Milly Dandolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Emilia[1] Dandolo, nota come Milly Dandolo, indicata anche come Milli Dandolo (Milano, 4 gennaio 1895Milano, 27 settembre 1946), è stata una scrittrice, poetessa, traduttrice e giornalista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Milano nel 1895 da un'agiata famiglia di origine veneta,[2] ebbe modo di manifestare il suo precoce talento già a quattordici anni, nel 1909, collaborando con Il passerotto, un supplemento del settimanale per bambini Il giornalino della Domenica, allora diretto dallo scrittore Luigi Bertelli, noto con lo pseudonimo di Vamba e autore del celebre Il giornalino di Gian Burrasca.[2] Quattro anni dopo, nel 1913, l'editore Treves pubblicò il suo primo volume, Poesie, con prefazione dello stesso Vamba.[2]

Passata poi al genere narrativo, a lei più congeniale,[3] seguendo anche quanto le aveva suggerito il nuovo direttore del Giornalino Giuseppe Fanciulli,[2] pubblicò una serie di romanzi quali Il figlio del mio dolore (1921), È caduta una donna (1936), Croce e delizia, (1944) e alcuni libri dedicati ai ragazzi,[3] improntati dalla formazione cattolica e conservatrice dell'autrice.[2]

Fu anche collaboratrice di giornali e riviste, quali il quotidiano La Gazzetta del Popolo, il settimanale L'Illustrazione Italiana, il mensile La Lettura, e fu traduttrice.[3] Tra le opere tradotte si ricordano i due celebri romanzi dello scrittore scozzese James Matthew Barrie: Peter Pan nei Giardini di Kensington e Peter e Wendy, editi in un solo volume dall'editore Bompiani nel 1939 e recentemente ristampato.[4]

Dai suoi romanzi furono tratti due film, entrambi usciti nel 1941: È caduta una donna, diretto da Alfredo Guarini e La fuggitiva, del regista Piero Ballerini.[5]

Malata, ma pur sempre attiva, morì nella città natale, a cinquantuno anni, nel 1946, lasciando il marito nonché collega Eugenio Gara e il figlio Giuliano.[6][2] Riposa al Cimitero Monumentale di Milano.[7]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesie. prefazione di Vamba, Milano, Fratelli Treves, 1913.
  • La scatola armonica. Poesie per i ragazzi, presentazione di Giuseppe Fanciulli, Torino, Società Editrice Internazionale, 1951.

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Il figlio del mio dolore, Milano, Fratelli Treves, 1921.
  • La nostra notte, Milano, Bottega di Poesia, 1924.
  • La storia dei martiri narrata al mio bambino, Torino, Società Editrice Internazionale, 1925.
  • Il silenzio degli usignoli, Firenze, Salani, 1926.
  • Uccelli senza nido, Firenze, Tipografia Enrico Ariani, 1926.
  • Il dono dell'innocente, Milano, Fratelli Treves, 1926.
  • Il dolore degli altri, Milano, Fratelli Treves, 1928.
  • Tempo di amare, Milano, Fratelli Treves, 1929.
  • Cuori in cammino, Torino, Società Editrice Internazionale, 1930.
  • È caduta una donna, Milano, Fratelli Treves, 1936.
  • La santa di Chantal, Roma, Sales, 1938.
  • La fuggitiva, Milano, Rizzoli, 1939.
  • L'angelo ha parlato, Verona, A. Mondadori, 1941.
  • Terra in vista, Milano, A. Mondadori, 1942.
  • Croce e delizia, Milano, A. Mondadori, 1944.
  • Abbiamo veduto una stella, Milano, Garzanti, 1946.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get
  2. ^ a b c d e f Dizionario biografico degli italiani, riferimenti e link in Bibliografia.
  3. ^ a b c Dizionario della letteratura italiana contemporanea, vol.1, pp. 260-61, riferimenti in Bibliografia.
  4. ^ Peter Pan, introduzione di Beatrice Masini, traduzione dall'inglese di Milly Dandolo, Roma, Fanucci, 2016. ISBN 978-88-347-3046-1.
  5. ^ Scheda di Milly Dandolo, Internet Movie Database.
  6. ^ Quaderni Veneti - La narrativa per l'infanzia di Milly Dandolo: tra innovazione e tradizione (PDF), su edizionicafoscari.unive.it.
  7. ^ Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enzo Ronconi (a cura di), Dizionario della letteratura italiana contemporanea, 2 voll., Firenze, Vallecchi, 1973.
  • Giovanna Romei, DANDOLO, Milly, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 32, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1986. URL consultato il 2 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Milly Dandolo, scheda nel sito della Fondazione Franco Fossati.
  • Dandolo, Milly, scheda di autorità del Servizio bibliotecario nazionale.
Controllo di autoritàVIAF (EN118768718 · ISNI (EN0000 0000 8333 2932 · GND (DE119385155 · BNF (FRcb10944429b (data) · BAV ADV12213592