Castelnuovo Cilento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castelnuovo Cilento
comune
Castelnuovo Cilento – Stemma
La torre del castello
La torre del castello
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Eros Lamaida (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 40°13′00″N 15°11′00″E / 40.216667°N 15.183333°E40.216667; 15.183333 (Castelnuovo Cilento)Coordinate: 40°13′00″N 15°11′00″E / 40.216667°N 15.183333°E40.216667; 15.183333 (Castelnuovo Cilento)
Altitudine 280 m s.l.m.
Superficie 18,06 km²
Abitanti 2 614[2] (31-12-2010)
Densità 144,74 ab./km²
Frazioni Pantana, Velina[1]
Comuni confinanti Ascea, Casal Velino, Ceraso, Salento, Vallo della Lucania
Altre informazioni
Cod. postale 84040
Prefisso 0974
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065032
Cod. catastale C231
Targa SA
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti castelnovesi
Patrono santa Maria Maddalena
Giorno festivo 22 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castelnuovo Cilento
Posizione del comune di Castelnuovo Cilento all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di Castelnuovo Cilento all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Castelnuovo Cilento (Castièddë Nuòvë in dialetto cilentano[3]) è un comune italiano di 2.575 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La stazione meteorologica più vicina è quella di Casal Velino. In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +8,7 °C; quella del mese più caldo, agosto, è di +25,7 °C[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo, denominato Castelnuovo nel medioevo, apparteneva al feudo di Agnello di Senerchia, a cui fu tolto per fellonia. Passò poi per vendita ad Antonio Carafa ed da questo ai Damiani e ai Talamo Atenolfi. Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del Circondario di Vallo della Lucania, appartenente all'omonimo distretto del Regno delle Due Sicilie.

Con l'annessione al Regno di Sardegna ha cambiato il toponimo in quello attuale e dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Vallo della Lucania, appartenente all'omonimo circondario.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Torre di Castelnuovo Cilento, situata in centro.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2007 a Castelnuovo Cilento risultano residenti 48 cittadini stranieri.[6]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione è di religione cristiana appartenenti principalmente alla Chiesa cattolica[7]; il comune appartiene alla Diocesi di Vallo della Lucania, ed ha tre parrocchie:

  • S. Maria Maddalena
  • S. Chiara
  • S. Antonio da Padova

L'altra confessione cristiana presente è quella Evangelica con una comunità:

  • Chiesa Evangelica Pentecostale ADI[8] - Velina

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Lo statuto comunale di Castelnuovo Cilento non menziona nessuna frazione. In base al 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni[9], le frazioni sono:

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Principali arterie stradali[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Gelbison e Cervati e dell'Unione dei Comuni Valle dell'Alento.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino regionale Sinistra Sele.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ già Casal Velino Scalo
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 172.
  4. ^ Tabella climatica mensile e annuale (TXT) in Archivio climatico DBT, ENEA.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Dati Istat
  7. ^ Diocesi di Vallo della Lucania - Le Parrocchie
  8. ^ ADI - Chiese Cristiane Evangeliche - Assemblee di Dio in Italia
  9. ^ 14º Censimento

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]