Andrea Vianello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Vianello nel 2012

Andrea Vianello (Roma, 25 aprile 1961) è un giornalista, conduttore radiofonico, conduttore televisivo e dirigente d'azienda italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote del cantante Edoardo Vianello e del poeta Alberto Vianello intraprende la sua carriera nel 1992 collaborando con lo zio alla stesura dei testi dell'album Vivere insieme. Esordisce alla radio sul GR1 nei primi anni novanta, per arrivare alla conduzione del programma di approfondimento Radio anch'io. Nel 1993 vinse l'Oscar del giornalismo, e nel 1997 il Premio Saint Vincent.

Nel 1999 esordisce in televisione conducendo su Rai 2 il programma Tele anch'io, ispirato alla trasmissione radiofonica Radio anch'io. Su Rai 3 conduce, dal 2001, la trasmissione Enigma (che nel 2004 cederà a Corrado Augias). Dal 2004 conduce Mi manda Raitre. Nel 2009 pubblica il libro Assurdo Italia, Storie incredibili ma vere di un paese paradossale (Baldini Castoldi Dalai). Dal 2010 con la chiusura di Mi manda Raitre (che ritornerà nel marzo 2011 con la conduzione di Edoardo Camurri) passa a condurre il nuovo programma mattutino Agorà.

Dal 29 novembre 2012 al 18 febbraio 2016 è stato direttore di Rai 3, ruolo che assume operativamente dal 1º gennaio 2013[1][2].

Qualche mese dopo Vianello passerà in organico al Tg2 per assumere il ruolo di editorialista.[3]

Da luglio 2017 è vicedirettore di Rai 1 con delega ai programmi d'attualità, di costume e ai format innovativi di genere informativo[4].

Programmi condotti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore di Rai 3 Successore Rai 3 - Logo 2016.svg
Antonio Di Bella 2012 - 2016 Daria Bignardi
Controllo di autoritàVIAF: (EN81767461 · ISNI: (EN0000 0001 2141 5166 · LCCN: (ENn2011050715 · GND: (DE137596359