Matteo Marani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matteo Marani (2021)

Matteo Marani (Bologna, 2 ottobre 1970) è un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea in storia all'Università di Bologna, ha iniziato a occuparsi di giornalismo sportivo, in particolare di calcio. Per la carta stampata ha collaborato con testate nazionali come Il Messaggero, il Corriere dello Sport - Stadio e Il Sole 24 ORE. Lungo e duraturo è stato il suo legame con la rivista Guerin Sportivo, iniziato nel 1992 come semplice stagista e poi conclusosi con la direzione,[1] incarico ricoperto dal 2008 al 2016. Sotto la sua direzione la testata si è rinnovata trasformandosi da settimanale a mensile e aprendo il suo primo sito web.

In ambito televisivo ha collaborato al programma Quelli che il calcio di Rai 2, passando poi nel 2016 alla vicedirezione di Sky Sport;[2] dal marzo 2016 al gennaio 2018 è stato inoltre direttore di Sky Sport 24,[3] divenendo quindi responsabile dell'area eventi calcio di Sky Italia.[4] Per l'emittente satellitare, dal 2019 è inoltre autore e conduttore della serie monografica Storie di Matteo Marani.

Come scrittore è stato autore nel 2007 del libro Dallo scudetto ad Auschwitz,[1] che a posteriori ha contribuito in maniera determinante alla riscoperta della figura di Árpád Weisz dopo decenni di oblìo:[5] per quest'opera ha ricevuto sia il premio per la letteratura sportiva di Chieti nel 2009, sia quello intitolato ad Antonio Ghirelli nel 2014. Oltre alla professione giornalistica, tiene corsi sul linguaggio del giornalismo alla IULM di Milano e all'Università di Bologna.

In ambito federale, nel 2014 ha curato con Alessandra Maria Sette la mostra sulla storia della nazionale italiana all'Auditorium Parco della Musica di Roma.[6] Già vicepresidente della fondazione Museo del calcio,[7] nel 2020 viene nominato presidente della stessa su proposta del numero uno della Federcalcio, Gabriele Gravina.[8]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Dallo scudetto ad Auschwitz: vita e morte di Arpad Weisz, allenatore ebreo, 1ª edizione, Roma; Reggio Emilia, Aliberti, 2007, ISBN 978-88-7424-200-9.
  • La Nazionale tra emozioni e storia: un secolo di calcio azzurro, catalogo a cura di Alessandra Maria Sette, Matteo Marani, Roma, Palombi, 2014, ISBN 978-88-6060-609-9.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio USSI 1996
  • Premio Piero Dardanello 2005
  • Premio Beppe Viola 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giacomo Pratelli, Matteo Marani: «Il libro su Arpad Weisz e il giornalismo, tutto parte dalla curiosità», su contropiede.ilgiornale.it, 18 aprile 2013.
  2. ^ Massimo Galanto, SkySport, Massimo Corcione direttore coordinatore delle aree, su tvblog.it, 8 marzo 2016.
  3. ^ Nuova organizzazione per Sky Sport, su pubblicitaitalia.it, 21 febbraio 2019. URL consultato il 21 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2018).
  4. ^ Ferri riorganizza la squadra di Sky Sport, su primaonline.it, 19 dicembre 2017.
  5. ^ Luca Sancini, Elena e Weisz, ritratto di un'epoca, in la Repubblica, 29 novembre 2017.
  6. ^ Napolitano inaugura la mostra azzurra: "Questo è il calcio che amiamo", su figc.it, 5 maggio 2014.
  7. ^ Il Consiglio federale dà il via alla riforma dei campionati, dal 2019/20 la Serie B a 20 squadre, su figc.it, 30 gennaio 2019.
  8. ^ Matteo Marani nominato Presidente della Fondazione del Museo del Calcio, su figc.it, 17 maggio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore del Guerin Sportivo Successore
Andrea Aloi gennaio 2008 - febbraio 2016 Alessandro Vocalelli
Predecessore Direttore di Sky Sport 24 Successore
Fabio Caressa marzo 2016 - dicembre 2017 Giuseppe De Bellis