Claudio Bisio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Claudio Bisio al Palazzo del Quirinale nel 2009

Claudio Bisio (Novi Ligure, 19 marzo 1957) è un attore, cabarettista, doppiatore, conduttore televisivo e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Novi Ligure e cresciuto a Milano, si è diplomato alla Civica scuola d'arte drammatica del Piccolo Teatro di Milano. Negli anni settanta, studente del Liceo Scientifico "Luigi Cremona" di Milano, fu attivista di Avanguardia Operaia, alternando l'impegno politico, con la passione per il teatro e incominciando a recitare al Centro sociale Leoncavallo. Molto bravo, la sua insegnante del Piccolo gli consigliò di giocare la carta della comicità. Claudio Bisio è risolutamente ateo: il 30 dicembre 2004 scrive di suo pugno, sul proprio blog denominato ClaudioBisio: "Io storicamente, culturalmente, per tradizione di famiglia, sono ateo".

Carriera[modifica | modifica sorgente]

I riferimenti artistici di Bisio che resteranno nel tempo sono tre:

  • il gruppo di Comedians che fa capo a Paolo Rossi e a Gabriele Salvatores, che gli aprirà la strada alle prime apparizioni sul palcoscenico e sul piccolo e grande schermo. Infatti Bisio apparirà nel 1990 nel videoclip della canzone Megu MegUn di Fabrizio De Andrè per la regia dello stesso Gabriele Salvatores.
  • il palcoscenico dello Zelig, localino alternativo nella prima periferia nord milanese che Bisio contribuirà nel tempo a rendere un luogo di culto (addirittura oramai quasi sinonimo di cabaret milanese in una ideale staffetta col Derby degli anni settanta e ottanta), fino ai recenti spostamenti nel più ampio spazio del Teatro tenda di Sesto San Giovanni e nel più comodo Teatro degli Arcimboldi.
  • Sergio Conforti, in arte Rocco Tanica, tastierista e compositore nonché co-leader del gruppo Elio e le Storie Tese, che lo aiuterà a coltivare una interessante carriera parallela di cantante.

La sua prima apparizione significativa in televisione è la partecipazione al programma Zanzibar (1988), una sorta di sitcom ante litteram in cui compare tra gli altri anche David Riondino, già lanciato da alcuni riusciti tormentoni musicali al Maurizio Costanzo Show, Gigio Alberti, Antonio Catania, Angela Finocchiaro, Karina Huff, Silvio Orlando. Il suo ruolo è quello di Italo, un cliente, meccanico, comunista e milanista. Dopo alcune partecipazioni a programmi televisivi ideati da Paolo Rossi (Su la testa! e Cielito lindo), insieme a degli esordienti di talento come Antonio Albanese, Maurizio Milani e Aldo Giovanni e Giacomo, al principio degli anni novanta Bisio ottiene un sorprendente successo come cantante sui generis o rapper alla casseoula con la geniale Rapput, scritta a quattro mani con Rocco Tanica, a cui seguirà l'esilarante album Paté d'animo, dove comunque Bisio si dimostra del tutto all'altezza anche come cantante vero e proprio.

Nel 1978 lavora nel progetto NBA in italy, giocando nella squadra Palse&Fish e diventando uno dei migliori schiacciatori italiani. nel '79 vince anche un trofeo, GoldenLobe.

Contemporaneamente, si trova a giocare nella squadra vincente di Salvatores che vince l'Oscar con Mediterraneo, riproponendosi poi in un eccezionale duetto interpretativo con Diego Abatantuono in Puerto Escondido, con cui si toglie lo sfizio di smentire la sua insegnante del "Piccolo" con un ruolo che sarebbe riduttivo etichettare come comico, ancora più incisivo e asciutto in contrapposizione ai ben noti gigioneggiamenti del partner (Bisio era già apparso in un ruolo a cavallo fra dramma e comicità anche nel secondo film di Salvatores, Kamikazen - Ultima notte a Milano). Sempre insieme ad Abatantuono, è protagonista della famosa scena del benzinaio nel film Turné, sempre di Salvatores.

Con il 1996 comincia il suo fortunato sodalizio con la pubblicità, lavorando con registi come Daniele Luchetti e Muccino, e dimostrando una straordinaria adeguatezza al mezzo. Ancora insuperata per surreale follia la prima apparizione, in cui dialoga col maiale. Nella primavera 1997 conduce su Italia 1 insieme ad Antonella Elia Facciamo Cabaret, antesignano del fortunato Zelig.

Bisio è anche presenza fissa nelle stagioni 1997-1998 e 1998-1999 di Mai dire gol, dove restano memorabili il personaggio indovinatissimo e quasi profetico del procuratore calcistico Micio, cinico e maneggione, e del "luminare" Dott. Imbruglia, incapace e un po' passato di cottura. Anche qui, Bisio si dimostra adeguatissimo ai tempi comici della trasmissione e alla feroce competizione dialettica con la Gialappa's Band, che aveva viceversa portato alcuni comici e conduttori vicini all'esaurimento nervoso.

Nel 1997, sotto la regia di Martelli, esce per la Rai una fiction TV in due parti dal titolo Un giorno fortunato, dove interpreta il ruolo di un paziente. Partecipano anche Fabio Fazio ed Enzo Jannacci nella parte di medici. La fiction è stata girata per le scene esterne ad Imperia, provincia della terra Ligure, e per le scene interne a Roma. Successivamente ad una prosecuzione della carriera di attore cinematografico con il film Asini del 1999 e ad una intensa attività teatrale, col nuovo secolo Bisio si scopre conduttore, e successivamente conduttore-fantasista con riuscite incursioni anche nel ballo, sul palcoscenico di Zelig. Rimane comunque legato al teatro: è del 2005 la sua tournée nel monologo di Pennac Grazie.

Nel 2003 partecipa come ospite del Cd degli Ossi Duri "X", omaggio a Frank Zappa, per il decennale della sua morte, dove inframmezza i brani con "sproloqui" insieme a Rocco Tanica, pianolista degli Elio e le storie tese.

Nell'estate del 2006 porta in giro lo spettacolo Coèsi se vi pare in collaborazione con gli Elio e le Storie Tese; venti date in giro per l'Italia per un mese di tournée terminata la quale si rimette nei panni dell'attore per girare i film Natale a New York e Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi (quest'ultimo però uscito l'anno successivo).

Ha partecipato al doppiaggio dei film d'animazione L'era glaciale, L'era glaciale 2 - Il disgelo, L'era glaciale 3 - L'alba dei dinosauri e L'era glaciale 4 - Continenti alla deriva, prestando la voce al bradipo Sid utilizzando un tono di voce molto particolare che lo rende quasi irriconoscibile, ma che ha contribuito a rendere il bradipo estremamente simpatico e popolare in Italia. Nel 2007 è protagonista con Sabrina Ferilli del film per la televisione Due imbroglioni e... mezzo!.

Nel 2008 canta nella canzone La lega dell'amore nell'album Studentessi di Elio e le Storie Tese, canzone già eseguita dal vivo nel tour del 2006; la partecipazione agli album del gruppo milanese, limitatamente a intermezzi parlati, risale addirittura al loro primo album, Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu del 1989, cui seguirono camei in Italyan, Rum Casusu Çikti del 1992 e Cicciput del 2003. Sempre nel 2008 partecipa come ospite a sorpresa a una puntata di Buona la prima, trasmissione totalmente improvvisata di Ale e Franz su Italia 1, e torna al cinema con i film Amore, bugie e calcetto e Si può fare, mentre nel 2009 è nel cast di Ex (per il quale riceve la candidatura al David di Donatello e al Nastro d'Argento come "miglior attore non protagonista") e I mostri oggi.

Nel 2010 è protagonista dei film Benvenuti al sud di Luca Miniero e nuovamente diretto da Fausto Brizzi nel film Maschi contro femmine. Nel 2011 è stato protagonista anche del seguito di entrambi: Benvenuti al Nord e Femmine contro maschi, uscito nelle sale il 4 febbraio 2011.

Nel 2012, dopo 15 anni, abbandona la conduzione di Zelig a tempo indeterminato, dichiarando di volersi prendere una pausa per potersi dedicare ad altre attività, e il 14 gennaio 2013 è primo ospite della nuova edizione, condotta da Teresa Mannino e Michele Foresta.

Il 16 febbraio seguente partecipa come ospite all'ultima serata del Festival di Sanremo, condotto da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Ha due figli, Alice e Federico, avuti dalla moglie Sandra Bonzi con cui è sposato dal 23 agosto 2003.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  • Paté d'animo, scritto e cantato con Rocco Tanica. Il singolo Rapput arrivò primo in classifica nell'estate 1991.
  • "X" degli Ossi Duri, dove inframmezza i brani con "sproloqui" insieme a Rocco Tanica, tastierista degli Elio e le storie tese.

Teatro[modifica | modifica sorgente]

  • Sogno di una notte di estate, 1981 (G. Salvatores)
  • Nemico di Classe (di N. Williams), 1983 (E. De Capitani)
  • Café Procope, 1985 (G. Salvatores)
  • Comedians (di T. Griffiths), 1985 (G. Salvatores)
  • Morte accidentale di un anarchico, 1987 (D. Fo)
  • Guglielma, 1990 (G. Alberti)
  • Aspettando Godo, 1991 (P. Galassi)
  • Le nuove mirabolanti avventure di Walter Ego, 1993
  • Tersa Repubblica, 1994-1995
  • Monsieur Malaussène au théâtre (di Daniel Pennac), 1997-2001 (G. Gallione)
  • La buona novella (di Fabrizio De André), 2000-2001 (G. Gallione)
  • Appunti di viaggio, 2002 (G. Gallione)
  • I bambini sono di sinistra, 2003 (G. Gallione)
  • Grazie (di Daniel Pennac), 2005 (G. Gallione)
  • Coèsi se vi pare (con Elio e le Storie Tese), 2006

Opere letterarie[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Conduzioni televisive[modifica | modifica sorgente]

Fiction[modifica | modifica sorgente]

Audiolibri[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

David di Donatello
Anno Titolo Categoria Risultato
2009 Si può fare Migliore attore protagonista Nomination
Ex Migliore attore non protagonista Nomination
2011 Benvenuti al Sud Migliore attore protagonista Nomination
Nastro d'argento
Anno Titolo Categoria Risultato
2009 Ex Migliore attore non protagonista Nomination
2011 Benvenuti al sud Migliore attore protagonista Nomination

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]