Riccardo Fogli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Riccardo Fogli (disambigua).
Riccardo Fogli
Riccardo Fogli in concerto, 2009
Riccardo Fogli in concerto, 2009
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Beat
Musica leggera
Periodo di attività 1966-1973 (con i Pooh) – in attività 1974-Solista
Etichetta Vedette, RCA Italiana, CBS, CGD, Paradiso
Gruppi Pooh
Album pubblicati 32
Studio 22
Live 2
Raccolte 8
Sito web

Riccardo Fogli (Pontedera, 21 ottobre 1947) è un cantante italiano. Voce e bassista dei Pooh tra il 1966 ed il 1973, poi vincitore da solista di un Festival di Sanremo e di un'edizione del reality show Music Farm. È autore complessivamente di 32 album.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

1966-1973: il periodo con i Pooh[modifica | modifica sorgente]

Riccardo Fogli esordisce nel mondo della musica come frontman e bassista di un gruppo rock di Piombino, gli Slenders, coi quali intraprende una minitournée in giro per i locali del Nord-Italia. Fogli lavorava come gommista a Piombino[1] mentre gli altri componenti della band lavoravano presso lo stabilimento Acciaierie di Piombino, e per poter suonare si presero 6 mesi di aspettativa. Una delle ultime apparizioni della band è presso il Piper di Milano, nel quale suonano anche i Pooh, allora capitanati da Valerio Negrini e Mauro Bertoli.

I Pooh rimangono impressionati sia dal modo di cantare che di suonare del giovane Fogli e, dopo il concerto, gli chiedono di entrare nel gruppo in sostituzione di Gilberto Faggioli, che ormai è stato tagliato fuori dagli altri componenti, per via del carattere non socievole e del malumore che getta all'interno della formazione. Gli Slenders erano un gruppo che aveva fatto un disco senza grande successo e in quel momento erano attraversati da un clima di smobilitazione, dovuto alle ristrettezze economiche.

In cambio del passaggio ai Pooh, gli Slenders chiedono a Valerio Negrini di accollarsi le rate del furgone "della band" che ancora stavano finendo di pagare. Così i Pooh si ritrovano con un nuovo bassista, che in dotazione, oltre al furgone e alle ammiratrici, porta pure la canzone Nel buio, cover di I looked in the mirror, che i Pooh inseriranno sia nella scaletta degli spettacoli dal vivo che nel loro primo album, Per quelli come noi, uscito nell'ottobre del 1966. Il ruolo di Riccardo nel primo LP della band è comunque marginale; si occupa dei cori e delle parti di basso dei brani non ancora registrati, alcune canzoni erano infatti già state prodotte e realizzate in precedenza.

Fra i brani che rimangono fuori dal disco, spicca una chicca divertente, I cinque orsacchiotti, nella quale i 5 ragazzi interpretano a turno una delle strofe. L'ultima viene affidata proprio al giovane Fogli. In seguito, dopo l'abbandono di Mauro Bertoli, il gruppo si assesta come quartetto. Escono alcuni singoli di successo, Piccola Katy e In silenzio, entrambi affidati all'interpretazione di Riccardo, il quale diventa leader vocale della band anche nel successivo LP Contrasto, uscito nel 1969. Riccardo è anche voce principale di Mary Ann, Un minuto prima dell'alba e Goodbye Madame Butterfly.

Quando i Pooh incidono Memorie nel 1970, è già chiara la posizione di Riccardo come unica voce della band, il che lascia pochissimo spazio sia a Roby Facchinetti che a Valerio Negrini. Il ruolo di leader del gruppo s'incrina quando i Pooh passano alla CBS, nel 1970; nel giugno di quell'anno, Riccardo debutta come solista con il 45 giri Zan zan/I 10 comandamenti dell'amore, inciso con lo pseudonimo Renzo, insieme a Virginia (Viola Valentino), sempre per la Vedette. Il produttore dei Pooh, Giancarlo Lucariello, non volendo lasciare al solo Riccardo il ruolo di voce principale, decide di affidare a Dodi Battaglia il cantato di Tanta voglia di lei, il 45 giri che lancerà i Pooh nell'Olimpo della canzone.

A Riccardo viene fatta cantare Pensiero. Nell'album Opera prima, uscito nel 1971, Riccardo interpreta pure Che favola sei, Alle nove in centro e la prima strofa cantata (dopo il parlato di Valerio Negrini) del brano Opera prima. L'insofferenza al ruolo di comprimario, porta Riccardo a lasciare la band nel 1973, nel bel mezzo del tour per l'album Alessandra. Infatti, Lucariello ha affidato i singoli più importanti del disco ancora a Battaglia, togliendo sempre più spazio a Riccardo, che comunque ha il proprio spazio in Nascerò con te, Col tempo, con l'età e nel vento, (Cantato in coppia con Battaglia), Donna al buio, bambina al sole, Quando una lei va via e Alessandra, canzoni evergreen del repertorio dei Pooh.

Dopo i Pooh: 1973-1979[modifica | modifica sorgente]

A questo punto Riccardo Fogli nei Pooh si sente come un re senza corona e, aiutato dai consigli di Patty Pravo, all'epoca sua fidanzata, che lo convince a lasciare il gruppo per intraprendere la carriera solista, comunica ai membri della band la sua intenzione di lasciare. Nel 1973, mentre i Pooh pubblicano il pluridecorato Parsifal, proposto anche in una fortunata tournée americana, Riccardo battezza il proprio esordio da solista con un LP che rimane pressoché sconosciuto, Ciao amore, come stai.

Da questo album vengono estratti alcuni singoli di scarsissimo successo; la scelta di Riccardo sembra rivelarsi un fallimento, abbandonare un gruppo destinato a lasciare un segno indelebile nella storia per arrabattarsi a far musica per conto proprio, senza avere riscontri né dal pubblico né dalla critica. Nel 1974 passa quasi inosservata la sua partecipazione a Sanremo col brano Complici, così come passa inosservato un brano dal vago sapore progressive, Amico sei un gigante. L'anno successivo pubblica il singolo Guardami (con il quale partecipa ad Un disco per l'estate), un brano che rimanda molto agli anni sessanta che stenta a trovare spazio nei Juke Box. Per compensare le poche vendite italiane, viene inciso un disco, interamente cantato in spagnolo, delle canzoni dei primi anni di Fogli.

Nel 1976 arriva una svolta nella carriera di Fogli, il 45 giri Mondo diventa un successo ed il nome dell'ex bassista dei Pooh comincia finalmente a circolare nei grossi circuiti nazionali. Grazie a Mondo, il cantante partecipa al Festivalbar e ritira il Premio Disco Verde. Sempre in quell'anno, pubblica il suo secondo LP, intitolato semplicemente Riccardo Fogli, che include fra le altre una canzone del suo periodo nei Pooh, la famosa In silenzio che viene rivisitata in una versione particolarissima e rallentata, con una sezione orchestrale a far di contorno. L'intro ricorda però Infiniti noi dei Pooh, pubblicata nel 1973. Nel disco trovano spazio anche Mi manca, brano scritto da Umberto Tozzi che verrà incluso sia nell'album dell'artista toscano che in quello del giovane cantautore torinese. Fra le due versioni, l'unica differenza sarà il testo, leggermente modificato dal paroliere Giancarlo Bigazzi. Con Giancarlo Lucariello che produce i suoi dischi, Riccardo torna in auge e pubblica nel 1977 il singolo "Stella" che diventa una hit importantissima della sua carriera, anche se non riesce a oscurare il precedente successo di Mondo.

Il seguente LP, Il sole, l'aria, la luce, il cielo, esce nel 1977 e segna una tappa importantissima della carriera di Fogli, forse vagamente datato per il periodo nel quale è uscito, ma che delinea i contorni dell'ex ragazzo del '66. Nel disco sono incluse canzoni come Anna ti ricordi, Il giorno comincia qui, Ricordati, Paola, le ultime due vanno a comporre il 45 giri uscito in seguito per promuovere il disco. Gran parte dei brani vengono affidati alla penna della poetessa Carla Vistarini e di vari autori delle musiche. Riccardo scrive i testi di sole due canzoni, l'eterea e emozionante Vendo sogni e Dolce straniera. Nel 1978 esce la raccolta Io ti porto via, che include quattro canzoni inedite tra le quali la title-track. Il grande successo arriva nel 1979, con il singolo Che ne sai, che rimane per moltissimo tempo nelle prime posizioni in classifica, accompagnando il successo dell'omonimo LP nel quale si trovano anche due brani firmati dall'ex compagno di gruppo Roby Facchinetti.

Riccardo lascia un'impronta importante di sé come interprete raffinato e gentile della canzone italiana, negli anni del cantautorato, del punk, dei giovani ribelli, Fogli si presenta sia nella musica che nell'abbigliamento come un giovane damerino in frac, proprio come nella copertina del disco. Altri singoli importanti sono Pace, Non mi lasciare e Che amore vuoi che sia. La maggior parte dei brani è composta da Maurizio Fabrizio, che si occupa anche degli arrangiamenti, e dal paroliere Guido Morra, già autore dei testi delle canzoni di Gianni Togni. Sempre nel 1979 dovrebbe uscire l'album Matteo, prodotto da Fogli e Marcello Aitiani, con testi scritti interamente da Riccardo, ma il disco viene bloccato dalla casa discografica perché ritenuto troppo "diverso" (si tratta di un concept album di rock progressive nel quale si narra la vita di un uomo ripresa al contrario, dalla morte alla nascita, in pratica un disco al contrario rispetto a quello fatto con i Pooh dieci anni prima, ovvero Memorie) dal genere che ha portato alla ribalta Fogli, il pubblico ne sarebbe rimasto spiazzato. Il brano Festa viene incluso in Che ne sai.

Gli anni ottanta[modifica | modifica sorgente]

Riccardo Fogli nel 1982

La serie fortunata di Riccardo continua nel 1980 con l'LP "Alla fine di un lavoro" dal quale viene estratto il singolo Ti amo però, oltre a Scene da un amore e al brano eponimo del disco. Anche Fogli partecipa alla stesura dei testi.

Nel 1981 esce Campione, album che consacra Riccardo Fogli come interprete della canzone italiana. Da questo LP, infatti, viene estratta Malinconia, canzone che vince La Vela d'Oro, il Telegatto e il Disco di Platino.

La vittoria a Sanremo[modifica | modifica sorgente]

Nel 1982 partecipa a Sanremo e vince con Storie di tutti i giorni, canzone che in molti vedevano come vincitrice già designata della manifestazione. La vittoria sanremese, peraltro, è abilmente costruita dal produttore Lucariello, che curò i dettagli della canzone, dal suono di chitarra elettrica contrapposto ad un giro di pianoforte classico, dall'abbigliamento elegante di Riccardo Fogli durante la serata finale, all'accompagnamento di un chitarrista di matrice rock di grande effetto come Roberto Puleo. Le enormi polemiche a seguire (si vocifera di una vittoria comprata dalla casa discografica[2]) non minano la popolarità del brano, che balza in cima alla Hit Parade, regalando a Fogli il Premio Bettino Ricasoli per la qualità letteraria del testo, il Telegatto, il Premio Radio Corriere TV e il Disco d'Oro. Il successo del brano permette al cantante di esibirsi l'anno successivo all'Eurovision Song Contest, manifestazione canora europea che vedeva la partecipazione, come rappresentante dell'Italia, proprio del gruppo o dell'artista vincitore a Sanremo.

Nel 1982 escono quindi due LP, il primo Collezione comprende la vincitrice di Sanremo ed i brani migliori di quel periodo, e Compagnia; questo 33 giri ha in totale dieci brani, cinque nuovi e cinque già editi da altri cantanti. I brani già editi hanno però un filo conduttore comune: sono stati scritti da autori che conoscono Fogli molto bene: Luigi Lopez e Carla Vistarini per La voglia di sognare (originale di Ornella Vanoni del 1974), Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio per Per amarti (originale di Mia Martini del 1977), Roby Facchinetti e Valerio Negrini per Nascerò con te (originale dei Pooh, con lui come voce solista, del 1972) Dario Baldan Bembo per Tu cosa fai stasera (originale dello stesso Baldan Bembo a Sanremo 1981) e ancora Lopez e Vistarini per Io Voglio Vivere (originale di Alice del 1975). Tutte canzoni che gli sono piaciute negli anni e che avrebbe voluto cantare e adesso lo ha fatto. Le canzoni nuove sono la stessa Compagnia, di Guido Morra e Maurizio Fabrizio, canzone velata di una nostalgia per le cose e per il tempo che passa, tematiche preferite dal nostro. Poi Come cambia in fretta il cielo, una canzone che sembra presa dal repertorio dei Pooh, scritta da Maurizio Piccoli e Maurizio Fabrizio e Altri Tempi (anche qui il rimpianto per il passato), Un Angelo e Donne.

Un disco molto maturo, fatto con tutti i crismi, arrangiato, prodotto e scritto con gli amici di sempre, cosa che si può notare già dalla copertina: davanti lui da solo a braccia conserte, testa abbassata e bicchiere a lato (immagine che dà l'idea di una persona abbastanza giù di morale). Sul retro copertina è rappresentato lo stesso tavolo ma lui non è più da solo: ci sono gli amici Dario Baldan Bembo, Maurizio Fabrizio, Roby Facchinetti e Renato Brioschi (già Renato dei Profeti). Le due facce di Riccardo Fogli. Il disco è stato registrato negli studi della CGD e prodotto da Giancarlo Lucariello. Cosa particolare è che per la prima volta Fogli non fa anticipare il 33 giri da un singolo. Forse questo pensare in grande può avergli nuociuto perché l'album non dà i risultati sperati in termini di vendite e Fogli deve molto della sua carriera a singoli azzeccati, quindi il suo pubblico è portato ad acquistare prima il 45 giri e poi, più in là, il 33, dopo ripetuti ascolti televisivi e radiofonici. Si potrebbe anche dire che il massimo come cantante e personaggio l'abbia raggiunto nel biennio 1981-82. Da questo momento in poi, c'è la discesa. Una discesa, non in caduta libera, ma discreta che lo porterà ad una carriera discografica più rarefatta e ponderata.

Fogli partecipa con Per Lucia (scritta dallo stesso Fogli con Maurizio Fabrizio e Vincenzo Spampinato) all'Eurovision Song Contest del 1983, brano che si piazza all'11º posto. La canzone tratta di un tema ben diverso dalle solite "lagne d'amore", infatti nell'immaginario degli autori si tratta di una lettera scritta ad una ragazza che vive oltrefrontiera, a Berlino Est. Dal 1984 si apre un periodo nel quale Riccardo sforna dischi un po' plastificati, come detta la moda musicale del tempo, dischi che non ottengono un gran seguito, nonostante le partecipazioni sanremesi di alcune canzoni. Dell'84 è l'album Torna a sorridere (di cui fa parte l'omonima canzone presentata al Festivalbar), mentre dell'85 è l'album 1985, all'interno del quale è inclusa la canzone sanremese Sulla buona strada. Il brano ottiene un ottimo riscontro piazzandosi al quarto posto nella classifica del festival; in estate presenta al Festivalbar Dio come vorrei, non inclusa nell'album.

Nel 1986, in occasione di una partita di calcio della Nazionale Cantanti (in cui all'epoca Riccardo copre il ruolo di capitano) tenutasi a Reggio Calabria contro la rappresentativa locale medici, tiene a battesimo Stefano Naim, figlio del capitano dei medici. Nel 1987 per promuovere il disco Le infinite vie del cuore, Riccardo si riunisce ai vecchi amici dei Pooh nel singolo Giorni cantati. Successivamente escono altri album: Amori di guerra del 1988 (da molti fan considerato uno dei dischi migliori della sua produzione), la raccolta Non finisce così, 1989, che include il brano presentato quell'anno a Sanremo, e Sentirsi uniti del 1990, nel quale è incluso Ma quale amore, anch'esso in gara al Festival, dove Riccardo ha collezionato ben 3 quarti posti di fila dopo la vittoria del 1982.

1991-1999: gli anni Novanta[modifica | modifica sorgente]

Nel 1991 Fogli partecipa nuovamente al Festival di Sanremo con un brano introspettivo, Io ti prego di ascoltare, che viene incluso insieme a Dimmi chi sei e A metà del viaggio in un album, intitolato come quest'ultimo pezzo, dove vengono rivisitati molti dei suoi grandi successi; A metà del viaggio segna la fine della collaborazione con lo storico produttore Giancarlo Lucariello. Sempre nello stesso anno incide Amici, brano scritto da Roby Facchinetti e Valerio Negrini, interpretato a due voci con Marcella Bella ed incluso nell'album della cantante, intitolato Sotto il Vulcano. Riccardo Fogli torna a Sanremo nel 1992 con In una notte così (inizialmente destinata a Mia Martini). Vieni poi pubblicato l'album Teatrino meccanico, che include anche Voglio le tue mani (singolo del quale viene girato un video clip che preannuncia la partecipazione al Disco per l'Estate). Il cantante incide poi per il mercato spagnolo Sabrás, nota in Italia come Saprai nella versione a due voci di Fiordaliso e Roby Facchinetti ed ora eseguita da Fogli e dalla stessa cantante in lingua spagnola.

Nonostante le buone critiche (che parlano di un artista raffinato e fuori dagli schemi della musica attuale) e i vari riconoscimenti come il Premio Calidario del Casinò Municipale di Sanremo, la Targa Ciano Montello, la Targa San Vincenzo e la Targa Colle di Fuori, la popolarità e la vendita dei dischi di Fogli sembra affievolirsi sempre più. L'artista pubblica allora Nella fossa dei leoni, disco dalle sonorità tipicamente elettriche, del quale fanno parte Ombre sopra i muri e Caro amore mio (da questo disco viene tratto il singolo Storia di un'altra storia). Del 1995 è invece Fogli su Fogli, un album interessante poiché unplugged, ovvero suonato in presa diretta con grandi sessioni di musicisti: vi prendono parte, oltre alla storica band di Fogli (Roby Facini, Ugo Maria Manfredi, Pietro Cantarelli e Alessandro Ravasini), anche Massimo Luca, Vince Tempera e Claudio Pascoli, insieme a Giovanni Pezzoli e Andrea Fornili degli Stadio, e un quartetto d'archi. Nel disco trovano posto molti successi riarrangiati in chiave acustica e due inediti: Quando sei sola e Monica (destinata a partecipare al Disco per l'Estate).

L'anno seguente si ripresenta a Sanremo con Romanzo (brano confinato in diciannovesima posizione), anticipando l'omonimo album. Nel 1998 esce, quasi in sordina, Ballando, un disco (di sole sette canzoni) ben suonato ma che viene presto dimenticato, anche a causa delle vendite quasi nulle. Mentre nel 1999 la rivista specializzata Raro! pubblica in tiratura limitata (1000 copie) la versione rimasterizzata in CD del precedente concept album Matteo, registrato nel 1978 e abortito all'epoca.

Gli anni duemila[modifica | modifica sorgente]

Nel 2001, il grande successo di Fogli Storie di tutti i giorni è reinterpretato dalla cantante israeliana Dana International. Il pezzo, nella versione ebraica, prende il titolo di Tagid Li Mi (Dimmi Chi). Dopo una serie di raccolte antologiche ed un disco dal vivo del 2002, il nome di Riccardo Fogli torna a circolare con la vittoria del reality show Music Farm, condotto da Amadeus nel maggio del 2004. In seguito, come premio, gli vien concessa la pubblicazione di un CD con le migliori interpretazioni realizzate nel programma di Rai 2. Nel giugno del 2001 si esibisce al Lombardia Festival (direttori artistici: Luigi e Carmelo Pistillo).

Nel 2005 esce Ci saranno giorni migliori, primo disco di inediti del nuovo millennio, prodotto da un'importante emittente radiotelevisiva italiana. Gran parte dei brani del disco sono scritti dal cantautore Gatto Panceri, Riccardo firma il testo di Profumo di lei. Si aggregano anche Dodi Battaglia, che firma le musiche e suona la chitarra in Amori belli, amori brutti e Fio Zanotti (arrangiatore anche dei Pooh) in Per te io canto. Viene estratto anche il singolo Non finisce qui, mentre Io non canto (senza te) è una versione diversa del brano già presentato l'anno precedente (per la stessa etichetta) da Dennis. Questo nuovo lavoro frutta a Fogli il Premio Speciale ai Venice Music Awards. Nel 2008 esce Riccardo Fogli Libro+Cd: si tratta di un cofanetto contenente un CD con alcuni estratti dal suo repertorio (Piccola Katy, Malinconia, Storie di tutti i giorni, Non finisce così, Quando sei sola, ecc.) e un libretto autobiografico in cui sono raccolti degli aneddoti della sua vita.

Il 7 luglio 2010, dopo cinque anni di lavorazione, esce per le Edizioni Pendragon il primo libro biografico su Riccardo Fogli, da lui autorizzato ed in parte scritto: Fogli di vita e di musica, firmato dal giornalista Fabrizio Marcheselli e dalla "storica" fan Sabrina Panti, contenente fra l'altro la discografia completa e delle foto rare, una prefazione di Giorgio Panariello e testimonianze inedite di vari personaggi dello spettacolo.

Nel 2013 partecipa allo show su Rai 1 - "Tale e Quale Show" - nel quale interpreta diversi artisti, tra i quali Ivano Fossati e la sua ex fiamma Patty Pravo.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Sposato con Viola Valentino, l'abbandona per un breve periodo nel 1972 a causa di un flirt con Patty Pravo. Ritornato poi da lei, si separa definitivamente dopo aver conosciuto nel 1992 sul set di Dov'era lei a quell'ora? l'attrice Stefania Brassi, al momento moglie del regista del film Antonio Maria Magro[3], da cui ha un figlio, Alessandro.

Nel 2010, dopo la separazione dalla Brassi, sposa Karin Trentini[4], di trent'anni più giovane, e che l'ha reso padre di Michelle. Vive a Bologna.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album incisi con i Pooh[modifica | modifica sorgente]

Album incisi da solista[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

Album Cover[modifica | modifica sorgente]

Album dal vivo[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Singoli pubblicati all'estero[modifica | modifica sorgente]

Partecipazione al Festival di Sanremo[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gigi Vesigna, La gavetta dei VIP? in Oggi, 12 giugno 2013, p. 94-98.
  2. ^ Si veda a proposito Le Orme#La prima partecipazione a Sanremo
  3. ^ Raidue: ''Detto Tra Noi''
  4. ^ Riccardo Fogli sposo: «Con Karin non è una storia di tutti i giorni» - Style.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 100257934