Steve Aoki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Steve Aoki
Fotografia di Steve Aoki
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Electro house
Progressive house
Periodo di attività 1996 – in attività
Etichetta Dim Mak Records
Album pubblicati 5
Studio 4 (3 + 1 remix)
Raccolte 1
Sito web

Steve Hiroyuki Aoki, conosciuto anche con lo pseudonimo di Kid Millionaire (Miami, 30 novembre 1977), è un disc jockey e produttore discografico statunitense di origini giapponesi, fondatore della Dim Mak Records.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Miami e cresciuto a Newport Beach (California), è il terzo figlio del wrestler giapponese Rocky Aoki e Chizuru Kobayashi. Ha due fratelli più grandi, la sorella di nome Kana (che ora è conosciuta come "Grace") e il fratello Kevin. Ha anche tre fratellastri: il fratellastro Kyle e le sorellastre Echo e Devon (quest'ultima modella). Aoki ha frequentato l'University of California di Santa Barbara e si è laureato in due campi, una laurea in Studio del Femminismo e l'altra in Sociologia. Al college, ha prodotto dischi fai-da-te e fatto concerti underground. [1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

A soli 20 anni, nel 1996, Aoki crea l'etichetta discografica Dim Mak Records, nome derivato da una delle mosse del suo eroe d'infanzia, Bruce Lee. È stato anche in numerose band, tra cui i This Machine Kills, con i quali ha pubblicato due album su etichetta Ebullition: Esperanza e The Fire Next Time. L'etichetta ha recentemente rilasciato la musica di altri artisti electro house come MSTRKRFT, The Bloody Beetroots, Klaxons, Scanner, Whitey, Mystery Jets e Mustard Pimp. Ha anche collaborato con Blake Miller per il progetto Weird Science. Nel 2006 ha lanciato una linea d'abbigliamento e di occhiali da sole, la "Dim Mak Collection", con la collaborazione della sorella Devon Aoki e dei proprietari della marca Ksubi. Aoki ha anche collaborato con la WESC per la realizzazione delle "cuffie Aoki". È co-proprietario di un ristorante coreano Shin barbecue accanto a Danny Masterson, Julian Casablancas da The Strokes, Mark Ronson, Laura Prepon, Jerry Butler, tra gli altri. È anche co-proprietario di una società di gestione chiamata Deckstar con DJ AM insieme ai loro dirigenti e Paul Rosenberg. Sotto la divisione Deckstar Management, gestione Dim Mak è stata costituita per gestire alcuni degli artisti dell'etichetta e di altri DJ. Fa un cameo nel video di Cobra Starship, Send My Love to the Dancefloor, I'll See You in Hell (Hey Mister DJ).

Steve Aoki all'HiFi Nightclub di Calgary

A partire dal 2008 Aoki ha iniziato a produrre in proprio e ha iniziato con un remix dei Duran Duran per il loro secondo singolo nel Regno Unito. Ha remixato molti brani di artisti musicali, quali Drake,[2] Lenny Kravitz,[3] Bloc Party, Snoop Dogg, Robin Thicke, SPA, Timbaland e Kid Cudi. L'album di debutto, Pillowface and His Airplane Chronicles è stato rilasciato nel gennaio 2008. Ha anche avuto un mix in onda su BBC Radio 1, il 2 agosto 2008.

Recentemente ha remixato il brano When the Wind Blows dei The ALl-American Rejects, tratto dall'album When the World Comes Down. Il 10 novembre 2009 è uscito un remix per la canzone di Drake Forever, che ha visto anche la partecipazione di Kanye West, Lil Wanye e Eminem. La canzone è arrivata in cima alla classifica Hype Machine nel dicembre 2009. Nel novembre 2009 ha creato una propria rivista intitolata "Aoki" attraverso una casa editrice celebrità rivista chiamata MYMAG. Steve Aoki è anche in una band hardcore punk chiamato Rifoki con Sir Bob Cornelius Rifo.

A marzo del 2010 Aoki ha pubblicato il singolo I'm in the House, realizzato con la collaborazione di Zuper Blahq, alter ego del cantante dei The Black Eyed Peas will.i.am. Il brano è arrivato alla posizione 29 della UK Singles Chart nella prima settimana di lancio. Aoki è diventato anche un pittore compiuto, e ospita attualmente una vita dedicata al disegno di classe replicando il lavoro di Georgia O'Keeffe. L'attore e Skateboarder Jason Lee come riferito ha partecipato ad ogni sessione a magazzino Aoki San Pedro, riferendosi a loro come "eroticamente surreale". Una collaborazione Aoki&Lee è stata recentemente venduta alla galleria antisociale di Vancouver per un record di $ 48'001 (CAN) La mostra è stata curata dall'artista underground e i proventi sono stati donati all'Acquario di Vancouver per Newmanatees.

Neon Future (2013-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 marzo 2013 Steve Aoki ha rivelato di essere al lavoro a un secondo album in studio, da lui intitolato Neon Future.[4] Rispetto a Wonderland, la concezione musicale dell'album è stata descritta dal DJ come "luminoso e positivo":[4]

« I brani sono molto colorati. Sono più emotivi. La musica, per me, si è evoluta ed è cambiata. Quella è una gran parte del perché voglio chiamare [l'album] "Neon Future". Ecco perché voglio la mia festa a Las Vegas. Volevo mettere realmente una bandiera per terra che dicesse "Questo è il sound che si potrà sperimentare a una festa come questa. Quando ci si addenterà [in essa], l'idea è che si cammina in un neon future." »

Il 10 agosto dello stesso anno, Aoki si è esibito al Summer Sonic Festival di Tokyo, evento nel quale ha presentato un brano inedito realizzato con il gruppo musicale statunitense Linkin Park ed intitolato A Light That Never Comes.[5][6] All'esibizione dal vivo hanno partecipato soltanto Chester Bennington e Mike Shinoda, nonostante la versione registrata in studio abbia coinvolto anche i restanti membri del gruppo. Il brano è stato successivamente pubblicato come unico singolo estratto dall'album di remix dei Linkin Park Recharged, uscito il 30 ottobre 2013.

Il 22 aprile 2014 Aoki ha annunciato la divisione del progetto Neon Future in due parti distinte: la prima parte sarebbe stata pubblicata il 12 agosto dello stesso anno, mentre la seconda parte sarebbe uscita agli inizi del 2015.[7] Lo stesso artista ha spiegato inoltre la differenza tra le due parti dell'album, caratterizzato da elementi radiofonici nella prima parte e da altri più oscuri nella seconda.[8] Riguardo alla seconda parte, il DJ ha inoltre rivelato che in esso sarebbe stata presente una seconda collaborazione con i Linkin Park.[8]

Neon Future I è stato successivamente posticipato al 30 settembre dello stesso anno e contiene dieci brani realizzati con la partecipazione di svariati artisti, quali Luke Steele degli Empire of the Sun, i Fall Out Boy e il rapper MGK.[9] Il 12 febbraio 2015 è stata annunciata la pubblicazione di Neon Future II per il 12 maggio dello stesso anno, oltre all'uscita del primo singolo estratto da esso, I Love It When You Cry (Moxoki).[10]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Steve Aoki.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • The Bloody Beetroots - Warp 1977 (feat. Steve Aoki & Bomberman)
  • The Bloody Beetroots - Warp 1.9 (feat. Steve Aoki)
  • The Bloody Beetroots - Warp 7.7 (feat. Steve Aoki)
  • Junkie XL - 1967 Poem (feat. Steve Aoki)
  • Steve Aoki & Lady Gaga - Small House Large Dreams
  • Travis Barker & Steve Aoki - Misfits
  • Steve Aoki & Afrojack - Show Me Your Hands
  • Steve Aoki feat. Knife Party - Piledriver
  • Steve Aoki feat. Coone - Jungle Swag
  • Steve Aoki feat. R3hab & Flavor Flav - Aoki Jump
  • Steve Aoki feat. Flux Pavilion - Steve French
  • Steve Aoki feat. Angger Dimas - Annihilation Army

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://globaltalentbooking.com/steve-aoki.php Steve Aoki Biografia
  2. ^ http://www.starpulse.com/Music/Aoki,_Steve/Biography/ Steve Aoki Biography
  3. ^ http://www.clubbingspain.com/artistas/usa/steve-aoki.html Steve Aoki Biografia
  4. ^ a b (EN) Zel McCarthy, Steve Aoki Reveals 'Neon Future' Album Title, New Hakkasan Residency: Exclusive, Billboard, 4 marzo 2013. URL consultato l'11 aprile 2015.
  5. ^ (EN) Chester Bennington, Just played our new song A LIGHT THAT NEVER COMES w/ Steve Aoki!! So fucking AWESOME!!, Twitter.com, 10 agosto 2013. URL consultato il 10 agosto 2013.
  6. ^ (EN) Mike Shinoda, We just played a brand new song, A LIGHT THAT NEVER COMES, Twitter.com, 10 agosto 2013. URL consultato il 10 agosto 2013.
  7. ^ (EN) Matt Medved, Steve Aoki Announces New Double Album, Madison Square Garden Release Party, Billboard, 22 aprile 2014. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  8. ^ a b (EN) Steve Aoki Explains Differences Between 'Neon Future I' & 'Neon Future II' Albums, Fuse, 3 ottobre 2014. URL consultato l'11 aprile 2015.
  9. ^ (EN) Joe Lynch, Exclusive: Steve Aoki on 'Neon Future,' Working With Fall Out Boy & Trying to Live Forever, Billboard, 28 agosto 2014. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  10. ^ (EN) Christina Boemio, STEVE AOKI & Moxie "I Love It When You Cry" Out Now – Dim Mak Presents the STEVE AOKI EXPERIENCE Tour, TrapStyle, 10 febbraio 2015. URL consultato l'11 aprile 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN232432878 · LCCN: (ENno2012021223
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica