Matteo Marani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Matteo Marani (Bologna, 2 ottobre 1970) è un giornalista e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea in storia all'Università di Bologna, ha iniziato a occuparsi di giornalismo sportivo, in particolare di calcio. Per la carta stampata ha collaborato con testate nazionali come Il Messaggero, il Corriere dello Sport - Stadio e Il Sole 24 ORE. Lungo e duraturo è stato il suo legame con la rivista Guerin Sportivo, iniziato nel 1992 come semplice stagista e poi conclusosi con la direzione,[1] incarico ricoperto dal 2008 al 2016. In ambito televisivo ha collaborato al programma Quelli che il calcio di Rai 2, passando poi nel 2016 alla vicedirezione di Sky Sport;[2] dal marzo 2016 al gennaio 2018 è stato inoltre direttore di Sky Sport 24,[3] divenendo quindi responsabile dell'area eventi calcio di Sky Italia.[4]

Come scrittore è stato autore nel 2007 del libro Dallo scudetto ad Auschwitz,[1] che a posteriori ha contribuito in maniera determinante alla riscoperta della figura di Árpád Weisz dopo decenni di oblìo:[5] per quest'opera ha ricevuto il premio per la letteratura sportiva di Chieti nel 2009, e quello "Antonio Ghirelli" nel 2014. Oltre alla professione giornalistica, tiene corsi sul linguaggio del giornalismo alla IULM di Milano e all'Università di Bologna. È inoltre vicepresidente della fondazione Museo del calcio, incarico conferitogli dalla FIGC;[6] sempre in ambito federale, nel 2014 ha curato con Alessandra Maria Sette la mostra sulla storia della nazionale italiana all'Auditorium Parco della Musica di Roma.[7]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Dallo scudetto ad Auschwitz: vita e morte di Arpad Weisz, allenatore ebreo, 1ª edizione, Roma; Reggio Emilia, Aliberti, 2007, ISBN 978-88-7424-200-9.
  • La Nazionale tra emozioni e storia: un secolo di calcio azzurro, catalogo a cura di Alessandra Maria Sette, Matteo Marani, Roma, Palombi, 2014, ISBN 978-88-6060-609-9.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giacomo Pratelli, Matteo Marani: «Il libro su Arpad Weisz e il giornalismo, tutto parte dalla curiosità», su contropiede.ilgiornale.it, 18 aprile 2013.
  2. ^ Massimo Galanto, SkySport, Massimo Corcione direttore coordinatore delle aree, su tvblog.it, 8 marzo 2016.
  3. ^ Nuova organizzazione per Sky Sport, su pubblicitaitalia.it, 21 febbraio 2019.
  4. ^ Ferri riorganizza la squadra di Sky Sport, su primaonline.it, 19 dicembre 2017.
  5. ^ Luca Sancini, Elena e Weisz, ritratto di un'epoca, in la Repubblica, 29 novembre 2017.
  6. ^ Il Consiglio federale dà il via alla riforma dei campionati, dal 2019/20 la Serie B a 20 squadre, su figc.it, 30 gennaiio 2019.
  7. ^ Napolitano inaugura la mostra azzurra: "Questo è il calcio che amiamo", su figc.it, 5 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]