Paolo Mosca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Mosca
Famiglia Mosca.jpg
Paolo Mosca, terzo da sinistra, in compagnia del fratello Maurizio, del padre Giovanni e del fratello Antonello.
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica leggera
Periodo di attività musicale 1964 – 1966
Etichetta Lord, Dischi Ricordi
Sito ufficiale

Paolo Mosca (Pallanza, 20 ottobre 1943Morlupo, 30 novembre 2014) è stato un cantautore, giornalista, scrittore, poeta, autore televisivo, conduttore televisivo, regista teatrale e drammaturgo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ultimogenito del maestro elementare nonché giornalista, scrittore e vignettista Giovanni Mosca (1908-1983) e della maestra elementare Teresa Caracciolo (1909-2000)[1], e fratello minore del giornalista Benedetto, del designer Antonello e del giornalista Maurizio (1940-2010), Paolo Mosca nasce nella foresteria di una villa di Pallanza, sulla sponda piemontese del Lago Maggiore; la madre, incinta, vi era sfollata da Milano con i suoi tre figli, mentre il padre era stato incarcerato dalla R.S.I.[2][1].

Da ragazzo scrive delle poesie, che poi musica e canta al pianoforte[2]. In seguito studia scienze politiche, frequenta l'Accademia del Piccolo Teatro di Milano, e incomincia a esibirsi come cantante. Dotato di una voce molto ferma e potente, nello stile degli urlatori, partecipa al Cantagiro 1964 con La voglia dell'estate, canzone da lui scritta ed eseguita con cui vince il girone B della manifestazione; sempre nel 1964 partecipa al Festival delle Rose con Il the[3][4][5][6][7].

L'anno successivo, dopo aver cambiato casa discografica ed esser passato alla Dischi Ricordi, partecipa al Cantagiro 1965 con Io ritorno a casa mia. Per un'angoscia personale data dal contatto con il pubblico si ritira dal mondo della canzone[3] e si dedica negli anni successivi al giornalismo e alla scrittura, divenendo prima redattore e inviato, e poi direttore di periodici nazionali, tra cui Novella 2000, Playboy Italia e La Domenica del Corriere, e pubblicando numerosi libri di narrativa, saggistica e poesia che trattano di emozioni e sentimenti[3][5].

Parallelamente dirige e talvolta scrive varie commedie teatrali tra cui: Il grande bluff (dirige Carlo Dapporto e Antonella Steni), Hai mai provato nell'acqua calda? (da lui anche scritta, con Walter Chiari e Ivana Monti) e La luna sotto le scale (da lui anche scritta, con Piero Mazzarella)[3][8].

Ideatore, conduttore e autore televisivo negli anni ottanta di varie trasmissioni tra cui i varietà a sfondo erotico Il cappello sulle ventitré, in onda sulla RAI e ambientato in un'atmosfera da night club, e Rosso di sera, in onda su Telereporter, diviene direttore artistico di Telemontepenice e Pan TV, opinionista di RAI Notte e conduttore di una rubrica settimanale di interviste all’interno di Unomattina[3][4][9].

Dirige anche i periodici Eva Express e Onda Tv, e nel 1995 si trasferisce a Roma per dirigere Vip; dal 2001 collabora con il quotidiano romano Il Messaggero[3][10][11].

Nel 2007 dirige al Teatro Oscar di Milano la commedia di Indro Montanelli Il petto e la coscia[12].

Nell'ottobre 2008 viene colpito da un grave ictus che lo immobilizza; aggravatosi, nell'aprile 2014 si trasferisce nella Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) Flaminia di Morlupo, alle porte di Roma, dove si spegne domenica 30 novembre[13][14].

Dopo il funerale romano del 2 dicembre, la salma viene cremata, e le ceneri di Paolo Mosca vengono portate all'Edicola E di Levante Inferiore del Cimitero Monumentale di Milano, al Riparto B, e tumulate nella celletta 43; lo stesso cimitero ospita le salme dei genitori[15][16].

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Memorie d'un neonato, L'Alfiere Editrice - Collana "I Satiri" (1971)[17]
  • Il mitomane, SugarCo Edizioni (1972)
  • Caro Vip, SugarCo Edizioni (1973), interviste
  • Il biondo, Rizzoli (1978)
  • Il mantello di jeans, Renzo Cortina (1979), poesie (Premio Levanto - opera prima)[18]
  • Sotto la Pelle, Rizzoli (1980), interviste
  • I vergini, Rizzoli (1980)
  • Concerto di Sensi, Rizzoli (1983)
  • La città respira, Rizzoli (1984)[19]
  • Tra colori di rabbia e di passione, Rizzoli (1985)
  • Il ben d'amore, Mursia (1992)
  • Lifting al cuore, Rusconi (1993)
  • Dammi la mano. Parlare insieme della vita è già felicità, Sperling & Kupfer (1994)
  • Stati d'anima, Sperling & Kupfer (1995)
  • C'è una farfalla dentro di noi, Sperling & Kupfer (1996)
  • Beata incoscienza, Sperling & Kupfer (1997)
  • La rosa dei sentimenti, Sperling & Kupfer (1998)
  • Un gabbiano nel 2000, Sperling & Kupfer (1999)
  • Il sale della vita, Sperling & Kupfer (2000)
  • Parole preziose, Frassinelli (2001), interviste[17]
  • Soffio o uragano?, Guida (2002), poesie[18]
  • Un mondo in amore, Sperling & Kupfer (2003)
  • Il nuovo senso della vita, Sperling & Kupfer (2004)
  • Lettera al Papa, Sperling & Kupfer (2005)
  • Il terzo elemento dell'amore, Sperling & Kupfer (2006)
  • Vivi tu x me, Sperling & Kupfer (2007)
  • Il Ciabattino del Papa e altre storie, San Paolo (2009)
  • Qui finisce la Terra, CreateSpace Independent Publishing Platform / ebook (2014), poesie

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Adnkronos | News in tempo reale, video e e ultime notizie, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 17 giugno 2017.
  2. ^ a b PressReader.com - Connecting People Through News, su www.pressreader.com. URL consultato il 10 luglio 2017.
  3. ^ a b c d e f PAOLO MOSCA, su www.storiaradiotv.it. URL consultato il 17 giugno 2017.
  4. ^ a b Caterina Somma, Paolo Mosca - il sito ufficiale * biografia, su www.paolomosca.com. URL consultato il 17 giugno 2017.
  5. ^ a b Aniello Salatiello, Paolo Mosca - La voglia dell'estate, 1º febbraio 2012. URL consultato il 17 giugno 2017.
  6. ^ Aniello Salatiello, Paolo Mosca - il the (P Mosca) (Festival delle rose 1964), 7 gennaio 2013. URL consultato il 17 giugno 2017.
  7. ^ Morto Paolo Mosca, fratello di Maurizio: autore e giornalista si è spento a 71 anni, in Nanopress. URL consultato il 17 giugno 2017.
  8. ^ Il grande bluff (1971) Carlo Dapporto - Antonella Steni - Teatro del Novecento, Programmi di sala, Riviste e Locandine, in Teatro del Novecento, Programmi di sala, Riviste e Locandine, 24 settembre 2016. URL consultato il 17 giugno 2017.
  9. ^ Addio a Paolo Mosca, giornalista e scrittore, fratello di Maurizio, in Corriere della Sera. URL consultato il 17 giugno 2017.
  10. ^ EDITORIA: PAOLO MOSCA LASCIA EVA EXPRESS, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 17 giugno 2017.
  11. ^ Paolo Mosca - Gli autori di Sperling & Kupfer, su Sperling & Kupfer editori. URL consultato il 17 giugno 2017.
  12. ^ Il petto e la coscia al teatro Oscar di Milano (MI) il, su Teatro.it. URL consultato il 17 giugno 2017.
  13. ^ Addio a Paolo Mosca, aveva 71 anni, già direttore di periodici a larga diffusione. Martedì i funerali., su www.francoabruzzo.it. URL consultato il 17 giugno 2017.
  14. ^ Paolo Mosca è morto a 71 anni - Tgcom24, in Tgcom24. URL consultato il 17 giugno 2017.
  15. ^ Morto Paolo Mosca, il giornalista e scrittore aveva 71 anni. URL consultato il 17 giugno 2017.
  16. ^ Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.
  17. ^ a b Intervista a Paolo Mosca: le sue “Parole preziose” spiegano “Il terzo elemento dell’Amore”, su zaffiromagazine.blogspot.it. URL consultato il 17 giugno 2017.
  18. ^ a b Paolo Mosca, Soffio o uragano?, Guida Editori, 2002, ISBN 978-88-7188-581-0. URL consultato il 17 giugno 2017.
  19. ^ Mosca,Paolo - La città respira, su www.forumlibri.com. URL consultato il 17 giugno 2017.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore della Domenica del Corriere Successore
Maurizio Costanzo 14 marzo 1979 - 7 febbraio 1981 Antonio Terzi
Controllo di autorità VIAF: (EN107894345 · LCCN: (ENn80159282 · SBN: IT\ICCU\CFIV\000124 · ISNI: (EN0000 0001 0930 6805 · GND: (DE140926666 · BNF: (FRcb12072208p (data) · NLA: (EN35710837