Mixtape

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'EP di Franco Ricciardi, vedi Mixtape (EP).
Una musicassetta pirata del 1974

Con il termine inglese mixtape o mixed-tape (conosciuto in lingua italiana come cassetta mista o collage musicale) ci si riferisce ad una raccolta di canzoni o tracce (solitamente, musica protetta dal diritto d'autore, presa da altre fonti), registrata in uno specifico ordine, tradizionalmente su di un'audiocassetta. Il termine viene usato anche per compilation di audio e/o video su supporti VHS e DVD. Nella lingua inglese "mixtape" viene usato anche come termine generico per compilazioni di canzoni su altri supporti come CD, file musicali o altri formati audio.[1]

I collage musicali, che generalmente riflettono il gusto dei propri compilatori, possono andare da una selezione di brani preferiti ordinate casualmente, ad una sequenza di canzoni o brani collegati da un tema o da stati d'animo, ad raccolte di tracce ritagliate su misura per un determinato destinatario. Il saggista Geoffrey O'Brien vede nel mixtape una forma d'arte compiuta, definendola come "la forma d'arte più ampiamente praticata in America"[2].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le canzoni possono essere in sequenza; dagli anni ottanta diventarono molto popolari i mixtape senza soluzioni di continuità, rese attraverso la tecnica del beatmatching e con la creazione di sovrapposizioni e dissolvenze fra la fine di una canzone e l'inizio della successiva.

I primi mixtape più diffusi erano cassette clandestine di otto tracce, che erano vendute presso i mercatini delle pulci e nelle aree di servizio dai primi anni sessanta fino ai primi Ottanta, con nomi come Super 73, Country Chart Toppers o Top Pops 1977. Le audiocassette con l'anno nel titolo erano, solitamente, vendute prima di Natale o nei primi giorni dell'anno successivo ed erano sempre molto vendute.

Con l'avvento dell'audio digitale a prezzo contenuto anche al livello del consumatore, la creazione e la distribuzione dei collage musicali ha preso la forma del compact disc o della playlist mp3, ma il termine mixtape è ancora usato, sebbene il supporto sia cambiato.

Il mixtape nell'hip hop[modifica | modifica sorgente]

In ambito hip hop, il mixtape assume la connotazione di un album non ufficiale, contenente materiale inedito e prodotto dagli artisti per incrementare l'attesa di un nuovo album, piuttosto che dare ai propri fan pezzi che non potrebbero altrimenti fare uscire attraverso il normale circuito discografico, specie se sotto contratto con una major.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mixtape, Merriam Webster. URL consultato il 4/4/12.
  2. ^ Michael Resnick, BurnLists: The Digital "Mix Tape" Comes Of Age, 2006. URL consultato il 15 gennaio 2007.
  3. ^ (EN) Myckey Hess, Icons of HIP HOP: an encyclopedia of the movement, music, and culture, 1ª ed., USA, Greenwood icons, 2007. ISBN 978-0-313-33902-8. URL consultato il 28 dicembre 2011.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica