Fall Out Boy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
FallOut Boy
I Fall Out Boy in concerto nel 2006
I Fall Out Boy in concerto nel 2006
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Pop punk[1]
Alternative rock[1]
Emo-pop[1]
Pop[1]
Periodo di attività 2001-2009
2013-in attività [2]
Etichetta Uprising Records
Fueled by Ramen
Island Records
Album pubblicati 8
Studio 6
Live 1
Raccolte 1
Sito web
FOBtourLogo.png

I Fall Out Boy sono un gruppo musicale pop punk/emo-pop[1] statunitense. Il gruppo si è formato nei sobborghi di Chicago, Illinois, nel 2001. La formazione è composta da: Patrick Stump (voce principale, chitarra), Peter Wentz (basso, voce e autore dei testi), Joe Trohman (chitarra principale) e Andrew Hurley (batteria).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

I Fall Out Boy si sono formati per mezzo di Joseph Mark Trohman e Peter Lewis Kingston Wentz III. Dopo aver suonato in varie hardcore punk band nella zona di Chicago, vollero riprodurre brani di band con cui erano cresciuti, come i Green Day e i Descendents.Così un giorno Trohman incontrò lo studente della scuola superiore Patrick Stump in una libreria. Trohman si avvicinò di più a Stump quando parlò dei Neurosis, di cui condividevano un interesse reciproco. Stump fece audizione come batterista, ma non appena il suo spessore vocale venne scoperto, divenne il cantante.[3] La band era senza nome per i primi due spettacoli. Alla fine del loro secondo show, chiesero al pubblico di dare loro un nome. Un membro del pubblico suggerì "Fallout Boy", un riferimento all'aiutante di Uomo Radioattivo dei Simpson.[4][5]

Altri due musicisti di Chicago, TJ "Raccine" Kunasch e Mike Pareskuwicz, furono assunti per svolgere rispettivamente il ruolo di batterista e chitarrista. L'anno seguente, la band debuttò con un auto-demo rilasciato e ne seguì il 28 maggio 2002 lo split EP, insieme ai Project Rocket, sotto la Uprising Records. Il gruppo pubblicò un mini-LP, Fall Out Boy's Evening Out with Your Girlfriend, sempre con la Uprising Records, nel 2002.

Successo indipendente (2003-2004)[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'uscita del loro mini-album, Andrew John Hurley, ex-membro dei Racetraitor, si unì al gruppo e Stump raccolse la chitarra, mentre Raccine e Pareskuwicz lasciarono la band. In questo periodo di tempo, essi svolgevano numerosi spettacoli presso il locale Knights of Columbus nell'Illinois. Lo stesso anno, dopo la firma con la Fueled by Ramen, pubblicarono il loro primo album, Take This to Your Grave, il 6 maggio 2003. La band ricevette un anticipo dalla Island Records per registrare il proprio esordio, ma l'anticipo venne con un diritto di prelazione per l'album successivo. Con grande finanziamento in atto, la band registrò questo album al Butch Vig con la Smart Studios a Madison (Wisconsin), con Sean O'Keefe come produttore.

Con i singoli Grand Theft Autumn / Where Is Your Boy e Saturday l'album vendette molto bene da essere classificato disco d'oro, ma solo dopo il successo dell'album successivo della band, From Under the Cork Tree, i Fall Out Boy divennero conosciuti al pubblico.

A metà del 2003, la band firmò un contratto con la Island Records. Questo è stato fatto dopo l'opzione per il suo prossimo album. Nel frattempo la registrazione del loro principale debutto, la band ha rilasciato l'EP acustico My Heart Will Always Be the B-Side to My Tongue sotto la Fueled by Ramen il 18 maggio 2004. Consiste in due serie di dischi che includono più performance acustiche e una galleria di foto.

Successo con la major (2005-2006)[modifica | modifica sorgente]

Con Pete Wentz della band come primario paroliere, e Patrick Stump il principale compositore, i Fall Out Boy raggiunsero il massimo successo con questa grande etichetta pubblicando il 3 maggio 2005 l'album From Under the Cork Tree, che debuttò su Billboard 200 alla posizione # 9, vendendo oltre 68.000 copie nella prima settimana. L'album raggiunse il doppio disco di platino dopo la vendita di oltre 2,5 milioni albums solo negli Stati Uniti. All'inizio di quello stesso anno, la band è stata messa a repentaglio per via di Wentz che abusava di sedativi.

Patrick Stump in concerto nel 2006

Il loro primo singolo, Sugar, We're Goin Down, raggiunse la # 8 su Billboard Hot 100, # 6 su Pop 100, e # 3 su Modern Rock Charts[6]. Il video ha raggiunto la # 1 su MTV 's TRL, e venne pensionata il 26 agosto 2005. Il video vinse un MTV2 Award agli MTV Video Music Awards del 2005, suscitando un enorme interesse e una nuova ondata di vendite. La band è stata anche nominata per il "Best New Artist" ai Grammy Awards del 2006.

Il secondo singolo estratto dall'album, Dance, Dance, divenne il loro unico Top 10 Single, quando raggiunse la # 9 su Hot 100. Ha raggiunto la # 6 su Pop 100, diventando la più votata della classifica, quando raggiunse la # 2 Modern Rock Charts. Il video per il brano in prima assoluta su TRL il 11 ottobre 2005; presto raggiunto # 1 ed è stato più tardi in pensione il 17 gennaio, 2006. Dance, Dance è stato inoltre presentato il PlayStation 2 versione di Dance Dance Revolution SuperNova da Konami. Il terzo singolo, "A Little Less Sixteen Candles, A Little More "Touch Me"", fu molto meno popolare.

La band ha guidato il Nintendo Fusion Tour nell' autunno 2005, con i Motion City Soundtrack, Boys Night Out, e i Panic at the Disco in 31 città[7]. Dato il loro successo agli MTV Video Music Awards, il gruppo guidò il Black Clouds and Underdogs Tour, un evento pop punk insieme ai The All-American Rejects, Hawthorne Heights, e From First to Last.

Infinity On High e Live in Phoenix (2007-2008)[modifica | modifica sorgente]

Nei primi mesi del 2007, la band pubblicò il suo secondo album con l'etichetta. L'album ha avuto successo fin dalla prima settimana, vendendo 260.000 copie e raggiungendo la posizione numero uno sulla Billboard 200. Il successo è stato spinto dal singolo This Ain't a Scene, It's an Arms Race, che ha raggiunto il numero due negli Stati Uniti e nel Regno Unito. I Fall Out Boy guidarono l'Honda Civic Tour per promuovere l'album insieme ai +44, Cobra Starship, The Academy Is....

Il 22 giugno 2007 fu registrato un concerto al Desert Sky Pavilion di Phoenix, che venne poi pubblicato il 1 aprile 2008 come album dal vivo. L'album, intitolato Live in Phoenix, contiene anche una cover di Beat It di Michael Jackson. Il brano è stato pubblicato come singolo il 25 marzo 2008.

Il 18 marzo venne rivelato che i Fall Out Boy avevano intenzione di svolgere uno show in Antartide per andare nel Guinness World Records come l'unica band a suonare un concerto in tutti e sette i continenti, in meno di nove mesi; tuttavia le condizioni meteorologiche non lo consentirono.

I Fall Out Boy hanno collaborato con il rapper T.I. su un brano intitolato Out in the Cold dell'album Paper Trail. Tuttavia, il brano è stato lasciato fuori.

Folie à Deux (2008-2009)[modifica | modifica sorgente]

Il 16 dicembre 2008, la band ha pubblicato il suo quinto album in studio, Folie à Deux. La band ha collaborato con altri artisti come Elvis Costello, Lil Wayne, Brendon Urie dei Panic at the Disco, Gabe Saporta dei Cobra Starship, Travis McCoy dei Gym Class Heroes, Doug, Alex DeLeon dei The Cab, William Beckett dei The Academy Is..., Debbie Harry dei Blondie e Pharrell Williams.

Il 3 settembre 2008 è stato pubblicato Il singolo I Don't Care. Il titolo del disco si riferisce alla rara sindrome psichiatrica folie à deux, che letteralmente significa "follia a due", in cui un sintomo di psicosi, in particolare una paranoica convinzione viene trasmessa da un individuo all'altro.

Il loro secondo singolo in radio è America's Suitehearts, rilasciato l'8 dicembre 2008. Wentz ha affermato in un recente concerto a Sydney, in Australia, che questa canzone parla dell'amministrazione americana riferendosi a George Bush e Dick Cheney.

Il 15 gennaio 2009 la band ha annunciato che avrebbe intrapreso il Believers Never Die Part Deux Tour con Cobra Starship, Metro Station, All Time Low e Hey Lunedi a supportare la Folie à Deux. Il gruppo ha anche suonato accanto a Kanye West e Kid Rock alla Youth Ball per l'inaugurazione del presidente Barack Obama.

Pete ha annunciato sul palco nelle Filippine il 13 febbraio 2009 che la band sta registrando un video sul loro attuale tour mondiale in un nuovo DVD.

Il 27 aprile 2009, un EP è stato rilasciato su iTunes, dal titolo America's Suitehearts: Remixed, Retouched, Rehabbed and Retoxed, contenente un remix della canzone del bassista Mark Hoppus dei blink-182.

Dal 24 luglio 2009 i Fall Out Boy, con i Weezer, hanno aperto i concerti dei blink-182.

Il 17 novembre 2009 è stata pubblicata una raccolta col nome di Believers Never Die: Greatest Hits, lanciato dal singolo Alpha Dog.

La pausa (2010-2012)[modifica | modifica sorgente]

Alla fine del 2009 i membri della band decidono di fare una pausa e dedicarsi ad altri progetti, annunciando però che si tratta solo di una pausa momentanea, e non dello scioglimento del gruppo. Stump inizia un progetto da solista e pubblica il suo primo album nel 2011 e Wentz fonda i Black Cards. Dopo aver fondato insieme i The Damned Things, Trohman fonda una nuova band, gli With Knives, mentre Hurley entra come batterista negli Enabler.

Save Rock and Roll (2013-presente)[modifica | modifica sorgente]

La band annuncia una ripresa dell'attività il 13 febbraio 2013 al Jimmy Kimmel Show[8] e la pubblicazione di un nuovo album, Save Rock and Roll, il 6 maggio 2013[9], anticipato dal singolo My Songs Know What You Did in the Dark (Light Em Up). L'album debutta al primo posto delle classifiche statunitensi, diventando il primo album della band a raggiungere tale risultato[10]. Il 30 settembre viene annunciata l'uscita dell'EP PAX AM Days, prevista per il 15 ottobre, anche se dall'8 ottobre viene reso disponibile l'ascolto in streaming dell'EP.[11].

Stile musicale[modifica | modifica sorgente]

Benché ampiamente considerata una banda pop/punk rock[12][13], i Fall Out Boy sono stati definiti anche come emo[14][15] e sono citati i The Get Up Kids come una loro influenza. Pete Wentz è stato intervistato per un articolo di Alternative Press quando i The Get Up Kids si sciolsero nel 2005 e disse: "I Fall Out Boy non sarebbero una band, se non fosse per i The Get Up Kids."

I principali compositori di canzoni da Fall Out Boy sono Patrick Stump (musica) e Pete Wentz (parole), anche se tradizionalmente si dà credito a tutti i membri da band. L'album Take This to Your Grave e From Under the Cork Tree sono entrambi considerati come stili pop punk - punk rock e il seguente album, Infinity on High, svolge una vasta gamma di suoni strumentali, compresi coro e orchestra (Thnks fr th Mmrs, You're crashing, But You're Not Wave) e una più lenta ballata al pianoforte (Golden). La band mostra segni di sperimentazione, in collaborazione con i produttori hip hop, tra cui Jay-Z, Timbaland, Kanye West e Lil Wayne[16], e sono anche stati influenzati dalla musica R&B. In generale, il gruppo mostra direttamente un sound pop punk, con il produttore Patrick Stump diventando oltre il loro lavoro in band, e sono anche strettamente connessi con l'hardcore punk, che è evidente nel suo uso della voce in alcune canzoni (The Carpal Tunnel of Love, I Slept with Someone in Fall Out Boy and all I got was This Stupid Song written About Me) e la sua prima apparizione nella scena musicale hardcore a Chicago. Tuttavia, una parte di stile musicale dei Fall Out Boy si basa sulle parole della band, in gran parte scritto dal bassista Pete Wentz, che utilizza sempre ironia, sarcasmo, giochi di parole e altre forme letterarie di raccontare storie.[1][17]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Attuale[modifica | modifica sorgente]

Ex-componenti[modifica | modifica sorgente]

  • Brandon Hamm – chitarra ritmica (2001)
  • T. J. "Racine" Kunasch – chitarra ritmica, cori (2001 - 2003)
  • Mike Pareskuwicz – batteria, percussioni (2001 - 2003)

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia dei Fall Out Boy.

Album studio[modifica | modifica sorgente]

Album dal vivo[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • I Fall Out Boy appaiono nel film Sex Movie in 4D.
  • La canzone Reinventing the Wheel to Run Myself Over è presente nella colonna sonora del gioco Burnout 3: Takedown.
  • Le canzoni 7 Minutes in Heaven (Atavan Halen) e Snitches and Talkers Get Stitches and Walkers sono inserite nella colonna sonora di Flatout 2.
  • La canzone Dance, Dance è presente nella colonna sonora del gioco Burnout Revenge.
  • Nel gioco Rock Band è possibile suonare la canzone Dead on Arrival.
  • Pete Wentz compare in alcuni episodi della serie One Tree Hill nei panni di sé stesso: nel ruolo ha una breve relazione con il personaggio di Peyton Sawyer (interpretato da Hilarie Burton).
  • In I Don't Care appare Pharrel Williams quando il cantante Patrick Stump si toglie la maschera.
  • Le canzoni Thx fr th mmrs e Sugar, We're goin down sono presenti nel gioco Band Hero.
  • Il gruppo viene menzionato varie volte durante una puntata della serie Degrassi: The Next Generation.
  • Il Bulldog Inglese che appare nel video "The Take Over,The Breaks Over" si chiama Hemingway ed è il cane di Pete.
  • Pete Wentz appare in una puntata di "Dog Whisperer".
  • Il gruppo appare anche in Carpal Tunnel of Love episodio speciale della serie Happy Tree Friends, dove compongono l'omonima canzone e appaiono appunto, in versione cartoon.
  • Il gruppo viene menzionato durante una puntata della serie Arrow.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f (EN) Fall Out Boy in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ Fall Out Boy: Il nuovo disco Save Rock And Roll a maggio 2013. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  3. ^ Fall Out Boy Information in VividSeats.com, 2007. URL consultato il 3 agosto 2007.
  4. ^ Bill Lamb, Fall Out Boy in About.com, 2007. URL consultato il 3 luglio.
  5. ^ Gil Kaufman, Fall Out Boy: Warped, Wicked & Wonderful in VH1.com, 25 luglio 2005. URL consultato il 16 giugno.
  6. ^ Artist Chart History: Fall Out, Billboard.com. URL consultato il 3 agosto 2007.
  7. ^ Jonathan Cohen, Fall Out Boy To Lead Nintendo Fusion Tour, Billboard.com, 27 luglio 2005. URL consultato il 12 maggio.
  8. ^ Fall Out Boy La reunion avverrà al Jimmy Kimmel Show il 13 febbraio 2013
  9. ^ Fall Out Boy
  10. ^ Fall Out Boy - Chart history, Billboard. URL consultato il 25 aprile 2013.
  11. ^ Pax Am Days: ascolta il nuovo EP dei Fall Out Boy in streaming (audio anteprima e recensione), radiomusik.it.
  12. ^ Bradley Adita, Fall Out Boy Interview in Redline Distribution, marzo 2004. URL consultato il 3 luglio 2008.
  13. ^ Associated Press, Fall Out Boy takes pop route to rock success in MSNBC.com, 14 dicembre 2005. URL consultato il 3 luglio 2008.
  14. ^ Line-up and Artists: Fall Out Boy in bbc.co.uk. URL consultato il 19 agosto 2007.
  15. ^ Garry Sharp-Young, Fall Out Boy (USA) in MusicMight.com, 27 marzo 2007. URL consultato il 2008-07-03.
  16. ^ Scaggs, Austin. "Q&A: Patrick Stump" Rolling Stone. Issue 1067. December 11, 2008
  17. ^ Johnny Loftus, From Under The Cork Tree in All Music Guide. URL consultato il 28.11.2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]