Pellezzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pellezzano
comune
Pellezzano – Stemma Pellezzano – Bandiera
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Sindaco Carmine Citro (Lista civica di Centrodestra "Uniti per Pellezzano") dal 09/06/2009
Territorio
Coordinate 40°44′00″N 14°46′00″E / 40.733333°N 14.766667°E40.733333; 14.766667 (Pellezzano)Coordinate: 40°44′00″N 14°46′00″E / 40.733333°N 14.766667°E40.733333; 14.766667 (Pellezzano)
Altitudine 247 m s.l.m.
Superficie 13 km²
Abitanti 10 714[1] (31-12-2010)
Densità 824,15 ab./km²
Frazioni Capezzano, Capriglia, Cologna, Coperchia, Grotte, Rione Piombino
Comuni confinanti Baronissi, Cava de' Tirreni, Salerno
Altre informazioni
Cod. postale 84080
Prefisso 089
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065090
Cod. catastale G426
Targa SA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti pellezzanesi
Patrono San Clemente I Papa;sant'Anna
Giorno festivo 23 novembre-26 luglio
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Pellezzano
Posizione del comune di Pellezzano all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di Pellezzano all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Pellezzano (Pelezzànë in campano[2]) è un comune italiano di 10.903 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Religione[modifica | modifica sorgente]

La maggioranza della popolazione è di religione cristiana di rito cattolico[3]; il comune appartiene all'Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno.

Vocazione turistica[modifica | modifica sorgente]

Pellezzano è stato un centro di villeggiatura, la posizione in collina del nucleo principale del paese, Pellezzano propriamente detto, situato tra le frazioni Capriglia e Coperchia, e la vicinanza al mare (Salerno, Vietri, Costiera Amalfitana) ne fanno tuttora un centro di potenziale attrazione turistica.

La santa patrona di Pellezzano è Sant'Anna. La santa viene portata in processione per le vie del paese a mezzogiorno la domenica successiva il 26 luglio (giorno di Sant'Anna). La festa della santa è molto sentita nella zona e richiama persone anche dai paesi limitrofi.

Prodotto tipico di Pellezzano è il sciusciello, al quale è dedicata una sagra di diversi giorni, che si svolge intorno al 15 agosto. Il sciusciello (e non lo sciusciello) è un pane di farina, farina integrale, acqua, sale e lievito, cotto nel forno a legna e farcito secondo la tradizione con strutto di maiale (sugna) e pepe, ma ora anche in altri modi. Il nome deriva dal soffio (o' sciùscio) che gonfia il pane nel forno a legna.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • I genitori del noto compositore napoletano E. A. Mario erano originari di Pellazzano.
  • Il 3 gennaio 2009 il noto soprano Katia Ricciarelli ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Pellezzano.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il nucleo originale di Pellezzano andò formandosi intorno al luogo più antico del paese: la Rocca del Casale, che parrebbe citato nelle pergamene raccolte dai codici salernitani e cavensi negli anni 944, 1006 e 1030, essendo il suo toponimo di Casale Pellezzano in stretta relazione con Locum Pellezanu, o, viceversa, i superstiti del Locum, situato anche altrove, fondarono poi questo Casale, sebbene il primo insediamento accertato appare fra Capriglia e Pellezzano, a Rocca, dove compare la chiesetta più antica, parte integrante del luogo, chiamata Chiesa dello Spirito Santo, come la definivano i padri dell'Ordine Agostiniano di Colloreto, prima della soppressione pontificia del 6 maggio 1653. Sulla Rocca nel Casale la Chiesa continuò ad esistere e a rappresentare il capoluogo di Pellezzano fino alla soppressione.

Nel 1755 Pellezzano era ancora unito al territorio della città di Salerno, come si evince dal Catasto Onciario dell'epoca in cui si evidenziano i luoghi antichi che porteranno alla federazione delle frazioni di Pellezzano, Coperchia, S.Nicola a Cologna e Capriglia, che formeranno un comune autonomo federandosi fra loro, dicendo di costituire la sede municipale in Pellezzano. Dal territorio del nuovo comune saranno escluse molte località di confine, che erano parte integrante dell'area di Pellezzano, che continueranno ad appartenere a Salerno ma che all'epoca rientravano nella zona. Nel 1755 facevano parte di Pellezzano: Pellezzano, Coperchia, Capriglia, San Nicola a Cologna, Capezzano, Sordina, Casalbarone, Coraggiano, Ruggiano, La Rocca di Santo Spirito, Casa Sessa e Pastore, Capitinola, Licinella. Un quarto degli abitanti di Salerno si staccherà quindi dalla città per dare vita al nuovo comune.

Telecomunicazioni[modifica | modifica sorgente]

La copertura Radio/TV terrestre è assicurata per lo più da ponti ripetitori posti a Pellezzano, Colle Bellara (SA), Fisciano e Montevergine.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Autobus[modifica | modifica sorgente]

Pellezzano è collegata a Salerno dall'autobus 22 della Cstp.

Principali arterie stradali[modifica | modifica sorgente]

  • Strada Regionale 88 Italia.svg Strada Regionale 88/b Bivio SP 222-Bivio SP 219-Baronissi-Bivio SP 26.
  • Strada Provinciale 129 Italia.svg Strada Provinciale 129/a Cava(Villa Cinzia)-Rotolo-S.Pietro-Croce di Cava-Pellezzano.
  • Strada Provinciale 27 Italia.svg Strada Provinciale 27 Fratte-Pellezzano-Baronissi.
  • Strada Provinciale 211 Innesto SP 27(Coperchia)-Innesto SS 88.

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione di Pellezzano.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Il comune fa parte dell'Unione dei Comuni dell'Irno.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino regionale Destra Sele.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 479.
  3. ^ Arcidiocesi di Salerno - Campagna - Acerno
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]