Frontman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Freddie Mercury è stato il carismatico frontman dei Queen.

Frontman (talvolta scritto front-man) è un termine di lingua inglese che in gergo musicale indica il componente di un gruppo musicale che normalmente risulta maggiormente in vista presso il pubblico, soprattutto in ambito rock e pop.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Considerando alcuni tra i gruppi più rappresentativi della storia del rock, i Beatles non avevano un frontman "di ruolo", poiché normalmente le parti vocali soliste erano di volta in volta eseguite da John Lennon o Paul McCartney. Nei contemporanei Rolling Stones il cantante Mick Jagger ha sempre assunto un ruolo preminente rispetto agli altri membri del gruppo condividendo la leadership con il chitarrista Keith Richards. Roger Daltrey degli Who era invece il frontman mentre il leader musicale e compositivo del gruppo era Pete Townshend. Analogamente Demis Roussos era il frontman degli Aphrodite's Child mentre il leader musicale era Vangelis.

Riviste e siti specializzati hanno più volte stilato classifiche o realizzato sondaggi per stabilire quale sia stato il più grande o il più rappresentativo frontman della storia.[1][2][3] Ad esempio il cantante degli Oasis Liam Gallagher è stato eletto miglior frontman di tutti i tempi dalla rivista britannica Q nel 2010.[4][5]

Cantanti che per personalità e carisma sono divenuti "uomo-immagine" di gruppi celebri sono ad esempio Freddie Mercury dei Queen, Peter Gabriel dei Genesis, Liam Gallagher degli Oasis, Mick Jagger dei Rolling Stones, Bono degli U2, Jim Morrison dei Doors, Sting dei Police, Chris Martin dei Coldplay e Mark Knopfler dei Dire Straits.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Nella maggior parte dei casi il frontman (o la frontwoman se è una donna) è il cantante solista, il lead vocalist nella terminologia in lingua inglese, in particolare se non ha compiti strumentali, poiché è il componente che nelle esibizioni dal vivo si trova al centro del palco e in posizione preminente rispetto ai suoi compagni.

Il frontman non è necessariamente il leader musicale del gruppo, anche se spesso viene percepito come tale o lo è da un punto di vista dell'immagine e della popolarità presso il pubblico. Di norma, nell'immaginario collettivo, diventa quindi l'"uomo-immagine", il membro più conosciuto, carismatico e rappresentativo di un gruppo musicale.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Will Gompertz, The greatest frontmen ever? in BBC News, BBC, 23 febbraio 2011. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  2. ^ (EN) Axl Rose named best frontman ever in Hindustan Times, HT Media, 31 dicembre 2010. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  3. ^ (EN) Gibson.com’s Top 50 Frontmen (and Frontwomen) of All Time in Gibson.com, 26 agosto 2010. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  4. ^ (EN) Ann Lee, Oasis' Liam Gallagher voted as 'best frontman ever' in Metro, Associated Newspapers Limited, 25 marzo 2010. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  5. ^ (EN) Neil McCormick, The greatest front men of all time in The Telegraph, Telegraph Media Group Limited, 25 marzo 2010. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  6. ^ (EN) Phil Williams, What makes a good frontman? in BBC News, BBC, 09 febbraio 2005. URL consultato il 12 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]