Acerno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acerno
comune
Acerno – Stemma
La concattedrale di San Donato
La concattedrale di San Donato
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Vito Sansone (lista civica di centro-sinistra) dall'08/05/2012
Territorio
Coordinate 40°45′00″N 15°03′00″E / 40.75°N 15.05°E40.75; 15.05 (Acerno)Coordinate: 40°45′00″N 15°03′00″E / 40.75°N 15.05°E40.75; 15.05 (Acerno)
Altitudine 727 m s.l.m.
Superficie 72,32 km²
Abitanti 2 872[1] (31.12.2011)
Densità 39,71 ab./km²
Comuni confinanti Bagnoli Irpino (AV), Calabritto (AV), Campagna, Giffoni Valle Piana, Montecorvino Rovella, Montella (AV), Olevano sul Tusciano, Senerchia (AV)
Altre informazioni
Cod. postale 84042
Prefisso 089
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065001
Cod. catastale A023
Targa SA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 459 GG[2]
Nome abitanti acernesi
Patrono san Donato
Giorno festivo 7 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Acerno
Posizione del comune di Acerno all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di Acerno all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Acerno è un comune italiano di 2.877 abitanti della Provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Acerno è posizionato al centro dei monti Picentini, nell'alta valle del fiume Tusciano. Dista circa 41 km da Salerno, 21km Giffoni Valle Piana.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Borgo fortificato, fu baronia di Ruggero di Lauria e più tardi marchesato della famiglia Mascara, che ne conservò il possesso fino al secolo XVIII.

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Montecorvino, appartenente al Distretto di Salerno del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia, ha fatto parte del mandamento di Montecorvino, appartenente al Circondario di Salerno.

Il comune ha subito gravi danni nel terremoto del 1980.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture militari[modifica | modifica sorgente]

  • Castello longobardo

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

  • Antiche Cartiere
  • Antiche Ferriere

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

  • Concattedrale di San Donato, ubicata poco fuori il paese vicino al cimitero, è caratterizzata da stile barocco, campanile a più piani e cuspide a bulbo;
  • Ex Convento e Chiesa di Sant'Antonio;
  • Santuario della Madonna delle Grazie;
  • Chiesa parrocchiale Santa Maria degli Angeli;
  • Chiesa dell'arciconfraternita dei Morti;
  • Chiesa di San Matteo;
  • Chiesa della Madonna del Carmelo (XVI secolo).

Monumenti[modifica | modifica sorgente]

  • Monumento ai Caduti

Aree naturali[modifica | modifica sorgente]

Grotte[modifica | modifica sorgente]

  • Grotta degli Angeli[3]
  • Grotta Strazzatrippa[3]
  • Grotta Acquapreta[3]
  • Grotta Francesco Raso[3]
  • Grotta del Bosco di San Lorenzo[3]
  • Grava di Marino Freda[3]

Miniere[modifica | modifica sorgente]

  • Miniera di lignite

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Al 31 dicembre 2007 ad Acerno risultano residenti 30 cittadini stranieri. Le nazionalità principali sono:[5]

Paese di nascita Popolazione (2007)
Romania Romania 10
Albania Albania 8
Polonia Polonia 6
Ucraina Ucraina 3

Religione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Diocesi di Acerno.

La maggioranza della popolazione[6] è di religione cristiana di rito cattolico; il comune appartiene alla forania Montecorvino Pugliano - Montecorvino Rovella - Pontecagnano - Acerno dell'Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, con una parrocchia:

  • S. Maria degli Angeli

Persone legate ad Acerno[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Il territorio è ricoperto da vasti boschi di aceri, castagni, faggi, carpini e noccioli intensamente sfruttati e da ricchi pascoli destinati a un fiorente allevamento di ovini, bovini e suini. Le aree agricole producono ortofrutta, cereali e patate. Per la sua posizione amena e salubre è frequentata sia d'estate che d'inverno e vi sono sorti alcuni alberghi ed aziende agrituristiche.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Principali arterie stradali[modifica | modifica sorgente]

Mobilità urbana[modifica | modifica sorgente]

La mobilità è affidata, per quanto riguarda i trasporti extraurbani, alla società Sita Sud che collega il paese con Salerno.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Il comune fa parte della Comunità montana Monti Picentini.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino regionale Destra Sele e all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

La gestione del ciclo dell'acqua è affidato all'ATO 2 Sele.

Per quel che riguarda la gestione dell'irrigazione e del miglioramento fondiario, l'ente competente è il Consorzio di bonifica in Destra del fiume Sele.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Impianti sportivi[modifica | modifica sorgente]

  • Campo di calcio Villaggio San Francesco[7].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b c d e f http://www.fscampania.it/elenco_grotte.pdf
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Dati Istat
  6. ^ Arcidiocesi di Salerno - Campagna - Acerno
  7. ^ Teseogiovani - Rete Informagiovani della Provincia di Salerno

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]