Petina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Petina
comune
Petina – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Giovanni Zito (lista civica) dal 2012
Territorio
Coordinate 40°32′00″N 15°22′00″E / 40.533333°N 15.366667°E40.533333; 15.366667 (Petina)Coordinate: 40°32′00″N 15°22′00″E / 40.533333°N 15.366667°E40.533333; 15.366667 (Petina)
Altitudine 649 m s.l.m.
Superficie 35,47 km²
Abitanti 1 214[1] (31-12-2010)
Densità 34,23 ab./km²
Comuni confinanti Auletta, Corleto Monforte, Ottati, Sant'Angelo a Fasanella, Sicignano degli Alburni
Altre informazioni
Cod. postale 84020
Prefisso 0828
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065094
Cod. catastale G509
Targa SA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti petinesi
Patrono sant'Onofrio
Giorno festivo 2 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Petina
Posizione del comune di Petina all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di Petina all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Gnome-globe.svg Riserva della biosfera
Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano con i siti archeologici di Paestum Velia, e la Certosa di Padula
(EN) Cilento and Vallo di Diano National Park with the Archeological sites of Paestum and Velia, and the Certosa di Padula
Tipo Culturali
Criterio (iii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1998 (come patrimonio)
1997 (come riserva)
Scheda UNESCO (EN) Patrimonio
(FR) Patrimonio
(EN) Riserva

Petina (Appëtìna in campano[2]) è un comune italiano di 1.223 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune sorge in un pianoro alle pendici orientali dei monti Alburni, su di una strada provinciale che collega Sicignano degli Alburni con Polla.

Classificazione sismica: zona 2 (sismicità media), Ordinanza PCM. 3274 del 20/03/2003.

LA VEGETAZIONE : Nel territorio di petina la vegetazione si divide in due zone: sui crinali submontani, quasi a livello del paese abitato, ai campi coltivati si contrappongono tratti di aree semiboschive alternate ad aree incolte. Nelle zone semiboschive sono presenti piante di cerro, quercia e rovere. Sulle alture che raggiungono anche i mille metri sono presenti: acero, carpino bianco, castagno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini, secondo alcuni studiosi, risalgono attorno all'anno Mille, quando si sviluppò tramite la suddivisione in rioni.

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Postiglione, appartenente al Distretto di Campagna del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Postiglione, appartenente al Circondario di Campagna.

Recentemente, il comune ha deliberato per il referendum correlato al Progetto Grande Lucania[3].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Concorso Letterario Internazionale "Premio città Petina"-Il sabato del villaggio nel paese delle fragole: concorso letterario che nel 2009 è giunto alla sua quarta edizione.
  • Sagra delle fragoline di bosco: si pone come obiettivo il valorizzare il prodotto simbolo della città. Giunta alla quarantesima edizione nel 2009
  • Festival Internazionale del Folklore "Serata antica" e "Sagra degli antichi sapori",9 agosto, organizzate dall'Associazione Folklorica 'A Spiga Rossa, che propone canti e balli dell'entroterra salernitano, gli Alburni, al fine di una rivalutazione del territorio e delle tradizioni popolari attraverso spettacoli di danze e canti.

Associazioni[modifica | modifica wikitesto]

-Associazione folklorica "A'Spiga Rossa"

-Forum dei Giovani Petina

-Associazione giovanile "Work in progress"

Persone legate a Petina[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

  • Uscita autostradale di Petina sull'A3 Salerno-Reggio Calabria.
  • Strada statale 19 delle Calabrie.
  • Strada Provinciale 35/a Scorzo-Sicignano-Tempa di Petina.
  • Strada Provinciale 35/b Tempa di Petina-Petina-Stazione di Petina-Innesto SS 19.
  • Strada Provinciale 125 Petina-Polla.
  • Strada Provinciale 247 Strada Iardini.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La linea Sicignano Lagonegro dall'aprile 1986 non è più attraversata da nessun tipo di convoglio ferroviario. La linea risulta ancora armata e teoricamente percorribile, anche se la vegetazione ne ricopre quasi l'intero tracciato. Recentemente è nato un comitato spontaneo che si batte a favore della riapertura dell'intera tratta da (da Sicignano degli Alburni fino a Lagonegro ) .

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

-ITC-ITG Giovanni Paolo II ;

-Istituto comprensivo San Domenico Savio ;

-Scuola elementare e scuola materna Giovanni Pascoli.

Trasporto su strada[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente il centro cittadino è servito dalle autolinee "Mansi" e "De Sia"

Vista di Petina

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

-Palestra Franco Mansi

-Campo da tennis

-Campo da calcio a 11

-Campo da calcetto

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

-Real Petina

-A.s.d Feldi (sezione distaccata di Eboli)

-Scuola calcio affiliata alla Salernitana

Osservatorio astronomico Aresta[modifica | modifica wikitesto]

Recentemente, per iniziativa dell'Università di Napoli, del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, della Comunità Montana degli Alburni e dell'Amministrazione Comunale di Petina, sul Massiccio dei Monti Alburni, al centro di un'ampia radura circondata da un fitto bosco, ad un'altezza di 1169 metri è stato realizzato uno dei più importanti, grandi e potenti osservatori astronomici d'Europa[senza fonte].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Alburni.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino regionale Sinistra Sele e all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

L'attuale sindaco è Giovanni Zito in carica dal 2012 con la lista civica

Toponomastica[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo "Petina" è anche un cognome piuttosto diffuso nella città di Salerno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 485.
  3. ^ Petina: sì al referendum per aderire alla Basilicata - Attualità - CilentoNotizie.it
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]