Quelli che il calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Quelli che (programma televisivo))
Jump to navigation Jump to search
Quelli che...
Altri titoliQuelli che... il calcio (1993-2006)
Quelli che... il calcio e...(2006-2008)
Quelli che il calcio e...(2008-2011)
Quelli che il calcio (2011-2012, 2013-2021)
Quelli che il lunedì (2021)
PaeseItalia
Anno19932021
Generevarietà, sportivo
Edizioni28
Durata200 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreFabio Fazio e Marino Bartoletti (1993-2001)
Simona Ventura (2001-2011)
Victoria Cabello (2011-2013)
Nicola Savino (2013-2017)
Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu e Mia Ceran (2017-2021)
RegiaPaolo Beldì (1993-2009, 2011-2012, 2013-2014)
Celeste Laudisio (2009-2011)
Massimo Fusi (2012-2013)
Caterina Pollini (2014-2015)
Fabio Calvi (2015-2016)
Luigi Antonini (2016-2019)
Fabrizio Guttuso Alaimo (2019-2021)
Fania De Risi (2021)
Casa di produzioneRai
Rete televisivaRai 3 (1993-1998)
Rai 2 (1998-2021)

Quelli che... (noto in precedenza come Quelli che... il calcio, Quelli che... il calcio e..., Quelli che il calcio e..., Quelli che il calcio e Quelli che il lunedì) è stato un programma televisivo di intrattenimento a tema sportivo trasmesso su Rai 3 dal 1993 al 1998 e su Rai 2 dal 1998 al 2021.

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

Il programma, per oltre 25 anni, è stato trasmesso la domenica pomeriggio durante il periodo di attività del campionato italiano di calcio, in contemporanea con lo svolgimento delle partite di Serie A, al fine di seguirle e commentarle in diretta.

È stato condotto dal 1993 al 2001 da Fabio Fazio con Marino Bartoletti, dal 2001 al 2011 da Simona Ventura, dal 2011 al 2013 da Victoria Cabello, dal 2013 al 2017 da Nicola Savino e dal 2017 al 2021 da Luca e Paolo e Mia Ceran.

Veniva realizzato nello studio TV3 del Centro di produzione Rai di Milano.

In concomitanza del turno di campionato dell'Epifania, il programma andava in onda anche il 6 gennaio, mentre nella settimana di Pasqua era in onda il Sabato santo. Durante la conduzione di Fazio e Ventura, inoltre, veniva trasmesso anche nei turni infrasettimanali, in prima serata.

La trasmissione si rifà sotto molti aspetti a una precedente trasmissione di Rai 3, intitolata Va' pensiero, programma ideato da Aldo Zappalà e condotto da Andrea Barbato, Galeazzo Benti e Oliviero Beha nella seconda metà degli anni ottanta.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Titoli Messa in onda Rete Conduzione Studio televisivo Regia
Inizio Fine
Anteprima Programma
Quelli che... dopo il tg Quelli che... il calcio 26 settembre 1993 1º maggio 1994 Rai 3 Fabio Fazio Marino Bartoletti Studio TV3 del Centro di produzione Rai di Milano Paolo Beldì
4 settembre 1994 4 giugno 1995
27 agosto 1995 12 maggio 1996
8 settembre 1996 1º giugno 1997
31 agosto 1997 17 maggio 1998
Quelli che... la domenica 13 settembre 1998 23 maggio 1999 Rai 2
29 agosto 1999 14 maggio 2000
1º ottobre 2000 17 giugno 2001
La domenica di quelli che... il calcio 26 agosto 2001 5 maggio 2002 Simona Ventura
10ª 15 settembre 2002 18 maggio 2003
11ª Quelli che... aspettano 31 agosto 2003 16 maggio 2004
12ª 12 settembre 2004 29 maggio 2005
13ª 28 agosto 2005 14 maggio 2006
14ª Quelli che... il calcio e... 10 settembre 2006 27 maggio 2007
15ª 9 settembre 2007 18 maggio 2008
16ª 14 settembre 2008 31 maggio 2009
17ª 13 settembre 2009 16 maggio 2010 Celeste Laudisio
18ª 12 settembre 2010 15 maggio 2011
19ª Quelli che il calcio 18 settembre 2011 13 maggio 2012 Victoria Cabello Trio Medusa Paolo Beldì
20ª Quelli che... 16 settembre 2012 19 maggio 2013 Massimo Fusi
21ª Quelli che il calcio 15 settembre 2013 18 maggio 2014 Nicola Savino Paolo Beldì
22ª Quelli che aspettano 14 settembre 2014 31 maggio 2015 Caterina Pollini
23ª 13 settembre 2015 15 maggio 2016 Nicola Savino Gialappa's Band Fabio Calvi
24ª 11 settembre 2016 21 maggio 2017 Luigi Antonini
25ª 10 settembre 2017 6 maggio 2018 Luca e Paolo Mia Ceran
26ª 16 settembre 2018 26 maggio 2019
27ª 22 settembre 2019 7 giugno 2020 Fabrizio Guttuso Alaimo
28ª 1º novembre 2020 2 maggio 2021
Fabrizio Guttuso Alaimo, Fania De Risi
29ª Quelli che il lunedì 4 ottobre 2021 25 ottobre 2021
Quelli che... 4 novembre 2021 2 dicembre 2021

Storia[modifica | modifica wikitesto]

1993-2001: conduzione di Fabio Fazio[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione esordì su Rai 3 il 26 settembre 1993[1] condotta da Fabio Fazio e Marino Bartoletti con la partecipazione di giornalisti sportivi come Carlo Sassi. Il suo nome deriva dal titolo della canzone (che inizialmente era anche la sigla del programma) Quelli che..., composta e cantata da Enzo Jannacci, con l'aggiunta della parola calcio, sport fulcro di cui, in studio, si discuteva con satira e ironia. La canzone di Jannacci per la trasmissione aveva però un testo completamente diverso (parlava infatti di calcio con testo ricantato la sera prima della messa in onda) rispetto alla prima versione originale. Le prime edizioni del programma sono state girate con telecamere a tubi.

Fabio Fazio

Dal suo debutto ai giorni nostri, inoltre, collabora con la trasmissione radiofonica Tutto il calcio minuto per minuto su Rai Radio 1: fino al 1997, infatti, i volti dei radiocronisti apparivano su un grande video wall alle spalle del conduttore. Nel 1996 il video wall con i radiocronisti viene spostato e collocato dietro alla platea del pubblico, per poi subire numerose variazioni nel corso degli anni.

Il format nasce, a detta dello stesso conduttore, come una traduzione televisiva del programma radiofonico di Rai Radio 1, e consiste nel trasmettere i risultati delle partite di Serie A e di Serie B (fino al 2005, quando vennero spostate al sabato; dal 2010 vengono sostituite dalla Serie C), i quali compaiono in successione sulla parte bassa dello schermo. Nella parte alta appare la partita commentata in diretta dagli inviati vip di turno o l'inviato nella manifestazione. Quando una squadra di Serie A segna un goal, esso viene comunicato in diretta (fino al 2005 dalla trasmissione radiofonica Tutto il calcio minuto per minuto, poi da giornalisti in studio); in sottofondo viene trasmesso l'urlo dei tifosi ed una musica epica, seguita (quando è possibile) dall'inno della squadra che ha segnato; dal 1997 il nuovo risultato della partita compare nella parte alta dello schermo e su entrambi i margini dello schermo sventola una bandiera con i colori sociali della squadra che ha segnato, i radiocronisti che commentano l'azione sul momento (durante il periodo di collegamento con Tutto il calcio minuto per minuto) ed i minuti e i nomi dei calciatori che hanno segnato le rispettive reti; infine, al centro dello schermo, vengono trasmesse in diretta le esultanze dei giocatori (quando possibile) e dei tifosi. Questa grafica subirà variazioni nel corso degli anni. Inoltre, fino al 2009, all'intervallo ed al termine delle partite veniva mostrata la schedina Totocalcio.

Al fianco del conduttore ligure si avvicendarono, durante i primi otto anni del programma, i comici Teo Teocoli e Anna Marchesini, e altri personaggi come l'astrologo olandese Peter Van Wood, il tifoso juventino gambiano Idris, il designer giapponese Takahide Sano, sovente il giornalista e conduttore tv Luciano Rispoli, il primario di pediatria e tifoso della Sampdoria Renato Panconi, la suora laziale Suor Paola, il giornalista Paolo Brosio e l'esperto di statistiche dall'espressione impassibile Massimo Alfredo Giuseppe Maria Buscemi.

Durante i primi 4 anni di trasmissione ci furono anche dei collegamenti fissi dagli stadi, e in particolare di Everardo Dalla Noce – un ex radiocronista e volto del TG2 che per molti anni seguì la pagina economica – che ha commentato dai vari stadi d'Italia tutte le partite insieme con il suo aiutante, nonché il regista Giacomo Forte, inoltre per alcune puntate dei primi 3 anni faceva numerose ospitate fisse un altro ex volto del Tg2, Onofrio Pirrotta, rinchiuso in un chiosco di giornali, in un'edicola italiana.

Dal 1996 al 1999 entrò a far parte degli ospiti di Quelli che il calcio l'ingegnere professor Roberto Vacca. Nella stagione 1998-1999 Quelli che... il calcio, dato il successo, si trasferì e traslocò su Rai 2, allungando la sua durata: tra le novità vi è la presenza, come ospite fisso, dell'astrologo Peter Van Wood, al quale venivano richiesti pronostici sui risultati di partite di Serie A. Visto il successo particolarmente scarso dei pronostici, venne introdotta anche l'ironica sfida tra Van Wood e Van Goof, una sagoma di un gufo rappresentante la sfortuna, dove a seconda del verificarsi o meno del pronostico veniva assegnato un punto alla prima o alla seconda. Nella stessa edizione entrò a far parte dello show il comico Maurizio Battista che divertì gli spettatori per due edizioni dal 1997 al 1999, lasciando poi lo spazio a Maurizio Crozza. Sempre nel 1997 fu creata una vera squadra di calcio, chiamata Atletico Van Goof, che partì dalla Terza Categoria, che aveva come mascotte il gufo, simbolo del programma, e l'inno della squadra composto da Claudio Baglioni. Dalla stagione 2001-2002, in seguito all'abbandono di Fazio ed il passaggio di conduzione a Simona Ventura, la squadra (nel frattempo promossa in Prima Categoria) non verrà più seguita televisivamente all'interno del programma.

2001-2011: conduzione di Simona Ventura[modifica | modifica wikitesto]

Simona Ventura, colei che ha condotto più edizioni del programma

Con la nona edizione, andata in onda dal 26 agosto 2001 al 5 maggio 2002 la conduzione passa a Simona Ventura, che condurrà il programma per ben 10 anni, risultando la conduttrice più longeva della trasmissione. Nonostante l'avvicendamento alla conduzione, che comporta il cambiamento del format in una versione più giovanile, la trasmissione continua ad ottenere alti risultati di auditel, anche grazie al lavoro svolto dai nuovi giornalisti sportivi, affiancati da ex calciatori, che analizzano i momenti cruciali delle partite e degli altri eventi sportivi del pomeriggio (tra gli altri susseguitisi nelle varie edizioni Massimo Caputi, Bruno Pizzul, Ivan Zazzaroni, Marco Fiocchetti, Enrico Varriale, Luigi Maifredi, Bruno Gentili, Giampiero Galeazzi e l'ex marito della conduttrice Stefano Bettarini). Tra il 2001 e il 2005 il programma ha un quadriennio straordinario. Tra i comici, unici superstiti dell'era Fazio sono Tullio Solenghi, Gene Gnocchi e Dario Vergassola, a cui si aggiungono Maurizio Crozza, Max Giusti, Lucia Ocone, David Pratelli, Ubaldo Pantani e Brenda Lodigiani (questi ultimi due dal 2010). Il primo diviene noto per le sue imitazioni (già molto apprezzate in Mediaset nel programma Mai dire gol), mentre Gnocchi per la sua satira politica. Essi ottengono uno straordinario successo: addirittura il 5 maggio 2002 il programma segna il record del 43% di share e oltre 7 milioni di telespettatori. Inoltre la Ventura è riuscita anche a presentare diverse pop star internazionali, come la cantante inglese Amy Winehouse esibitasi il 4 novembre 2007 con il suo singolo Back to Black, o Lady Gaga, che ha esordito nel 2009 con Paparazzi.

Altri elementi apprezzati sono: gli ospiti vip in studio, che osservano le partite discutendone ironicamente con la conduttrice; le schedine, ossia le vallette del programma a cui si sono poi aggiunti anche i mufloni (ossia i valletti); gli inviati per le partite in diretta dagli stadi (già presenti dal 1995), in questo ciclo principalmente tifosi del mondo dello spettacolo; e infine gli inviati speciali, in primis Digei Angelo e Nicola Savino di Radio Deejay (diventato poi conduttore del programma dall'edizione 2013-2014) che partecipano a manifestazioni di particolare interesse, sulla scia del loro predecessore nell'era Fazio, Paolo Brosio.

In seguito al successo ottenuto la Rai affida alla Ventura e al suo cast di comici la conduzione del Festival di Sanremo 2004, non replicando tuttavia lo stesso successo del contenitore domenicale.

Nello stesso anno, dopo tre edizioni di successo, Maurizio Crozza lascia la trasmissione. I comici che si susseguirono da allora ebbero anch'essi un certo successo, ma molto inferiore a quello del comico genovese.

La Ventura, inoltre, "sfrutta" in un certo senso il contenitore per dar spazio e luce ad altri suoi programmi di successo e di spicco, L'isola dei famosi (dal 2003 al 2011), Music Farm (dal 2004 al 2006) e X Factor (nel 2008 e nel 2009), collegandosi con i "naufraghi" (nel primo caso) e con le "Ugole d'Oro" (nel secondo) e con i cantanti in gara (nel terzo), e tastando gli umori del momento.

Dal 2003 al 2009 trova spazio nel programma il "Maifredi Team", iconica squadra diretta da Gigi Maifredi che ha il compito di ricreare le azioni dei gol, trasmettendo così, per la prima volta, gli highlights nella trasmissione (chiamati Raffica di gol), i quali scompariranno definitivamente dalla stagione 2019-2020.

Due anni più tardi, in seguito al passaggio dei diritti televisivi della Serie A da Rai a Mediaset, per "aggirare" il divieto, vengono apportati numerosi cambiamenti: gli inviati per le partite non parlavano più all'interno degli stadi, ma commentavano i match in altri luoghi, simulando in alcuni casi l'ambiente degli spalti, vengono eliminati i collegamenti audio con Tutto il calcio minuto per minuto (la cui collaborazione continua) per i gol, i quali vengono annunciati dai cronisti in studio, assieme alle musiche epiche ed alle esultanze live, ed il calcio inizia ad essere un po' meno protagonista a discapito del varietà. Dalla stagione 2008-2009 il format tornò all'origine (ad eccezione per i gol, comunicati sempre dai giornalisti in studio), con gli inviati che poterono tornare negli stadi visto che la RAI aveva acquisito nuovamente i diritti televisivi della Serie A. La Ventura era stata riconfermata dalla Rai alla conduzione della trasmissione anche per la stagione 2011-2012, ma nell'estate del 2011, a sorpresa, la conduttrice piemontese firmò un contratto in esclusiva di due anni con la piattaforma satellitare Sky Italia, lasciando così il programma con dieci anni all'attivo.

2011-2013: conduzione di Victoria Cabello[modifica | modifica wikitesto]

Victoria Cabello

Per la stagione 2011-2012 (in cui il programma riprende il titolo originale) la trasmissione è affidata dunque a Victoria Cabello, proveniente da LA7, reduce del suo programma Victor Victoria - Niente è come sembra; inoltre vi è il ritorno, dopo tre anni, di Paolo Beldì alla regia. Inviata fissa di questa edizione è Marisa Passera mentre in studio la conduttrice è affiancata dal Trio Medusa con i loro scherzi e interventi irriverenti. Inoltre come commentatori sportivi che segnalano i momenti clou delle partite troviamo Massimo Caputi (unico superstite delle edizioni della Ventura), il giornalista coreano Suri Chung e poi l'ex arbitro Daniele Tombolini negli ultimi mesi; il format, inoltre, muta ancora, diventando un talk show calcistico-scandalistico, rendendo il programma meno satirico ed eliminando anche il corpo di ballo delle edizioni passate.

Tra comici/imitatori si annoverano Virginia Raffaele e Ubaldo Pantani; la prima ha proposto le imitazioni di Ornella Vanoni, Nicole Minetti e di Belén Rodríguez lanciando due nuovi personaggi quali Paula Gilberto Do Mar e GiorgiaMaura, mentre il secondo ha proposto le imitazioni di Roberto D'Agostino e di Massimo Giletti; insieme inoltre hanno proposto l'imitazione di Enzo Miccio e Carla Gozzi in Ma non ti vergogni?, parodia del programma televisivo Ma come ti vesti? in onda su Real Time. Dal gennaio del 2012 al cast dei comici si è aggiunto anche Marcello Cesena, che qui ha portato il personaggio di Jean Claude e la sua serie comica Sensualità a corte precedentemente presente su Italia 1 nei programmi della Gialappa's Band.

In questa edizione, per la prima volta, Victoria Cabello e i suoi autori introducono una nuova figura: il rapper calcistico, ruolo inventato grazie all'idea del rapper Gianluca Grauso (G&G) di realizzare e interpretare rap-cronache sulle partite di calcio di Serie A durante la trasmissione[2]. Da gennaio 2012 il programma modifica la sua scenografia e vede il ritorno del commentatore tecnico Bruno Pizzul, già presente nelle prime edizioni presentate da Simona Ventura e di Idris, presente in passato nelle edizioni condotte da Fabio Fazio.

L'edizione 2012-2013, condotta sempre da Victoria Cabello[3], diventa ancor più di varietà e ancor meno calcistico, come sottolineato anche dal nuovo titolo Quelli che.... Tutto ciò è dovuto alla perdita dei diritti televisivi per i collegamenti con i campi della Serie A da parte della Rai, come già successo nel triennio 2005-2008. Di conseguenza Paolo Beldì abbandona di nuovo la regia del programma che viene affidata a Massimo Fusi; a metà stagione entra nel cast anche Alba Parietti, la quale interviene con vari sketch comici all'interno del programma. L'edizione 2012-2013 si conclude il 19 maggio 2013, segnando la fine dell'era Cabello a causa della scadenza del contratto biennale della presentatrice con la Rai.

2013-2017: conduzione di Nicola Savino con la Gialappa's Band[modifica | modifica wikitesto]

Nicola Savino

Dalla stagione 2013-2014 il programma cambia titolo in Quelli che il calcio e dunque si focalizza nuovamente sul calcio, che ridiventa il tema centrale della trasmissione, senza farsi mancare incursioni nelle altre discipline e momenti di varietà e comicità. Alla conduzione del programma arriva Nicola Savino (già presente nelle edizioni condotte da Simona Ventura come inviato in eventi importanti assieme a Digei Angelo)[4] e alla regia torna nuovamente, dopo un anno di assenza, Paolo Beldì.

Viene confermata la presenza di Massimo Caputi e Daniele Tombolini come commentatori delle partite, e inoltre vengono ripristinati i collegamenti audio con la storica trasmissione radiofonica Tutto il calcio minuto per minuto, come avveniva nelle edizioni di Fabio Fazio e nelle prime edizioni della Ventura ma, a differenza del passato, solo per i commenti live dei calci di rigore. Inviate fisse di questa edizione sono Valentina Ricci, in collegamento da feste, kermesse e sagre in giro per l'Italia, e Maria Pia Timo (già presente nelle ultime edizioni condotte da Simona Ventura) inviata in varie manifestazioni sportive.

Nel cast comico è confermato Ubaldo Pantani che dal 2013, oltre che con le sue imitazioni, è presente anche in studio con una postazione fissa (riprendendo così il ruolo ricoperto in passato da Gene Gnocchi) dalla quale dà vita a vari interventi comici durante tutto l'arco della trasmissione, mentre Virginia Raffaele – inizialmente proposta come co-conduttrice al fianco di Savino – abbandona il programma in quanto impegnata in nuovi progetti televisivi. Anche Marcello Cesena e il Trio Medusa lasciano il cast della trasmissione, mentre ne entra a far parte il duo comico Nuzzo e Di Biase.

La Gialappa's Band

Nella stagione 2014-2015 Beldì abbandona definitivamente la regia, che viene affidata a Caterina Pollini, mentre il cast dei comici vede il ritorno di Lucia Ocone. Il commento calcistico, dopo l'abbandono della coppia Tombolini-Caputi, viene affidato a Ubaldo Pantani affiancato da ospiti che variano di settimana in settimana: in alcuni casi saranno giornalisti professionisti (Fabrizio Ferrari, Matteo Marani, Bruno Pizzul, Massimo Caputi) o pubblicisti (Alberto Rugolotto), in altri ex calciatori (Marco Nappi, Luis Suárez, Daniele Massaro).

Nella stagione 2015-2016 tornano i collegamenti con gli stadi della Serie A, eliminati in passato a causa della perdita dei diritti televisivi; altra grande novità è rappresentata dalla Gialappa's Band, che affianca Savino nella conduzione del programma. Al tavolo "tecnico" arriva la giovane giornalista Sarah Castellana insieme all'ex arbitro Paolo Casarin e, a rotazione, altri giornalisti e addetti ai lavori (come Bruno Pizzul e Ivan Zazzaroni); infine, dal 2016 al 2020, il commento viene affidato a Emanuele Dotto (affiancato, inizialmente, da Sarah Castellana, poi da Toni Bonji ed infine da Federico Russo). Nella postazione web, a dare visibilità a commenti e contributi dalla rete, esordisce Melissa Greta Marchetto, la quale annuncia anche una prima pagina della Gazzetta dello Sport (parodistica ed inventata sul momento, in quanto la vera prima pagina viene resa pubblica soltanto intorno a mezzanotte); tra gli inviati vi sono i confermati Angela Rafanelli e Digei Angelo alias Mimmo Magistroni, improbabile allenatore che, in collegamento dalle scuole calcio di tutta Italia, cerca di ricreare i gol della Serie A, ruolo in passato svolto da Gigi Maifredi; a differenza di quest'ultimo, che utilizzava un suo team fisso, Digei Angelo opera con squadre prevalentemente di ragazzini che variano ogni settimana. Il nuovo regista è Fabio Calvi che dall'edizione 2016-17 cede il posto a Luigi Antonini. Il 17 maggio 2017 viene annunciato che Nicola Savino passerà a Mediaset dalla stagione 2017-2018. Con l'ultima puntata del 21 maggio 2017 si conclude l'era Savino alla conduzione di Quelli che il calcio; durante l'estate anche la Gialappa's Band annuncia il ritorno a Mediaset, lasciando il programma dopo due anni.

Dal 2017 al 2021: conduzione di Luca e Paolo con Mia Ceran e chiusura anticipata[modifica | modifica wikitesto]

Luca e Paolo

Dal 10 settembre 2017 il programma viene affidato al duo Luca e Paolo con la co-conduzione e partecipazione di Mia Ceran[5], che nella stagione precedente svolgeva il ruolo di inviata. Vengono rinnovati grafica, scenografia e anche parte del cast; entra a far parte del cast fisso anche la band Jaspers, che esegue sigle e stacchi musicali dal vivo e accompagna anche il duo comico nei loro numeri musicali. Sotto la loro conduzione, la trasmissione vede un nuovo incremento di ascolti: volto di punta è Francesco Mandelli, mentre i Calciatori Brutti vengono rimpiazzati da Federico Russo, collegato da un pub in Corso Sempione, insieme a Dino Zandegù e (dal 2018) Herbert Ballerina, nonché a ospiti a rotazione. Torna a far parte del cast Brenda Lodigiani, insieme ai comici Antonio Ornano e Toni Bonji. Degne di nota le imitazioni di Lapo Elkann, Massimo Giletti (appena passato a LA7), Gian Piero Ventura (all'epoca CT dell'Italia) e Gianluigi Buffon.

Nella stagione 2018-2019 la trasmissione si arricchisce di ulteriori elementi: lo studio ospita una postazione di Rocco Tanica (di ritorno dopo 11 anni), in veste di critico televisivo, viene creata anche una versione radiofonica, Quelli che... a Radio 2, in onda su Rai Radio 2 e condotta da Gianluca Gazzoli (poi sostituito da Andrea Santonastaso) e Tamara Donà, la quale però non verrà riconfermata in futuro, e nascono nuovi personaggi fittizi interpretati dai due comici, quali la Dottoressa Piera, una pseudo-terapista infantile, seguita da Renella, una protagonista di un finto musical basato su doppisensi, il Dottor Prunes e Folco Maria Brandauer, rispettivamente uno psicologo sportivo ed un poeta calcistico, e l'Agente Mormora, un buttafuori. Degne di nota anche le imitazioni di Matteo Salvini, Diletta Leotta, Chiara Ferragni, Wanda Nara (moglie di Mauro Icardi), Massimiliano Allegri, Roberto Burioni, Carlo Ancelotti, Luciano Spalletti, Simone Inzaghi, Maurizio Sarri e Daniele Adani (prima di ogni stacco pubblicitario); inoltre, la postazione pub introduce una finta campagna di abbonamento al servizio Rai Pub, oltre a un concorso sulla scia di Paperissima, intitolato Coppa Ignoranza, nel quale ogni settimana venivano selezionati filmati di situazioni assurde, legate al calcio e non. Dal 1º dicembre 2018 al 3 febbraio 2019, al fine di promuovere un messaggio di non-razzismo verso le donne nello sport, esse realizzavano, in sostituzione dei bambini, i replay dei gol assieme a Mimmo Magistroni. L'ultima puntata integrale della stagione va in onda il 6 maggio 2019, seguita l'11 e il 18 da due piccole puntate senza il commento di Emanuele Dotto, impegnato per Radio 1 al Giro d'Italia.

La stagione 2019-2020, iniziata il 25 settembre 2019, vede la riconferma di buona parte del cast delle precedenti stagioni; novità sono Enrico Lucci in veste di inviato fisso, che prende il posto di Francesco Mandelli (tornato a San Siro come commentatore per il Milan) e Antonio Picci, detto "bomber". Limitate sono le apparizioni di Antonio Ornano, con la contemporanea rimozione della postazione pub (fino al 2 febbraio 2020) e dei collegamenti audio con Tutto il calcio minuto per minuto per i rigori (la cui collaborazione prosegue); escono dal cast anche DJ Angelo, unico erede della vecchia guardia che va in pensione dopo 18 anni consecutivi di partecipazione (e di conseguenza non vi sono più le dimostrazioni delle azioni dei gol), il comico Edoardo Ferrario e buona parte degli ospiti fissi della precedente stagione (come Collovati, Casarin e Terruzzi); di conseguenza, Federico Russo viene promosso in studio, in sostituzione di Toni Bonji che passa ad inviato. Mantenuta, comunque, l'abitudine di mostrare i momenti più assurdi dal mondo del calcio e non, oltre a lanciare una rubrica intitolata Chi dimentica è complice. La grande novità risiede nel puntare molto sulla satira politica, con la presenza ogni settimana di politici in veste di inviati negli stadi, cambiando anche i personaggi delle imitazioni: infatti, tra le nuove imitazioni figurano quelle di Giuseppe (allora premier) e Antonio Conte (allora tecnico dell'Inter, Mario Giordano, Paolo Del Debbio, Pamela Prati, Myss Keta, di alcuni personaggi de Il cantante mascherato e, nelle prime dieci puntate, della trasmissione Un giorno in pretura. Rinnovate completamente le sigle, la grafica e la scenografia. Col loro crescente successo, viene dato spazio anche al mondo dei social, introducendo dal 2020 sfide di TikTok. Dal 22 febbraio 2020, a causa della pandemia di COVID-19, avvengono alcuni cambiamenti: scompaiono l'anteprima della parodia della Gazzetta dello Sport (in probabile segno di rispetto per i giornalai, allora chiusi in Lombardia) e il pubblico, il numero di collegamenti esterni viene fortemente ridotto e ad ogni stacco pubblicitario viene trasmesso un cartello indicante regole per fronteggiare il virus. Dal 1º marzo lascia anche Emanuele Dotto, risultato positivo al COVID, venendo sostituito da Sabrina Gandolfi e Federico Russo, mentre dal 15 marzo al 30 maggio il programma non va in onda (anche a causa dello stop del campionato di Serie A) e torna poi per due puntate speciali a giugno.

Il 16 luglio 2020, in occasione della presentazione dei palinsesti di Rai 2, viene quindi confermata la 27ª edizione del programma che ha inizio il 1º novembre, a causa del rinvio del Giro d'Italia, e si conclude il 2 maggio 2021; la conduzione, la grafica e il format restano invariati, ma il pubblico è ancora assente, per via degli ordinamenti imposti dal governo per fronteggiare la Pandemia di COVID-19, e vengono ridotte le imitazioni, lasciando spazio perlopiù a interviste a VIP (es. nella prima puntata Alan Friedman e Filippo Ganna) e alla cultura calcistica, cui scaturisce il nuovo quiz Quanto calcio ne sai. Dopo la rinuncia di Emanuele Dotto, il nuovo cronista è Marco Mazzocchi, tornato dopo 13 anni e che lascia il posto nelle ultime puntate a Ubaldo Pantani, già commentatore nella stagione 2015-2016.

Tra le nuove imitazioni figurano Luisella Costamagna, nuova conduttrice di Agorà, la Contessa De Blanck (concorrente del Grande Fratello VIP 2020), Orietta Berti, il virologo genovese Matteo Bassetti (interpretato da Paolo Kessisoglu), il neoallenatore della Juventus Andrea Pirlo, quello del Napoli Gennaro Gattuso, ed una parodia di Report, e il giornalista Federico Buffa. Anche i conduttori si cimentano in gag comiche, come La base grillina e violatori dei DPCM anti COVID. Entra inoltre nel cast anche Barbara Foria, imitatrice di una mamma in protesta, quindi di Serena Bortone (conduttrice di Oggi è un altro giorno) e infine di Myrta Merlino (conduttrice di L'aria che tira).

Francesca Brienza, in passato commentatrice dall'Olimpico per le partite della Roma, diventa nuova inviata dagli altri eventi sportivi minori del pomeriggio, come atletica leggera e ginnastica artistica, sulla scia di quanto faceva Francesco Mandelli fino al 2019.

A luglio 2021, in occasione della presentazione dei palinsesti della rete, il programma viene riconfermato così come il cast della precedente annata, ma abbandona la fascia della domenica pomeriggio, per approdare al lunedì in prima serata con il titolo Quelli che il lunedì.

Per l'occasione, vengono completamente rinnovati sigle, studio (che assume la forma di un late show e ritrova il pubblico) e varie grafiche. Il cast, invece, è quasi tutto riconfermato rispetto alla stagione precedente ad eccezione della band Jaspers, che lascia spazio, dopo quattro edizioni consecutive, a un nuovo complesso creato dal maestro Luca Colombo.

Gli ascolti, tuttavia, non migliorano, scendendo addirittura al 2%; dalla quarta puntata, il programma passa al giovedì, diventando solo Quelli che... come nell'annata 2012-2013. Nonostante ciò, l'auditel non migliora, e la RAI decide di anticipare la conclusione al 2 dicembre 2021. Inoltre, in occasione degli ATP Finals, nasce per la prima volta uno spinoff sul tennis, intitolato per l'appunto Quelli che il tennis, trasmesso dalla sede Lavazza di Torino e condotto da Melissa Greta Marchetto e Marco Mazzocchi.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

1993-1998: Quelli che... il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Il programma debutta il 26 settembre 1993 su Rai 3, con la conduzione di Fabio Fazio e degli ospiti fissi o anche di puntata. Tra gli ospiti presenti in studio figurano i cantanti Orietta Berti e Max Pezzali, ed addirittura la squadra della Fiorentina. Tra i volti comici figurano il già noto Teo Teocoli e il duo Malandrino e Veronica. Nel 1997 arriva il comico Maurizio Battista discretamente conosciuto, che riscuote un grande successo al programma. I comici saranno tutti riconfermati per la stagione 1998-1999. Nelle prime due stagioni non vi sono gli inviati all'interno degli stadi, ad eccezione di Everardo Dalla Noce, per le leggi imposte dalla Lega Calcio.

Il 20 marzo 1994 la puntata venne interrotta da un'edizione straordinaria del TG3 per annunciare la morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, uccisi a Mogadiscio, mentre durante la puntata del 29 gennaio 1995 l'intero staff del programma, su proposta di Fabio Fazio, lasciò lo studio durante la diretta in seguito alla notizia della morte di Vincenzo Spagnolo, il tifoso genoano accoltellato durante gli scontri tra tifoserie prima della partita Genoa-Milan. Dietro questa scelta vi è la decisione dello stesso conduttore che non ritenne opportuno continuare la puntata, perché non sarebbe stato giusto scherzare in studio mentre all'esterno era stata stroncata una vita umana; per tutto il lasso di tempo successivo, al suo posto, venne inquadrato il ledwall con l'audio di Tutto il calcio minuto per minuto, senza sigla finale e senza schedina e classifica.

1998-1999: Quelli che... il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Dato il successo il programma viene promosso su Rai 2 (idea dello stesso Fazio e di tutta la troupe della trasmissione in pieno accordo con Carlo Freccero, direttore della rete). Il cast di comici è tutto riconfermato ma ci sono nuovi ospiti fissi ed il commentatore tecnico Marino Bartoletti, proveniente da Mediaset, affiancato da Carlo Sassi. Inoltre entrano a far parte del cast degli ospiti fissi il professor Roberto Vacca e l'astrologo Peter Van Wood. Ritorna nel cast il comico Maurizio Battista, che nel 1999 lascia la trasmissione, tornando a lavorare in Mediaset e lasciando il testimone a Gene Gnocchi.

1999-2001: Quelli che... il calcio[modifica | modifica wikitesto]

2001-2002: Quelli che... il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Dalla nona edizione, andata in onda dal 26 agosto 2001 al 5 maggio 2002, la trasmissione cambia profondamente: Fabio Fazio, Carlo Sassi e Marino Bartoletti lasciano il programma, venendo sostituiti da Simona Ventura. Il programma, di conseguenza, vira più sul varietà a discapito del calcio, che ha sempre fatto da padrone, anche se il format di base resta pressoché invariato.

Tra gli episodi da ricordare in questa stagione vi è lo scontro in diretta tra la Ventura e l'allora Ministro delle comunicazioni Maurizio Gasparri, intervenuto telefonicamente per criticare alcune battute di Gene Gnocchi. La stagione si conclude il 5 maggio 2002 con il 43% di share e 7 milioni e 300 000 spettatori, record assoluto per il programma, ottenuto anche grazie allo scudetto assegnato all'ultima giornata alla Juventus con l'Inter a sorpresa sconfitta dalla Lazio. L'obiettivo era del 22%, la media raggiunta è del 27%, raggiunta anche grazie all'arrivo di comici come Maurizio Crozza che, dopo aver lavorato in Mediaset per diversi anni, tornò in Rai e che riscosse un grande successo grazie alle sue imitazioni, e Gene Gnocchi.

Grande novità è anche la versione serale: dal 16 settembre 2001 iniziano Quelli che... aspettano lo smoking (dalle 20:00 alle 20:25) e Quelli che... lo smoking è di rigore (dalle 21:00 alle 22:35) con la partecipazione di Maurizio Mosca. Tale versione seguiva i posticipi serali di Serie A e Serie B, con ascolti che si riveleranno molto al di sotto delle aspettative. Dato lo scarso riscontro auditel, la versione serale verrà cancellata nel febbraio 2002, anche se il programma andrà in onda anche in prima serata nelle edizioni successive, in caso di spostamento del campionato alla sera o nei turni infrasettimanali.

2002-2003: Quelli che... il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Seconda stagione con la Ventura, la trasmissione sarà un rotocalco sportivo con tanta satira e ironia calcistica. Anche questa stagione conferma il successo della precedente.

2003-2004: Quelli che... il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Terza stagione con la Ventura, la trasmissione sarà un rotocalco sportivo con tanta satira e ironia calcistica. Anche questa stagione conferma il successo delle due precedenti. Inoltre viene ripristinata l'anteprima (dalle 13:50 alle 15:00), ridenominata Quelli che... aspettano.

2004-2005: Quelli che... il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Quarta stagione con la Ventura, che però ammette di aver avuto qualche perplessità nell'accettare ancora la conduzione, dopo il coinvolgimento nello scandalo del calcio-scommesse del marito Stefano Bettarini. Già nella primavera del 2004 Maurizio Crozza aveva lasciato la trasmissione per sua scelta ed era stato sostituito da Nicola Savino.

2005-2006: Quelli che... il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Stagione complicata per la trasmissione: impossibile collegarsi coi campi, dal momento che i diritti sono passati a Mediaset. Dopo che la trasmissione sarà inizialmente messa fuori dal palinsesto, data la perdita dei diritti, va in onda, simulando collegamenti con gli stadi e dando i risultati in diretta, soluzione che causerà scontri con Mediaset, ma che è garantita dalla trasmissione radiofonica Tutto il calcio minuto per minuto. Sempre per la perdita dei diritti, la trasmissione si avvale di un'ora aggiuntiva, intitolata Quelli che... ultimo minuto, dovuta alla sospensione di Stadio Sprint.

2006-2007: Quelli che... il calcio e...[modifica | modifica wikitesto]

Da questa stagione il varietà prende il sopravvento sul calcio in modo più netto (continuando a trasmettere e comunicare i risultati in diretta): difatti, persi i diritti l'anno prima, la trasmissione si incentra di più sulle interviste agli ospiti e sulle imitazioni, con la partecipazione in ogni puntata di giornalisti stranieri. Inizialmente era prevista la partecipazione Lamberto Sposini in qualità di giudice, ma sarà bloccato a causa dei suoi rapporti con Luciano Moggi scoperti durante Calciopoli. Ospite della seconda puntata del 10 settembre 2006 è proprio l'ex ds juventino, nonché principale indagato di Calciopoli, scoppiata tre mesi prima. L'intervista sarà molto criticata e la trasmissione sarà punita perdendo per alcune puntate il nuovo ed ultimo segmento Ultimo minuto, essendo assente il contraddittorio; l'unico che proverà a contraddire l'ex dg della Juventus sarà Andrea Vianello, ospite della puntata, ma zittito subito dalla conduttrice.

La trasmissione andò in onda anche la domenica successiva agli scontri di Catania del 2 febbraio 2007, in cui aveva perso la vita l'ispettore Filippo Raciti, con il campionato sospeso per un turno, allorché venne mandata in onda una puntata speciale intitolata Quelli che... Adesso basta!, interamente dedicata al tema della violenza negli stadi, senza sketch comici e collegamenti con i campi (simulati), ma con ospiti in collegamento e dibattiti sugli episodi appena trascorsi.

Si tratta dell'ultima stagione trasmessa dagli studi della fiera di Milano. Dopo l'ultima puntata, come detto, gli studi della fiera saranno smantellati e sostituiti da quelli di Via Mecenate, nella stessa città.

2007-2008: Quelli che... il calcio e...[modifica | modifica wikitesto]

Quindicesima stagione ricca di novità: lascia Gene Gnocchi, ma arriva Riccardo Rossi e come voce fuori campo Albertino che imita Lucignolo (il dj di Italia 1). Una folta schiera di autori per una trasmissione che comprende molte rubriche, come Vieni avanti... Pechino! con Marco Mazzocchi, in cui sono presentati gli atleti italiani partecipanti ai Giochi della XXIX Olimpiade, e Quelli che X Factor con Francesco Facchinetti e Simona, Morgan, Mara Maionchi giurati. Un'altra novità fu che nel 2007 torna a far parte del cast fisso del programma Maurizio Battista.

2008-2009: Quelli che il calcio e...[modifica | modifica wikitesto]

Con la sedicesima stagione torna il collegamento dagli stadi con la riacquisizione dei diritti in chiaro della Serie A da parte della Rai. Ampio spazio è dato anche all'Isola e a X Factor. La trasmissione perde definitivamente anche il suo terzo spezzone dalle 17, grazie del ritorno di Stadio Sprint. Quest'anno la voce fuori campo è quella di Nicola Savino che imita Il comitato (cioè Michele Guardì). Uno degli ospiti stranieri principali è una debuttante Lady Gaga, per la prima volta in Italia.[6]

2009-2010: Quelli che il calcio e...[modifica | modifica wikitesto]

Diciassettesima stagione e tantissime novità: lasciano definitivamente la trasmissione Maurizio Battista, Max Giusti (impegnato con Affari tuoi e Affari tuoi Speciale per 2), Nicola Savino (che dal 2013 sarà conduttore del programma) e la sua squadra (che è approdata su Italia 1 a Colorado) e pure il regista Paolo Beldì (alla regia del nuovo varietà di Gianni Morandi). Le new entry sono il regista Celeste Laudisio, l'imitatore David Pratelli, Alessandro Cattelan, Francesca Macrì e da Radiodeejai Andrea e Michele. Da gennaio 2010 entreranno anche Ubaldo Pantani e Brenda Lodigiani a sostituire Lucia Ocone. Il 20 settembre 2009 sono invitati come ospiti i Muse; costretti per l'occasione a suonare in playback, per protesta si scambiano gli strumenti: Matthew Bellamy dalla voce passa a suonare la batteria, Dominic Howard dalla batteria passa alla voce e al basso invece Chris Wolstenholme dal basso passa alla chitarra e alla tastiera. Lo scherzo non viene notato da nessuno, e continua anche al termine della performance durante l'intervista della Ventura, ignara dello scambio di persona, al gruppo, che pone una serie di domande al batterista Dominic credendo che in realtà si tratti del cantante[7].

2010-2011: Quelli che il calcio e...[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione condotta per l'ultima volta da Simona Ventura trasmessa nel formato panoramico 16:9, dato il passaggio di alcune regioni al digitale terrestre; viene completamente rinnovata la grafica e non vengono più mandati in onda gli SMS del pubblico durante la trasmissione, presenti fin dal 2005 (dopo la scoperta che questo servizio veniva utilizzato da alcuni per comunicare con boss della criminalità organizzata in regime di carcere duro).[8]

2011-2012: Quelli che il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Con la diciannovesima edizione, andata in onda dall'11 settembre 2011 al 13 maggio 2012, la trasmissione rinnova il cast: lascia Simona Ventura, assieme ai valletti-ballerini del suo ciclo, entra Victoria Cabello, già conduttrice di Victor Victoria - Niente è come sembra su LA7. Il programma diventa quindi un vero e proprio salotto calcistico, in stile Mai dire Gol, con rubriche surreali e ampio spazio ai comici, senza dimenticare il format di base.

2012-2013: Quelli che...[modifica | modifica wikitesto]

In questa stagione la trasmissione è di nuova impossibilitata a effettuare i collegamenti coi campi per la perdita dei relativi diritti tv, come era già successo dal 2005 al 2008. La trasmissione torna a virare più sul varietà che sul calcio: quest'ultimo non appare nel nuovo titolo Quelli che... nonostante il programma continui a rendere noti i risultati delle partite in diretta (grazie alla collaborazione col programma radiofonico Tutto il calcio minuto per minuto).

2013-2014: Quelli che il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Da questa stagione il calcio torna a essere il fulcro della trasmissione e ci saranno anche le incursioni negli altri sport oltre al calcio nonostante l'assenza della satira e dell'ironia calcistica. Inoltre si ripristina la collaborazione con Rai Sport. Al posto di Victoria Cabello, Nicola Savino è il nuovo conduttore che affiancherà i comici e gli ospiti che saranno presenti in studio durante le varie puntate a causa dell'assenza di Virginia Raffaele che è passata a Mediaset tra il 2013 e il 2014 prima del ritorno alla Rai nel 2015.

2014-2015: Quelli che il calcio[modifica | modifica wikitesto]

2015-2016: Quelli che il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Da questa stagione tornano i collegamenti in diretta con gli stadi della serie A e le immagini di spalti e tifoserie. La novità è la presenza della Gialappa's Band, alla prima conduzione di un programma Rai.

In questa stagione accade eccezionalmente che la puntata del 20 settembre 2015 di Quelli che aspettano va in onda su Rai Sport 1 e Rai Sport 2 a causa della presenza del Gran Premio di Singapore di Formula 1 su Rai 2 e anche della messa in onda della visita di Papa Francesco a Cuba su Rai 1.

2016-2017: Quelli che il calcio[modifica | modifica wikitesto]

A causa di uno sciopero del personale tecnico Rai di Milano, la puntata del 19 marzo 2017 non è andata in onda. Inoltre, a causa dell'arrivo del Giro d'Italia sulla rete, le ultime tre puntate vanno in onda in versione ridotta, intitolate Quelli che aspettano il Giro d'Italia.

2017-2018: Quelli che il calcio[modifica | modifica wikitesto]

La puntata del 4 marzo 2018 non è andata in onda per la sospensione di tutti i campionati dovuta alla morte del calciatore della Fiorentina Davide Astori, avvenuta nella stessa mattinata.

2018-2019: Quelli che il calcio[modifica | modifica wikitesto]

2019-2020: Quelli che il calcio[modifica | modifica wikitesto]

Dal 15 marzo 2020 la trasmissione fu sospesa dai palinsesti a causa della pandemia di COVID-19 in Italia, ma tornò in onda il 7 giugno per una puntata speciale.

2020-2021: Quelli che il calcio[modifica | modifica wikitesto]

2021: Quelli che il lunedì/Quelli che[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione per la prima volta abbandona la fascia domenicale postprandiale per approdare in quella del lunedì in prima serata.

Particolare interesse riscuote la puntata dell'11 ottobre, a causa di una sfuriata in diretta del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, collegato insieme a Enrico Lucci, verso il tennista Adriano Panatta, che viene dapprima accusato di "insultare i romani pur essendo romano" e poi liquidato con un'espressione volgare;[9] inoltre, la terza puntata, prevista per il 18 ottobre, è dapprima slittata al lunedì successivo (25 ottobre) per lasciare spazio a uno speciale del TG2 sulle elezioni regionali e poi andata in onda in differita e in versione ridotta a causa di uno sciopero interno alla RAI.

A partire dalla quarta puntata la trasmissione si sposta al giovedì, cambiando il titolo in Quelli che, denominazione già usata nella stagione 2012-2013. Inoltre, per gli ATP Finals 2021, nasce uno spinoff intitolato Quelli che il tennis; nonostante ciò, la trasmissione chiude i battenti in anticipo, il 2 dicembre.

Sigle[modifica | modifica wikitesto]

Comici[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Totale edizioni
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29
Gene Gnocchi 9
Maurizio Battista 5
Teo Teocoli 4
Anna Marchesini
Luciana Littizzetto 1
Maurizio Crozza 4
Max Giusti 9
Nicola Savino 7
Digei Angelo 9
Lucia Ocone 7
Ubaldo Pantani 11
David Pratelli 2
Brenda Lodigiani 4
Virginia Raffaele 3
Trio Medusa 2
Marcello Cesena
Nuzzo e Di Biase
Ale e Franz 1
Edoardo Ferrario 3
Katia Follesa 1
Antonio Ornano
Toni Bonji 3
Liliana Fiorelli 1
Barbara Foria
Enzo Paci

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ dati ricavati dal sito Rai Teche Copia archiviata, su teche.rai.it. URL consultato il 29 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2015)..
  2. ^ articolo su: La tv nel pallone - L'esordio di Victoria a Quelli che e la scomparsa di Buffa - Digital-News tratto da La Gazzetta dello Sport del 19 settembre 2011
  3. ^ Quelli che il calcio con Victoria Cabello torna il 16 settembre: il gradimento vale più dell'Auditel, su tvblog.it. URL consultato il 13 maggio 2012.
  4. ^ 17 maggio 2013, su tvblog.it.
  5. ^ Dal 10 settembre - Quelli che il calcio a Luca e Paolo: e il Ducale.... URL consultato il 7 settembre 2017.
  6. ^ Simona Ventura intervista Lady Gaga, il video: tweet "per non dimenticare", su Soundsblog.it. URL consultato il 28 maggio 2016.
  7. ^ La beffa dei Muse alla Ventura, su corriere.it. URL consultato il 21 settembre 2009.
  8. ^ Sms per i boss a "Quelli che il calcio". Macrì: "Messaggi cifrati per il 41 bis", su repubblica.it, 20 agosto 2010.
  9. ^ Panatta e Ferrero, volano insulti: lite in diretta tv spopola sul web, su Virgilio Sport. URL consultato il 12 ottobre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Precedente Telegatto come "Miglior trasmissione sportiva" Successivo
Mai dire gol 1994 Mai dire gol I
Mai dire gol 1997, 1998, 1999, 2000 90º minuto II
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione