Serre (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serre
comune
Serre – Stemma
Serre – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Franco Mennella (lista civica) dal 2012
Territorio
Coordinate 40°35′00″N 15°11′00″E / 40.583333°N 15.183333°E40.583333; 15.183333 (Serre)Coordinate: 40°35′00″N 15°11′00″E / 40.583333°N 15.183333°E40.583333; 15.183333 (Serre)
Altitudine 200 m s.l.m.
Superficie 66 km²
Abitanti 4 050[2] (31-12-2010)
Densità 61,36 ab./km²
Frazioni Borgo San Lazzaro, Persano[1]
Comuni confinanti Albanella, Altavilla Silentina, Campagna, Eboli, Postiglione
Altre informazioni
Cod. postale 84028
Prefisso 0828
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065140
Cod. catastale I666
Targa SA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti serresi
Patrono san Martino
Giorno festivo 11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Serre
Posizione del comune di Serre all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di Serre all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Serre è un comune italiano di 4.015 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Serre dista 42 km da Salerno, il centro abitato si estende su una collina alle pendici dei Monti Alburni, a 200 m di altezza sul livello del mare. Serre dista circa 23 km dal mare in linea d'aria, il suo territorio è attraversato da due fiumi, il fiume Sele ed il fiume Calore lucano (affluente), che ne costeggiano i confini rispettivamente a Nord-Ovest ed a Sud. I due fiumi costituiscono quindi i confini naturali del territorio che assume perciò una conformazione a cuneo caratteristica. Il punto in cui i due fiumi confluiscono è detto Jonta, termine dialettale che indica una giuntura. Il fiume Sele e la piana omonima che lo circonda, costituiscono ancora oggi le maggiori risorse per la popolazione locale.

  • A Nord-Est il territorio di Serre è prevalentemente collinare (contrade: Difesa, Strada vecchia, Macchia sottana, Macchia soprana, Chiusa, Vespariello), ricco di vegetazione boschiva (salice, ginestra, pioppo, quercia,...), vigneti e di verdeggianti uliveti dai quali si ricava un olio tra i migliori della Campania (Serre è Città dell'Olio).
  • A Nord-Ovest, nel bacino artificiale creatosi con la costruzione della diga sul fiume Sele, è sita una delle più preziose oasi naturali della Campania, l'Oasi di Persano, comprendente anche zone del comune di Campagna, è gestita dal WWF Italia.
  • A sud-ovest invece il territorio è di tipo pianeggiante (contrade: Pagliarone, Campo fiorito, S. Berardino, Padula, Jonta e le uniche due frazioni, Borgo San Lazzaro e Persano), incastonato nella piana del Sele, una delle maggiori risorse agricole della Campania. Il territorio pianeggiante ha una estensione di 1.200 ettari (circa un quinto del territorio comunale)

Clima[modifica | modifica sorgente]

La stazione meteorologica più vicina è quella di Battipaglia. In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +9,0 °C; quella del mese più caldo, agosto, è di +23,6 °C.

Le precipitazioni medie annue sfiorano i 1.000 mm, distribuite mediamente in 84 giorni, e presentano un minimo estivo ed un picco in autunno-inverno[3].

BATTIPAGLIA Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 13,2 14,0 16,1 18,6 22,9 26,7 29,1 29,5 27,0 22,8 18,1 14,2 13,8 19,2 28,4 22,6 21,0
T. min. mediaC) 4,9 5,2 6,5 8,4 11,7 15,1 17,5 17,8 15,9 12,6 8,7 6,0 5,4 8,9 16,8 12,4 10,9
Precipitazioni (mm) 121 99 94 78 45 27 14 43 64 111 158 134 354 217 84 333 988
Giorni di pioggia 10 9 9 9 5 4 2 3 5 7 11 10 29 23 9 23 84
Vento (direzione-m/s) N
5,1
N
5,3
E
5,1
E
4,5
E
4,4
E
4,1
E
4,1
E
4,1
E
4,8
E
5,6
E
5,1
E
5,7
5,4 4,7 4,1 5,2 4,8

Storia[modifica | modifica sorgente]

La facciata della chiesa di San Martino

Il paese è di origine medioevale (X-XI secolo) ed è sorto intorno ad un castello non più esistente. Per molti secoli è stata feudo dei Sanseverino fino al 1532 quando subentrarono i De Rossi. Nel 1626 Giulio De Rossi divenne primo duca di Serre.[4] Nel 1758 Giuseppe De Rossi vendette il feudo di Serre e Persano a Carlo III di Borbone. Dal 1752 al 1754 Carlo III fece realizzare la Casina Reale di caccia di Persano su progetto iniziale dell'ingegnere Giovanni Domenico Piana e in seguito di Luigi Vanvitelli.[5][6]

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Postiglione, appartenente al Distretto di Campagna del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Postiglione, appartenente al Circondario di Campagna.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

  • Casino Reale di Persano (1752), casino e tenuta di caccia dei Borboni
  • Palazzo ducale (XVI secolo)

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

  • Chiesa di San Martino, risalente al XIII secolo, in seguito a l'incendio del 24 ottobre 1822 venne completamente restaurata.[7]
  • Santuario Madonna dell'Olivo (XV secolo)
La facciata del Santuario Madonna dell'Olivo

Altro[modifica | modifica sorgente]

Aree naturali[modifica | modifica sorgente]

Oasi naturale di Persano: un gruppo di folaghe

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[8]

Immigrazione straniera[modifica | modifica sorgente]

Al 31 dicembre 2007 a Serre risultano residenti 109 cittadini stranieri. Le nazionalità principali sono:[9]

Religione[modifica | modifica sorgente]

La maggioranza della popolazione è di religione cristiana di rito cattolico[10]; il comune appartiene alla Diocesi di Teggiano-Policastro ed è suddivisa in due parrocchie:

  • San Martino Vescovo
  • Santa Maria delle Grazie

L'altra confessione cristiana presente è quella Evangelica con una comunità:

  • Ministero "Cilento terra di Cristo" - Comunità di Serre[11].

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Musei[modifica | modifica sorgente]

Il vecchio municipio, attuale sede del museo della civiltà contadina
  • Museo della civiltà contadina

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Alburni Jazz
  • Festa degli antichi sapori reali borbonici

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Menzionata nello statuto comunale, non è riconosciuta dall'ultimo censimento ISTAT del 2001[12].

  • Borgo San Lazzaro

In base ai dati ISTAT ha 65 abitanti ed è situata a 71 m s.l.m.

Località[modifica | modifica sorgente]

  • Baraccamento
  • Biancaneve
  • Spineto
  • Spineto I

Economia[modifica | modifica sorgente]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

  • Strada Statale 19 Italia.svg Strada statale 19 delle Calabrie.
  • Strada Provinciale 251 Italia.svg Strada Provinciale 251 Innesto SS 19-Serre, principale strada di accesso al paese ed in via di declassificazione a strada comunale;
  • Strada Provinciale 88 Italia.svg Strada Provinciale 88 Innesto SS 19-Ponte Calore-Altavilla Silentina;
  • Strada Provinciale 317 Italia.svg Strada Provinciale 317 Falagato-Corneto;
  • Strada Provinciale 334 Italia.svg Strada Provinciale 334 Innesto SP 11-Ponte Barizzo-Albanella per Borgo S.Cesareo alla Falagato-Corneto.

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

Mobilità urbana[modifica | modifica sorgente]

Autobus La mobilità è affidata, per quanto riguarda i trasporti urbani ed extraurbani, alla società CSTP S.p.A..

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sindaci di Serre.

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Il territorio fa parte della Comunità montana Alburni.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

Sport[modifica | modifica sorgente]

La prima squadra cittadina è I Leoni Persano, che milita in Serie B.

Palmares: 1 Champions League - 2 Coppa Uefa - 1 campionato per club - 1 Coppa del nonno

Impianti sportivi[modifica | modifica sorgente]

  • Royal golf Persano, polo golfistico dotato di 2 campi a 18 buche.
  • Campo di calcio A. Conforti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Elenco secondo lo Statuto comunale
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ erg7118.casaccia.enea.it/profili/tabelle/516%20%5BBattipaglia%5D%20capoluogo.Txt Tabella climatica
  4. ^ Persano, la terra per restare contadini, A. Tateo, pp.17-19
  5. ^ http://www.carlodiborbone.com/ita/oggi/eventi.php?data=2005-08
  6. ^ M. Ulino, I Borbone delle Due Sicilie e il real sito di Persano, Il Postiglione, rivista storica, 2008
  7. ^ Giuseppe Melchionda, Serre in età moderna e contemporanea, Salerno, Centro di Cultura e Studi Storici Alburnus, 1994, p. 87.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Dati Istat
  10. ^ Diocesi di Teggiano - Policastro
  11. ^ Evangelici.net
  12. ^ Censimento#asterisco dawinciMD - Consultazione dati del 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Dépliant turistico del comune di Serre, 2008
  • A. Tateo, Persano, la terra per restare contadini, Nuove edizioni Gabriele Mazzotta, Milano, 1984
  • G. Melchionda, Serre in età moderna e contemporanea, Centro di Cultura e Studi Storici Alburnus, Salerno, 1994
  • A. Stasio, Respiri d'anima di un alito vitale, Centro culturale studi storici Il Saggio, Eboli, 2004
  • A. Stasio, La mia terra, per non dimenticare, Centro culturale studi storici Il Saggio, Eboli, 2010
  • M. Ulino, I Borbone delle Due Sicilie e il real sito di Persano, Il Postiglione, rivista storica, 2008
  • A. Stasio, Il cigolio di un tempo e le sue meraviglie, Centro culturale studi storici Il Saggio, Eboli, 2012

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

campania Portale Campania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di campania