Uprising (Muse)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uprising
Uprising Video Muse.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
Artista Muse
Tipo album Singolo
Pubblicazione 7 settembre 2009
Durata 5:02
Album di provenienza The Resistance
Genere Alternative rock
Neoprogressive
Etichetta Warner Bros., Helium-3
Produttore Muse
Registrazione 2008-2009, Studio Bellini, Lago di Como, Italia
Formati CD, 45 giri, download digitale
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 200 000+)
Dischi d'oro Australia Australia[2]
(vendite: 35 000+)
Belgio Belgio[3]
(vendite: 10 000+)
Canada Canada[4]
(vendite: 40 000+)
Danimarca Danimarca[5]
(vendite: 15 000+)
Italia Italia[6]
(vendite: 15 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[7]
(vendite: 7 500+)
Dischi di platino Francia Francia[8]
(vendite: 150 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[9]
(vendite: 2 170 000[10])
Muse - cronologia
Singolo precedente
(2007)
Singolo successivo
(2009)

Uprising è un singolo del gruppo britannico Muse, il primo estratto dal loro quinto album in studio The Resistance e pubblicato il 7 settembre 2009.

La canzone è presente nella lista tracce del videogioco musicale Guitar Hero: Warriors of Rock, pubblicato nel 2010.

Antefatti e composizione[modifica | modifica wikitesto]

Uprising è stata citata per la prima volta il 3 luglio 2009 come traccia di apertura del nuovo album dei Muse.[11] In un'intervista precedente alla pubblicazione del singolo della rivista musicale Mojo, Matthew Bellamy descrisse il brano come "simile all'hard rock con influenze dei Goldfrapp" e aggiunse, inoltre, che la canzone è stata composta come protesta alla grande recessione e alla situazione delle banche, che contribuiscono ad aggravare la crisi.[12]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Nel video il gruppo esegue la canzone dal retro di un vecchio pick-up in movimento tra miniature giocattolo di persone realizzate in plastica. Il pick-up procede per le strade di una buia cittadina percorsa da una miccia accesa che continua ad avanzare. Durante il loro passaggio, dal suolo emergono minacciosi orsi di peluche che iniziano ad attaccare e bruciare le persone. Nella scena in cui dalle vetrine si vedono schermi con orsi in vari ruoli, in uno di questi televisori si può notare un orso nel ruolo di Bernard Madoff in riferimento al famoso video[13] in cui viene spinto da un cameraman per essere ripreso meglio. Il video è, come il testo della canzone, un riferimento alla grande recessione.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD
  1. Uprising (Album Version) – 5:02
  2. Uprising (Does It Offend You Yeah Mix) – 4:00
45 giri
  • Lato A
  1. Uprising – 5:02
  • Lato B
  1. Who Knows Who (feat. Mike Skinner) – 3:24
Download digitale[14]
  1. Uprising – 5:02
  2. Uprising (Does It Offend You Yeah Mix) – 4:00
  3. Uprising (Live from Teignmouth) – 5:37

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Audrey Riley – conduzione orchestra
  • Edoardo De Angelisprimo violino
  • Silvia Catasta's Edodea Ensemble – orchestra
  • Tom Kirk, Adrian Bushby, Paul Reeve – battimani ed effetti sonori

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Museproduzione
  • Paul Reeve – produzione vocale aggiuntiva
  • Adrian Bushby – ingegneria
  • Tommaso Colliva – ingegneria aggiuntiva
  • Mark "Spike" Stent – missaggio
  • Matthew Green – assistenza missaggio
  • Ted Jensen – mastering

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2009) Posizione
massima
Australia[15] 23
Belgio (Fiandre)[16] 12
Belgio (Vallonia)[16] 6
Finlandia[17] 8
Germania[18] 32
Giappone[19] 73
Italia[20] 14
Nuova Zelanda[21] 12
Stati Uniti[19] 81
Stati Uniti (alternative)[19] 5
Stati Uniti (rock)[19] 15
Svezia[16] 13
Svizzera[16] 8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 31 ottobre 2013.
  2. ^ (EN) 2010 Singles Accreditations, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 29 giugno 2015.
  3. ^ (NL) Gold and Platinum Certifications - 2011, Ultratop. URL consultato il 2 luglio 2012.
  4. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 29 giugno 2015.
  5. ^ (DA) Guld og Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 29 giugno 2015.
  6. ^ Archivio certificazioni - Sezione "Online", settimana 29 del 2014, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 30 luglio 2014.
  7. ^ (EN) Latest Gold / Platinum Singles, Radioscope. URL consultato il 19 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2011).
  8. ^ (FR) ANNEE 2012 - CERTIFICATIONS, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 29 giugno 2015.
  9. ^ (EN) Gold & Platinum Searchable Database, RIAA. URL consultato il 29 giugno 2015.
  10. ^ (EN) Paul Grein, Week Ending March 31, 2013. Songs: “Thrift Shop” Sets First Quarter Record, Yahoo!. URL consultato il 23 aprile 2013.
  11. ^ (EN) The Resistance: The Tracklisting, Muse.mu, 4 luglio 2009.
  12. ^ I Muse tornano e protestano contro la crisi finanziaria, Corriere della Sera, 10 agosto 2009. URL consultato l'11 febbraio 2014.
  13. ^ (EN) Video in cui Bernard Madoff viene spinto, YouTube. URL consultato il 21 ottobre 2009.
  14. ^ Uprising - Single, iTunes.com. URL consultato il 1º novembre 2012.
  15. ^ Top 50 Singles Chart - Australian Recording Industry Association
  16. ^ a b c d ultratop.be - Muse - Uprising
  17. ^ finnishcharts.com
  18. ^ Nederlandse Top 40
  19. ^ a b c d (EN) Muse - Chart history, Billboard. URL consultato il 4 maggio 2015.
  20. ^ italiancharts.com - Muse - Uprising
  21. ^ The Official New Zealand Music Chart
rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo