Compilation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'album di Aphex Twin, vedi Compilation (album).

Nel lessico musicale, il termine inglese compilation (in italiano anche compilazione, raccolta o antologia) sta ad indicare un album discografico composto di brani di uno o più artisti, solitamente estratti da pubblicazioni precedenti (come album in studio, album dal vivo, singoli o demo) e raggruppati in un'unica uscita, con l'aggiunta talvolta di qualche inedito. Le tracce sono normalmente selezionate per motivi stilistici, tematici o di successo.

Tipi di compilation[modifica | modifica sorgente]

La tipologia di compilation più diffusa è certamente la raccolta di canzoni di successo di un singolo artista, che prende anche il nome di Greatest Hits o Best Of. Raccolte di questo tipo vengono generalmente pubblicate al termine di un contratto discografico o quando è stato raggiunto da parte dell'artista in questione un cospicuo numero di successi, in modo da sintetizzare una fase della carriera in un unico disco e costituire una sicura fonte di rendita. Sono infatti i best of gli album che riescono a raggiungere il numero più alto di vendite. Il record di album più venduto sul territorio degli Stati Uniti d'America appartiene infatti alla raccolta Their Greatest Hits (1971-1975) degli Eagles. Pubblicata nel 1976, ha venduto 29 milioni di copie[1].

Altri tipi di raccolte di un solo artista sono raccolte di rarità o b-side, di esibizioni su show radiofonici, riedizioni di più EP riuniti in un solo disco. Queste sono pubblicazioni rivolte soprattutto ai più appassionati e difficilmente raggiungono alti risultati di vendite.

Esistono inoltre:

  • Compilation di canzoni a tema: ad esempio album contenenti solamente canzoni d'amore o canzoni natalizie, interpretate in questi casi da più artisti.
  • Compilation di genere: includono una selezione di brani appartenenti ad artisti di uno stesso genere musicale.
  • Compilation di singole etichette: album pubblicati da una singola etichetta discografica con una selezione di brani dei propri artisti. Spesso queste operazioni sono portate avanti da etichette minori, che mettono sotto contratto solo artisti di un certo genere, piuttosto che dalle major.
  • Compilation di successi di artisti vari: semplici raccolte, talvolta pubblicate in serie (come ad esempio Now That's What I Call Music!, nata nel 1983 nel Regno Unito ed esportata in seguito anche in altre nazioni), di singoli di successo usciti nel medesimo anno. Esse rappresentano un'importante fetta del mercato discografico.
  • Compilation di colonne sonore di film o di videogiochi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) RIAA Top 100 Albums, www.riaa.org. URL consultato il 09-02-2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica