Panic! at the Disco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Panic! at the Disco
Fotografia di Panic! at the Disco
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock[1][2]
Emo-pop[1]
Pop punk[1][3] (primi lavori)
Baroque pop[4] (ultimi lavori)
Periodo di attività 2005 – in attività
Album pubblicati 4
Studio 3
Live 1
Raccolte 0
Sito web

I Panic! at the Disco (noti anche come PATD o P@TD, e precedentemente chiamati Panic at the Disco) sono un gruppo pop punk[3][1]/emo[1][2] proveniente da Las Vegas, Nevada, USA. Il loro album di debutto del 2005 A Fever You Can't Sweat Out ha venduto negli Stati Uniti più di un milione di copie a partire dalla sua uscita nel settembre 2005.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I Panic at the Disco nel 2006

I Panic at the Disco nascono nella periferia di Summerlin, sobborgo di Las Vegas, dagli amici d'infanzia Ryan Ross, alla chitarra, e Spencer Smith, alla batteria. Fin dall'età di tredici anni i due suonavano cover dei Blink-182 in diversi gruppi, finché finalmente reclutarono Brent Wilson al basso e Brendon Urie come voce e chitarra. Il gruppo ha creato una fusione di suoni che combinano elementi di pop punk, elettronica, indie rock e musica dance. La principale teoria circa il nome del gruppo vuole che esso abbia avuto origine da una canzone dei Name Taken intitolata Panic (contenuta nel loro album di debutto: Hold On).

Per farsi conoscere dal pubblico il gruppo decise di contattare il bassista dei Fall Out Boy, Peter Wentz, attraverso il LiveJournal, e gli mandarono un link al loro sito web su PureVolume. Wentz rimase così impressionato che decise di andare a Las Vegas e incontrare il gruppo di persona. Dopo averli visti suonare in un garage chiese loro se volevano sottoscrivere un contratto con l'etichetta Fueled by Ramen di Decaydance.

Nel 2006 il gruppo ha annunciato l'abbandono di Brent Wilson, con un messaggio sul sito web; un distacco del quale non sono state fornite ragioni ufficiali. Nel luglio dello stesso anno è stato annunciato come nuovo bassista un amico di lunga data del gruppo, Jon Walker. Le loro canzoni più famose, estratte dal loro primo album sono: I Write Sins Not Tragedies, il cui video, diretto da Shane Drake, ha vinto nella categoria Video dell'anno agli MTV Video Music Awards del 2006; But It's Better If You Do e Lying Is the Most Fun a Girl Can Have Without Taking Her Clothes Off.

La Band in concerto in Germania, Giugno 2008

Nei primi mesi del 2007, la band ha iniziato a lavorare sul loro nuovo album. In un'intervista, Ryan Ross ha dichiarato che le canzoni che faranno parte dell'album sono totalmente diverse rispetto a quello precedente, dove dichiara maggiori influenze da parte di artisti di rock classico. Durante i live verso la metà del 2007, i PATD hanno suonato dal vivo due nuove canzoni, in seguito inserite nell'album: Nine in the Afternoon e When the Day Met the Night. Entrambe vennero pubblicate nel dicembre del 2007, e il video di Nine In The Afternoon, girato il 27 e il 28 dicembre, è uscito ufficialmente nel gennaio del 2008. Verso la metà dello stesso mese, la band ha dichiarato di aver ultimato l'album, che ancora non aveva titolo, e di essersi presi una pausa prima di registrare e mixare l'album. In occasione del nuovo album hanno deciso di rimuovere il punto esclamativo dal loro nome. Nel marzo del 2008, viene ufficialmente pubblicato Pretty. Odd., e i PATD hanno intrapreso un tour mondiale, con date in Australia e in Giappone. Hanno partecipato al tour di ritorno dei blink-182 nell'estate 2009 con gruppi come Fall Out Boy e Weezer.

Verso Giugno 2009 Ryan Ross e Jon Walker hanno deciso di lasciare la band, per problemi unicamente artistici (sembra che i vari membri abbiano deciso così a causa delle diverse influenze musicali che hanno raggiunto) per creare una nuova band, i The Young Veins. Per i live hanno ingaggiato Ian Crawford per la chitarra e Dallon Weekes per il basso. Il 28 luglio esce il singolo "New Perspective" e viene nuovamente inserito il punto esclamativo nel nome del gruppo. Il 5 dicembre 2010, in un'intervista, Brendon annuncia che il nuovo album è quasi completamente finito e che si chiamerà Vices & Virtues e che uscirà il 29 marzo 2011. Il primo singolo, uscito il 1 febbraio 2011, ha il nome di "The ballad of Mona Lisa" della quale è stato anche girato il video dallo stesso regista di I Write Sins Not Tragedies rilasciato l'8 febbraio 2011. Il 17 maggio è stato rilasciato un singolo, intitolato C'mon prodotto dalla band insieme ai fun. che sono tra l'altro una delle tre band che supporteranno il tour negli Stati Uniti dei Panic! At The Disco nell'estate 2011.

Dopo il tour, Urie, Smith e Weekers diventano ufficialmente membri del gruppo. Il 15 luglio 2013 viene annunciato l'album Too Weird to Live, Too Rare to Die!, che viene pubblicato dopo il singolo Miss Jackson.

Stile[modifica | modifica sorgente]

I Panic at the Disco, come molte altre band della Decaydance Records tra cui i Fall Out Boy, sono stati spesso oggetto di ampio dibattito per il loro genere musicale. Ciò dipende dalla grande varietà di diversi elementi musicali presenti all'interno del loro debutto, A Fever You Can't Sweat Out. Mentre i Panic vengono considerati come una band emo,[5][6][7][8][9] loro stessi rifiutano questa etichetta per definire il loro genere, stando ad un'intervista su NME dove affermano, "L'Emo è un'idiozia. Vogliamo diventare i nuovi Radiohead".

Tuttavia, i Panic hanno dichiarato molte volte che il loro secondo album era totalmente diverso da A Fever You Can't Sweat Out, come scrisse Rolling Stone in un articolo: "Il gruppo ha confermato il suo ritorno sulle scene con un nuovo singolo, chiamato "Nine in the Afternoon". "È influenzato dalla musica che ascoltavano i loro genitori: Beach Boys, Kinks e Beatles", afferma Ross. "Le nostre nuove canzoni sono più vicine al rock classico che al rock moderno. Abbiamo iniziato ad ascoltare musica diversa – e ciò mi sembra sia la cosa più naturale che stiamo facendo."[10] La comunità di studenti on-line della Vanderbilt University, riportano in un blog la definizione dello stile del nuovo album. "I membri della band mostrano di aver maturato le loro influenze ed aver pubblicato un lavoro dove non è presente il sound frettoloso, nervoso e digitalizzato dell'album precedente. Il primo singolo estratto dall'album, "Nine In The Afternoon," dimostra che i Panic danno un tono più vicino al rock classico nel nuovo album. La canzone dall'andamento saltellante, una struttura classica del pop e la strumentazione allude alle loro influenze più mature. Un'altra nuova canzone, "When the Day Met the Night," ripropone uno stile simile, caratterizzato da un accompagnamento con pianoforte e riff di chitarra leggeri e solari."[11]

Il nuovo album Vices & Virtues comunque riprende molto il sound del primo album della band.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Componenti attuali[modifica | modifica sorgente]

Ex-componenti[modifica | modifica sorgente]

Timeline della formazione[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album studio[modifica | modifica sorgente]

Album dal vivo[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Titolo Classifiche
The Only Difference Between Martyrdom and Suicide Is Press Coverage US: #77
US Rock Moderno: #5
I Write Sins Not Tragedies
  • Etichetta discografica: Fueled by Ramen
  • Pubblicazione:
    UK: 27 febbraio 2006
    US: 27 aprile 2006
    Australia: 20 maggio 2006
    UK Re-release: 30 ottobre 2006
US: #7
US Rock Moderno: #12
UK: #25
Australia: #12
But It's Better If You Do
  • Etichetta discografica: Fueled by Ramen
  • Pubblicazione:
    UK: 16 maggio 2006
    US: 5 luglio 2006
    Australia: 29 settembre 2006
US: #104
UK: #23
Australia: #15
Lying Is the Most Fun a Girl Can Have Without Taking Her Clothes Off
  • Etichetta discografica: Fueled by Ramen
  • Pubblicazione:
    UK: 7 agosto 2006
    Australia: 19 gennaio 2007
US: #104
US Rock Moderno: #40
UK: #39
Australia: #26
Build God, Then We'll Talk
Nine in the Afternoon
Mad as Rabbits
That Green Gentleman (Things Have Changed)
New Perspective
The Ballad of Mona Lisa
Ready To Go (Get Me Out Of My Mind)

Cover[modifica | modifica sorgente]

DVD[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo ha pubblicato anche un cofanetto, in edizione limitata, contenente:

  • Un DVD del concerto tenuto a Denver;
  • Un'edizione limitata del CD, A Fever You Can't Sweat Out;
  • Foto della band;
  • Un diario bianco;
  • Un poster;
  • Testi delle canzoni;
  • Scaletta del Tour;
  • Un certificato di autenticità.

Awards[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Il profilo su All Music Guide
  2. ^ a b Rollingstone.com
  3. ^ a b Rollingstone.com
  4. ^ Panic at the Disco | AllMusic
  5. ^ Lauren Gitlin, A Fever You Can't Sweat Out : Panic! At The Disco : Review : Rolling Stone in Rolling Stone, 20 ottobre 2005. URL consultato il 23 ottobre.
  6. ^ The Killers Vs Emo - band hit out in NME, 6 luglio 2006. URL consultato il 23 ottobre.
  7. ^ Cory Byrom, Panic! at the Disco: A Fever You Can't Sweat Out: Pitchfork Record Review in Pitchfork Media, 29 novembre 2005. URL consultato il 23 ottobre.
  8. ^ Fiona McKinlay, Panic! At The Disco - A Fever You Can't Sweat Out : album review in musicOMH.com. URL consultato il 23 ottobre.
  9. ^ Johnny Loftus, allmusic ((( A Fever You Can't Sweat Out > Overview ))) in All Music Guide. URL consultato il 23 ottobre.
  10. ^ Rolling Stone : In the Studio: Panic! at the Disco (With Bonus Pete Wentz Video Interview)
  11. ^ MUSIC: Upcoming albums 2008: 'Pretty. Odd.' | InsideVandy

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk