San Giovanni a Piro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Giovanni a Piro
comune
San Giovanni a Piro – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Maria Stella Giannì (Paese Vivo) dal 31/03/2010
Territorio
Coordinate 40°03′00″N 15°26′00″E / 40.05°N 15.433333°E40.05; 15.433333 (San Giovanni a Piro)Coordinate: 40°03′00″N 15°26′00″E / 40.05°N 15.433333°E40.05; 15.433333 (San Giovanni a Piro)
Altitudine 450 m s.l.m.
Superficie 37 km²
Abitanti 3 868[1] (31-12-2010)
Densità 104,54 ab./km²
Frazioni Bosco, Scario
Comuni confinanti Camerota, Roccagloriosa, Santa Marina, Torre Orsaia
Altre informazioni
Cod. postale 84070
Prefisso 0974
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065119
Cod. catastale H907
Targa SA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti sangiovannesi
Patrono Madonna di Pietrasanta
Giorno festivo Ultima domenica di maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Giovanni a Piro
Posizione del comune di San Giovanni a Piro all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di San Giovanni a Piro all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

San Giovanni a Piro è un comune italiano di 3.859 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Ha fatto parte del circondario di Camerota, appartenente al Distretto di Vallo del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Camerota, appartenente al Circondario di Vallo della Lucania.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Religione[modifica | modifica sorgente]

Il patrimonio storico e artistico di S. Giovanni a Piro comprende quindici cappelle che delineano un vero e proprio itinerario di fede. Tra tutte emerge, per posizione ed importanza, la Cappella dedicata a Maria SS. di Pietrasanta, situata all’incirca a 2 Km. dal centro abitato e a 650 mt. sul livello del mare. Tra la chiesa e il paese esiste ancora oggi un profondo vallone coperto di macchie, di querce e di elci. In questa fitta boscaglia si snoda una vecchia via a gradini in pietra ed un tortuoso sentiero praticabile solo a piedi o a dorso d’asino. Oggi una larga strada carrabile s’inserisce perfettamente nel contesto storico ambientale e paesaggistico del luogo permettendo un comodo accesso al santuario. Furono, molto probabilmente, i monaci Basiliani del vicino Cenobio di S. Giovanni Battista a scolpire, verso il 1200, sulla monolitica punta del monte Piccotta la statua della Madonna formando un solo corpo con la nicchia incavata nella pietra. Le caratteristiche che presenta la statua della Madonna sono, infatti, proprio quelle classiche della iconografia bizantina. La cappella rupestre con una piccola abside semicilindrica dedicata alla Vergine capace di contenere, in origine, appena poche decine di persone fu solo in seguito ingrandita dai devoti, che, riconoscenti dei benefici ricevuti dalla Vergine, affidarono a Lei la protezione del paese. Della costruzione originaria rimane, oggi, solo una parte dell’abside. L’edificio è costruito ad una sola navata e caratteristico ne risulta lo sviluppo non essendo allineata al presbiterio, in quanto questo fu realizzato sul fermo della roccia, ad occidente, su un piano irregolare. L’interno della chiesa, tutto in pietra e muratura, è decorato a linee semplici con stucchi e festoni di angeli di colore bianco crema; le poche finestre creano un’atmosfera particolare, degna di un luogo di raccoglimento e preghiera. ” in pietra locale. Alla chiesa sono annessi alcuni locali per la conservazione di arredi tra cui le cinte votive, costruite in cera, con nastri e fiori e portate in processione, come segno di riconoscenza per grazia ricevuta. Tali locali sono sorretti da cinque arcate e su altre quattro, chiuse da cancelli in ferro, poggia la facciata. La porta d' ingresso presenta un portale semplice ad arco, in pietra, con battenti in legno. All’entrata si trova l’acquasantiera in pietra, e di fronte ad essa vediamo l’altare maggiore. Una coppia di angeli, collocati ai lati del ciborio, sostituisce i due angeli originali in marmo bianco rubati da ignoti nel 1989. All’esterno, a sinistra, accanto alla sacrestia, sempre sul picco della roccia si eleva il campanile a tre piani, con due campane, cuspide a base quadrata ed otto finestre di m. 0,97 per m. 1,10. L’intonaco è di colore rosa ed è ornato con pietre scalpellate. Il lato di base è di m. 2,10, l’altezza di m. 7,80. A pochi passi sotto il campanile c’è una sorgente e lungo il viottolo che conduce ad essa è fabbricata in muratura una lapide. L’edificio è stato restaurato e ampliato più volte. Un intervento fu necessario dopo il 1806, anno in cui la posizione strategica del santuario aveva tratto in inganno le truppe di Gioacchino Murat che, avendolo scambiato per un fortino militare, si scagliarono su di esso. Il santuario è stato recentemente restaurato. Nel 1988, in occasione dell’Anno Mariano, è stato eretto un obelisco alla Madonna: sulle fondamenta di calcestruzzo è montato un basamento in pietra a faccia vista sul quale si eleva uno stelo rivestito in travertino; sopra il capitello la statua della Madonna è scolpita in marmo bianco di Carrara. Per giungere in cima, dov’è posta la statua, bisogna scalare una singolare scalinata in pietra locale. Tutta la zona è illuminata con lampade allo iodio, che rende il santuario simile ad un faro che vigila sull’anfiteatro acqueo del Golfo di Policastro.

La maggioranza della popolazione è di religione cristiana appartenenti principalmente alla Chiesa cattolica[3]; il comune appartiene alla Diocesi di Teggiano-Policastro.

L'altra confessione cristiana presente è quella evangelica con una comunità:

  • Centro Evangelico Gesù È Vivente, situato nella frazione Scario[4].

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

In base allo statuto comunale di San Giovanni a Piro[5] le frazioni sono[6]:

  • Bosco, 427 abitanti, 400 m s.l.m.. Durante i moti del Cilento (1828), osò ribellarsi alla monarchia Borbonica. Come risposta, il Re mandò sul posto il Generale Del Carretto, che rase al suolo il borgo, uccidendo quasi tutti gli abitanti.;
  • Scario, 1.123 abitanti, 3 m s.l.m.. Sorge sulla costa, ai piedi del monte su cui è arroccato il paese, ed è una nota meta turistica.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Principali arterie stradali[modifica | modifica sorgente]

  • Strada Regionale 562 Italia.svg Strada Regionale 562/a Innesto SS 18-Scario-Bivio Bosco-S.Giovanni a Piro.
  • Strada Regionale 562 Italia.svg Strada Regionale 562/b S.Giovanni a Piro-Lentiscosa-Marina di Camerota.
  • Strada Provinciale 17 Italia.svg Strada Provinciale 17/a Bosco-Acquavena-S.Cataldo.
  • Strada Provinciale 17 Italia.svg Strada Provinciale 17/c Abitato di Scario.

Porto[modifica | modifica sorgente]

  • NavePorto turistico di Scario

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino regionale Sinistra Sele.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ [1] Sito della Diocesi
  4. ^ Evangelici.net - Indirizzi utili
  5. ^ Statuto comunale di San Giovanni a Piro
  6. ^ 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]