Novella 2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Novella 2000
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàsettimanale
Generegossip, spettacolo, intrattenimento
Formatomagazine
Fondazione1919
SedeMilano
EditoreVisibilia Magazine SRL
Diffusione cartacea50 640 (settembre 2015)
DirettoreRoberto Alessi
ISSN1120-4443 (WC · ACNP)
Sito webwww.novella2000.it
 

Novella 2000 è un settimanale italiano. Nato come Novella nel 1919, ha assunto l'attuale testata nel 1967.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il periodico fu fondato nel 1919 come rivista letteraria da quattro amici (Mario Mariani, Gino Rocca, Eugenio Gandolfi e Tomaso Monicelli) che si erano conosciuti al fronte (Prima guerra mondiale) nella Quarta Armata dell'esercito italiano[1].

Per i primi otto anni è pubblicata dalla casa editrice Mondadori. Nel 1927 viene ceduta alla Rizzoli.
Nel 1933 il romanzo sentimentale La signora di tutti di Salvator Gotta, viene pubblicato a puntate sulla rivista. È un grande successo: la tiratura passa da 180.000 copie a 250.000 alla settimana[1]. L'editore decide di sfruttare il successo del romanzo per fare un film. Nasce la casa di produzione cinematografica «Novella Film», che realizza alcune pellicole, fra cui - nel 1934 - il film omonimo, diretto da Max Ophuls, con una debuttante Isa Miranda. Nei primi anni Quaranta il settimanale supera la tiratura di 400.000 copie[2].

Nel 1945, dopo la fine della Seconda guerra mondiale, l'editore Rizzoli affida la direzione della rivista allo scrittore Giorgio Scerbanenco, che la mantiene per circa vent'anni.
Durante gli anni sessanta «Novella» subisce un calo di interesse da parte del pubblico. Nel 1967, per una felice intuizione di Enzo Biagi, direttore editoriale dei periodici Rizzoli[3], la testata prende il nome di «Novella 2000» e diventa il primo giornale italiano di cronaca rosa. Il settimanale, che era fermo a 50.000 copie, riprende vigore fino a raggiungere le 700.000 copie di tiratura nei primi anni settanta, durante la direzione di Antonio Terzi[4].

Nell'agosto 2013 la rivista viene rilevata da PRS Editore, che la tiene per circa un anno. Il direttore è Roberto Alessi.

Da dicembre 2014 «Novella 2000» fa capo al gruppo editoriale Visibilia di Daniela Santanchè. Alessi mantiene la direzione. Alla rivista è affiancata «Radio Novella 2000» (in onda dal 1º dicembre 2014), che va a sostituire in buona parte di Piemonte e Lombardia la nota Radio Cuore.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1945 ad oggi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Orio Caldiron, Matilde Hochkofler, Isa Miranda, Gremese Editore, 1978, pag. 43.
  2. ^ La stampa nella R.S.I., su digilander.libero.it. URL consultato il 20/08/2015.
  3. ^ Novella 2000 compie 40 anni, su corriere.it. URL consultato il 14 giugno 2018.
  4. ^ Giovanni Terzi racconta il padre, maestro di giornalismo, su iodonna.it. URL consultato il 14 giugno 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria