Elio e le Storie Tese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elio e le Storie Tese
Elio e le Storie Tese in concerto
Elio e le Storie Tese in concerto
Paese d'origine Italia Italia
Genere Rock demenziale
Rock progressivo
Pop rock
Periodo di attività 1980 – in attività [1]
Etichetta Psycho
Hukapan
Aspirine
Sony
Album pubblicati 26
Studio 9
Live 12
Raccolte 5
Sito web

Elio e le Storie Tese (talvolta abbreviato in EelST o Elii) sono un gruppo musicale italiano di Milano, fondato da Stefano Belisari (in arte Elio) nel 1980.[1][2][3]

Il gruppo ha conosciuto, nel tempo, una popolarità sempre crescente, alimentata prima dalla circolazione di registrazioni bootleg dei loro spettacoli in locali come il Magia Music Meeting e lo Zelig di Milano,[4][5] poi dalla pubblicazione dei primi album e dalle numerose apparizioni in televisione (Lupo solitario e L'araba fenice su Italia 1, al seguito della Gialappa's Band in Mai dire Gol o di Claudio Bisio a Zelig).[2]

Apprezzati e conosciuti particolarmente da un pubblico giovanile, nel 1996 salgono alla ribalta nazionale arrivando secondi al Festival di Sanremo con La terra dei cachi e vincendo il premio della critica "Mia Martini".[1][2] Nel 1999 ricevono a Dublino il premio come best italian act agli European Music Awards di MTV[1][3] e nel 2003 il premio "miglior videoclip" agli Italian Music Awards della FIMI.[1][3] Nel 2011 sono stati incoronati da Rockol e dai suoi lettori come "artisti italiani del decennio 2001/2010". Nel 2012 vincono il referendum promosso dal Mei decretandoli come artisti simbolo della musica indipendente italiana.[6] Tutti i loro album sono diventati disco d'oro in Italia.[1] Il disco Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu si è classificato quindicesimo nella lista dei migliori dischi italiani di tutti i tempi redatta dalla rivista specializzata Rolling Stone.[7] Nel 2013 partecipano per la seconda volta in carriera al Festival di Sanremo, dopo 17 anni d'assenza, classificandosi di nuovo secondi e vincendo di nuovo il Premio della critica "Mia Martini", quello per il "Miglior Arrangiamento" e il "Premio della Sala Stampa Radio, Web e TV".[8][9]

Dal 1993, Elio e compagni sono anche presenti in radio: assieme al deejay Linus conducono, su Radio Deejay, un appuntamento radiofonico settimanale dal titolo Cordialmente.[10][11]

Storia del gruppo[modifica | modifica sorgente]

Le origini (1980-1988)[modifica | modifica sorgente]

Il primo nucleo di Elio e le Storie Tese si formò al Liceo Einstein di Milano fra il 1975 e il 1980. Nella stessa classe erano iscritti Stefano Belisari (Elio), Luca Mangoni e Marco Conforti (fratello di Sergio e futuro manager del gruppo).[12] La prima formazione esordì in un concerto del luglio 1980 alla festa del CAF San Siro, davanti a un pubblico di una decina di pensionati: Elio alla chitarra e alla voce, "Cortellino" (Paolo Cortellino) al basso e "Zuffellato" (Pier Luigi Zuffellato) alla batteria.[1][5] È il periodo in cui fu composta la canzone "Elio", da cui sarebbe derivato lo pseudonimo del frontman.[13]

A Cortellino succedettero negli anni successivi prima "Chiosco" (Fabio Gianvecchio) e poi "Scaffale" (Dario Mazzoli); la batteria passò a "Cosma" (Roberto Sgorbati) per poi essere sostituita dalla Drumulator del tastierista (e batterista elettrico) Sergio Conforti, in arte Rocco Tanica, unitosi a Elio nel 1982.[1]

Nel 1983 entrò nel gruppo una delle migliori chitarre rock del panorama milanese, "Cesareo" (Davide Civaschi).[1][5] Elio poté abbandonare la chitarra e concentrarsi sui ruoli di cantante e frontman, di quando in quando esibendosi anche in passaggi col flauto traverso, nel quale si era diplomato al conservatorio. Nel 1984 apparve nuovamente "Scaffale" fino al 1985 quando "Faso" (Nicola Fasani) divenne membro stabile del gruppo,[1] ed entrò a far parte dello staff l'amico "Grussu" (Pierino De Luca), prima in qualità di presentatore e affiancatore nei numeri da avanspettacolo che aprivano i primi concerti e poi nelle vesti di manager tuttofare nel periodo tra il 1986 ed il 1989.

Fra il 1985 e il 1986 Elio e le Storie Tese si esibirono in una serie di storici concerti in locali milanesi come il Magia Music Meeting e lo Zelig.[5] Di questi spettacoli furono realizzate registrazioni pirata su cassetta che ebbero una straordinaria diffusione soprattutto presso gli adolescenti di Milano e del Nord Italia.[14] Risalgono a quest'epoca un grande numero di brani che anni dopo, pubblicati per la prima volta in un vero album, sarebbero stati salutati dal pubblico come "vecchi classici": Cara ti amo, John Holmes (una vita per il cinema), Silos, Urna, Cateto e altri. La frequentazione dello Zelig e dei suoi comici permette al gruppo di sperimentare la contaminazione tra musica e cabaret, tanto da indurli a partecipare al Festival del Cabaret di Loano nel 1986, evento trasmesso nella trasmissione Cabaret per una Notte e probabilmente la loro prima apparizione televisiva. Nel 1987 fu registrata un'altra memorabile esibizione, che circolò in bootleg col nome Live in Borgomanero.[15][5] A questo periodo risalgono anche le prime canzoni pubblicate ufficialmente (Abbecedario, Silos e Pork e Cindy), contenute in compilation collegate a manifestazioni per la promozione di nuovi gruppi emergenti del milanese.[16][17]

Fra il 1987 e il 1988 Elio e le Storie Tese fecero le prime apparizioni in televisione, nelle trasmissioni Lupo solitario (1987) e L'araba fenice (1988).[4] Nel 1988 il gruppo si arricchì di un nuovo elemento: il polistrumentista Paolo Panigada, poi ribattezzato "Feiez" (voce, percussioni, sassofono, chitarra).[1][18][5] Sempre in quell'anno, una cassettina di un concerto a Bologna finì sulla scrivania di un produttore, Claudio Dentes, poi ribattezzato Otar Bolivecic.

I primi album (1989-1991)[modifica | modifica sorgente]

Grazie all'incontro con Otar, il 6 dicembre 1989 Elio e le Storie Tese riuscirono a dare alla luce il primo album Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu.[1][3][4][19] Alla batteria suonò per la prima volta Curt Cress, turnista tedesco.[4][19] L'album comprendeva molti classici del gruppo, già noti al "pubblico delle registrazioni pirata", e fu un successo, tanto da vendere oltre centomila copie appena uscito.[1]

L'incisione stereofonica su CD rivelò per la prima volta a molti fan il notevole livello tecnico delle performance del gruppo. L'album si apre con un dialogo fra i membri della band, con le voci contraffatte da un octaver per sembrare quelle di un gruppo di ragazzini delle medie;[4][19] espediente attraverso cui introdurre uno dei temi più cari agli EelST, la mitologia e il linguaggio degli adolescenti[19] ("figu", "sbiancata", "tua prinz", "sparaci i deep") ma anche, forse, omaggio all'apertura dell'album MONO tono degli Skiantos, in cui si sente una voce analogamente contraffatta che dice: "ho delle storie, ragazzi, ho delle storie pese" (si noti che storie tese è l'analogo milanese dell'espressione gergale-giovanile storie pese usata altrove, come per l'area bolognese citata dagli Skiantos, e utilizzata per indicare un problema o una situazione di "malessere sociale").[4][19]

Nella primavera dell'anno successivo (1990), al gruppo si aggiunse in maniera stabile un nuovo elemento, il batterista Christian Meyer,di cittadinanza svizzera, il quale molte volte suonò per conto della N.A.T.O.[20] e si esibì durante il cosiddetto "Tour dell'Amore".[21] Quello del 1990 fu il primo tour a livello nazionale, dove Elio e le Storie Tese si posero per la prima volta in relazione con il Festival di Sanremo, suonando durante il loro tour e nel "controfestival" la parodia di buona parte dei brani sanremesi di quella edizione, che si svolse in via eccezionale al Palafiori di Arma di Taggia, invece che al tradizionale Teatro Ariston chiuso per ristrutturazione. Gli Elii si esibirono al vicino Teatro Odeon[22]e tra i brani parodiati i più famosi e meglio riusciti sono Verso l'ignoto e Vattene amore, parodie degli omonimi brani presentati al Festival rispettivamente dalle coppie Marcella-Gianni Bella e Minghi-Mietta. Nella prima delle due parodie la parte "maschile" viene eseguita da Elio e quella "femminile" da Feiez, mentre nella seconda i ruoli si invertono. Due dei brani sanremesi, Ameri (dedicata al telecronista Enrico, da Gli amori di Toto Cutugno), e Sono Felice (da Sono felice di Milva, dove l'aggettivo diventa nome e allude al ciclista Gimondi), vennero successivamente incisi su disco: da questi esempi fanno spazio le numerose fonti di ispirazione al mondo dello sport. Sempre nello stesso periodo scrissero un'altra parodia, Arriva Clistere, sulla musica di Arriva Cristina di Cristina D'Avena.[23] Alcuni di questi brani parodistici furono presentati nelle trasmissioni Tam tam village e Banane, pronti per essere incisi su un nuovo album chiamato Tarati per il canto. L'album, però, non poté uscire a causa del mancato consenso degli autori di alcune delle canzoni parodiate. Solo Ron (autore di Sono felice) e Toto Cutugno (autore de Gli amori) diedero successivamente il consenso alla pubblicazione delle parodie dei loro pezzi.

Per lo stesso motivo fu ritirato dal mercato il maxi-single Born to Be Abramo, uscito nell'estate del 1990, (conosciuto anche come SvEliatevi),[4] contenente, oltre a World Class Player (versione in lingua inglese di Giocatore mondiale, con Pierangelo Bertoli) e John Holmes (Shidzu Version), il brano incriminato Born to be Abramo, medley di Resta cu' mme, di Domenico Modugno di Resta con noi Signore la sera, di Esci dalla tua terra, di You make me feel di Sylvester e di Born to Be Alive di Patrick Hernandez.[24][5] Il brano fu ripubblicato in una nuova veste nel 1997 con l'appoggio e la collaborazione artistica dello stesso Hernandez.[4][25] L'ennesimo sberleffo lo realizzarono nel Natale dello stesso anno: il gruppo decise di pubblicare un maxi-single natalizio, The Los Sri Lanka Parakramabahu Brothers featuring Elio e le Storie Tese, ma la casa discografica non accettò di venderlo a prezzo ridotto, quindi lo fece passare come un mini-album e lo vendette come tale; in questa ottica il disco non assume la forma di un progetto musicale di senso compiuto e viene definito dagli stessi Elii come "Il disco pacco di Natale".[4][5]

Fra gli altri avvenimenti di questo anno piuttosto ricco per EelST possiamo ricordare il celebre concerto del 6 ottobre al Teatro dell'Elfo di Milano, in cui il gruppo si esibisce in 12 ore non stop di variazioni sul tema di Ti amo, realizzando un record da Guinness dei primati.[1][5]

Nel 1991 gli Elii eseguono una nuova versione di Ti amo al Concerto del Primo Maggio, in diretta tv sulla Rai.[1] Il nuovo testo del brano fu cantato all'insaputa di tutti dopo che gli Elii avevano attaccato il pezzo Cassonetto differenziato per il frutto del peccato: qui si denunciava il malcostume della classe politica, facendo nomi (ad esempio Giulio Andreotti, Remo Gaspari, Francesco Cossiga e Giuseppe Ciarrapico) e citando fatti e, per questo, fu interrotto dai funzionari RAI che intervennero sul palco;[3][26][4][27][5] l'evento fu in seguito proposto col nome Sabbiature nel CD singolo Pipppero (pron. pippéro) e nell'album Peerla. Qui si può udire la voce del conduttore Vincenzo Mollica costretto a intervenire per mascherare l'incidente, mentre fa una intervista a Ricky Gianco.[28] Elio nel frattempo urla "Come Jim Morrison!", riferendosi a un episodio che coinvolse la famosa rockstar che, per altri motivi, fu portata via di peso durante una sua esibizione.

Ascesa mediatica (1992-1995)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1992 il gruppo entrò in una nuova fase, pubblicando il singolo Pipppero® il 6 maggio,[1][29][30] che fu proposto frequentemente da tutte le radio principali, e che rimase in cima alla classifica dei singoli più venduti per sei settimane consecutive.[3] Il 12 giugno fu pubblicato l'album Italyan, Rum Casusu Çikti, in cui compare ancora qualche brano dell'epoca "del Magia", insieme a molto materiale nuovo.[31] Il successo di quest'album superò quello dell'album di esordio.

Oltre a Pipppero®, anche Servi della gleba venne frequentemente proposta in radio, e altri brani nuovi come Il vitello dai piedi di balsa o Essere donna oggi divennero rapidamente famosi. Oltre ai numerosi ospiti (tra gli altri Claudio Bisio, Riccardo Fogli, Diego Abatantuono e Enrico Ruggeri), nell'album apparve anche Mangoni, ex compagno di scuola di Elio, architetto e padre di famiglia, che da allora sarebbe diventato al contempo una mascotte e un'icona del gruppo, diventandone una sorta di "membro ad honorem" (pur essendo decisamente stonato), principalmente incaricato di vestire i panni (con la voce nelle incisioni, oppure di persona, e talvolta in costume, sulla scena) dei numerosi personaggi dell'immaginario di Elio (da Supergiovane al narratore della Vendetta del Fantasma Formaggino).[1] A partecipare al progetto è stato anche il coro folk bulgaro, tutto femminile, Le Mystère des Voix Bulgares, famose anche per aver cantato la sigla del noto telefilm americano/neozelandese "Xena, principessa guerriera".

Del 1992 è anche la videocassetta Chi ha incastrato Elio e le Storie Tese?, una sorta di autobiografia romanzata del gruppo, con interviste e registrazioni da vari concerti.[32] Nello stesso anno i membri del gruppo diedero vita a un progetto musicale parallelo, ispirato all'opera dei Weather Report: la Biba Band.

Nell'ottobre del 1993 fu pubblicato Esco dal mio corpo e ho molta paura (Gli inediti 1979-1986) che nacque dalle richieste dei fan della prima ora che volevano riascoltare brani mai pubblicati e risalenti all'epoca del "Magia".[33] Elio e le Storie Tese li accontentarono eseguendo una sorta di live in studio e mantenendo di proposito gli arrangiamenti "originali" dei loro esordi.[33] Su questo album appare anche Amico uligano, già sigla di Mai dire Gol l'anno precedente.[33] Dal disco fu estratto il singolo Aborto/In te, che conteneva (Gomito a gomito con l') Aborto e In te, cover cantata da Mangoni del brano In te di Nek.[34]

Sempre nel 1993 fu pubblicata una musicassetta promozionale in allegato alla rivista Tutto musica e spettacolo intitolata Not Unpreviously Unreleased'nt, contenente tre brani inediti registrati dal vivo.[35] Il 9 dicembre dello stesso anno iniziò ad andare in onda su Radio Deejay la trasmissione radiofonica Cordialmente senza freni.[5]

Nel 1994 il gruppo proseguì la collaborazione con la Gialappa's, realizzando anche Nessuno allo stadio, sigla del programma Mai dire mondiali,[36] cui fece seguito il relativo single in estate. Parte dell'anno fu poi impegnata in un tour nazionale denominato "Playmobil tour".[37]

Nell'estate del 1995 nacque il Fave Club, il fan club ufficiale di Elio e le Storie Tese.[38] A fine anno produssero per Radio Deejay,il singolo natalizio Christmas with the Yours, tradizione che sarebbe poi stata rinnovata ogni anno, pubblicato come 'Il Complesso Misterioso', a sua volta accompagnato dal Cantante Misterioso alias Graziano Romani.[39]

Sanremo e il successo (1996-1998)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Festival di Sanremo 1996#Il caso Elio e le Storie Tese.

Gli Elio e le Storie Tese parteciparono al Festival di Sanremo 1996 con il brano La terra dei cachi, che apparentemente parla dei problemi di mafia, corruzione e sanità presenti in Italia[1][40], ma che in realtà può essere letta come una presa in giro delle tipiche canzoni sanremesi. La canzone, decisamente al di fuori dei canoni "sanremesi", riscosse un grande successo di pubblico e di critica, classificandosi al secondo posto[41][40] e aggiudicandosi il premio della critica "Mia Martini".[4] Ai tempi le loro esibizioni non passarono inosservate:

  • Durante la seconda serata Elio apparve con un braccio finto, per poi tirare fuori quello vero da sotto il maglione.[41][40]
  • Nella serata in cui i concorrenti del Festival avevano un solo minuto per riproporre un estratto della loro canzone (e tutti avevano optato per eseguire il solo ritornello), gli Elii eseguirono buona parte del proprio brano, accelerandone al massimo il tempo per complessivi 55 secondi.[40]
  • Infine, nell'ultima serata si esibirono in abiti da alieni e con la testa rasata colorata di argento (in realtà indossavano tutti delle calotte, tranne Elio, che si era rasato davvero), con un travestimento che richiamava esplicitamente i Rockets.[40]

Dal successo riscontrato, sembrava che il brano potesse vincere realmente la gara, ma la vittoria andò a Vorrei incontrarti fra cent'anni di Ron e Tosca, mentre La terra dei cachi si piazzò, appunto, seconda.[40] A tutt'oggi circolano voci, avvalorate dalle indagini dei Carabinieri, sostenenti che in realtà la canzone avrebbe realmente vinto il festival, ma che i risultati finali sarebbero stati modificati da Pippo Baudo in persona, che non volle ufficializzare i voti.[4][42][43][40] Tuttavia non si verificarono polemiche furibonde o ripercussioni su questo fatto, anche grazie all'atteggiamento comico e ironico adottato dal gruppo, che ai propri concerti ribadisce sempre che loro hanno vinto quel festival, ma la vittoria gli è stata rubata da Pippo Baudo. Di fatto, gli Elii furono i vincitori "morali" di quell'edizione e ancora oggi quella canzone rimane nella memoria collettiva, così come le particolari esibizioni che la accompagnarono.

Il 28 marzo dello stesso anno uscì Eat the Phikis, che vendette più di 200 000 copie, vincendo il Disco di platino.[1][44] Oltre a La terra dei cachi includeva numerosi altri brani destinati a essere ricordati e suonati a lungo live, quali il celebre Tapparella, Mio cuggino (presentato anche al Festivalbar con il complesso che faceva finta di cantare in playback mimando le parole sbagliate e altro ancora), Burattino senza fichi (basato su una visione apocrifa di Pinocchio che si lamenta di essere asessuato fino a quando Geppetto non lo dota di un apposito «legnetto novità») e Omosessualità in cui venivano imitati personaggi famosi (da Amanda Lear a Stanlio e Ollio). Collaborarono poi con l'Orchestra Casadei per una versione di La terra dei cachi arrangiata con l'inserimento di alcuni strumenti tipici della musica da ballo distribuita con il titolo La terra dei cachi (The Rimini Tapes).[45] I singoli estratti, oltre a La terra dei cachi furono T.V.U.M.D.B./Mio cuggino in un 45 giri solo a scopo promozionale e El Pube, pubblicato in un CD singolo contenente varie versioni del brano regalato ai membri del Fave Club, il loro fan club ufficiale.[46]

All'uscita di questo album seguirono una nuova partecipazione al concerto del Primo Maggio in Piazza San Giovanni e un altro tour nazionale (Uollano Tour), partito il 16 maggio al PalaEvangelisti di Perugia e che si conclude il 13 ottobre al Mediolanum Forum di Assago. Nell'estate del 1996 i Tenores di Neoneli, già in amicizia con la band, pubblicarono l'album Terra nostra, prodotto da Elio e compagni, in cui fra l'altro compariva una versione in sardo de La terra dei cachi.[47][48]

Nel febbraio del 1997 il porno-attore Rocco Siffredi li chiama a partecipare alla sua produzione più ambiziosa, Rocco e le Storie Tese. Il gruppo, escluso Feiez, spunta tra le riprese del film (ma non prende parte alle scene hard del film), oltre a firmarne la colonna sonora, suonata da Rocco Tanica in tempo reale durante il montaggio.[1][49] Nell'ambito porno questo lungometraggio è diventato ormai un cult, sebbene abbia avuto uno scarso successo commerciale. Il 31 ottobre dello stesso anno fu pubblicata la raccolta Del meglio del nostro meglio Vol. 1,[50] contenente in realtà diversi inediti e classificata come "album" (non dunque come compilation) nella discografia ufficiale di EelST.

Il 1998 si aprì con un mini tour negli Stati Uniti, nel mese di febbraio, accompagnato dalla pubblicazione dell'album promozionale E.L.I.O. - The Artists Formerly Known As Elio e le Storie Tese, contenente gran parte dei loro successi cantati in inglese,[51] e proseguì con un lungo tour in Italia. Per il mercato nazionale uscì invece Peerla, raccolta di brani inediti realizzati negli anni precedenti,[28][52] come per esempio sigle di Mai dire Gol come Balla coi Barlafüs (parodia di Time Warp dal Rocky Horror Picture Show)[53] oppure Il concetto di banana (la cui musica sarebbe stata poi ripresa per Lo stato A, lo stato B presente in Eat the Phikis).[54] Peerla conteneva anche Ti amo campionato, canzone suonata per la prima volta dal vivo nell'ultima puntata di Mai dire Gol edizione 1997-1998, per analizzare in modo satirico e umoristico alcuni ipotetici errori arbitrali commessi nel campionato di Serie A 1997-1998 a favore della Juventus, culminati nel presunto rigore negato a Ronaldo nello scontro diretto con l'Inter.[55] La canzone è ritornata in auge in occasione dello scandalo di Calciopoli del 2006.[56]

Il 23 dicembre del 1998, durante un concerto della Biba Band, moriva tragicamente il sassofonista Feiez, stroncato da una emorragia cerebrale.[1][57][58][5] Nel commentare l'accaduto, i compagni dichiararono:

« È morto facendo musica, e per un musicista non c'è morte migliore.[59] »

Dalla morte di Feiez a Cicciput (1999-2003)[modifica | modifica sorgente]

Negli anni successivi EelST ridussero le loro apparizioni e la loro produzione. Nel 1999 il gruppo acquisì un nuovo elemento, seppure non incluso nella formazione ufficiale: "Jantoman", detto in seguito semplicemente "Uomo";[1][5] il suo ruolo è quello di gestire, insieme a Rocco Tanica, tastiere ed equipaggiamenti tecnologici, in particolare nelle esibizioni dal vivo. Nello stesso anno nacque il sito ufficiale, Elioelestorietese.it, con alcune sezioni dedicate esclusivamente al Fave Club.[60]

Il 14 maggio 1999 fu pubblicato Craccracriccrecr[61] e, nonostante il lutto che li aveva colpiti, il gruppo tornò ad esibirsi in concerto. Il disco venne promosso dal singolo Evviva/La visione, censurato da molte radio per la presenza, nel ritornello del brano, di un continuo riferimento all'organo sessuale femminile. In seguito, fu estratto dall'album il brano Bis. Durante l'estate, il brano Discomusic riscosse un grande successo commerciale, ottenendo numerosissimi passaggi televisivi e radiofonici. In seguito fu estratto anche il singolo La bella canzone di una volta .

Il 12 ottobre 1999 il gruppo partecipò alla trasmissione Night Express, di Italia 1; l'esibizione fu caratterizzata, al termine di ogni brano, da continue contestazioni nei confronti del gruppo. Durante il momento in cui il pubblico viene lasciato libero di porre domande al gruppo, un "provocatore" domandò al gruppo come mai dei sedicenti anticonformisti come loro andassero in giro in Mercedes ed Elio, spazientito, si scagliò contro di lui, scatenando una sorta di rissa che costrinse la conduttrice Tamara Donà a dare la linea alla pubblicità.[62] Nonostante l'assurdità di queste scene e l'evidente combine alla base della stessa (i contestatori erano, in realtà, componenti del fans club), nei giorni successivi i giornali e alcune trasmissioni tv parlarono di quella rissa, credendola vera.

Pochi giorni dopo il gruppo ricevette il premio come Best Italian Act agli European Music Awards di MTV:[1][26] in quell'occasione, i musicisti decisero di riproporre in mondovisione i principali stereotipi con cui sono rappresentati gli italiani. Salirono sul palco in canottiera e, senza pronunciare nemmeno una parola in inglese, Elio, dopo aver reso un sincero omaggio a Feiez, improvvisò una sorta di sceneggiata napoletana, mentre il resto del gruppo fingeva di farsi i fatti propri.[26] Il 2 dicembre pubblicarono la colonna sonora Tutti gli uomini del deficiente, per l'omonimo film della Gialappa's Band. L'album conteneva, oltre a brani strumentali, anche canzoni inedite e di vecchia origine (Yes I Love You) e vedeva la partecipazione di Lucio Dalla (Psichedelia) e di Raffaella Carrà (Presidance).[63]

Nello stesso anno il gruppo ha curato l'adattamento italiano dei dialoghi del film Austin Powers: La spia che ci provava.[64][65]

Nell'estate del 2000 uscì il singolo celebrativo degli europei di calcio, La gente vuole il gol.[66] Nel 2001 viene pubblicato The Lugano Tapes, una videocassetta che contiene il meglio dei concerti tenuti a Lugano i giorni 24 e 25 aprile del 2000, svolti all'Auditorium Stelio Molo. Il filmato venne inoltre trasmesso dalla R.S.I. I concerti vedono la partecipazione di Riccardo Fogli (ex-Pooh), Sir Oliver Skardy (dei Pitura Freska) e Ike Willis.[67] Il 30 maggio dello stesso anno fu pubblicato l'album dal vivo Made in Japan - Live at Parco Capello, che raccoglieva incisioni fatte in numerose città d'Italia dal 1996 al 1999 (anche con Feiez).[68][5]

Nel 2002 Elio scrisse l'inno ufficiale dell'Inter, sua squadra del cuore, in cui cita la frase di Peppino Prisco "La serie A è nel nostro DNA": la canzone si intitola C'è solo l'Inter ed è cantata da Graziano Romani.[69]

L'album in studio successivo, Cicciput, uscì quattro anni dopo il precedente Craccracriccrecr, il 23 maggio 2003.[70][5] Questo album segnò una sorta di rinascita del gruppo, che entrava in una nuova fase creativa non solo da un punto di vista musicale. Il disco ottenne un grande successo commerciale, grazie ai singoli Shpalman® a maggio e Fossi figo a settembre. Il gruppo ricevette anche il premio come miglior videoclip agli Italian Music Award della FIMI.[1] Nell'estate partì il tour promozionale denominato Cicciput Tour.

I CD Brulé e la nuova stagione live (2004-2007)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2004, durante il tour di Cicciput, prese forma l'idea del CD Brulé: la prima ora di ogni concerto, registrata e masterizzata in tempo reale dallo staff tecnico di EelST, viene messa in vendita direttamente all'uscita.[1][71][72][5] L'iniziativa era chiamata anche Ho fatto due etti e mezzo, lascio?[72][73] e portò alla pubblicazione, nel 2004, della raccolta di brani dal vivo: Il meglio di Ho fatto due etti e mezzo, lascio?.[51] Nel 2004 gli EelSt esordirono come scrittori pubblicando Animali spiaccicati[74] e Fiabe centimetropolitane (quest'ultima una raccolta di fiabe surreali firmate dal solo Elio).[75] Nello stesso anno debuttarono anche come attori nel film Natale a Casa Deejay: a Christmas Carol (per la cui colonna sonora hanno realizzato il brano Natale allo zenzero).[76]

Sempre da quell'anno, diventa possibile scaricare dal sito ufficiale tutta la loro discografia in formato mp3, comprensiva di tutti i CD Brulé pubblicati,[73] previo il pagamento di una quota - abbonamento (trimestrale o annuale) "a forfait". Inoltre, il gruppo ha pubblicato un singolo intitolato Oratorium, dedicato al mondo dell'oratorio, commissionatogli dall'Ufficio di Pastorale Giovanile di Milano.[73] Nel 2005 EelST continuano a muoversi in tour e prosegue l'iniziativa dei CD Brulé (ribattezzata Grazie per la splendida serata e l'anno successivo Qualità oro). L'idea viene ulteriormente ampliata: al concerto di Castellazzo di Bollate (21 luglio) viene messo in vendita all'uscita addirittura il DVD Brulé con il video del concerto; inoltre, viene data la possibilità al pubblico di scaricare a pagamento i concerti su chiavetta USB come alternativa (più economica) all'acquisto del CD Brulé. Come per l'anno precedente viene realizzata una raccolta, Il meglio di Grazie per la splendida serata, contenente una selezione dei brani dal vivo cantati nei CD Brulé del 2005.[51] Nello stesso anno esce Baffo Natale, in collaborazione con Jovanotti.[77]

Il 28 febbraio 2006 Elio e le Storie Tese hanno lanciato (solamente sul web) il singolo Valzer transgenico, spacciandolo come canzone esclusa dal Festival della Canzone Italiana che si tiene in quei giorni a Sanremo, che vede anche una breve partecipazione del rapper Mondo Marcio e la collaborazione di Stefano Bollani e Mauro Negri.[78] Prestano inoltre le loro voci per il doppiaggio italiano del film d'animazione danese Terkel in Trouble (loro gli adattamenti in italiano dei dialoghi, insieme ad Antonello Governale),[79] uscito nell'aprile 2006, di cui riadattano la colonna sonora per la versione italiana: il singolo Banane giganti (pubblicato solo sul web con lo pseudonimo I Los the Peparors) è la prima canzone interamente cantata da Faso. Da notare che I Los the Peparors era un nome già utilizzato in precedenza da EelST (erano un inesistente gruppo americano degli anni quaranta), all'interno della miniserie Vite bruciacchiate, girata nel 1998 durante il loro tour negli USA, ma mandata in onda solo nell'autunno 2000, su Rai 2.

Nell'estate 2006 la band va in tour per 20 date con lo spettacolo-concerto Coèsi se vi pare (a partire dal 28 giugno 2006) con l'attore Claudio Bisio.[1][3] In particolare, il concerto di Mantova è stato trasmesso su Sky (canali Jimmy e Comedy Central) e ne è stato tratto un DVD.[80] Nello stesso anno è uscita l'autobiografia del gruppo, Vite Bruciacchiate - Ricordi confusi di una carriera discutibile, con interventi di amici e colleghi, presentata nel mese di novembre alla libreria Feltrinelli di Piazza Piemonte a Milano.[43] Nel mese di dicembre esce il singolo Presepio imminente, sponsorizzato da Spizzico.

Jantoman apparve incappucciato nel corso del tour Emozioni fortissime.

Il tour estivo 2007, dal quale sono stati ricavati i CD Brulé denominati Emozioni fortissime,[81] vede la presentazione di nuovi brani che sarebbero usciti nel disco in uscita l'anno successivo (Parco Sempione, Indiani , La Lega dell'Amore). Cambiamento temporaneo nella formazione live: Rocco Tanica, che rimane a Milano a lavorare al disco nuovo, viene sostituito da Vittorio Cosma, sotto lo pseudonimo Clayderman Viganò.[82] Durante questi concerti, Jantoman ha suonato completamente incappucciato e nascosto da un paravento, che lascia solo trasparire la sua sagoma.

Nel settembre 2007 EelST hanno interpretato la nuova pubblicità del Cynar Campari, scrivendo e cantando un ironico motivetto (poi ripreso nel brano Gargaroz, da Studentessi) sul carciofo e sulla tradizione italiana del famoso digestivo.[83] Lo spot è una rivisitazione della celeberrima pubblicità in cui Ernesto Calindri, "contro il logorio della vita moderna", beveva tranquillamente il Cynar seduto ad un tavolo isolato nel traffico cittadino.

Il 16 novembre dello stesso anno è stata pubblicata una raccolta di 3 CD edita dalla Aspirine Music, casa discografica della band fino al 2003, dal titolo The Original Recordings 1990/2003, disapprovata dai musicisti.[84] Tale pubblicazione avrebbe potuto infatti generare confusione con il nuovo album in studio, in cantiere da diverso tempo e che ha visto la luce poco tempo dopo: Studentessi.[84]

Studentessi e il Dopofestival (2008)[modifica | modifica sorgente]

Il nuovo album viene pubblicato il 20 febbraio 2008,[1][85][86] preceduto l'8 febbraio dal singolo Parco Sempione nel cui video partecipa anche Marcello Macchia (famoso per aver interpretato alcuni personaggi comici come Maccio Capatonda e Mariottide nelle trasmissioni Mai dire lunedì e Mai dire martedì).[85][87] Questo brano richiama il disboscamento del bosco di Gioia a Milano, per protestare contro il quale Rocco Tanica ha compiuto un lungo sciopero della fame.[88]

Dal 26 febbraio al 1º marzo conducono il DopoFestival della 58ª edizione del Festival di Sanremo[1][3][89] proponendo con tono ironico, tra le altre cose, medley e versioni riarrangiate nel testo o nella musica delle canzoni del Festival, coinvolgendo gli stessi artisti in gara che stanno al gioco, ottenendo un ottimo successo di pubblico e critica, tanto da entrare nella Top Ten dei migliori programmi televisivi del Premio Regia Televisiva 2008, ideato da Daniele Piombi.[90]

Pippo Baudo, che presenziò ad una puntata del Dopofestival (approfittando della pausa del festival a causa di un turno infrasettimanale di campionato), elogiò il gruppo e la sua capacità di essere riuscito a creare una trasmissione divertente e intelligente, senza scadere nella volgarità. Hanno inoltre partecipato come ospiti all'ultima serata del Festival vero e proprio, presentando Largo al Factotum da Il barbiere di Siviglia di Rossini,[91] brano che già da diversi anni viene proposto dal gruppo durante i concerti, scegliendo curiosamente di non proporre alcun brano che potesse promuovere il disco uscito pochi giorni prima (anzi, non ne accennarono minimamente, nemmeno durante il Dopofestival). Come d'abitudine, il gruppo riuscì a profanare il luogo che li ospitava con delle prese in giro più o meno esplicite.

Il gruppo si presentò vestito come i Rondò Veneziano e con un trucco che li invecchiava in modo innaturale, incolpando successivamente Pippo Baudo dei continui sforamenti, che li avevano obbligati ad iniziare il dopofestival sempre più tardi. Ironizzando sulla squalifica di Loredana Bertè, Elio disse che il brano che stavano per suonare era stato squalificato dalla gara in quanto si è scoperto che non era inedito. Alle spalle della band fu proiettata una gigantografia di Mangoni, detto il "grande escluso", poiché nel 1996 Baudo non gli permise di comparire col gruppo. Durante l'esecuzione del brano, Elio ha più volte modificato il nome "Figaro", riuscendo a pronunciare più volte su quel palco, in diretta nazionale e davanti a milioni di persone, la stessa parola che alcune radio censurarono quando uscì Evviva/La visione. Al termine dell'esibizione, Elio, commosso, ha rivolto l'ennesimo saluto a Feiez, ricordando che molti anni prima aveva suonato con loro proprio su quel palco.

Lo stesso brano Largo al Factotum è stato proposto al Concerto del Primo Maggio 2008 con il testo modificato per denunciare con la loro consueta ironia Giuseppe Ciarrapico, eletto senatore nelle elezioni politiche per la coalizione del Popolo della Libertà; gli Elii hanno voluto gettare un ponte di continuità con la loro canzone denuncia Sabbiature proposta 17 anni prima nella stessa manifestazione romana e per la quale vennero cacciati dal palco.[27] Il gruppo ha inoltre suonato i brani Gargaroz e Parco Sempione, già in scaletta nel tour promozionale dell'album Studentessi in corso nei mesi di aprile e maggio 2008, nel quale hanno proposto canzoni del nuovo album e alcune di quelle realizzate per il DopoFestival, oltre ad alcuni vecchi successi; al tour hanno partecipato la cantante Paola Folli e i fiatisti Daniele Comoglio (sassofono) e Davide Ghidoni (tromba). La formazione è rimasta invariata per il Supermassiccio Tour estivo, iniziato il 20 giugno a Cuneo e preceduto dall'uscita del videoclip Ignudi fra i nudisti, secondo singolo estratto da Studentessi, il 17 giugno, che vede la collaborazione di Giorgia e della Shortcut production (come per il singolo precedente "Parco Sempione").[92]

Il 2 dicembre 2008 Elio e le Storie Tese hanno rifiutato l'invito alla cerimonia per l'assegnazione dell'Ambrogino d'oro, attestato di benemerenza che il Comune di Milano assegna ogni anno a personalità e artisti milanesi segnalati, nel giorno di Sant'Ambrogio, patrono della città. La decisione è motivata in una lettera con il disaccordo per la decisione del comune di non concedere l'Ambrogino alla memoria del giornalista Enzo Biagi e la cittadinanza onoraria al giornalista e scrittore Roberto Saviano.[93][94]

Gattini e l'aumento delle partecipazioni televisive (2009-2012)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2009, in occasione del Festival di Sanremo 2009, si sono riproposti come conduttori del Dopofestival, cosa però che non hanno potuto fare a causa dell'eliminazione del programma da parte del nuovo conduttore e direttore artistico della kermesse Paolo Bonolis. In compenso, il 13 febbraio, durante la trasmissione Parla con me su Rai 3, hanno reinterpretato canzoni che sarebbero state cantate al Festival (cosa ovviamente assurda, dato che nessuno prima del Festival può aver ascoltato le varie canzoni; era chiaro però l'intento umoristico e parodistico dell'esibizione).[95] Due mesi dopo, il 19 aprile, hanno partecipato come ospiti alla puntata finale del talent-show X-Factor (su Rai Due), dove hanno duettato con il gruppo finalista dei The Bastard Sons of Dioniso, riproponendo il loro vecchio successo Uomini col borsello.[96]

In seguito al pesante terremoto che aveva colpito L'Aquila nell'aprile 2009, Elio e le Storie Tese hanno partecipato al progetto di beneficenza Artisti Uniti per l'Abruzzo, eseguendo il brano Domani 21/04.2009 insieme ad altri 55 colleghi italiani.[97] Nell'autunno 2009 hanno composto la sigla del programma radiofonico dell'amico Linus Deejay chiama Italia.[98] Fra il 29 settembre e il 2 ottobre hanno partecipato alla trasmissione Parla con me su Rai Tre come band d'accompagnamento del programma.[99]

In più occasioni, nel corso del 2009, membri del gruppo hanno dichiarato l'intenzione di pubblicare entro l'anno un album celebrativo, a vent'anni dall'uscita del loro primo lavoro Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu.[100][101] Durante l'estate 2009 il gruppo suona in un solo concerto, dedicandosi in estate perlopiù alla lavorazione del nuovo disco.[102]

Il 2 ottobre esce il singolo Storia di un bellimbusto, trasmesso in anteprima su Radio Deejay il giorno prima.[103] Il 26 ottobre 2009 il gruppo tiene un concerto al Teatro degli Arcimboldi di Milano, con la collaborazione sul palco della Filarmonica Arturo Toscanini, per presentare il nuovo disco Gattini. Per il suo carattere unico, il concerto è stato anche trasmesso in diretta su Sky Primafila, prima volta in Italia per la storia di questa televisione satellitare.[104][105]

Quattro giorni dopo, il 30 ottobre 2009, esce Gattini, raccolta di successi della band risuonati in chiave da orchestra e scelti proprio secondo il criterio di adattabilità dello spartito ai suoni orchestrali.[1][3][106] Per pubblicizzare il disco gli Elii sono apparsi diverse volte in televisione, come nella semifinale di X-Factor e in una puntata di Quelli che il calcio, dove hanno eseguito il loro singolo ‘’Storia di un bellimbusto”. Per la prima ospitata si sono vestiti da Village People[107] mentre nella seconda, imitando ciò che avevano già fatto i Muse nella trasmissione di Simona Ventura, si sono scambiati i ruoli in occasione del playback, con Christian Meyer alla voce, Faso alla batteria, Cesareo al basso, Elio al pianoforte e Rocco Tanica alla chitarra.[108] Il 17 gennaio 2010 è partito a Vicenza il loro nuovo tour, diviso in due tranche: Bellimbusti in Tour (inverno-primavera), e Bellimbusti Balneari (estate-autunno), che si è chiuso con un concerto a Milano il 12 novembre 2010, in occasione di un evento di beneficenza per Telethon.[109]

Dopo il Festival di Sanremo del 2010 il gruppo si è ripresentato a Parla con me, reinterpretando le canzoni che parteciparono alla kermesse: Italia amore mio, cantata dal principe ereditario italiano Emanuele Filiberto di Savoia, il cantante Pupo e il tenore Luca Canonici (seconda classificata) e Per tutte le volte che, canzone vincitrice di quell'edizione, cantata da Valerio Scanu.[110] Anche in questo caso le canzoni-parodia hanno avuto molta visibilità su YouTube. Il 25 marzo sono stati tra i numerosi ospiti della trasmissione Raiperunanotte, condotta da Michele Santoro in favore della libertà di stampa, danneggiata, secondo quest’ultimo, dalla politica del primo ministro Silvio Berlusconi.[111] La band ha continuato la sua collaborazione con Parla con me anche nel 2011; durante una puntata di ottobre del programma, in occasione del caso Ruby, gli Eelst hanno suonato la canzone Bunga Bunga (ispirata all'omonima espressione), sfruttando la musica di Waka Waka di Shakira, che è diventata l'ennesimo tormentone del gruppo in rete, grazie al quale sono stati citati anche dal New York Times.[112] Sempre nel mese di novembre hanno preso parte all'ultima puntata del programma Vieni via con me condotto da Fabio Fazio e Roberto Saviano, in cui hanno cantato La terra dei cachi.[113]

Nel gennaio del 2011 la band è stata nominata "Miglior artista italiano del decennio 2001-2010" in un sondaggio del sito Rockol.[114]

Sempre a cavallo fra 2010 e 2011, la Gazzetta dello Sport ha promosso la distribuzione di una compilation di 12 uscite contenente una gran parte della discografia degli Elio e le Storie Tese, tra cui la rarità Peerla, il DVD dei Lugano Tapes (fino a quel momento presente solo in formato VHS) e quello inedito del concerto a Piangipane 2010.[115]

Nel 2011 hanno cantato Pensiero Stupesce, canzone che si trova nei titoli di coda del film Boris - Il film (uscito il 1º aprile).[116][117]

In occasione delle elezioni amministrative milanesi, Mangoni si è candidato con la lista di Milly Moratti, a sostegno del candidato di centro-sinistra Giuliano Pisapia.[118][119][120] Il gruppo ha sostenuto attivamente Mangoni, che ha ottenuto ben 1068 preferenze.[119][121] La campagna politica a sostegno di Pisapia è continuata anche nei quindici giorni prima del ballottaggio, tant'è che venerdì 27 maggio il gruppo ha cantato al concerto di Piazza Duomo, che metteva fine alla stessa campagna.[119][122]

Il 21 giugno inizia da Villa Arconati (Castellazzo di Bollate) il tour estivo 2011. Nel 2012 il gruppo partecipa al programma The Show Must Go Off di Serena Dandini su La7,[3] mentre da gennaio 2012 parte il tour Enlarge Your Penis[123] che, in perfetto stile EelST, prende il nome da uno dei più frequenti tormentoni dello spam.

Nel gennaio 2012 il disco Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu (nei concerti Elio spiega che il titolo tradotto dall'antica lingua di Ceylon significa "emettiamo il liquido dell'amore e l'aria in eccedenza con Elio") si è classificato quindicesimo nella lista dei migliori dischi italiani di tutti i tempi redatta dalla rivista specializzata Rolling Stone.[7] Nella fine dello stesso anno vincono il referendum promosso dal Mei decretandoli come artisti simbolo della musica indipendente italiana.[6]

L'11 dicembre viene pubblicato il singolo Sta arrivando la fine del mondo.[124]

La seconda partecipazione al Festival di Sanremo e L'album biango (2013)[modifica | modifica sorgente]

Il 13 dicembre 2012 viene annunciata la loro partecipazione al Festival di Sanremo 2013, con i brani Dannati forever e La canzone mononota.[125][3][40] Vincono, a pari merito con Malika Ayane, il Premio Lunezia per il migliore testo del Festival (La canzone mononota).[126] Il 13 febbraio 2013 si esibiscono con i due brani sul palco del Teatro Ariston, dove La canzone mononota viene scelta per proseguire nella gara.[127] Il 15 febbraio, durante la serata Sanremo Story, si sono esibiti nel brano Un bacio piccolissimo con la partecipazione di Rocco Siffredi che ha recitato una poesia di Jacques Prévert.[128] Si classificano secondi e vincono il Premio della critica "Mia Martini", quello per il "Miglior Arrangiamento", attribuito dalla Sanremo Festival Orchestra e anche il "Premio della Sala Stampa Radio, Web e Tv".[8] Durante la premiazione Elio fa un commosso ricordo al "Compagno Feiez" membro del gruppo e deceduto nel 1998. Come nel 1996, le esibizioni al Festival sono state caratterizzate da travestimenti diversi:

  • Durante la seconda, terza e quarta serata si sono presentati con protesi sulla testa in modo che sembrassero tutti avere una fronte molto sviluppata in altezza.[129][9]
  • Durante la terza serata Elio è apparso con due braccia finte, per poi tirare fuori quelle vere, citando l'esibizione del 1996.[129]
  • Durante la quarta serata, quando hanno eseguito Un bacio piccolissimo, si sono travestiti da nani (la metà inferiore delle loro gambe era "nascosta" dentro un cubo posizionato sotto ad ognuno dei membri della band).[128]
  • Durante la serata finale si sono presentati come corpulenti emuli di Mr. Creosote, personaggio di Monty Python - Il senso della vita.[130][131]

Il 4 aprile viene annunciata, sul sito ufficiale, l'uscita del nuovo album della band L'album biango il 7 maggio, anticipato dal singolo Complesso del Primo Maggio,[132][133] brano interpretato live allo stesso Concerto del Primo Maggio 2013 di Roma.[134]

Il 24 giugno, il gruppo annuncia che per l'imminente Tour Biango Rocco Tanica sarà sostituito alle tastiere da Vittorio Cosma. Cosma è già noto tra i fan per collaborazioni come voce narrante e attore in alcuni videoclip degli Elio e le Storie Tese, e per aver già sostituto Tanica nel tour estivo 2007 Emozioni fortissime, sotto il nome di Clayderman Viganò. Vengono fornite sotto forma di video due spiegazioni "ufficiali" diverse e opposte dell'allontanamento del tastierista dal gruppo: in una è Tanica ad essersi dimenticato del tour e ad avere già preso un impegno con sua zia, nell'altra è allontanato bruscamente dagli altri membri.[135] La vicenda era stata già in qualche modo anticipata dall'assenza di Rocco Tanica dal palco del Concerto del Primo Maggio 2013.

Dal 6 marzo 2014 ogni giovedì conducono un programma televisivo in onda su Rai Due in seconda serata, chiamato Il Musichione, programma comico-musicale parodia dei varietà televisivi. Alla trasmissione partecipa anche il tastierista Vittorio Cosma che si alterna a Rocco Tanica alle tastiere a seconda delle puntate. Quando sono assenti in studio tuttavia compaiono entrambi nelle parti di trasmissione registrate in esterna.

Lo stile[modifica | modifica sorgente]

Gli Elio e le Storie Tese (per usare la loro dizione) sono generalmente classificati come rock demenziale, definizione che loro stessi rifuggono proprio per evitare paragoni con gruppi come gli Skiantos.[136] I testi dei loro brani utilizzano ampiamente espressioni gergali, umorismo di scuola milanese e nonsense,[137][2] passando dal calembour a sfondo sessuale e (soprattutto nelle prime fasi della carriera) il turpiloquio. Tuttavia, nei testi sono presenti anche una sottile satira politica e di costume, fino a livelli di surrealismo[2] e decostruzione linguistica che possono, a tratti, ricordare persino l'avanguardia, il futurismo o il dadaismo.[26][137]

La musica che accompagna i testi è fondata su un eclettismo a tutto campo, che esplora numerosi generi musicali, spesso contaminati tra di loro in maniera inusuale.[137] Nonostante la loro musica ruoti principalmente intorno ad una matrice rock (soprattutto nei primi dischi), questa è pesantemente influenzata da moltissimi altri generi, quali hard rock e derivati, dal progressive rock fino al punk rock, heavy metal, rap, hip-hop, funky, reggae, ska, blues, soul, beat, country, latina-americana, jazz, dance anni settanta e musica operistica. Negli arrangiamenti traspare la grande competenza musicale dei suoi componenti (riscontrabile anche nei loro curricula individuali: dal Rocco Tanica arrangiatore a Elio attore teatrale), che non si circoscrive solo all'aspetto puramente tecnico, ma anche al continuo citazionismo delle canzoni e composizioni più note di ogni tempo.

Gli Elii non tralasciano la parodia di specifici autori (per esempio di Elvis Presley in Pilipino Rock e Ignudi fra i nudisti, di Ligabue in Bis, di Jovanotti in La visione).[54] Hanno inoltre inventato un genere, il Gezz (Ti amo, Sabbiature, Ti amo campionato, L'indianata, Noi siamo i giovani (con i blue jeans)), che si basa sull'improvvisazione del testo e non della musica, come nel più noto Jazz.[33]

Sono specialisti nell'inserire nelle loro canzoni frammenti di altri brani più o meno conosciuti, arrivando addirittura a realizzare interi pezzi costituiti da melodie saccheggiate qua e là (Indiani [a caval donando]). Hanno anche inciso canzoni che sono di composizione di altri autori, ma suonate al contrario (Ignudi fra i nudisti)[138] e canzoni sempre di altri autori invariate nella melodia ma con un testo modificato, come ad esempio La donna nuda, parodia di I want a new drug di Huey Lewis and the News e Tenia, rifacimento della celebre Maniac di Michael Sembello.

L'originalità del messaggio musicale che nasce da questo miscuglio di generi, fa sì che EelST risultino difficili da catalogare sotto un'etichetta ben precisa. La stessa definizione di rock demenziale spesso viene considerata riduttiva nei loro confronti, in quanto le loro musiche e i loro testi sono il risultato di un lavoro di ricerca e sperimentazione paragonabile a quello di alcuni musicisti d'avanguardia. Elio e le Storie Tese, d'altronde, non hanno mai fatto segreto di essersi ampiamente ispirati, nello spirito e nella commistione di generi musicali, a Frank Zappa,[26][4][137] anche se la loro esplicita intenzione è quella di creare qualcosa di nuovo e originale, capace di creare interesse ed entusiasmo negli ascoltatori. Loro stessi preferiscono una definizione che si sono coniati da soli, ovvero Musica per sognare.[139]

I concerti[modifica | modifica sorgente]

Elio suona le congas in Parco Sempione

Il gruppo anche quando non pubblica nuovo materiale è costantemente in tour per l'Italia. Durante la loro lunga carriera si sono creati una folta schiera di fans che li segue costantemente e che ha permesso loro di fare quasi a meno di qualunque tipo di promozione discografica come singoli, videoclip o ospitate televisive. Lo stretto rapporto coi fans ha creato dei momenti che si ripetono ad ogni concerto e che rendono il pubblico, specialmente quello delle prime file dove si sistemano le "fave" e i fans più sfegatati, parte integrante dello show. Il nome stesso della fanzine "Fave" fa riferimento alle Fave di fuca, prodotto erboristico molto pubblicizzato negli anni settanta (ora un "medicinale di automedicazione", e precisamente un lassativo, prodotto dalla Bayer), che viene sbeffeggiato in Supergiovane e in altre canzoni dello stesso album (Italyan, Rum Casusu Çikti).[140]

Un momento tipico di un loro concerto si ha quando compare sul palco Mangoni, solitamente durante il secondo o terzo pezzo: al termine del brano il pubblico inizia ad incitarlo a gran voce come se fosse lui la vera star del concerto, coprendo le parole di Elio che tenta invece di farlo andare via. A quel punto inizia un giochino per cui Elio si mostra infastidito dal pubblico: a volte minaccia di abbandonare il palco oppure lancia un sondaggio per capire quante persone sono andate al concerto per vedere il gruppo e quanti per Mangoni.

Il pubblico più smaliziato, che ovviamente conosce le dinamiche dello show, non esita a interrompere Elio durante le presentazioni dei brani urlandogli frasi come "nudo!", "basta parlare" o "vogliamo Mangoni" alle quali Elio reagisce sempre rispondendo in malo modo, soprattutto quando finge di aver perso il filo del discorso per colpa del "disturbatore". Se questo accade durante un concerto gratuito Elio non esita a far notare al pubblico che, non avendo pagato, non ha il diritto di avanzare alcuna richiesta e che anzi il gruppo in qualunque momento potrebbe decidere di terminare lo show "tanto è gratis". Da quando è nata l'idea dei cd brulè, che catturano anche questi momenti, sono molti i fans che tentano di lasciare una traccia nella registrazione del cd di quella sera anche in questo caso con la ramanzina di Elio che ricorda loro che "hanno rovinato il cd".[141]

Durante la canzone Cara ti amo, nel punto in cui viene cantata la frase "Non è vero", la parola "non" viene prolungata anche per alcuni minuti durante i quali Elio dirige il pubblico con il movimento di mani.

Durante la canzone Bis, quando Elio recita la frase "c'è Paolone che pensa alla fregna", il pubblico si lancia sempre in uno scrosciante applauso per ricordare lo scomparso Feiez.

I concerti terminano quasi sempre con il brano Tapparella nel quale è presente il celeberrimo coro "Forza, Panino!", che, accompagnato dal battito di mani, è un'altra sentita dedica a Feiez oltre ad essere il "richiamo" per i bis. Questo coro, che fa il verso sia ai cori da stadio sia al ritornello di Radio Ga Ga dei Queen, è entrato nell'immaginario collettivo al punto che non è raro sentirlo anche a concerti di tutt'altro genere, come quelli heavy metal, utilizzato per scacciare la noia, solitamente fuori dai palazzetti, oppure nei minuti precedenti lo show.

Non è raro che, negli show, Elio si rivolga al pubblico definendolo come una "massa di comunisti"; infatti Elio e le Storie Tese si sono auto-proclamati gruppo simbolo dei giovani di Forza Italia, ovviamente con finalità ironiche, in rispetto della par condicio.[142]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

  • Stefano Belisari (30 luglio 1961) alias Elio - voce solista, chitarra, flauto traverso
  • Nicola Fasani (7 aprile 1965) alias Faso, un tempo Pasto - voce, basso elettrico, cori
  • Davide Civaschi (22 gennaio 1962) alias Cesareo, talvolta Civas o Dave - chitarra, cori
  • Sergio Conforti (13 febbraio 1964) alias Rocco Tanica, Confo Tanica, Carambola (2003), Nuovo Boosta (2004), Luigi Calimero (2005), Luigino, Sergione. Più recentemente, si è presentato col nome di Bonifacio, Antonelliano, Maurizio, Aleppe (2008) - voce, tastiera, vocoder, drum machine, diamonica
  • Christian Meyer (27 gennaio 1963) alias Meyer, Crystall, Millefinestre, Planibel, Batterista Bobo, Pupi, Avates, Turtello, Tafano, Baby, Christian 'Energia Pura' Corrini. Viene spesso chiamato dagli Elii, scherzosamente, Extracomunitario, date le sue origini svizzere - batteria, percussioni
  • Antonello Aguzzi (6 dicembre 1959) alias Jantoman, Santoman, Inumano, Uomo - tastiera, cori, chitarra acustica. Presente nei live dal 1999, non compare quasi mai nell'iconografia e nelle fotografie ufficiali del gruppo, ma sul rinnovato sito ufficiale il suo nome è ormai riportato assieme a quello degli altri componenti. Collabora con il gruppo da anni anche nella fase di preproduzione dei dischi in studio.

I seguenti componenti, pur collaborando assiduamente e continuativamente con il gruppo, non sono inclusi nella formazione ufficiale:

  • Vittorio Cosma (11 marzo 1965) alias Clayderman Viganò, Carmelo, Don Vittorino - tastiera, cori, chitarra, collaboratore per i "siparietti" comici dei dischi, per i tour estivi 2007 e 2013 ha sostituito Rocco Tanica. È anche il ballerino nel videoclip di Pippero®.
  • Paola Folli (18 luglio 1965) alias Pai Follai - voce, cori, tamburello, maracas. Segue il gruppo nei concerti dal 2008.[143]
  • Luca Mangoni (26 marzo 1961) alias Mangoni, Dottor Stramangone (nella omonima rubrica all'interno del Programma radiofonico "Cordialmente " [senza fonte]), MC Stramangone (ne "La Visione") - coreografie, voci, cori. È considerato un membro "non ufficiale" del gruppo (di qui un altro suo alias: "Artista a sé"). Amico di lunga data di Elio, a Luca Mangoni viene sovente giustapposto il titolo di "Architetto" (sua reale professione)
  • Paola Tovaglia (9 aprile 1965 - 6 aprile 1994) alias Peev Agliato - voce in Piattaforma e Cateto. Morta purtroppo giovanissima per un aneurisma cerebrale. Il suo attuale lavoro era quello di presentatrice di programmi per bambini, sebbene nelle canzoni per gli Elii il suo personaggio era tutt'altro che adatto a un pubblico infantile: in "Piattaforma" recita un ragazzo che ha un rapporto sessuale incestuoso con il padre.

Membri precedenti[modifica | modifica sorgente]

Discografia e videografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia di Elio e le Storie Tese.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac Biografia - La Band, ElioeleStorieTese.it. URL consultato il 17 marzo 2011.
  2. ^ a b c d e Elio e le storie tese, Enciclopedia Treccani. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  3. ^ a b c d e f g h i j k Elio e le Storie Tese, La Stampa, 15 gennaio 2013. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m Elio E Le Storie Tese, OndaRock.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Biografia elica in duemila parole, Marok.org. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  6. ^ a b ELIO E LE STORIE TESE vincono il referendum on line del MEI sugli artisti-simobolo della musica indipendente Italiana, 20 novembre 2012.
  7. ^ a b Rolling Stone: e siamo al numero 100!, Rolling Stone.
  8. ^ a b EelST a Sanremo: un trionfo, Elioelestorietese.it, 17 febbraio 2013. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  9. ^ a b Sanremo 2013: Tre premi ad Elio e le Storie Tese, Sony Music. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  10. ^ Sito ufficiale di Cordialmente, Radio DeeJay. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  11. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 105
  12. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 9
  13. ^ Elio, Marok.org. URL consultato il 6 novembre 2011.
  14. ^ Elio e le Storie Tese, op. cit., p. 61
  15. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 117
  16. ^ Elementi (LP 1987), Marok.org. URL consultato il 6 novembre 2011.
  17. ^ Musica Metropolitana (LP 1985), Marok.org. URL consultato il 6 novembre 2011.
  18. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 187
  19. ^ a b c d e Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu. URL consultato il 6 novembre 2011.
  20. ^ www.elio e le storie tese.it
  21. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 192
  22. ^ 1990: Torna l'orchestra ma... che musica, maestro?, HitParadeItalia.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  23. ^ Arriva clistere, Marok.org. URL consultato il 6 novembre 2011.
  24. ^ Born to be Abramo, ElioELeStorieTese.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  25. ^ Born to be Abramo (CD 1997), Marok.org. URL consultato il 6 novembre 2011.
  26. ^ a b c d e La musica senza etichette dei militanti irriverenti, La Repubblica, 4 maggio 2008. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  27. ^ a b Sabbiature - Elio e le Storie Tese, Antiwarsongs.org. URL consultato il 20 marzo 2011.
  28. ^ a b Peerla, ElioELeStorieTese.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  29. ^ Pipppero® (MC/CD/12" - 1992), Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  30. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 90
  31. ^ Italyan, Rum Casusu Çikti, Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  32. ^ Chi ha incastrato Elio e le Storie Tese? (VHS 1992) - La vera biografia non autorizzata, Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  33. ^ a b c d Esco dal mio corpo e ho molta paura (Gli inediti 1979-1986), Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  34. ^ Aborto/In te (CD 1994), Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  35. ^ Not Unpreviously Unreleased'nt (MC 1993), Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  36. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 91
  37. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 239
  38. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 258
  39. ^ Christmas with the Yours, Marok.org. URL consultato il 6 novembre 2011.
  40. ^ a b c d e f g h Sanremo 2013, gli Elio e le Storie Tese tornano nella terra dei cachi, Tempi.it, 14 dicembre 2012. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  41. ^ a b L'importanza di chiamarsi Elio - Abbiamo vinto il Festival, Castelvecchieditore.com. URL consultato il 30 marzo 2011.
  42. ^ Sanremo truccato? "Non fu Ron il più votato", Corriere della Sera. URL consultato il 27 ottobre 2009.
  43. ^ a b Elio e le storie tese in libreria con le loro «Vite bruciacchiate», Il Giornale, 8 novembre 2006. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  44. ^ Biografia e discografia Elio e le Storie Tese, PopOn.it.
  45. ^ LA TERRA DEI CACHI - The Rimini Tapes (CD 1996), Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  46. ^ El Pube (CD 1996), Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  47. ^ Tenores di Neoneli, Rockol.it. URL consultato il 24 agosto 2011.
  48. ^ Tenores di Neoneli, Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  49. ^ Elio e le Storie Tese in un film a luci rosse, La Repubblica. URL consultato il 24 agosto 2011.
  50. ^ Del meglio del nostro meglio Vol.1, Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  51. ^ a b c Cofanetti. URL consultato l'11 aprile 2011.
  52. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 202
  53. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 100
  54. ^ a b Eat the Phikis, Marok.org. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  55. ^ Ti amo campionato in Corriere della Sera. URL consultato il 24 agosto 2011.
  56. ^ Paolo Ottolina, «Basta ladri e Juventopoli» La profezia in musica di Elio in Corriere della Sera. URL consultato il 24 agosto 2011.
  57. ^ La band di Elio è in lutto - Morto il sassofonista 'Feiez', La Repubblica.
  58. ^ Sassofonista muore sul palco, Corriere della Sera. URL consultato il 24 agosto 2011.
  59. ^ Elio rilegge Rossini Factotum di qualità, dedicato a Feiez. URL consultato il 24 agosto 2011.
  60. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 259
  61. ^ Elio e le Storie Tese presentano ‘Craccracriccrecr’, rockol.it. URL consultato il 24 agosto 2011.
  62. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 101
  63. ^ Tutti gli uomini del deficiente, Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  64. ^ Massimo Lopez e gli Elio e le Storie Tese in campo per Austin Powers, Rockol.it. URL consultato il 17 marzo 2011.
  65. ^ Locandina del film Austin Powers: La spia che ci provava. URL consultato il 23 febbraio 2009.
  66. ^ La gente vuole il gol, Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  67. ^ The Lugano Tapes, Marok.org. URL consultato il 5 maggio 2010.
  68. ^ Made in Japan - Live At Parco Capello (BMG Records, 2001). URL consultato il 24 agosto 2011.
  69. ^ C'è solo l'Inter, Marok.org. URL consultato il 24 agosto 2011.
  70. ^ Elio e le Storie Tese - Cicciput, Rockit.it. URL consultato il 24 agosto 2011.
  71. ^ Angelo Di Mambro, op. cit., p. 224
  72. ^ a b Elio e le Storie Tese lanciano l'instant cd, Corriere della Sera. URL consultato l'11 aprile 2011.
  73. ^ a b c Oratorium, RockIt.it. URL consultato l'11 aprile 2011.
  74. ^ Animali Spiaccicati, Mentelocale.it. URL consultato l'11 aprile 2011.
  75. ^ Fiabe Centimetropolitane, Virgilio.it. URL consultato l'11 aprile 2011.
  76. ^ Natale a Casa Deejay, MyMovies.it. URL consultato l'11 aprile 2011.
  77. ^ Baffo Natale, Marok.org. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  78. ^ “Valzer Transgenico” degli Elio e le Storie Tese esclusa dal Festival di Sanremo, Impattosonoro.it. URL consultato l'11 aprile 2011.
  79. ^ Terkel in Trouble. URL consultato l'11 aprile 2011.
  80. ^ «Coèsi se vi pare - Il Tour», ClaudioBisio.it. URL consultato il 12 aprile 2011.
  81. ^ Il diluvio non ferma le "Emozioni fortissime" con Elio e le Storie Tese, VareseNews.it. URL consultato il 12 aprile 2011.
  82. ^ Campagnano diventa un «laboratorio musicale», 28 settembre 2007. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  83. ^ Cynar: nuovo spot con Elio e le Storie Tese. URL consultato il 17 marzo 2011.
  84. ^ a b Il cofanetto disapprovato, ElioELeStorieTese.it. URL consultato il 12 aprile 2011.
  85. ^ a b Elio e le Storie Tese: Studentessi, il 20 febbraio esce il nuovo album, Italianissima.net. URL consultato il 30 marzo 2011.
  86. ^ Elio E Le Storie Tese, con il dopofestival il nuovo cd... in edicola!, Soundsblog.it. URL consultato il 30 marzo 2011.
  87. ^ Influenze Musicali: Elio e le Storie Tese e il loro The Ring, Screenweek.it. URL consultato il 30 marzo 2011.
  88. ^ www.elio e le storie tese.it
  89. ^ Il 'dopo Festival' condotto da Elio e le Storie tese e Lucilla Agosti, Gossippando.it. URL consultato il 30 marzo 2011.
  90. ^ I vincitori degli Oscar Tv della Rai, Televisionando.it, 30 marzo 2008. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  91. ^ Canzoni D’amare: Elio e le Storie Tese in “Largo al Factotum”, ItaliaInMusica.com. URL consultato il 30 marzo 2011.
  92. ^ ‘Ignudi fra i nudisti’: il nuovo video di Elio e le Storie Tese spopola in rete. Inizia domani il loro tour estivo 2008, Musicavideoblog.it. URL consultato il 20 marzo 2011.
  93. ^ Elio e le Storie tese rifiutano l'Ambrogino: avete respinto Biagi e Saviano, L'Unità. URL consultato il 17 marzo 2011.
  94. ^ Elio rifiuta Ambrogino: traditi Biagi e Saviano, Corriere della Sera. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  95. ^ Elio e le Storie Tese cantano "Luca era gay": bordate su Povia, TvBlog.it. URL consultato il 17 marzo 2011.
  96. ^ Il duetto dei The Bastards sons of Dioniso e Elio a X-Factor su YouTube, Internet-News.it. URL consultato il 20 marzo 2011.
  97. ^ 'Domani 21/04.2009' per l'Abruzzo: il testo del brano con le parti degli artisti, Rockol.it. URL consultato il 18 marzo 2011.
  98. ^ La nuova sigla in streaming di Deejay chiama Italia, Internet-News.it. URL consultato il 18 marzo 2011.
  99. ^ Parla con EelST!, 23 settembre 2009. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  100. ^ Elio: «In tour a maggio e giugno con 'le storie tese' e poi di nuovo in studio», LoSchermo.it. URL consultato il 17 marzo 2011.
  101. ^ «La bidella che mi ha cambiato la vita» - Elio: «Condannato al flauto dalle mamme (degli altri). A scuola volevo il piano, ma il corso era pieno», Corriere della Sera. URL consultato il 18 marzo 2011.
  102. ^ A Laigueglia!, ElioeleStorieTese.it. URL consultato il 18 marzo 2011.
  103. ^ Nuovo video per Elio e le Storie Tese in Rockit.it. URL consultato il 3 ottobre 2009.
  104. ^ EelST con l'orchestra in diretta su Sky!, ElioeleStorieTese.it. URL consultato il 18 marzo 2011.
  105. ^ Elio e Le Storie Tese in...compleanno agli Arcimboldi, SKY Italia. URL consultato il 18 marzo 2011.
  106. ^ Elio e le Storie Tese: Gattini, i classici nostri belli, Frequency.it. URL consultato il 17 marzo 2011.
  107. ^ Momenti di grande TV - Elio e le Storie Tese a X-Factor del 25 novembre 2009, Happyblog.it. URL consultato il 24 agosto 2011.
  108. ^ Elio e le Storie Tese a Quelli che il Calcio, in versione Muse, Happyblog.it. URL consultato il 18 marzo 2011.
  109. ^ EelST live a Milano per Telethon!, ElioeleStorieTese.it. URL consultato il 18 marzo 2011.
  110. ^ «Far l'amore in tutti i luoghi» Scanu comincia da Firenze, Corriere Fiorentino. URL consultato il 17 marzo 2011.
  111. ^ Elio e le Storie Tese a Rai per una notte, Sky Italia. URL consultato il 17 marzo 2011.
  112. ^ Embattled Berlusconi Picks Fight With Gays, New York Times. URL consultato il 6 novembre 2011.
  113. ^ Vieni Via Con Me: Elio e Le Storie Tese e l'elenco de La Terra Dei Cachi. URL consultato il 18 marzo 2011.
  114. ^ Speciale “Dieci” – Il miglior artista assoluto del decennio, Rockol.it. URL consultato il 17 marzo 2011.
  115. ^ Elio e la rivoluzione musicale - Storie tese di 30 anni di successi, Gazzetta dello Sport. URL consultato il 17 marzo 2011.
  116. ^ Pensiero stupesce: il nuovo brano in download, Elioelestorietese.it. URL consultato il 24 agosto 2011.
  117. ^ Un Pensiero stu-pesce d’aprile chiamato Boris, FlopTv. URL consultato il 24 agosto 2011.
  118. ^ E gli Elii lanciano «Mangoni candidato ideale», Vanity Fair. URL consultato il 24 agosto 2011.
  119. ^ a b c Elio: «Il vero alieno sono io», Corriere della Sera. URL consultato il 24 agosto 2011.
  120. ^ Milano, Mangoni di Elio e le Storie Tese si candida con Pisapia, BlitzQuotidiano. URL consultato il 24 agosto 2011.
  121. ^ 1068, GRAZIE MILANO! MANGONI batte Lassini!, Elioelestorietese.it. URL consultato il 24 agosto 2011.
  122. ^ Anche Elio e le Storie Tese al concerto per Pisapia!, Elioelestorietese.it. URL consultato il 24 agosto 2011.
  123. ^ Enlarge Your Penis Tour, Elio convince tutti, Estense.com, 29 febbraio 2012. URL consultato il 20 febbraio 2012.
  124. ^ Sta Arrivando La Fine Del Mondo: il nuovo brano di EelST!, 13 dicembre 2013. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  125. ^ ANNUNCIATI I 14 "BIG" DEL PROSSIMO SANREMO, Sanremo.Rai.it. URL consultato il 13 dicembre 2012.
  126. ^ Il Premio Lunezia a EelST!, Elioelestorietese.it, 12 febbraio 2013. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  127. ^ Sanremo, seconda serata con Bar e la Bruni. Poi tocca a Elio chierichetto, ed è subito show, La Repubblica, 13 febbraio 2013. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  128. ^ a b Sanremo hard con Elio e il pornodivo Siffredi, TGcom, 16 febbraio 2013. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  129. ^ a b Sanremo 2013, Elio Show: braccia finte e fronti sempre più alte, La Repubblica. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  130. ^ Elio e le storie tese e 'La canzone mononota' la spiegazione di un trionfo, Melty.it. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  131. ^ Marco Mengoni trionfa al festival di Sanremo - Gli Elio e le Storie Tese sul podio e già cult. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  132. ^ Il nuovo album di Elio e le Storie Tese!. URL consultato il 6 aprile 2013.
  133. ^ Elio e le Storie Tese: nuovo singolo Complesso del Primo Maggio tratto dal prossimo Album Biango. URL consultato il 14 aprile 2013.
  134. ^ Elio e le storie tese al Primo Maggio. URL consultato il 3 maggio 2013.
  135. ^ Il Tour Biango: grosse novità. URL consultato il 24 giugno 2013.
  136. ^ Elio E Le Storie Tese - Tecniche di resistenza al nulla, ondarock.it. URL consultato il 6 febbraio 2013.
  137. ^ a b c d La vita tesa di Elio, Bravonline.it. URL consultato il 6 febbraio 2013.
  138. ^ Studentessi, Marok.org. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  139. ^ Elio e le Storie Tese in concerto – Bologna, 12 settembre, Katep.it. URL consultato il 24 agosto 2011.
  140. ^ Dizionario di lingua elica, Marok.org. URL consultato il 6 febbraio 2013.
  141. ^ Ezio Guaitamacchi, Mille concerti che ci hanno cambiato la vita, Rizzoli, 2010, ISBN 88-17-04222-6.
  142. ^ Elio e le Storie Tese. URL consultato il 5 febbraio 2013.
  143. ^ Bio, PaolaFolli.it. URL consultato il 22 febbraio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alessandro Bolli, Dizionario dei Nomi Rock, Padova, Arcana editrice, 1998, ISBN 978-88-7966-172-0.
  • Elio e le Storie Tese, Animali spiaccicati ovvero il Nuovissimo Metodo per entrare alla grande nel mondo dei grandi, 2004.
  • Angelo Di Mambro, L'importanza di chiamarsi Elio, Castelvecchi, 2004, ISBN 88-7615-016-1.
  • Elio, Fiabe centimetropolitane, 2004.
  • Elio e le Storie Tese, Vite Bruciacchiate - Ricordi confusi di una carriera discutibile, 2006.
  • Rocco Tanica, Scritti scelti male, 2008.
  • Ermes Palinsesto, Il visone ha una faccia enorme, 2010.
  • Enrico Trentin, Storie Tese Illustrate 1979-1996 - Vita Iorte e Piracoli di un Complessino senza pretese ma tutto simpatia, 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock