All Time Low

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il singolo dei The Wanted, vedi All Time Low (singolo).
All Time Low
Gli All Time Low, da sinistra a destra: Zack Merrick, Rian Dawson, Alex Gaskarth e Jack Barakat
Gli All Time Low, da sinistra a destra: Zack Merrick, Rian Dawson, Alex Gaskarth e Jack Barakat
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock[1]
Pop punk[1]
Emo-pop[1]
Periodo di attività 2003 – in attività
Etichetta Hopeless Records
Emerald Moon Records
Interscope Records
Album pubblicati 6
Studio 5
Live 1
Sito web

Gli All Time Low sono un gruppo musicale pop punk/emo-pop[1] statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli All Time Low nascono dalla voglia di Jack Barakat (chitarra) e Marc Shilling (basso/voce) di formare una band per divertimento. Nascono principalmente come cover-band di gruppi come Blink-182 e New Found Glory e da un pezzo di una delle canzoni (Head on Collision) di quest'ultimi la band prenderà il nome All Time Low. Ad essi si aggiungono poi il batterista Yanni Giannaros ed in seguito il chitarrista e cantante Alex Gaskarth, che lascia la sua precedente band, i Fire In The Hole. Dopo poco Giannaros verrà rimpiazzato da un altro batterista, Rian Dawson, più adatto al genere a cui si stavano avvicinando, e Marc lascerà il gruppo a causa del poco tempo che dedicava alla band. Viene però rimpiazziato da Chris Cortillio, che porta nella band anche l'amico TJ Ihle alla chitarra. La formazione dura così circa due mesi. In seguito Cortillio e TJ Ihle lasciano la band per suonare nei Pizza Monster, una punk band del Maryland, e gli All Time Low si prendono quindi una pausa.

In questa momentanea pausa cercano un bassista che possa sostituire Cortillio, e trovano Zack Merrick, con cui cominciano a fare concerti e a farsi un nome. Ben presto la Emerald Moon Records offre loro di registrare un EP, The Three Words to Remember in Dealing with the End, e in seguito un vero e proprio album, The Party Scene, pubblicato nel luglio 2005.

Nel 2006 viene offerto al gruppo un contratto con la Hopeless Records (già famosa per aver partecipato fra gli altri con Dillinger Four, Amber Pacific, Thrice, Avenged Sevenfold) con cui registreranno l'EP Put Up or Shut Up e in seguito l'album So Wrong, It's Right, che verrà pubblicato nel settembre 2007 e li porterà a numerose apparizioni su MTV e a numerosi tour.

Il 9 luglio 2009 la band pubblica il nuovo album Nothing Personal, con la partecipazione in studio di Mark Hoppus e prodotto da Matt Squire, Butch Walker e David Bendeth. Dall'album vengono estratti i singoli Weightless e Damned If I Do Ya (Damned If I Don't), che entrano entrambi nella Bubbling Under Hot 100 Singles e nella Billboard Hot 100.

Gli All Time Low finiscono anche in copertina di prestigiose riviste musicali, come Alternative Press e RockSound Italia.

Nel 2010 pubblicano MTV Unplugged, album dal vivo contenente un CD ed un DVD.[2]

Il 17 agosto 2010 è uscito il singolo Actors in versione demo. Il primo CD ad avere come casa discografica la Interscope Records è Dirty Work.

Il 5 aprile 2011 è uscito "I Feel Like Dancin'" singolo di debutto dell'album Dirty Work uscito il 7 giugno dello stesso anno.

Il 15 novembre 2011 la band ha pubblicato una ri-edizione della canzone Painting Flowers presente nell'album Almost Alice del film Alice In Wonderland di Tim Burton. In seguito la band lascia la Interscope Records e annuncia l'uscita di un album indipendente.

Il 9 ottobre 2012 viene pubblicato il nuovo album Don't Panic, seguito dal tour "The Rockshow at the end of the World". L'album segna il ritorno della band con la Hopeless Records. La band ha pubblicato quattro singoli estratti dall'album: The Reckless and the Brave", For Baltimore, Somewhere in Neverland" e Backseat Serenade.

Il 2 settembre 2013 esce il singolo A Love Like War con la collaborazione di Vic Fuentes, cantante dei Pierce The Veil, estratto dall'album Don't Panic: It's Longer Now!, la versione estesa del precedente album della band, che comprende 4 nuove tracce e 4 brani acustici ed è stato pubblicato il 30 settembre 2013.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

Album dal vivo[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • 2005 - Circles
  • 2006 - The Girl's a Straight-Up Hustler
  • 2006 - Coffee Shop Soundtrack
  • 2007 - Six Feets Under the Stars
  • 2008 - Dear Maria, Count Me in
  • 2008 - Poppin' Champagne
  • 2009 - Weightless
  • 2009 - Damned If I Do Ya (Damned If I Don't)
  • 2010 - Lost In Stereo
  • 2010 - Merry Christmas Kiss My #@%&?!
  • 2010 - Painting Flowers
  • 2010 - Actors (DEMO)
  • 2011 - I Feel Like Dancin'
  • 2011 - Forget About It
  • 2011 - Time-Bomb
  • 2012 - The Reckless and The Brave
  • 2012 - For Baltimore
  • 2012 - Somewhere in Neverland
  • 2013 - Backseat Serenade
  • 2013 - A Love Like War (feat. Vic Fuentes)

Apparizioni in compilation[modifica | modifica sorgente]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) All Time Low in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 9 settembre 2008.
  2. ^ (EN) MTV Unplugged, allmusic.com. URL consultato il 13-01-2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk