Nuvola Lavazza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nuvola Lavazza
Headquarter Lavazza.jpg
Nuvola Lavazza vista da via Bologna
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegionePiemonte
LocalitàTorino
IndirizzoVia Bologna, 32
Borgo Rossini (Aurora)
Circoscrizione VII
Coordinate45°04′52″N 7°41′33.9″E / 45.081111°N 7.69275°E45.081111; 7.69275Coordinate: 45°04′52″N 7°41′33.9″E / 45.081111°N 7.69275°E45.081111; 7.69275
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Inaugurazione2018
StileModerno
UsoUffici, museo, ristorazione, eventi
Piani6
Area calpestabile30.000
Realizzazione
Costo120.000.000 euro
ArchitettoCino Zucchi
ProprietarioLuigi Lavazza S.p.A.

La Nuvola Lavazza è la sede direzionale della Luigi Lavazza S.p.A., comprende anche il museo, un sito archeologico, un ristorante, un bistrot, uno spazio eventi, una palestra riservata ai dipendenti, un parcheggio interrato ed una piazza giardino che funge da punto di contatto tra i diversi elementi che la compongono. Sorge nel quartiere Aurora, a Torino, ed è stato progettata dallo studio di architetti Cino Zucchi. Inaugurata nell'aprile 2018, si estende per oltre 30.000 metri quadri, è costata oltre 120 milioni di euro e dà impiego a più di 600 persone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nata con l'obiettivo di riunire in un'unica sede i diversi uffici aziendali sparsi nel territorio, La Nuvola è stata costruita tra il 2014 e il 2018 attorno all'area compresa fra le vie Bologna e Ancona e corso Palermo, dove un tempo sorgevano diversi edifici in gran parte demoliti, un'ex centrale elettrica ENEL realizzata nel 1897 dall’ingegnere torinese Ermenegildo Perin ed oggi riqualificata nello spazio eventi, la palazzina di formazione del personale ENEL dove oggi trova sede lo IAAD di Torino.

La struttura[modifica | modifica wikitesto]

Si compone di un complesso di diversi spazi ed edifici.

  • Centro direzionale
Il centro direzionale

È l'headquarter della Lavazza che con i suoi uffici costituisce anche la parte più estesa della Nuvola. È un edificio multipiano con facciata a specchi dall'architettura moderna e dalle forme sinuose. Il suo interno, dalle morbide tonalità color panna, presenta il 90% degli spazi costituito da open space con aree quick meeting e sale riunioni tecnologiche che favoriscono lo smart working. Le aree dei diversi dipartimenti sono state co-progettate dai vari team di lavoro mentre gli innovativi arredi favoriscono la condivisione e l’efficienza ed offrono comfort e benessere ai dipendenti.

  • La Centrale
La Centrale

È l'edificio adibito a spazio eventi. Un tempo fabbrica elettrica, la prima di Torino, dai grandi e rumorosi macchinari, oggi è trasformata in luogo per dibattiti, congressi, attività culturali, musicali ed artistiche. Si estende per circa 4.500 metri quadri ed è in grado di accogliere fino a 1000 persone. Nel luogo dove erano in funzione rumorosi macchinari, ora c’è un grande ambiente flessibile.

  • Ristorante

Aperto nel giugno 2018, denominato "Condividere", si caratterizza per offrire ai suoi clienti la cucina dello chef stellato Federico Zanasi. La scenografia è di Dante Ferretti, mentre il concept reca la firma di Ferran Adrià, si sviluppa per 540 metri quadrati.

  • Bistrot

È la mensa dei dipendenti Lavazza, ma è aperta a tutti. Serve ogni giorno circa 750 pasti. Si ispira alla filosofia Slow Food che ne ha curato lo sviluppo e propone un menu selezionato, ma attento alla qualità dei cibi e alla composizione nutrizionale.

  • Museo Lavazza
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Museo Lavazza.
L'ingresso al museo

È stato inaugurato nel giugno 2018 ed è un museo d'impresa, ideato dal progettista americano Ralph Appelbaum, racconta la storia della famiglia Lavazza intrecciandola con quella dell'industria italiana del XX secolo e mettendo al centro di tutto il caffè.

  • Archivio Storico Lavazza

Spazio in cui sono raccolte migliaia di documenti, di storie e di immagini al fine di permettere una visione chiara, completa e dettagliata della Lavazza.

  • L'Area archeologica

Venuta alla luce solo nel 2014 durante i lavori di costruzione della Nuvola Lavazza, è costituita dai resti della basilica paleocristiana di San Secondo e databile attorno al IV-V secolo d.C. e da una stele funeraria del II secolo d.C. Si sviluppa in un'area seminterrata di circa 1.600 metri quadrati ed è visibile all'esterno grazie a un'ampia vetrata.

  • Piazza giardino

Progettata dalla landscape designer Camilla Zanarotti, sorge al centro del complesso ed è un punto di incontro ideale tra i vari elementi della Nuvola. La piazza si caratterizza per la presenza di grandi alberi da fusto e arbusti sempreverdi; lunghe panche bianche ed una fontana in granito sardo dotata di uno speciale impianto di drenaggio a circuito chiuso completano la struttura, che è anche sede di mostre all'aperto; inoltre durante le festività natalizie la piazza è addobbata con luci.

  • Parcheggio Ancona

Gestito da GTT, è un parcheggio aperto 24 ore al giorno, interrato ed automatizzato, sorge sotto la piazza giardino della Nuvola. Ha una capacità di 156 posti auto di cui 8 riservati a disabili.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari, Nuvola Lavazza. Cultura d'impresa e trasformazioni della città, Roma, Minimum Fax, 2018, ISBN 88-7521-962-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]