che in antico indicava il luogo del tesoro pubblico. Le antiche casane erano attive anche nella medioevale Repubblica di Genova.

Con ogni probabilità il termine deriva probabilmente dal sostantivo casa, modificato probabilmente in senso dispregiativo, poiché nel Medioevo ogni attività bancaria era considerata speculativa, e quindi infame o in ogni caso poco degna.

L'inizio del commercio[modifica | modifica wikitesto]

Un secolo di scontri
Guelfi e ghibellini

  • 1261 - Primi scontri tra Robaldo Catena e Bonifacio Solaro. In seguito i Guttuari organizzeranno la Società di Becchincinere, sorta a reprimere il partito Guelfo
  • 1302 - Guglielmo Turco assassina Manuello Solaro, scoppia la guerra civile
  • 1303 - Il partito Ghibellino apre le porte al Marchese del Monferrato, di Saluzzo e di Incisa, fuga dei Solaro e dei loro alleati
  • 3 maggio 1304 - I Solaro, con l'aiuto di Alba e Chieri, organizzarono un esercito con più di 200 cavalieri e 5000 pedoni, che si scontrò nella zona ovest della città. Sconfitta dei Ghibellini con distruzione delle loro abitazioni
  • 1304 - 1307 - Gli scontri si diffondono anche sul territorio, coinvolgendo anche i possedimenti degli alleati Saluzzo, Savoia e Monferrato
  • 1308 - Pace tra Teodoro I del Monferrato e Filippo di Acaja, per mediazione di Carlo II d'Angiò. Le fazioni astigiane continuano da sole la guerra
  • 1309 - Sconfitta dei Solaro a Quattordio, viene stipulata la pace e rientro in città della fazione Guelfa
  • 1310 - I Guttuari accusati di tramare contro il comune vengono allontanati. Si rifugiano a Masio, rientrarono in città appoggiati da Arrigo VII, che espropriò i castelli dei guelfi e li cedette ai signori ghibellini di Busca e Incisa. Cominciò un duro periodo di oppressione e vessazione per i Solari, che videro i propri capi imprigionati o esiliati
  • 1311 - Riprendono gli scontri tra le fazioni, i Solari si affidano nuovamente alla protezione di Roberto D'Angiò.
  • 1314 - Esilio della fazione dei De Castello e dei loro discendenti; fine della libertà comunale, comincia il periodo angioino
  • 1314-1332 - Proseguono gli scontri tra le due fazioni, i Guttuari sono spalleggiati da Amedeo V di Savoia
  • 1332 - Nuova tregua con conciliazione delle fazioni
  • 1334 - Violazione della tregua, i Guttuari abbandonano la città
  • 1339 - I De Castello con l'aiuto di Giovanni II Paleologo Marchese del Monferrato, penetrano in città e cacciano i Solaro (la cui dominazione era durata 35 anni)
  • 1342 - I Guttuari, per timore della sempre più minacciosa pressione dei Solaro, chiedono la protezione di Luchino Visconti e gli affidano la reggenza della città, con bando perpetuo dei Solaro. Inizia il periodo Visconteo
  • 1349 - Morte di Luchino Visconti, rientro in città delle famiglie Guelfe
  • 1356 - Iniziano le lotte tra i Visconti e i Monferrini per la supremazia del territorio, Asti fa atto di sudditanza verso Giovanni II
  • 1372 - Galeazzo Visconti assedia la città difesa da Ottone di Brunswich. La città è liberata da Amedeo VI detto il Conte Verde
  • 1377 - Pace fatta tra i Visconti e Secondotto di Monferrato, che sposa la figlia di Galeazzo II, Violante
  • 1379 - Muore Galeazzo Visconti. La città fa voto di sottomissione al figlio Gian Galeazzo Visconti, che la dà in dote alla figlia Valentina

In quanto situata al centro delle principali vie di comunicazione fra Genova ed i mercati settentrionali d'oltralpe, Asti sviluppò subito la vocazione commerciale, e di conseguenza la figura dell'intermediario di commercio tra i suoi abitanti. Ma soffrì, nei primi decenni del XII secolo, le conseguenza della pesante e progressiva svalutazione della moneta del Regno italico, battuta dalla zecca di Pavia e comunemente usata.

Per avere uno strumento di scambio più stabile, chiese ed ottiene dall'imperatore Corrado II il diritto di battere una propria moneta. Questo avviene nel 1141, seguendo la concessione fatta nella Repubblica di Genova nel 1138.

Nel 1143, compare già in un documento per un pagamento effettuato, la descrizione di denari buoni di moneta astese, segno che la Zecca di Asti cominciò subito a funzionare.

La nascita dei banchi[modifica | modifica wikitesto]

Il commercio si sviluppò in breve tempo, favorito anche da alcuni contratti degli Astigiani con il Duca Ugo di Borgogna, per poter avere libero accesso sulla strada di Chalon-sur-Saône, fino a Digione e da lì alle famose sei fiere di Champagne.

I Lombardi (così erano definiti i mercanti astigiani), tra il XII secolo ed il XIII secolo, conclusero più di venti contratti di investimento e finanziamento relativi a tutte e sei le fiere. Infatti, gli astigiani si resero presto conto che la vera attività redditizia era quella del prestito di denaro su pegno, vista la scarsità di argento in tutta Europa.

Ma, per poter compiere questa attività e aggirare l'appellativo di usurai, cercarono un'investitura istituzionale. Questo avvenne grazie al privilegio accordato nel 1225 dal re Luigi VIII di Francia.

Nella Cronaca di Ogerio Alfieri si legge che a partire dal 1226, gli astigiani cominciarono a prestare tenendo ' casane' in Francia e nelle regioni d'oltremare.

La clientela appariva molto variegata, dallo stesso re, al nobile, al borghese, fino al contadino.

Nel Trecento i tassi praticati dai Lombardi si assestarono intorno al 43%, ed i guadagni ingentissimi, nonostante sempre il rischio dell'accusa canonica di usura, provocarono uno sviluppo economico notevole sulla città di Asti.

I profitti vennero investiti in beni fondiari, per la disponibilità di terre e castelli lasciati vacanti dall'antica nobiltà esautorata dal potere comunale, e successivamente vennero utilizzati per l'acquisto dei diritti signorili.

I conflitti[modifica | modifica wikitesto]

« Fatalmente gli sterpi della discordia e dell'odio, non possono produrre che frutti di cenere e tosco. »
(Alfredo Bianco)

Ben presto le grandi famiglie mercatali astigiane cominciarono ad investire anche all'estero, creando inevitabilmente un conflitto d'interesse tra il comune, di cui facevano parte nei quadri dirigenziali, e le terre di cui erano i proprietari.

Il fenomeno assunse proporzioni vistose alla fine del Duecento, accompagnandosi allo scatenamento di conflitti tra il partito guelfo e quello ghibellino. Questo gettò la città in un clima di perenne guerriglia, con notevoli danni per l'economia astigiana.

Le insanabili divisioni tra guelfi e ghibellini astigiani, costringeranno infine il Comune a chiedere aiuto ed intervento ai Signori stranieri. Solamente alla fine del Quattrocento le lotte intestine tra le famiglie si esaurirono, ma ormai la città aveva perso la propria libertà e la sua floridezza economica.

Sicuramente, nel periodo di massima espansione politico-economica della città, il non essere riusciti a produrre una classe dirigente locale, illuminata e lungimirante, che sarebbe potuta sfociare in una Signoria locale (come gli Sforza per Milano, i Medici a Firenze o gli Scaligeri a Verona) è stato notevolmente penalizzante nel prosieguo delle vicende storiche della città, e probabilmente nel destino storico-politico del Piemonte, permettendo a Torino, e di conseguenza ai Savoia di diventare il polo politico- economico più influente dal cinquecento in poi.

Famiglie guelfe[modifica | modifica wikitesto]

I Solari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Solaro (famiglia).
Stemma dei Solaro

Era la famiglia astigiana guelfa più potente e senza dubbio la più importante.

Nel periodo di massimo splendore, erano proprietari di 24 castelli nel solo territorio comunale.

I Solaro/Solari erano presenti a Genova già nel XII secolo, con beni ed immobili a Sestri Levante.

Le attività commerciali erano principalmente tra le fiere di Provins, Troyes, nella Francia del Nord e nelle Fiandre. Nel Trecento il grosso dell'attività si concentra in Borgogna e Franca Contea.

Tra i loro clienti i Savoia, specialmente all'inizio del Trecento, e Leonardo Solaro ebbe il monopolio della casana di Torino per concessione degli Acaja.

Le loro case più antiche erano nella zona denominata Caneto dei Solaro, area delimitata a sud dall'attuale corso Alfieri, a Nord da via Carducci fino in Piazza Medici. Il nome Caneto, deriverebbe in antichità, forse da una zona incolta, bonificata e poi urbanizzata dai Solaro.

Dice il Bera, che questa era una contrada fortificata, delimitata ai suoi confini dalle facciate delle abitazioni e da cortine in muratura che le collegavano tra loro. Nel 1303, la vittoria dei ghibellini porterà alla completa distruzione del Caneto, ma un anno dopo, riuscendo a ribaltare la situazione, i Solaro rientrarono in città e ricostruirono le case compresa la torre (oggi ancora presente, seppur abbassata), che ancora nel settecento, secondo l'Incisa, era la più formidabile della città.

Le altre abitazioni prospicienti il Caneto sorgevano tra il Rione San Secondo e Rione San Silvestro, ed un buon numero di abitazioni erano nei pressi della Chiesa di San Martino.

Nel 1276, il loro intervento fu decisivo per concludere la pace tra Asti e Carlo D'Angiò. Nel 1296 Sinibaldo Solaro fu nominato podestà di Alba. Negli stessi anni, altri membri della famiglia, ricoprirono cariche di potere a Mondovì, Chieri, Fossano e Bra.

Grazie ad un accordo con la Società del Popolo, seppero mantenere il dominio sulla città per tutto il Periodo Angioino. Bonifacio Solaro, fu più volte credendario, sapiente, ambasciatore, sindaco del comune di Asti. Fu egli il fautore degli scontri con la fazione ghibellina dei De Castello.

Per la sua dedizione a Roberto D'Angiò, divenne luogotenente del vicario regio di Asti (1317).

Dopo il rientro dei ghibellini, coinciso con la signoria viscontea, l'influenza politica dei Solaro/Solari sulla città diminuì drasticamente, spostando il loro raggio di azione sulle proprietà del contado.

I Falletti[modifica | modifica wikitesto]

Stemma dei Falletti

I Falletti furono una famiglia attivissima in campo finanziario già dal 1110.

Sono già presenti a Genova dal 1184, e nel corso del XIII secolo l'attività di prestito diventerà l'occupazione principale della famiglia, soprattutto in Piemonte in società con la famiglia Troja.

In seguito estesero il loro raggio d'azione anche ad Avignone.

Furono investiti del feudo di Barolo da Carlo D'Angiò nel 1307, nel 1372 ebbero in pegno dal Marchese di Saluzzo Federico II, i feudi di Racconigi e Migliabruna.

Le case dei Falletti erano situate tra via al Teatro, via Palazzo di Città, e corso Alfieri, nel Rione San Secondo.

I Troja[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Troja.

Furono principalmente attivi in Germania e nel nord Europa con banchi a Metz e in Lorena (XIII secolo), Colonia, Bonn e Lucerna (XIV secolo). Nel 1387 furono anche presenti con un banco nella ricchissima Gand nelle Fiandre. In Italia furono principalmente attivi a Chieri.

Nella seconda metà del Trecento si installano nel palazzo di Piazza Medici, attiguo alla Torre dell'Orologio, palazzo che prima era stato la residenza del Podestà.

È probabile che le case dei Troja fossero attigue al Caneto dei Solari, con i quali del resto avevano una solida alleanza politica.

I Malabaila[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Malabayla.
Stemma dei Malabaila

L'attività era principalmente in Savoia, spingendosi sino a Chalon-sur-Saône: i fratelli Giacomo, Antonio e Guidetto, del ramo di Castellinaldo, divennero nel 1342, banchieri Papali ad Avignone.

Probabilmente di provenienza da Revigliasco d'Asti, si sistemarono in contrada San Giuliano, nel Rione Cattedrale, al tal punto che nel 1388, la contrada è citata come de Malabailis. All'interno della contrada, i Malabaila realizzeranno il più bel palazzo rinascimentale della città. Sono Malabaila poi le linee di Antignano e di Cantarana e Valgorrera anch'essi, fin dal 1300, banchieri in Francia e precisamente a Bourg-en-Bresse.

Famiglie ghibelline[modifica | modifica wikitesto]

I Guttuari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guttuari.
Stemma dei Guttuari

La potente famiglia, corrispettivo ghibellino dei Solaro, si affaccia sulla vita politica astigiana nel duecento, per avere nel 1270 con la figura di Emanuele Guttuari, la maggior influenza sul governo della città.

Già dal 1200 sono attivi come mercanti di stoffe a Genova, nel 1235 aprono un banco di pegno a Provins, poi a Besançon, Bruxelles e Berna. Stringono alleanze con il marchese del Monferrato e con le principali realtà ghibelline del patriziato subalpino.

Anche se probabilmente erano anticamente situate nel Rione San Silvestro, le abitazioni dei Guttuari si attestano principalmente sulla piazza del mercato del Santo (Rione San Secondo). La grande torre Guttuari, di cui oggi, secondo il Bera, rimane solamente il basamento inferiore, sopra le case di via Gobetti dominava con l'omonimo palazzo la piazza del mercato.

Con i Turco e gli Isnardi costituirà il potente consorzio dei De Castello.

Gli Isnardi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Isnardi.

Potentissima e ricchissima casana astigiana, aveva i principali commerci nella zona dello Champagne, ma la loro agiatezza, le permise di essere il banchiere di fiducia di moltissimi grandi personaggi medievali. Prestarono denaro, all'arcivescovo di Lione, ad Amedeo V di Savoia ed Ugo di Vienne.

L'ascesa politica avvenne con l'appoggio della Società del Popolo, di cui Giacomo Isnardi divenne rettore tra il 1271 ed il 1279.

I Turco[modifica | modifica wikitesto]

Stemma dei Turco

I Turco erano l'ala più modesta dei De Castello; non vi sono grandi personaggi di spicco nella loro famiglia, se non per la figura di Giovanni Turco, che nel 1278 compare come luogotenente al seguito del Podestà Mellano Solaro. Le loro attività casaniere si svilupparono principalmente sul mercato fiammingo, e su quello della Savoia, con prestiti ai Conti di Hainault e Namur. Ad un membro della famiglia Turco, esattamente Guglielmo, descritto come crudele e vendicativo, va imputata la causa della ripresa dei feroci scontri tra le opposte fazioni politiche in Asti. Uccise per strada Emanuele Solaro nel 1300.

Gli Scarampi[modifica | modifica wikitesto]

Stemma degli Scarampi

Da Genova, si svilupparono nelle fiere di Champagne, e quindi nel Trecento a Parigi, Meux ed Auxerre, fino a raggiungere i mercati belgi di Malines. Erano in società con gli Alfieri. Gli Scarampi avevano il castello di Masio Nel 1337, Antonio Scarampi, in cambio di 115.000 fiorini, diventava tenutario di Bubbio, Monastero Bormida, Roccaverano, Cortemilia, Perletto, Cairo, Altare ed altri luoghi delle Langhe.

Il più antico nucleo abitativo cittadino risale alla metà del Duecento ed è situato nelle immediate vicinanze della Cattedrale (Rione Cattedrale), queste case furono presto abbandonate per essere cedute ai Pelletta, spostandosi nella zona di Piazza Catena e Piazza delle Erbe (l'attuale piazza Statuto).

Gli Alfieri[modifica | modifica wikitesto]

Stemma degli Alfieri
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Alfieri (famiglia).

La loro attività commerciale si svolse principalmente in Savoia e a Friburgo, dal Trecento l'attività sembra concentrarsi nei Paesi Bassi (Bruxelles, Lovanio). Martino Alfieri fu nominato tesoriere del conte Amedeo V di Savoia, nel 1300.

Nel 1342 si parla in un documento di un'estesa contrada Alferiorum, situata tra Via Bruno e Via Balbo che ha come costruzione di maggior spicco il Palazzo dei Leoni, in seguito di proprietà dei Bolla. Alcuni paesi dell'astigiano mantengono ancora il suffisso Alfieri, sicuramente a testimonianza dell'antico dominio della famiglia, (Castell'Alfero, Magliano Alfieri, San Martino Alfieri).

Fin dal 1176, un Alfieri è stato sempre presente nella vita pubblica astigiana. Ricordiamo anche il cronista Ogerio Alfieri, credendario e sapiente della città nel 1274, il poeta Vittorio Alfieri e l'architetto di casa Savoia nel XVIII secolo, Benedetto Alfieri.

Ad Asti, la casa natale del poeta (Palazzo Alfieri) è la sede del Centro Nazionale Studi Alfieriani.

Famiglie importanti non schierate[modifica | modifica wikitesto]

I Roero[modifica | modifica wikitesto]

Stemma dei Roero
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Roero (famiglia) e Torri e Palazzi dei Roero (Asti).

Seppero destreggiarsi tra le due fazioni traendone grandi profitti sia sotto l'aspetto economico, che politico. Ancora nel Cinquecento si contano più di venti linee parentali.

I Pelletta[modifica | modifica wikitesto]

Stemma dei Pelletta
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pelletta.

La famiglia fu in parte ghibellina e in parte guelfa. Furono rettori della Società di San Secondo nella figura di Girbaudo Pelletta nel 1279, con Manfredino nel 1281 e con Giorgio nel 1282. Grenone fu ambasciatore d'Asti presso Luchino Visconti nel 1342.

L'attività si spinse fino in Piccardia, per continuare in Savoia e nelle Fiandre. Le case dei Pelletta erano nel Rione Cattedrale; alla famiglia è attribuita la committenza del Portale sul lato meridionale della Cattedrale di Santa Maria Assunta.

Gli Asinari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Asinari.
Stemma degli Asinari

Fu una delle famiglie più antiche, a prevalenza ghibellina. Già nel 1197 Ranzone Asinari è citato quale console di Asti. Raimondo Asinari fu Podestà di Chieri nel 1273, Folco lo fu a Mondovì (1284) e a Genova (1296).

Tolomeo Asinari, coinvolto nelle lotte civili, venne esiliato con la famiglia e si dedicò al commento del De consolatione philosophie manoscritto nel 1309 e miniato da Filippo di Altavilla (è conservato a Vienna).

Seppero creare una fitta rete di banchi e commerci in tutta Europa, dalle Fiandre alla Germania (Siegburg, Oberswesel, St. Goar), alla Svizzera, alla Borgogna, con interessi sulle raffinerie di sale di Salins. I prestiti all'arcivescovo di Colonia, portarono benefici sui mercati di Colonia, Bonn, Adernach.

I Lucii[modifica | modifica wikitesto]

I Lucii furono un'antica famiglia astigiana che secondo la tradizione trassero l'origine dall'antica Roma. Secondo quanto riporta il notaio Giacomo Borcanino non si stabilirono ad Asti quando divenne colonia romana, ma quando vi passò Giulio Cesare con le sue truppe. La famiglia Lucii fiorì ad Asti fino a tutto il XIII secolo, allorquando Cesare de' Lucii, unico membro maschile rimasto della famiglia segui in oriente il crocesegnato Ludovico di Savoia durante le crociate.

I Natta[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Natta (famiglia).

La famiglia Natta è una delle più importanti famiglie astigiane per il numero di soldati, letterati, religiosi e giuristi che ha prodotto nei secoli. In seguito al commercio ed all'attività feneratizia in tutta l'Europa occidentale, si arricchirono notevolmente, contribuendo di conseguenza all'espansione del comune astigiano nel periodo medievale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV, Il Platano, rivista per lo studio della cultura ed attività astigiana raccolte dal 1977 al 2005
  • Aldo di Ricaldone Annuari del Monferrato Vol I e II
  • Bianco A. Asti Medievale . Ed CRA 1960
    • Asti ai tempi della rivoluzione e dell'impero. Ed CRA 1960
  • Bera G. Asti edifici e palazzi nel Medioevo. Gribaudo Editore Se Di Co 2004
  • Bobba Vergano Antiche zecche della provincia di Asti. Bobba ed. 1971
  • Bordone R., Dalla carità al credito. C.R.A. 2005
  • Fissore, Le miniature del codex astensis C.R.A. 2002
    • De Canis G.S. Proposta per una lettura della corografia astigiana, C.R.A 1977
  • Gabiani Niccola, Asti nei principali suoi ricordi storici vol 1, 2,3. Tip. Vinassa 1927-1934
    • Le torri le case-forti ed i palazzi nobili medievali in Asti, A.Forni ed. 1978
  • Grassi S., Storia della Città di Asti vol I, II. Atesa ed. 1987
  • S.G. Incisa, Asti nelle sue chiese ed iscrizioni C. R.A. 1974
  • A.M. Patrone, Le Casane astigiane in Savoia, Dep. subalpina di storia patria, Torino 1959.
  • Peyrot A. Asti e l'Astigiano, tip. Torinese Ed. 1983
  • Ruggiero M. Briganti del Piemonte Napoleonico, Le Bouquiniste 1968
  • Scapino M. La cattedrale di Asti e il suo antico borgo, C.R.A.
  • Taricco S. Piccola storia dell'arte astigiana. Quaderno del Platano Ed. Il Platano 1994
  • Testa d. Storia del Monferrato seconda edizione ampliata, Tip. S.Giuseppe 1951
  • V.Malfatto Asti antiche e nobili casate. Il Portichetto 1982
  • Vergano L., Storia di Asti Vol. 1,2,3 Tip. S.Giuseppe Asti1953, 1957
    • Vicende storiche di Refrancore, L'autore 1996

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Casane astigiane
Cavallotto 1508.jpg
Arms of the House of Savoy.svg
Alfieri - Alione - Antignano - Asinari - Buneo - Cacherano - Catena - Falletti - Garetti
Guttuari - Isnardi - Lajolo - Malabayla - Montafia - Natta - Pallio
Ponte - Pelletta - Ricci - Re - Roero - Scarampi - Solaro - Troja - Turco