Beat It

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film del 1918, vedi Beat It (film).
Beat It
Michael Jackson Beat It.jpg
Screenshot del video del brano
Artista Michael Jackson
Tipo album Singolo
Pubblicazione 14 febbraio 1983
Durata 4 min : 18 s
Album di provenienza Thriller
Genere Pop rock[1]
Urban[1]
Soul[1]
Dance pop[1]
Dance[1]
Etichetta Epic
Produttore Michael Jackson - Quincy Jones
Registrazione 1982
Formati 7", 12", CD
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[2]
(Vendite: 250.000+)
Dischi d'oro Danimarca Danimarca[3]
(Vendite: 15.000+)
Giappone Giappone
(Vendite: 100.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[4]
(Vendite: 7.500+)
Dischi di platino Australia Australia[5]
(Vendite: 70.000+)
Canada Canada[6]
(Vendite: 100.000+)
Francia Francia[7]
(Vendite: 1.180.000+)
Stati Uniti Stati Uniti[8]
(Vendite: 3.400.000+)[9]
Michael Jackson - cronologia
Singolo precedente
(1982)
Singolo successivo
(1982)

Beat It è un brano scritto e interpretato da Michael Jackson e prodotto da quest'ultimo insieme a Quincy Jones; incluso nell'album Thriller (1982), fu pubblicato il 14 febbraio 1983 come terzo singolo tratto dall'LP, dopo The Girl Is Mine e Billie Jean.

Come singolo, Beat It conquistò il Grammy quale Disco dell'anno, e un altro ne valse allo stesso Jackson come Miglior prestazione vocale rock.

Fu nominato singolo dell'anno insieme a Billie Jean, e la rivista Rolling Stone la cita al 337º posto nella lista dei migliori 500 brani di tutti i tempi.

Caratterizzata da un arrangiamento ritmico (curato da Michael Jackson e da Quincy Jones) in stile hard rock[10][11] sostenuto dalla chitarra di Steve Lukather (dei Toto) che in tale brano suona anche il basso, spicca nel bridge l'assolo di Eddie van Halen; Beat It è presente anche nella tracklist del gioco Guitar Hero World Tour.

Nel 1989 la RIAA certificò il disco di platino al singolo. In seguito, nel 2009, lo stesso organo attribuì al singolo un ulteriore disco d'oro.

Impatto della canzone[modifica | modifica sorgente]

A conti fatti, Beat It è stato un successo ed esempio fondamentale di crossover. Non solo grazie ai fan di Jackson "R&B" ma anche per quelli rock ed heavy metal dei Van Halen. Come il singolo precedente, Billie Jean, la canzone raggiunse rapidamente i primi posti. Jackson era riuscito a creare una canzone in stile hard rock[10][11] sostenuto dalla chitarra di Steve Lukather (dei Toto) che in tale brano suona anche il basso, spicca nel bridge l'assolo di Eddie van Halen e l'esecuzione hard rock vocale di Michael.[12] Beat It fece diventare Jackson un fenomeno potente che fece impatto sul mercato del "rock bianco".[13] Inoltre, come il suo predecessore Billie Jean, Beat It ha goduto di un successo senza precedenti. Il videoclip fu trasmesso in esclusiva da "World Premiere" sul canale MTV. Beat It è stato anche il primo video mostrato nella, allora, nuova trasmissione di video musicali della NBC, "Friday Night Video". Ad oggi il singolo rimane uno dei più venduti di sempre, con 5 milioni di copie vendute.

Video[modifica | modifica sorgente]

Il videoclip di Beat It, diretto da Bob Giraldi, segue una narrazione semplice: si apre in una sala da biliardo, dalla quale i due leader di gang rivali escono e si fronteggiano, coltelli alla mano, assieme i membri delle loro bande (la musica incomincia quando la porta dietro di loro si chiude). Jackson fa il suo ingresso e guida le due gang in un ballo a suon di musica.

Una parte del video è ispirato alla "rumbla" nel magazzino di West Side Story. Il video prodotto nel 1983 presenta stupefacenti inquadrature, una trama da best seller americano e un piccolo ma significativo numero di parole.

La giacca rossa indossata da Jackson nel videoclip sarebbe diventata un'icona per bambini e adolescenti di tutti i paesi.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Edizione originale[modifica | modifica sorgente]

Singoli 7" U.S/UK[modifica | modifica sorgente]

  1. Beat It – 4:18 (Michael Jackson)
  2. Burn This Disco Out – 3:48 (Rod Temperton)

Singolo 12" UK[modifica | modifica sorgente]

  1. Beat It – 4:18 (Michael Jackson)
  2. Get on the Floor – 4:57 (Rod Temperton)
  3. Don't Stop 'Til You Get Enough (Live with the Jacksons) – 4:22 (Michael Jackson)
    versione live tratta dall'album dei Jacksons del 1981 The Jacksons Live!

The Visionary Single 2006[modifica | modifica sorgente]

Lato CD
  1. Beat It - 4:18
  2. Beat It (Moby's Sub Mix) - 6:12
Lato DVD
  1. Beat It (Videoclip)

Versioni e cover ufficiali[modifica | modifica sorgente]

  • Beat It (Album Version) - 4:18
  • Beat It (7" edit) - 4:18
    talvolta chiamata anche 7" mix, 7" version o single edit, è identica alla versione album
  • Beat It (Moby's Sub Mix) - 6:12
  • Beat It 2008 (Feat. Fergie) - 4:12
    inclusa nell'edizione commemorativa del 25º anniversario di Thriller, ovvero Thriller 25

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Classifica (1983) Posizione
massima
Austria 6
Danimarca 31
Olanda 1
Francia 47
Italia 12
Nuova Zelanda 1
Norvegia 8
Spagna 1
Svezia 19
Svizzera 2
Regno Unito 3
Stati Uniti 1
Stati Uniti (R&B) 1

Crediti[modifica | modifica sorgente]

  • Scritto, arrangiato e composto da Michael Jackson
  • Prodotto da Quincy Jones e Michael Jackson
  • Arrangiamenti vocali di Michael Jackson
  • Arrangiamento ritmico di Michael Jackson e Quincy Jones
  • Costumi di Gordon Clarke

Musicisti[modifica | modifica sorgente]

Beat It 2008[modifica | modifica sorgente]

Beat It 2008
Artista Michael Jackson, Fergie
Tipo album Singolo
Pubblicazione 2008
Durata 4 min : 18 s
Album di provenienza Thriller 25
Genere Pop rock
Dance pop
Soul
Urban
Etichetta Epic
Produttore Michael Jackson - Quincy Jones
Registrazione 1982 / 2008 *
Formati CD
Note pubblicata come singolo solo in alcune nazioni
Michael Jackson - cronologia
Singolo successivo
(2009)

Con il suo nuovo album, Thriller 25, Jackson ha remixato anche Beat It in collaborazione con Fergie. La canzone è stata intitolata Beat It 2008 e pubblicata come singolo a fine anno, solo in alcune nazioni

Cover[modifica | modifica sorgente]

  • I Fall Out Boy hanno fatto una nuova versione di Beat It per il 25º anniversario dall'uscita dell'album Thriller;
  • Anche Amy Winehouse e Charlotte Church hanno reinterpretato Beat It;
  • Thriller, Beat It e Smooth Criminal sono state cantate dai Blue durante il loro Guilty Tour;
  • In un concerto, i Metallica hanno suonato il main riff di Beat It, insieme a quelli di altre canzoni rock;
  • Gli Elio e le Storie Tese, nella seconda metà degli anni ottanta, eseguivano all'interno del loro repertorio una cover parodica di Beat It chiamata Bidet;
  • "Weird Al" Yankovic ha pubblicato nel 1984 la parodia Eat It (in lingua italiana: "mangialo").
  • La cantante italiana Elisa ha proposto una cover di Beat It accompagnandola dalla stessa coreografia del video di Michael Jackson, ballata da lei e dai suoi ballerini durante l'Heart Alive Tour
  • Il celebre chitarrista svedese Yngwie Malmsteen ha fatto una cover di Beat It.
  • Andy Timmons e Steve Vai ne proposero una loro versione al Meinl Guitar Festival, il 27 giugno 2009, due giorni dopo la morte del Re del Pop.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Beat It in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ Certified Awards
  3. ^ Certificeringer | ifpi.dk
  4. ^ http://rianz.org.nz/rianz/oldchart.asp?chartNum=1675&chartKind=S
  5. ^ Accreditations - 2010 Singles, ARIA Charts.
  6. ^ http://www.musiccanada.com/GPSearchResult.aspx?st=Beat+It&sa=Michael%0AJackson&smt=0
  7. ^ (FR) Les Ventes & Les Certifications - Michael Jackson, InfoDisc. URL consultato il 20 aprile 2012.
  8. ^ RIAA - Gold & Platinum Searchable Database - July 18, 2014
  9. ^ Ask Billboard: Who Has the Most Million-Selling Downloads? | Billboard
  10. ^ a b (EN) Halstead, Craig, Cadman, Chris, Michael Jackson the Solo Years, Authors On Line Ltd, 2003, p. 40, ISBN 0-7552-0091-8. URL consultato il 14 settembre 2009.
    «Next came Beat It, an electric slice of hard rock...».
  11. ^ a b (EN) Andersen, Christopher P., Michael Jackson: unauthorized, Simon & Schuster, 1994, p. 105, ISBN 0-671-89239-8. URL consultato il 18 settembre 2009.
    «The result was "Beat It," a macho foray into the realm of gritty hard rock.».
  12. ^ (EN) Stuessy, Joe, Rock and roll: its history and stylistic development, Authors On Line Ltd, 1990, p. 370, ISBN 0-7552-0091-8. URL consultato il 14 settembre 2009.
    «The bass and guitar riff from "Beat It" became instantly recognizable; the hard,
    macho vocal (macho for high-voiced Michael, at least) was appealing, ...».
  13. ^ (EN) Pendergast, Tom, Pendergast, Sara, St. James encyclopedia of popular culture, Tom Pendergast ,St. James Press, 2000, p. 518, ISBN 1-55862-402-3. URL consultato il 14 settembre 2009.
    «"Beat It," Jones began to realize that Jackson could become a powerful
    phenomenon — a crossover to the "white rock" market. Jackson's hard rocking song...».
  14. ^ Jackson è accreditato come "drum case beater". Vedi crosstop.com.
  15. ^ a b c d noto "turnista" e membro dei Toto