Luigi Bertelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Vamba" rimanda qui. Se stai cercando il re visigoto del VII secolo, vedi Vamba (re visigoto).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il pittore, vedi Luigi Bertelli (pittore).
Luigi Bertelli

Luigi Bertelli (Firenze, 19 marzo 1858Firenze, 27 novembre 1920) è stato uno scrittore e giornalista italiano, autore delle avventure di un popolare personaggio d'inizio Novecento: Gian Burrasca. È più noto con lo pseudonimo di Vamba, nome del buffone di Cedric il Sassone nel romanzo Ivanhoe di Walter Scott.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliofilo appassionato, Bertelli fu giornalista e educatore efficace. Scrisse testi in prosa e in poesia per l'infanzia, nonché sonetti in vernacolo fiorentino umoristici e assolutamente irriverenti.

Nel 1895 pubblicò Ciondolino, storia con intenti didattici di un bambino che viene trasformato in formica.

Fondò nel 1906 il Giornalino della domenica, che continuò regolarmente le pubblicazioni fino al 1924, divenendo celebre tra le famiglie borghesi; ma risultarono troppo forti i problemi finanziari. Così, nel 1925, vi confluì Giro Giro Tondo, fondato nel 1921 da Antonio Beltramelli, ma anche questo innesto di risorse non bastò a salvare la testata, che venne chiusa nel 1927.

Nella rivista per ragazzi apparivano le firme dei più famosi scrittori del tempo (Giovanni Pascoli, Gabriele d'Annunzio, Grazia Deledda, Edmondo De Amicis) e dei più raffinati illustratori (Umberto Brunelleschi e Filiberto Scarpelli).

Sulle sue pagine pubblicò in 55 puntate - tra il 7 febbraio 1907 e il 17 maggio 1908 - Il giornalino di Gian Burrasca. L'opera fu edita in volume dall'editore Bemporad nel 1911 e diede all'autore un enorme successo tra il pubblico italiano, in seguito tradotto il tutto il mondo, è stato il terzo libro per ragazzi più venduto in Italia dopo Pinocchio e Cuore, oggetto di traspozioni televisive di grande successo. Alcuni studiosi, anche se la cosa non è mai stata confermata dall'autore, hanno identificato l'esistenza di molti punti in comune con il romanzo americano 'A Bad Boy's Diary' della scrittrice Metta Victoria Fuller Victor [1][2].

La sua attività vernacola ebbe inizio nel periodo della collaborazione con Il Fanfulla della Domenica, quando risiedeva a Roma. Stuzzicato dai suoi colleghi in una discussione sull'incapacità dei fiorentini di tradurre in letteratura la loro cultura popolare, come avevano fatto Giuseppe Gioacchino Belli a Roma, Carlo Porta a Milano e Salvatore Di Giacomo a Napoli, Vamba raccolse la sfida facendosi autore di sonetti fiorentineschi, che furono molto apprezzati da Ardengo Soffici. Dei pochi che restano colpisce la sboccata e vivida arguzia.

Morì il 27 novembre 1920 all'età di 62 anni e fu sepolto nel Cimitero delle Porte Sante presso la Basilica di San Miniato, sopra Firenze.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Guida teorico-pratica per i funzionari di p.s. per i sindaci e segretari comunali e per gli aspiranti alla carriera di p.s., Genova, Stab. Artisti Tipografi, 1876.
  • Vittorio Emanuele II, I re d'Italia. Sua vita, Genova, Reg. stab. Lavagnino, 1878.
  • In morte di Vittorio Emanuele II primo re d'Italia avvenuta nel 9 gennaio 1878, Vignola, Tip. di Antonio Monti, 1879.
  • Primo libro di Lettura conforme ai programmi ministeriali, Mantova, Stab. Tip. Lit. Mondovì, 1891.
  • Intorno al centro delle regioni della Flora. Appunti di viaggio del capitano Marco Lussa esploratore, Firenze, Tip. Barbera, 1894.
  • Ciondolino. Libro per ragazzi, Firenze, Bemporad & figlio, 1895.
  • Il Figlio dʼOtello ossia un fatto di cronaca del 1300 o giù di lì. Cattiva azione, Roma, Tip. Giuridica, 1897.
  • L'onorevole Qualunqui e i suoi ultimi diciotto mesi di vita parlamentare. Album, Roma, Tipografia cooperativa sociale, 1898.
  • Novelle lunghe per i ragazzi che non si contentano mai, Firenze, Bemporad & figlio, 1905.
  • Il giornalino di Gian Burrasca, rivisto, corretto e completato da, Firenze, Bemporad & figlio, 1912.
  • La storia d'un naso, Firenze, Bemporad & figlio, 1912.
  • Le scene comiche, Firenze, Bemporad & figlio, 1913.
  • I bimbi d'Italia si chiaman Balilla. I ragazzi italiani nel Risorgimento nazionale, Firenze, Bemporad & figlio, 1915.
  • Il giardino. Letture per le scuole elementari maschili e femminili, con Giuseppe Fanciulli, Firenze, Bemporad & figlio, 1915.
  • Resistere per esistere, Firenze, Bemporad & figlio, 1915.
  • L'epitaffio di Francesco Giuseppe. 18 agosto 1830 - 21 novembre 1916, Milano, Casa Editoriale Italiana, 1916.
  • Jessie White Mario, Firenze, Bemporad & figlio, 1916.
  • Il segreto della vittoria, Firenze, L'arte della stampa, 1916.
  • Un secolo di storia italiana. (1815-1918), Firenze, Bemporad & figlio, 1919.
  • L'umana civiltà dai primordi a Roma imperiale, Firenze, Bemporad & figlio, 1920 (?)
  • 1887 Il Barbabianca Anno primo , Roma, 1887 - Tip. Nazionale di Reggiani & soci.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN59895910 · LCCN: (ENn87855674 · SBN: IT\ICCU\CFIV\004730 · ISNI: (EN0000 0001 1683 1448 · GND: (DE119517019 · BNF: (FRcb12050690x (data) · NLA: (EN35192271 · BAV: ADV12152194