Gioi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gioi
comune
Gioi – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Andrea Salati (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 40°17′00″N 15°13′00″E / 40.283333°N 15.216667°E40.283333; 15.216667 (Gioi)Coordinate: 40°17′00″N 15°13′00″E / 40.283333°N 15.216667°E40.283333; 15.216667 (Gioi)
Altitudine 684 m s.l.m.
Superficie 28 km²
Abitanti 1 366[1] (31-12-2010)
Densità 48,79 ab./km²
Frazioni Cardile
Comuni confinanti Campora, Moio della Civitella, Orria, Salento, Stio, Vallo della Lucania
Altre informazioni
Cod. postale 84056
Prefisso 0974
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065057
Cod. catastale E037
Targa SA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti gioiesi
Patrono san Nicola Madonna del Rosario
Giorno festivo 19 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gioi
Posizione del comune di Gioi all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di Gioi all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Gioi è un comune italiano di 1.387 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Situato tra le colline del Cilento, nel cuore del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, sulla cima di un colle (685 m s.l.m.), Gioi si affaccia su due valloni che confluiscono nella pianura più a valle, offrendo un paesaggio agrario accidentato, ma di grande bellezza, ricco di querce, castagne, felci, ulivi.

Clima[modifica | modifica sorgente]

La stazione meteorologica più vicina è quella di Casal Velino. In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +8,7 °C; quella del mese più caldo, agosto, è di +25,7 °C[2].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le prime notizie di Gioi si rintracciano in un diploma della Badia di Cava de' Tirreni, ove è descritto come borgo fortificato. Dal 1811 al 1860 è stato capoluogo dell'omonimo circondario appartenente al Distretto di Vallo del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia è stato capoluogo dell'omonimo mandamento appartenente al Circondario di Vallo della Lucania.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Palazzo Reielli
  • Ruderi del castello
  • Palazzo Salati
  • Palazzo Conti
  • Palazzo De Marco
  • Porta dei Leoni
  • Porta Nova (Nobe)

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

  • Santa Maria della Porta, edificio in stile romanico,
  • Chiesa di San Nicola,
  • Chiesa di Sant'Eustachio,
  • Convento di San Francesco,
  • Monastero di San Giacomo.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Prodotti tipici[modifica | modifica sorgente]

La soppressata di Gioi[modifica | modifica sorgente]

La sopressata di Gioi è un salume affumicato con stagionatura di almeno 40 giorni, dimensioni di circa 8 – 10 cm di diametro e 15 - 18 di lunghezza, da carne suina magra, recante al centro dell’impasto una fettuccia di lardo, conservato in vasi di vetro sottolio o sotto vuoto.

Fa parte dell'elencazione dei Prodotti agroalimentari tradizionali italiani e della lista dei presidii ritenuti meritevoli di tutela da parte dell'associazione Slow Food

È citata anche nel film Benvenuti al sud di Luca Miniero.

Persone legate a Gioi[modifica | modifica sorgente]

  • Leo de Berardinis (Gioi, 29 dicembre 1939 – Roma, 18 settembre 2008), attore e regista teatrale.
  • Enzo Infante (Gioi, 20 aprile 1909 - Napoli, 27 settembre 2000) pittore

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Principali arterie stradali[modifica | modifica sorgente]

  • Strada Regionale 488 Italia.svg Strada Regionale 488/d Innesto SP 47(bivio Stio)-Innesto SP 142(bivio Campora)-Innesto SP 47(bivio Moio della Civitella).
  • Strada Provinciale 47 Italia.svg Strada Provinciale 47 Innesto SR 488(Stio)-Bivio SP 56(Orria)-Bivio SP 370-Bivio SP 80-Cardile-Innesto SR 488(Moio).
  • Strada Provinciale 80 Italia.svg Strada Provinciale 80 Innesto SS 80-Salento-Innesto SP 47.
  • Strada Provinciale 142 Italia.svg Strada Provinciale 142 Innesto SR 488(Ponte Rotto)-Campora-Innesto SR 488(Retara).
  • Strada Provinciale 370 Innesto SP 47(bivio Gioi)-Area del Campo.
  • Strada Provinciale 432 Innesto SP 47-variante abitato di Cardile-Innesto SP 47.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Il comune fa parte della Comunità montana Gelbison e Cervati e dell'Unione dei Comuni Valle dell'Alento.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino regionale Sinistra Sele e all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ erg7118.casaccia.enea.it/profili/tabelle/518%20%5BCasal%20Velino%5D%20Casal%20Velino.Txt Tabella climatica
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]