Marco Mazzocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Mazzocchi (Roma, 13 aprile 1966) è un giornalista e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del giornalista Giacomo Mazzocchi (per molti anni telecronista di atletica per TMC), dal 1988 lavora in RAI, prima come collaboratore poi, a partire dal 1993, come dipendente. Ha lavorato soprattutto in ambito sportivo, collaborando con Il Processo del Lunedì, Novantesimo minuto, La Domenica Sportiva. Ha condotto quest'ultima trasmissione per cinque anni. Inviato alle Olimpiadi del 1996, ha condotto le dirette delle Olimpiadi del 2000 e del 2004. Conduttore Rai anche per gli Europei di Calcio del 2000 e del 2004, e delle Olimpiadi invernali di Torino 2006.

Ha seguito due Giri d'Italia, conducendo un'edizione de Il Processo alla Tappa, e un Tour de France. Nel 1998 ha seguito la nazionale italiana ai mondiali di calcio. Nel 2002 ha condotto insieme con Giampiero Galeazzi e Luisa Corna Notti Mondiali su Rai 1. Nel 2006 è stato il volto Rai ai mondiali di Germania. Nel 2003 ha curato i collegamenti per L'isola dei famosi.

Nel 2006 è stato inviato per il programma Wild West realizzando tre minidocumentari dal titolo Aspettando Wild West. Nel 2007 ha condotto con Maddalena Corvaglia la trasmissione Balls of Steel. Nello stesso anno ha anche partecipato a una spedizione al K2 organizzata dalla K2 Freedom, fermandosi al campo base. Di questa esperienza ha realizzato un documentario per Rai 2 dal titolo K2: Il sogno, l'incubo, dedicato all'alpinista Stefano Zavka deceduto sul K2 durante quella stessa spedizione.

In seguito ha girato altri due docufilm per Rai 2: Yukon Quest: sulle tracce di Zanna Bianca, partecipando a una gara di slitte trainate da cani e L'onda perfetta, seguendo tre surfisti italiani in Costa Rica e Perù. Nella stagione 2008-2009 ha fatto parte del cast di Quelli che il calcio. Nella primavera del 2009 è tornato a Rai Sport per curare e condurre un programma di interviste a personaggi dello sport e dello spettacolo dal titolo Volevo essere Paolo Rossi, in onda sul canale satellitare e digitale Raisportpiù. In estate è tornato alla conduzione di un grande evento sportivo: i Campionati del mondo di nuoto 2009 di Roma. Da novembre 2009 è caporedattore della redazione calcio.

Nel 2010 ha condotto Mondiale Rai Sprint su Rai 1 e Mondiale Rai Sera su Rai 2. Dall'agosto 2010 al settembre 2015 è stato responsabile del team di Raisport al seguito della Nazionale di calcio e conduttore degli studi pre e post partita. Ideatore di DirettAzzurra, programma di Rai Sport 1 che segue in diretta allenamenti e conferenze stampa della Nazionale di calcio. Da Team Leader di Raisport segue e racconta gli Europei del 2012, la Confederations Cup del 2013 e i Mondiali del 2014.

Dal 16 aprile 2012 alla primavera del 2013 cura e conduce Mattina sport su Rai Sport 1.

Dal 22 ottobre 2013[1] cura e conduce Zona 11 pm su Raisport 1, trasmissione che va in onda alle ore 23. Versione serale dell'omonima rubrica che andava alle 11 all'interno di Mattina Sport, Zona 11 pm è un talk sul calcio che deraglia spesso in citazioni musicali e cinematografiche, ironia e tormentoni.

Dal settembre 2014 diviene conduttore del storico programma Novantesimo minuto in sostituzione di Franco Lauro, e nella stagione 2015/16 viene affiancato alla conduzione da Paola Ferrari.[2]. La trasmissione parte alle 17.10 (Novantesimo Minuto Zona Mista) con le interviste dei dopopartita, alle 18.10 diventa Novantesimo Minuto classico (i gol della domenica), alle 19.00 diventa Novantesimo Minuto Tempi Supplementari (approfondimenti e curiosità).

Domenica 3 aprile, in collaborazione con Enrico Testa, firma 14 - Una storia nella storia, speciale di venticinque minuti, dedicato a Johan Crujiff, fuoriclasse del calcio mondiale da poco scomparso.

Dal 19 maggio 2016 viene nominato vicedirettore di Raisport.

A giugno con Flavio Insinna conduce Il grande match su Rai 1 e i pre e post-partita dell'Europeo insieme a Paola Ferrari.

Per la nuova stagione di 90º minuto viene sostituito da Alberto Rimedio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie